La prima volta

Scritto da , il 2021-01-24, genere dominazione

Nel bagno di un' anonima camera di albergo di Milano, mi specchiavo mentre passavo la spazzola tra i capelli, mi scoprii il volto portandoli indietro per raccoglierli in una coda di cavallo. Avevo addosso solo un perizoma nero coordinato al reggiseno in pizzo trasparente da cui si intravedevano i capezzoli, grandi , scuri e sporgenti. Vedevo riflesso il mio corpo esile ma ben definito, me ne prendevo cura anche se non mi piaceva esibirlo. La gonna a tubino nero e la camicia di seta bianca che avrei indossato erano sul letto , i sandali tacco 12 di vernice nera invece, ben allineati sulla moquette. Mi aveva ordinato lui come vestirmi e io, da brava schiava,mi stavo preparando a quel primo incontro senza tralasciare nessun particolare. Lo aspettavo da mesi quell'incontro e, dopo soli 10 minuti, avrei finalmente incrociato per la prima volta il suo sguardo. Avevo la pelle d'oca quando tirai su la zip della gonna e chiusi con calma uno dopo l'altro i bottoni della mia camicia che mi accarezzava la pelle. Il mio corpo già vibrava. Allacciai i cinturini dei sandali stringendoli intorno alle caviglie. Mi specchiai per l'ultima volta , controllando ogni dettaglio. Anche il colore dello smalto lo aveva scelto lui, le unghie delle mani e dei piedi erano laccate di nero lucido.

Squilló il telefono. Era il mio Padrone. Il mio nome pronunciato da lui con la sua voce calda e ferma mi penetrava ovunque. Mi disse solo di lasciare la porta socchiusa , di farmi trovare di spalle, in piedi, immobile. Obbedii. Mentre aspettavo respiravo a fondo, chiusi gli occhi e, avevo appena dato inizio a un countdown nella mia testa, quando all'improvviso sentii dei passi dietro di me e avvertii la sua presenza alle mie spalle. Era vicinissimo a me , ne potevo sentire il respiro regolare e il profumo. Restai con gli occhi chiusi per sentirlo di più. Il battito del cuore rimbombava dentro di me, mi sembrava che sbattesse contro le mie ossa. Mi sentii all'improvviso cingere la vita dalle sue mani, una presa forte e decisa, restò così qualche istante, non mi mossi di un millimetro. Le sue mani si spostarono sulla schiena all'altezza dei reni, ci strofinó il dorso, prima di abbassare lentamente la cerniera. La gonna era adesso sul pavimento. Poi,sempre restando dietro di me, passò ai bottoni della camicia. Potevo finalmente vedere le sue mani curatissime, le dita sottili. Anche la camicia finì a terra. Dopo qualche attimo di silenzio sentii una mano infilarsi tra le cosce , le sfioró e, contemporaneamente , all'improvviso, sentii colpirmi sul culo con una forza tale da perdere l'equilibrio e cadere. Mi ritrovai sul pavimento da dove mi tirò verso l'alto dai capelli per farmi sollevare. Mi ordinò di mettermi in ginocchio, lo feci. Lo sentii fare qualche passo indietro e poi udii un rumore metallico sordo, cominciai a tremare. Era il mio collare. Il freddo della catena intorno al collo. Poi agganciò il guinzaglio, con un gesto lento ma preciso. Cominciai a sentire l'eccitazione e la mia fica pulsare e gonfiarsi. I capezzoli turgidissimi , così come il mio clitoride. Ero completamente rasata per lui. Si abbassò solo per sussurrarmi all'orecchio che ero la sua troia e che mi avrebbe trattata come mi meritavo. Fece un giro per arrivare davanti a me. Di lui potevo vedere solo le scarpe eleganti di pelle marrone lucida e i pantaloni del suo abito blu. Avevo la testa china. Mi ordinò di abbassare il perizoma alle ginocchia e di togliermi il reggiseno. Obbedii. Ero esposta, nuda, eccitata davanti a lui. Mi tirò di nuovo su prendendomi dalla coda attorcigliandola intorno alla sua mano , non osai alzare lo sguardo anche se morivo dal desiderio di vederlo in faccia. Tornò dietro di me e mi spinse mettendo una mano al centro della mia schiena per farmi chinare sul letto. Il mio culo era alto, lo sentii sospirare mentre armeggiava con qualcosa che non potevo vedere. Mi allargò le chiappe con entrambe le mani e poi fece scivolare un plug freddo nella mia fica, lo bagnò per bene per poi infilarlo al suo posto. Sobbalzai e non riuscii a trattenere un gemito. Mi disse di stare zitta mentre mi sculacciava in maniera cadenzata ordinandomi di contare a voce alta.Contai venti colpi. Poi poggiò il palmo della mano prima su una chiappa e poi sull'altra per sentire il calore della pelle arrossata provocato dalle sculacciate. Colavo tra le gambe, fradicia, apertissima e vogliosa di godere di quel momento tanto atteso. Mi ritrovai dopo qualche istante a implorarlo di farmi godere. Mi disse che ero stata brava e poco dopo sentii il rumore della sua zip che si abbassava. Lo affondò tutto penetrandomi dal basso verso l'alto facendomelo sentire fino in fondo, era completamente riempita da lui e dal plug. Uno dopo l'altro arrivavano i colpi decisi, i polpastrelli infilzati sui fianchi. Il mio orgasmo non tardò ad arrivare prepotente, lungo , inteso. Urlai ringranziandolo più volte. Dopo il mio orgasmo lo sfiló immediatamente mi rigirò facendomi mettere sulla schiena, finalmente lo vidi in faccia. Vidi il suo volto mentre mi schizzava con il suo piacere sul viso , sui seni , sulla pancia, lo sentivo arrivare su di me a fiotti caldi. Ne raccolsi un po' nel palmo della mano che leccai guardandolo negli occhi.

Tirò su la zip, mi passò una mano sul capo, lo accarezzò. Rimasi lì distesa, con il perizoma sui polpacci, mentre lo vidi allontanarsi e chiudere la porta alle sue spalle.

Questo racconto di è stato letto 3 3 1 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.