Silvia e Pietro fidanzatini 4

Scritto da , il 2021-02-22, genere tradimenti

Il resto della settimana passò come le altre, non che io non avessi delle remore o dei pensieri, ma ogni qual volta ci pensavo, e credetemi era un pensiero quasi fisso, mi eccitavo.
Il giorno dopo fu abbastanza complicato, mi giravano in mente tutti i dubbi e le paure possibili ed immaginabili, la notte dormii poco e nulla, ma la mattina mi svegliai con in mente il sogno che avevo fatto. Questo ragazzo che mi scopava e Pietro che ci guardava, mi svegliai che ero un lago di sudore per l’eccitazione. Non so cosa mi prese, ma dopo quel sogno smisi di farmi troppi problemi, l’eccitazione prese il sopravvento.
Avevamo una settimana da dover passare prima di poter vivere questa esperienza, cosi decisi di far impazzire Pietro nei modi più sadici. Mi spiego, gli mandavo foto di vestitini sempre più succinti chiedendogli se sarei piaciuta a quel ragazzo, gli chiedevo se era o non era il caso di mettere slip e reggiseno sotto, gli mandavo le foto di vari completini e costumi, insomma volevo farlo impazzire.
Dopo una lunga serie di foto in costume intimo o mostrando vari vestitini o pantaloncini facendo notare che in certe pose a seconda se avevo o no l’intimo si poteva vedere o meno che ero nuda, gli chiesi anche se si fosse masturbato guardandomi, quando mi rispose si, scoppiai a ridere e da li capii che lo avevo portato sul punto della pazzia.
Giovedì pomeriggio ero sul divano e mi venne l’idea di cercare qualche offerta per una sistemazione iniziai a girare su vari siti e trovai delle offerte per venerdì e sabato, telefonai a Pietro chiedendogli se per lui andasse bene e cosi decidemmo di prendere un hotel per poco più di 50€.
La sera preparai un borsone, si, ero molto eccitata dall’idea e forse esagerai anche un po’ nel portarmi fin troppa roba, ma non volevo avere rimorsi su cosa mi ero portata. Nel borsone non ci entrava tutto quello che volevo, cosi dovetti fare una piccola riduzione almeno per quanto riguarda le scarpe.
La sera venne Pietro a casa, nulla di anomalo, ci mettemmo sul balconcino a vedere la tv, io tranquillamente in pigiama, pantaloncino e maglietta di cotone senza reggiseno, abbracciati sul divanetto, non parlammo assolutamente di ciò che stavamo per fare, sembrò una serata normale, anche se almeno dentro di me ci stava un tornado di emozioni. Pietro faceva di tutto per sembrare calmo, ma si muoveva in continuazione e appena appoggiai la testa sulle sue ginocchia l’effetto fu immediato. Decidemmo di partire per le undici, prima aveva da fare, lo decidemmo che lui stava uscendo dalla porta di casa, ci demmo un bacio, ed ecco la Silvia “stronza” che parte a razzo, gli metto una mano molto dolcemente sul pacco ed ecco in meno di un secondo sentire il suo cazzo diventare duro.
Mi girai di scatto, presi le chiavi di casa e gli chiesi se poteva prima di andare via accompagnarmi a prendere un borsone più grande in garage.
Scendemmo le scale e arrivammo alla porticina del garage. Si, ho sia una porticina che va nelle scale che la classica saracinesca per la macchina.
Appena entrati lo abbracciai, visto che Pietro è più alto di me e che ai piedi avevo solo delle infradito, in punta di piedi lo baciai.
Ci baciammo per qualche minuto chiudendo la porta alle nostre spalle,
Io: “ehi, sei agitato”
Pietro: “si un po'”
Gli misi una mano sul pacco, “più che agitato mi sembri eccitato, a cosa è dovuto”
Pietro: “lo sai”
Io: “a domani?”
Pietro: “si”
Io: “la sola idea ti fa questo effetto?”
