Due sorelle molto complici - Episodio 2

Scritto da , il 2021-01-24, genere masturbazione

DUE SORELLE MOLTO COMPLICI – Episodio 2

Ovviamente la sorellina la ebbe vinta, come sempre. Tra le due era sempre lei che finiva per avere l'ultima parola. Il giorno successivo gli aveva scritto tutto, ma proprio tutto, compresa la leccata finale alle dita che ognuna di noi aveva dato alle proprie, e di come l'esperienza le fosse piaciuta. Io leggevo quello che scriveva, e mi vergognavo ma mi eccitavo nello stesso momento. Quando scrisse che vedermi nuda mentre mi masturbavo la aveva fatta impazzire di desiderio non so perché, ma le dissi di aggiungere che la stessa cosa valeva per me. E forse perché stare li mentre Rosy scriveva mi stava eccitando fino a farmi sentire bagnata fradicia le dissi di aggiungere anche che l'odore di sesso mentre lei aveva cominciato era stata la molla che mi aveva spinto a unirmi a quella follia. Una volta premuto “invia” mi pentii immediatamente. Non solo non avrei dovuto dare il mio contributo, ma avrei dovuto impedire a Rosy di scrivere qualsiasi cosa.

La risposta arrivò dopo una buona oretta. Rosy sperava di leggerla invece dopo mezzo minuto, e continuava a guardare il telefono per vedere se c'era. Io speravo di non leggerla mai.

“Molto bene Bianca e Rosa, avete fatto il primo passo in un mondo di piacere che vi appagherà davvero moltissimo. Avete provato sensazioni più forti di quanto siate abituate, ma questa è solo una briciola del piacere che i vostri corpi possono darvi. Dovete provare l'orgasmo multiplo, ovvero una stimolazione contemporanea di più zone. Fidatevi di me, e fate quello che vi dico, e vedrete che le vette che vi farò raggiungere saranno ogni volta maggiori, non avete idea di quello che posso dirvi di fare e di quanto in alto farvi volare.

Prendete due semplici pennarelli, di quelli colorati per disegnare. Ne avrete in in giro per la vostra camera, ed un po' di olio per il corpo. Alla prossima masturbazione lubrificate i pennarelli con un goccio di olio, e mettetevene un goccio anche sullo sfintere. Poi fate entrare i pennarelli nei vostri deliziosi culetti, e nel farlo dovete far entrare la parte dietro del pennarello (il tappo deve restare fuori) in direzione anteriore, verso il monte di venere, e leggermente a sinistra del vostro ventre. Il pennarello è molto piccolo e molto liscio, non provocherà alcun fastidio, ma mentre vi masturberete aumenterà il piacere in modo esponenziale. Dovrete tenerli con una mano, e masturbarvi con l'altra, perché tendono ad uscire. Durante il piacere il vostro culetto sembrerà pulsare e ritmicamente il pennarello tenderà ad uscire e poi venire risucchiato. Non dovete permettere nessuna delle due cose.

A fine masturbazione estraete i pennarelli, ed annusateli. Non temete, non sapranno di escrementi, ma di un particolare odore di sesso che io definisco “odore di culo scopato”. Provate per credere, si tratta di un odore inebriante.

Se farete quello che dirò e riscontrerete che avevo ragione, in cambio mi manderete una foto delle vostre vagine con un post-it attaccato alla coscia con scritto ALPHAMASTER. Solo le vagine, niente di riconoscibile.

AM”

In allegato c'era una nuova puntata di uno dei racconti. Rosy era eccitatissima, e disse che voleva assolutamente provare. Io non volevo ammettere che mi stava colando la fichetta, e gli dissi che pretendevo che cancellasse tutto. Email, racconto e la foto che avevamo fatto tutte in tiro.

Ovviamente lei si spogliò nuda e cominciò a leggere. Io sbirciavo, un po' leggevo, un po' guardavo lei. Cazzo se ero eccitata. Avevo gli slip fradici.

Ad un certo punto quella bastarda della mia sorellina, tornò al desktop, e disse “aspetta qui”.

Non me la vidi tornare con due pennarelli e l'olio alla mandorla? Me ne mise in mano uno (tra le mie flebili proteste) e lubrificato l'altro eseguì le istruzioni dello sconosciuto. Appena il pennarello fu sparito per tre quarti nel suo sfintere mi guardò sorridendo e disse “wow... ma è una ficata!”

Rassegnata al fatto che tanto era lei che comandava mi spogliai e feci lo stesso. Scivolò dentro senza grandi problemi, e porca miseria, mi piaceva... ricominciammo a leggere e masturbarci, ed il piacere che provavo non lo avevo mai sentito. Era fortissimo, anche se il culetto non sentiva quasi niente. Avrei voluto di più ma non osavo dirlo. Il racconto era incredibilmente erotico, l'odore della stanza, di sesso e di desiderio, mi spingeva al delirio. Mi strofinai e penetrai forsennatamente con le dita, e sentii che da dentro riuscivo a percepire il pennarello che avevo nel culo, e persino a muoverlo. Lo dissi a Rosy, e anche lei provò subito. Fu devastante. E per la prima volta nella mia vita squirtai sul pavimento, da in piedi come ero, rischiando quasi di cadere, ma non osando distogliere le mani dal darmi l'orgasmo. Rimasi li, con le ginocchia che si piegavano, il corpo che oscillava, a gemere, o almeno mi pareva di farlo. Anche la sorellina era devastata dal piacere, ed aveva squirtato anche lei. Fu incredibile.

Quando l'orgasmo montò (e ci mise parecchio) Rosy disse “gli mando la foto”. Io dissi di no. Lei disse di si. Io urlai letteralmente di no. E lei prese il telefono.

Un racconto di fantasia da alpha_master_1964@protonmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 9 9 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.