Nasce un amore

Scritto da , il 2021-02-21, genere sentimentali


mi è tornato in mente un episodio di un ultimo scorcio del millennio fa:
un giorno di primavera che andammo, mia sorella il suo moroso e me, al matrimonio di una loro amica. Ci alziamo presto e, sapendo che mia sorella ci mette un sacco a prepararsi la mattina, mi lancio in bagno per prima,
"Bea!!" mi urla "che cavolo!",
"faccio in un momento, mi lavo e una linea agli occhi",
"la solita...",
"...fatto, fatto, vado a fare colazione, vedi di spicciarti che Marco fra poco è qui",
"è abituato",
Silvia è la classica bellezza mediterranea, al contrario di me: mora, formosa e dal carnato rosato, non ho mai capito perché abbia sempre voglia di nascondersi, fatto sta che mi stupì e uscì dal bagno vestito al ginocchio in raso e pizzo blu, come i suoi occhi, e trucco leggero, un décolleté silver con tacco evidenziava il fondoschiena:
"bella sana!" mi venne fuori da sé,
"grazie, teppista, ma vieni in maglietta?",
"mi vesto e scendo, anfibi no, vero?",
"non meriti risposta, aspetto".
Marco, puntuale come sempre, arrivò quasi subito ma non salì.
"pronta! eccomi" e scesi.
Non era lontanissimo ma ci volle quasi un'oretta ad arrivare,
"Bea, ti sta bene il verde" guardandomi, Marco, dallo specchietto,
"grazie, un po' nazionalista: bianca, rossa e verde!",
"vero!",
"non sembriamo nemmeno sorelle, sei troppo chiara Bea!",
"da lunedì studio meno e sto all'aperto, e non iniziare neppure: non mi trucco",
"ok,ok, ma studia che è meglio".
Giunti alla chiesa, una romanica sulle colline gettonata per il giorno più bello,
molti amici di mia sorella, e parenti vari sciamanti sulla giaia assolata del sagrato vista colline; cipressi e vigne sui declivi, villa medicea sullo sfondo; all'ombra di un faggio un gruppetto di ragazzi e Massimo fra loro, un mio compagno di scuola.
Lo saluto, non mi considera, ma avvicinandomi:
"ah! ora si, ciao vigiani! non ti avevo riconosciuta, chi t'aveva mai vista senza jeans e scarponcini, che ci fai?",
"sono qui con mia sorella, tu?",
"una specie di cugino dello sposo, ti dispiace?",
"no, anzi, uno della mia età!",
"resta con noi",
"volentieri",
e mi aggregai noncurante che mia sorella mi stesse cercando.
messa, foto di rito, bimbi scorrazzanti, pranzo.
al tavolo niente posto, ma ne prendo poco e ci stiamo.
battute, qualcuna non la capisco, qualcuna sconcia, e risa, il tempo fra una portata e l'altra passa, e le attenzioni di Massimo aumentano: mi riempie il bicchiere, gradisco; mi cinge le spalle in un abbraccio, e lascio fare; mi accarezza la coscia semi scoperta e non protesto, e non dico nulla nemmeno quando con un brindisi e gli auguri agli sposi appoggia le sue labbra vicino le mie, poi mi sussurra all'orecchio:
"tu mi garbi, e non da ora" e cerca di baciarmi il collo, al che: "e la biondina?",
"quale biondina??!",
"quella che hai sempre intorno",
"ma allora mi guardi!",
"si" arrossendo "lo ammetto, e perché non mi hai mai cercata?",
"non lo so, forse timore del rifiuto",
"sciocco! ti sbagliavi",
torta, ribrindisi, la sua mano si posa fra le mie gambe e la stringo, faccio lo stesso guardandolo negli occhi, intorno chiasso, risa e canti, balli; siamo soli fra tutti; un bacio leggero suggella l'intesa.
mi alzo: "balliamo?" e lo tiro per la mano,
"sono un paracarro!" resistendo,
"anche io, fa lo stesso!",
brindisi tutti in pista e lancio del bouquet, finisce in braccio ad una zia zitella giubilante,
"me la svignerei, vieni?" mi dice sotto voce,
"sono con mia sorella" detto a mo' di argine,
"se ci stai bene resto anche io",
"insomma...",
"allora... ma i miei parenti sono quasi imbarazzanti",
"fanno festa! e poi non ho nemmeno il cellulare" una diga cedevole,
"per me non se ne accorge",
"lascio un biglietto sulla macchina",
"giusto!!".
Passeggiamo, mano nella mano, la musica risuona per le vie del borgo vicino, qualche grido. Ama l'arte e ne parliamo lungo il viale alberato, cinguettii, mi piace e sento che sta nascendo un sentimento, lo ascolto estasiata; la luce si fa più calda e il desiderio delle labbra aumenta, mi appoggio a lui, ci cingiamo con un braccio la vita; gli accarezzo il viso, forse un po' incerta, mi spinge spalle ad un tronco e, fra luce ed ombra di foglie, un bacio vero, non resisto e cedo, un'auto passa e strombazza urlando qualcosa.


Questo racconto di è stato letto 1 3 3 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.