Mentre pronunciavo l’ultima frase iniziai a sfiorargli il pacco già bello duro
Io: “se sei cosi eccitato ora domani rischi di venire in un secondo”
Pietro: “lo so, ma mi fa impazzire”
Gli misi un braccio intorno al collo e lo baciai, era eccitatissimo, lo si capiva anche dal bacio, sembrava quasi volermi mangiare.
Mi stacciai da lui solo il tempo di slacciargli i pantaloni e tirargli fuori il cazzo per poi sempre in punta dei piedi rituffarmi nei suoi baci.
Gli tenevo il cazzo in mano mentre lo baciavo, e iniziai una sega lentamente, non lo stringevo, lo facevo scorrere nella mia mano, dalla cappella fino alle palle, più che una sega era una carezza al cazzo.
Pietro: “così vengo”
Io: “voglio che vieni! Cosa ti eccita di domani?”
Pietro: “tutto”
Io: “che mi veda nuda? Che io possa farci qualcosa?”
Pietro: “si”
Io: “non so fin dove mi spingerò, ma domani un altro ragazzo mi vedrà sicuramente nuda, ti eccita che un altro ragazzo mi veda la fica?”
Pietro: “si mi fa impazzire”
Si sentiva che Pietro era sul punto di esplodere, se stava resistendo era solo perché la mia non era una sega, ma un massaggio.
Mi staccai da lui, lasciai il suo cazzo, si vedeva che c’era rimasto male, feci un passo in dietro e afferrando con entrambe le mani il mio pantaloncino ed insieme anche gli slip li abbassai quel poco da fargli vedere la mia figa totalmente rasata.
Io: “vedi, mi sono rasata per lui, cosi può vederla meglio”
Pietro: “è stupenda”
Io: “si? E allora fatti una sega”
Pietro afferrò il suo cazzo ed iniziò a farsi una sega guardando la mia figa. Mi avvicinai di più a lui, mi fermai qualche millimetro prima che la sua cappella potesse colpire il mio ventre
Io: “domani gli spalanco la figa davanti gli occhi”
Pietro aumentò la sega, io tenevo sempre con le mani il pantaloncino un abbassato e allargato quel po' per fargli vedere la fica.
Stava per venire, salii sulle punte e feci in modo che la sua cappella entrasse nelle mie mutandine, sentii la sua cappella a contatto con la mia fica.
La sua cappella poggiava sul mio clitoride obbligandolo a farsi una sega impugnando il cazzo alla base,
Io: “voglio che mi vieni sulla fica”
Glielo dissi guardandolo negli occhi, con voce abbastanza calma ed eccitata.
Sentii i suoi schizzi di sperma colpirmi la fica, il primo schizzo colpì esattamente il clitoride provocandomi un piccolo sussulto.
Io: “bravo, svuota tutto sulla mia fica”
Quando ebbe finito di eiaculare, gli mostrai allargando per bene il pantaloncino e gli slip quanta ne era uscita e come mi aveva ricoperta di sperma.
Io: “bravo amore mio, cosi domani sarai più calmo”
Tenevo il pantaloncino allargato in modo che potesse vederla bene,
Io: “ti piace così?”
Pietro: “si”
Io: “me l’hai ricoperta ben bene”
Misi due dita nelle mutandine, se solo mi fossi anche solo per errore sfiorata la fica credo che sarei venuta all’istante, raccolsi un po’ del suo sperma, portai le dita davanti al mio viso, piantai i miei occhi nei suoi e poi iniziai a leccarmi le dita.
Io: “che buon sapore che ha”
Pietro: “si?”
Io: “si, sa di me e di te”
Finito di leccare gli sorrisi, rinfilai la mano negli slip e presi un altro po' di sperma,
Io: “vuoi assaggiare?”
Pietro non disse nulla, ma appena avvicinai le dita alla sua bocca non disse nulla, apri le labbra e si fece mettere le dita in bocca succhiandomi le dita.
Io: “vedi che è buono, sembra che mi stai facendo un pompino alle dita”
Pietro non disse nulla, ma succhiò più forte le mie dita.
