A scuola

Scritto da , il 2021-02-02, genere dominazione

Il rumore dei tacchi delle mie décolleté nere rimbombava nel corridoio della scuola deserta. Era una calda giornata di inizio giugno.  Il mio vestitino a fiori leggero svolazzava sollevandosi a ogni passo, mi scopriva leggermente le cosce magre e sode. Ero agitata per quella convocazione improvvisa del preside, il tono della sua voce al telefono per dirmi di raggiungerlo nel suo ufficio, mi era parso serio e austero.
Nonostante fosse di qualche anno più giovane di me, aveva la capacità di mettermi in soggezione anche solo guardandomi, non ero mai riuscita a dargli del tu come facevano i miei colleghi e le nostre conversazioni, erano sempre brevi e essenziali. 

Un uomo sicuro di sé pieno di fascino, di poche parole. Aveva lineamenti delicati, gli occhi scuri e sguardo profondo, per me difficile da sostenere. 

Arrivai dietro la porta, mi sistemai il vestito e i capelli, e, dopo un respiro profondo con cui presi coraggio , bussai due volte. Dopo aver sentito il suo "avanti" respirai a fondo, impugnai la maniglia e aprii la porta. Restai qualche istante sulla soglia,  quasi imbambolata, lo salutai, poi richiusi la porta. Mi separavano pochi passi dalla sua scrivania, avanzai lentamente e mi ritrovai in piedi, davanti a lui. Sentii il suo sguardo appiccicato addosso. In pochissimi secondi mi squadrò e mi disse sorridendomi di accomodarmi. Mi sedetti e lo guardai con aria preoccupata. Lui si alzò improvvisamente fece un giro intorno alla scrivania poggiandosi al bordo in piedi, davanti a me, infine incroció le braccia e mi fissò. Io arrossii, sentii le guance infiammarsi e il battito del mio cuore lo avvertii in gola. 

" Volevo proporle di affidarle l'organizzazione di un corso di scrittura creativa per gli studenti che partirà a settembre. Ho deciso che lei è la persona adatta, accetta?"

Le parole mi rimasero impigliate in gola e riuscì solo ad annuire. Mi sentii per un attimo inadeguata e un po'imbranata. Poi, dopo un colpo di tosse, riuscii a dirgli di sì e lo ringraziai.

" Ci rivedremo per i dettagli " - esclamò. 

Anche questa volta riuscii solo a fare un cenno col capo e, quando stavo per alzarmi sentii improvvisamente la sua mano aperta sulla spalla, premeva sulla clavicola e, con una spinta decisa, mi riportó al mio posto. Sollevai lo sguardo e incrociai il suo , tolse la mano dalla spalla per accarezzarmi la guancia. 

Un lungo e intenso brivido mi attraversò la schiena e sentii l'eccitazione salire all'improvviso. 

Ero seduta con le gambe unite, le serrai istintivamente come se potesse servire a tenere sotto controllo le sensazioni che stavo provando. Lui se ne accorse. " Sei bagnata.  Vero troia ?".

Abbassai lo sguardo, lui mi prese la testa e, tenendomi dalla nuca, la portó tra le sue gambe. La guancia schiacciata sul suo sesso, che sentivo grosso e duro attraverso il tessuto dei pantaloni. Quasi non respiravo così costretta. Non mi ero mai sentita così eccitata , sentirmi chiamare troia mi aveva accesa e non desideravo altro che lui mi usasse e liberasse la zoccola che si nascondeva dietro l'immagine di professoressa seria e impeccabile. 

" Non vedevi l'ora di succhiamerlo . Lo so. " Disse con voce ferma. 

Con l'altra mano slacció la cintura, tirò giù la zip , si  abbassò i pantaloni giusto per fare fuoriuscire il suo cazzo che cominció a sbattermi in faccia. 

Mi passai la lingua sulle labbra e lui iniziò a strisciarci  su la cappella , rossa e gonfissima, la strofinava e la premeva con forza. Le labbra erano umide e appena schiuse, tirai fuori la lingua per assaporare, leccando piano. Lui tolse la mano e impugnai io l'asta stringendola alla base. Il cazzo crebbe ancora e presi la cappella tra le labbra, sollevai lo sguardo e lo fissai mentre la succhiavo lentamente, infilavo ogni tanto la punta della lingua nella fessura del glande,  la muovevo velocemente per poi ricominciare a succhiare. Mi soffermai a lungo intorno alla cappella , girandoci intorno con la la lingua. Sentivo i suoi sospiri e i primi gemiti. Mise la mano sulla mia testa e lo  affondó tutto in bocca fino a farmelo sentire in gola. Mi tenne bloccata così per qualche istante, un conato mi fece aumentare la salivazione, sbavai, mi fece prendere fiato per un istante prima di cominciare a scoparmi selvaggiamente la bocca. Io succhiavo, tenendo sempre la lingua appiccicata all'asta. Muoveva il bacino, incalzava man mano. Io serravo le labbra e sentivo le sue vene gonfissime pulsare sempre di più a contatto con la mia lingua. 

Mi afferrò per i capelli e mi spinse con forza attirandomi ancora di più a lui, le mie labbra premevano sulle sue palle. Lo sentii esplodere. La sua sborra calda mi scendeva in gola, la scaldava. Ingoiai il suo piacere, non ne sprecai nemmeno una goccia. 

Sfilai il cazzo dalla bocca risucchiando per ripulirlo bene. 

Lo guardai, gli sorrisi. 

" Lo sapevo che mi avresti spompinato come si deve troia. Puoi andare adesso" - mi disse accennando un sorriso mentre si riallacciava i pantaloni.

" Grazie" risposi. 

Mi alzai, mi diressi verso la porta. Tornai a percorrere il corridoio per tornare in classe sperando di essere riconvocata presto. 



Questo racconto di è stato letto 3 8 6 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.