A casa di Serena 8

Scritto da , il 2021-01-27, genere dominazione

La mattina, mentre siamo su i nostri lettini prendisole, mi arriva un sms, dove Tiziana mi dice che, saranno a casa massimo per le 17,00. Io la ringrazio e le rispondo perfetto.
Avviso Vanessa, e Lilli, e subito dopo chiedo alla mia amica medico di procedere lei alla ispezione di routine, e se lo riterrà opportuno ad una visita medica.
Vanessa mi risponde che va bene, non ci sono problemi, alle 16,45 sentiamo suonare il citofono, guardiamo tutte e tre, e vediamo che è la zia con Tiziana, prima di aprire il cancello, impartisco degli ordini alla zia, le dico di far entrare prima la sua capo, poi di togliersi il vestito, e una volta nature, di consegnarlo alla sua capo, entrare e chiudere il cancello. la zia esegue come una scolaretta diligente, dopo cinque minuti sono davanti la porta di casa, le accogliamo tutte e due con una gran festa, e subito dopo che sono entrate, rivolta alla zia le dico: Serena, va rispettato il cerimoniale di quando torni a casa, ma oggi sarà Vanessa che procederà all'ispezione. La zia, ubbidisce e lascia che la dottoressa proceda, inizia dalle orecchie, poi il naso, poi la bocca, le ascelle, non tralascia nulla, ma proprio nulla, arriva al pube, poi alla vagina, ed in fine le ispeziona l'ano. E' tutto ok, poi sentiamo che dice, e tutto ok, puoi andare da tua nipote fila march, assestandole come al solito una bella e sonora pacca sul culo, il prossimo fine settimana sarai mia, tutta mia, e non si discute, ti verrò a prendere quando esci venerdì dal lavoro e ti riporterò qui la domenica pomeriggio. Poi io rivolta a Tiziana le dico, Dottoressa, si ferma a cena? No, grazie, vorrei andare a casa e poter prepararmi per domani, ma non mancherà occasione grazie. Bene, Serena, vieni con noi ad accompagnare la dottoressa al cancello, la zia nuovamente fece il percorso inverso insieme a noi, e prima che la sua capo uscisse, le baciò la mano. rientriamo tutte e quattro a casa, e subito rivolta alla zia le dico, Serena, subito a farti la doccia march, mentre la zia si avvia, faccio cenno a Lilli di andare e di controllarla, così posso esporre liberamente la mia idea a Vanessa per il prossimo fine settimana.
Dopo averle esposto la mia idea, Vanessa mi disse che era fantastica, quindi sarebbe passata direttamente a casa per prenderla.
Dopo venti minuti, tornarono in soggiorno sia la zia, che Lilli, e ancor prima che io chiedessi ragguagli, Lilli mi disse che non vi era nulla da segnalare, anzi , la zia aveva fatto tutto in modo impeccabile.
Poi la zia, dopo poco, la zia preparò la cena per me, e per le nostre ospiti, lei sa. che quando ci sono ospiti, cena dopo, da sola, e dopo aver terminato la cena, ed accompagnato le nostre ospiti, aprì il cancello, e baciò la mano ad entrambe.
Poi tornammo in casa, e andammo a letto. ci addormentammo tutte e due insieme abbracciate.
La settimana passò tranquilla e veloce, il venerdì pomeriggio, mi recai a prendere la zia al lavoro, e dopo 20 minuti eravamo a casa.
Le feci indossare il vestito verde acqua, che le lasciava la schiena completamente nuda, e quando suonò il citofono, dissi a Vanessa di entrare.
Dopo pochi minuti Vanessa era davanti alla porta di casa, ed io le dissi, eccoti Serena, e nel dir così feci segno alla zia di venire avanti per mostrarsi. Vanessa, rimase sbalordita, vide la zia che era nuda con il collare, quello che le avevo messo per la gara, e io che prima di farla uscire dalla porta le metto il guinzaglio, un guinzaglio classico di cuoio, lungo tre metri. Io, rivolta a Vanessa le dico, da questo momento, con il passaggio del guinzaglio, tu sei la padrona, ed avrai autorità su di lei fin quando no me la riporterai, il vestito potrà indossarlo prima di varcare il cancello, non prima. Bene, rispose Vanessa, poi rivolta alla zia le disse, muoviti.
Arrivammo al cancello, e prima di uscire il medico disse alla sua sottomessa, saluta la padrona di casa, e nel dir così, mi baciò la mano. Solo allora, le passai il vestito che indossò prima di uscire, poi salirono in auto e partirono.
Durante tutto il fine settimana, io mi rilasso, e mi diverto con la Lilli, il fine settimana passa molto velocemente. La domenica verso le 17,30 sentiamo suonare, e dal video citofono vediamo che sono loro, prima di aprire, impartisco le disposizioni come al solito per la zia, e una volta aperto il cancello, e dopo avere fatto entrare Vanessa esegue prontamente subito dopo avere chiuso il cancello.
Vedo che Vanessa le mette il guinzaglio, dopo averle preso il vestito, la zia cammina stando dietro la dottoressa, che ogni tanto, si diverte a darle uno strattone per farle accelerare il passo. come furono davanti la porta di casa furono accolte con molto calore tutte e due, e subito dopo averle fatte entrare chiedo alla Lilli di sottoporre ad ispezione la zia. e poi rivolta a Vanessa le dico: come mai venerdì eri stupita di vedere Serena con il collare? Non ti avevo forse detto che avrei proceduto per gradi? Poi, in un momento che la zia era in bagno le dico, dai, dai che si sta avvicinando il momento di metterle i pirzing, e voglio che lo faccia tu, ma lei non deve sapere nulla, passata l'estate. Una coppia di anellini. In settimana poi deve fare la visita medica aziendale, questa è la prima volta che avviene.

Questo racconto di è stato letto 2 0 8 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.