Io: “mmmm… mi piacerebbe vederti succhiare il cazzo di un uomo prima di farmi scopare”
Non gli diedi tempo di rispondermi, lo baciai e gli dissi “andiamo” sorridendogli mentre mi giravo per uscire dal garage.
Non mi pulii lasciai le mie mutandine piene di sperma, ci salutammo di corsa per le scale, i miei pantaloncini riportavano chiari una macchia tra le gambe, entrai in casa nascondendomi dietro al borsone.
Entrai in camera, stravolta ero io ad aver perso ogni controllo, mi levai i pantaloncini e li appoggiai sopra al letto, mi sdraiai sopra e con ancora addosso le mutandine iniziai a masturbarmi.
Mi toccavo da sopra le mutandine oscenamente bagnato dello sperma di Pietro, ero eccitatissima, sentivo il suo sperma ed i miei umori colare ovunque, torturai il mio clitoride, venni quasi subito spingendo le dita, lo slip e tutti i succhi miei e di Pietro dentro la mia fica. Quando mi ripresi pensai solo “menomale che prendo la pillola.
La notte riuscii a dormire, strano, non ci misi neanche molto a prendere sonno.
La mattina mi svegliai prestissimo, quando aprii gli occhi vidi l’ora sul cellulare erano le sette, ci volle poco per realizzare lo stato pietoso del mio letto, buttai le lenzuola i pantaloncini e le mutandine nella lavatrice ed andai a fare colazione. La casa era deserta, così decisi di buttarmi prima sotto la doccia, uscii dal bagno nuda, entrai in camera e l’odore di sperma si sentiva ancora, neanche avessi fatto un’orgia. Spalancai la finestra, non ci pensai neanche che ero nuda, ci pensai solo dopo, ma invece che imbarazzarmi, mi eccitò. Qualcosa in me stava realmente cambiando.
Persi tempo tra cellulare computer ed ultimi preparativi.
Quando arrivò Pietro sotto casa ero stranamente agitatissima, avevo indossato un bel costumino, era un regalo che Pietro mi aveva fatto l’anno prima e non avevo mai messo, lo giudicai troppo striminzito, era la prima volta che lo mettevo per andare al mare, saldali al piede e un vestitino largo di lino, caricammo la borsa in macchine e partimmo.
Io: “lo hai sentito?”
Pietro intuendo a chi mi riferivo “no, non gli ho scritto”
Io: “casomai dopo gli scriviamo”
Prendemmo possesso della stanza e senza neanche disfare le valige andammo in spiaggia, Pietro guardando il mio costumino sbarrò gli occhi, con il triangolino del reggiseno che non abbracciava il mio seno, ma si limitava a coprire il centro, lasciando il sopra, il sotto e lateralmente scoperto, ed il perizoma veramente ridotto, che lasciava il mio sedere completamente nudo con il vistoso sego dell’abbronzatura.
Verso le cinque non c’era più tanta gente in spiaggia, avevo giocato tutto il giorno con Pietro passeggiando sul bagnasciuga e prendendo di schiena il sole, quando andammo a mangiare qualcosa, a differenza delle altre volte, non rimisi neanche il vestitino, presentandomi al bar del lido scalza ed in costume, mi eccitavano gli sguardi di tutti sul mio corpo, ed anche qualche commento delle ragazze che rimproveravano i propri ragazzi beccati a guardarmi il culo.
Io: “mi dai il cell?”
Pietro: “perché?”
Io: “così gli scrivo”
Pietro: “gli scrivo io”
Io: “che fai il geloso?”
Pietro: “no”
Io: “e allora o mi dai il telefono o il numero”
Pietro mi passò il suo cellulare, ed iniziai a scrivere
Io – ciao -
Non rispose subito, in quei minuti mi passarono per la mente mille pensieri, pensavo che non si sarebbe fatto vedere che era uno scherzo, mentre mi facevo mille film ecco la risposta
- ciao-
- ciao, mi sa che non ci siamo presentati? -
- si vero, piacere Vittorio-
-piacere mio, io sono Silvia-
-credevo di parlare con il tuo ragazzo-
-il cell è il suo, ma ora sto scrivendo io-
-ok. Stasera ci sarete-
-certo, siamo già qui-
-si? Dove-
-in spiaggia-
Decisi di mandargli una foto, la presi dalla chat con Pietro, l’avevo scattata prima e gliel’avevo inviata, era una foto scattato in autoscatto di me stesa in cui si vedeva il mio sedere con in mezzo il sottile filo di stoffa ed il mare. La sua risposta fu immediata. -WAOOOOO-
-mi fa piacere che ti piaccia-
-non vedo l’ora. Dove e quando? -
-direi per le dieci e mezza-
-ok!! Ma posso solo guardare? -
-vedremo-
-ok-
Feci vedere la conversazione a Pietro, quando vide la che gli avevo mandato la foto vidi un immediato rigonfiamento del costume.
Io: “vedo che apprezzi”
Pietro non disse nulla.
Io: “e prima cosa si fa? Mangiamo qualcosa?”
Pietro: “si certo, prima andiamo in camera ci cambiamo ceniamo qualcosa”
Squillò il cell, Pietro lo prese in mano, era un messaggio “è lui” aprii la chat e lesse il messaggio, se volete, mio padre ha un B&B.
Mi guardò come per chiedermi cosa dovesse fare, “digli che abbiamo l’hotel per la notte”.
Rispose subito, Pietro leggeva sempre ad alta voce “al di la della notte, anche per stasera se volete”.
Io: “no, dai non me la sento”
Pietro: “si, meglio di no”
Comunque declinammo l’invito di un posto più “comodo”.
Camminavamo per tornare in Hotel come rintronati, come se ora il tutto si fosse realmente concretizzato e non fosse più un sogno erotico.
Ci facemmo la doccia, e iniziai il mio solito cambio di outfit, camminavo davanti a Pietro chiedendogli cosa ne pensava di questo o quel vestito.
Alla fine decisi il mio outfit, un vestitino di cotone giallo chiaro stretto in vita, molto corto e con un’abbondante scollatura e i miei immancabili braccialetti al braccio.
Lo so, vi starete domandando che intimo, misi un perizoma e niente reggiseno, anche se il vestito non era molto coprente e ad una luce diretta mi si vedevano i capezzoli, ma tanto pensai, per quello che ci aspetta stasera, non è il peggio che farò.
Mentre Pietro si sistemava i capelli decisi le scarpe, all’inizio pensai a dei sandali alla schiava, poi, e quasi mi imbarazza a dirlo, (ma chi se ne frega, vi ho detto molto di peggio) scelsi le scarpe col tacco pensando al fatto che mi sarebbe stato più facile levarle.
Uscimmo e ci tuffammo nel marasma della folla, trovammo a fortuna un tavolino e cenammo, la tensione si tagliava visibilmente, non è che non parlammo, ma si sentiva che più che una cena era un modo per far passare il tempo.
Pietro aveva il cell sul tavolo, quasi eravamo riusciti a tranquillizzarci che ecco lo squillo di un messaggio.
Cazzo, ad ogni messaggio che Pietro riceveva io saltavo.
-ci vediamo tra poco-
-certo, a dopo-
Pagammo il conto e ci incamminammo verso l’Hotel, salimmo sopra per prendere le chiavi della macchina e per darci una rinfrescata, Pietro era eccitatissimo, mentre ero davanti lo specchio piegata in avanti per mettermi un po' di matita passo dietro, si inginocchiò e alzandomi la gonna iniziò a leccarmi il sedere e a giocare con il filo dello slip.
Io: “ehi non puoi aspettare?”
Pietro: “sono eccitatissimo”
Io: “ti eccita l’incontro?”
Pietro: “si”
Aveva incominciato a leccarmi la figa, mi girai mentre lui era ancora in ginocchio per terra, lo guardai, mi spostai le mutandine e gli dissi “lecca”.
Pietro iniziò a leccarmi con foga, mi tirava a stringendo le mie gambe, io gli tenevo una mano tra i capelli.
Io: “si dai lecca”
Pietro era una furia, con la lingua tormentava in mio clitoride.
Io: “sei una furia, ti eccita cosi tanto che incontreremo questo ragazzo e chissà cosa succederà?”
Pietro: “si mi fa impazzire”
Io: “si chissà cosa mi farà”
Ero al limite dell’orgasmo quando si staccò dalla mia figa,
Pietro asciugando la bocca con la mano “andiamo”
Io: “e mi lasci così?”
Pietro mi guardò e dandomi ragione, mi alzò la gonna e accarezzandomi le gambe arrivò agli slip tirandoli giù,
Pietro: “stasera non servono”
Lo guardai compiaciuta, “mi stai facendo eccitare sempre di più, così non avrò contegno”
Pietro: “non devi contenerti”
Mentre scendevamo le scale riuscivo a sentire i miei umori sulla gamba diventare freddi per l’aria condizionata, lo dissi a Pietro e scoppiammo a ridere.
Arrivati sul posto con la macchina scrivemmo al ragazzo, che non ci rispose, mentre stavamo parlando “e se non viene?”, decidemmo comunque di metterci sul sedile di dietro, poi sentimmo il rumore di un motorino ed un faro, era lui.
Si parcheggiò lontano da noi,
-eccomi-
-si ti vediamo-
-come procediamo? -
-avvicinati-
Il ragazzo si avvicinò alla macchina spingendo a mano il motorino e mettendolo lato bosco vicino al finestrino di dietro.
Avevamo i finestrini abbassati e le luci spente, fortunatamente avevamo trovato un posticino nascosto tra vari alberi e cespugli.
Io: “ciao”
?: “ciao”
Pietro non disse nulla, la verità è che non sapevamo come rompere il ghiaccio, eravamo seduti sul sedile di dietro ed eravamo alquanto bloccati.
Così presi la situazione in mano, aprii lo sportello e scesi, i ragazzi non parlavano, e non sapevo come rompere il ghiaccio.
Io: “mi fa piacere che sei venuto”
?: “non credevo mi avreste chiamato”
Io: “ti ha fatto piacere?”
?: “si molto”
Io: “come mai hai deciso di accettare l’invito?”
?: “perché sei bellissima”
Io: “si?”
?: “si”
Non so esattamente cosa mi abbia spinto, ma iniziai a stuzzicare il ragazzo e Pietro, chiedendogli cosa gli piacesse di me, gli occhi il viso i capelli, poi mi girai e alzandomi la gonna gli dissi se gli piaceva il mio sedere, poi guardando Pietro diritto negli occhi, mi alzai la gonna mostrandogli la figa e gli chiesi se gli piacesse anche lei.
Il ragazzo mi disse solo che era un peccato che non c’era abbastanza luce.
Io: “Pietro mi illumini la figa che non la riesce a vedere bene?”
Pietro prese il suo cellulare e con la luce mi illuminò la figa.
Io: “ti piace?”
?: “si mi piace molto”
Cosi scostando le spalline del vestito rimasi completamente nuda davanti a loro ad eccezion fatta per le scarpe.
Io: “e voi restate così?”
Il ragazzo non perse tempo e si abbassò i pantaloni mostrandomi un gran bel cazzo, mentre Pietro si era spostato sul sedile vicino e si era levato tutto restando nudo.
Io: “sai, prima il mio ragazzo, mi ha leccato la figa e quando stavo per avere un orgasmo si è fermato per farmi eccitare ancora di più”
Appena finita la frase, mi abbassai a novanta gradi e imboccai il cazzo di Pietro, sbattendo il faccia al ragazzo il mio sedere e la mia figa.
?: “posso?”
Mi staccai dal cazzo di Pietro, “certo”
Sentii le mani del ragazzo sul mio sedere, lo accarezzava da chiappa a chiappa, per poi seguendo lo spacco arrivare fino alla mia figa.
Era la prima volta che avevo un ragazzo sconosciuto che mi toccava la figa e per di più mentre succhiavo il cazzo al mio ragazzo.
Iniziò a giocare con la mia figa, giocava con il clitoride con le dita, cazzo, stavo sbrodolando tanto che ero eccitata.
E devo dire che il ragazzino ci sapeva proprio fare, eccome se ci sapeva fare con le mani, talmente tanto che non riuscii neppure a tenere il cazzo di Pietro in bocca.
Appoggiai la testa vicino al cazzo di Pietro lasciando che il ragazzo continuasse a masturbarmi.
Non ci volle molto fino a portarmi all’orgasmo che fu devastante, forse anche per colpa del giochino nel bagno di Pietro.
Mi contorsi e persi completamente forza alle gambe tanto da accasciarmi sulle ginocchia.
Mi ci volle un po’ prima di dire mezza parola.
Io: “certo che ci sai fare”
?: “grazie”
Poi risalii sul sedile, e rivolgendomi a Pietro
Io: “hai visto come mi ha fatto godere? Ora tocca a te”
Cosi salii sulle su di lui, afferrai il suo cazzo e lo diressi sulla mia figa,
Pietro: “sei rovente”
Io: “siii scopami”
Iniziai a cavalcare Pietro mentre il ragazzo ci guardava, gli feci segno di avvicinarsi, quando fu abbastanza vicino richiamai l’attenzione di Pietro, e guardando il mio ragazzo presi il cazzo del ragazzo in mano.
Saltavo sul palo di Pietro tenendo in mano il cazzo di questo ragazzo, non so cosa delle due mi facesse più eccitare.
Pensai anche di prenderglielo in bocca, ma Pietro decise di sdraiarsi sul sedile cosi mi trovai a mostrare al ragazzo il mio culo e la mia figa mentre veniva scopata dal cazzo di Pietro.
Il ragazzo non si perse d’animo, iniziò ad accarezzarmi di nuovo il culo, ero al limite del secondo orgasmo e fu a quel punto che il ragazzo fece una cosa che non mi aspettavo, mi infilò un dito in culo.
Entro dentro senza problemi, aiutato sicuramente del fatto che si era bagnato il dito di saliva e dalla mia posizione.
Io con il viso schiacciato sopra alla spalla di Pietro
Io: “mi ha messo un dito in culo. Siiii è stupendo. Mi sta inculando”
Poi ecco che è scoppiato un ennesimo orgasmo. Mi lasciai andare stremata e sfatta, mentre Pietro continuava a scoparmi dando forti colpi di bacino, arrivando anche lui all’orgasmo.
Ci riprendemmo, il ragazzo era ancora li, io ero bagnata di sudore, uscii fuori dalla macchina per prendere un po' d’aria.
Mi appoggiai alla macchina, scese anche Pietro. Io li guardai, Pietro nudo e questo ragazzo con ancora indosso la maglietta ed il cazzo ancora duro.
Io: “tu non sei venuto?”
?: “no”
Guardai Pietro “poverino non possiamo lasciarlo cosi”
Mi misi dietro al ragazzo, appoggiando i miei seni alla sua schiena, e con il braccio destro iniziai a fargli una sega.
Io: “sono brava a fare le seghe?”
?: “si molto, ma preferirei altro”
Io: “e cosa preferiresti”
?: “scoparti”
?: “un pompino?”
Io: “no, oggi no, chissà un’altra volta forse”
Io: “hai capito, il ragazzo vuole scoparmi, se è bravo con il cazzo come con il dito che mi ha inculato prima mi farebbe godere tanto”
Pietro non disse nulla, era rapito dalla mia visione mentre facevo una sega al ragazzo.
?: “sborro”
Accelerai il movimento con la mano, e lui schizzo forte un paio di getti di sperma.
Pietro era davanti a noi, senza staccare i miei occhi dai suoi e senza muovermi dalla mia posizione lasciai il cazzo del ragazzo e portai alla bocca la mia mano, sul dorso ci stavano un po’ di sperma del ragazzo, aprii le labbra e lo ripulii.
Ci salutammo di fretta, vedemmo il ragazzo salire sul motorino ed andare via mentre ci rivestivamo, appena il ragazzo svoltò la curva abbracciai Pietro e gli diedi un bacio
Io: “ha un buon sapore”

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.