Un mio alunno mi ha venduta... anni dopo -Ancora lì dentro-

Scritto da , il 2021-01-23, genere dominazione

È passato poi del tempo prima che tornassi all'Istituto di pena, circa due settimana. Dopo aver fatto l'amore con te ed aver poi cercato di spegnere da sola, masturbandomi, l'incendio che avevi acceso tra le mie gambe, come frequentemente mi capitava da quando avevo … “provato altro” (mettiamola così), sono state due settimane davvero difficili da trascorrere.
Intenta a leggere, in biblioteca, in piedi davanti ad uno degli scaffali, non mi accorgevo dell'arrivo di Simone.
Mi ha avvolto la pancia con le sue braccia, ho sentiti subito il suo pene, Era molto duro. Non lo ricordavo così, ma era cresciuto di fisico. Evidentemente anche lì. Lo sentivo sfregare sulle natiche, finché mi si è sistemato proprio lungo il solco, non puntava il glande, lo sentivo sul solco tra le natiche per tutta la sua lunghezza
Concentrata su quel contatto che mi stava ipnotizzando, mi sono resa conto della realtà solo quando con una mano mi ha afferrato una tetta tanto da provocarmi dolore e con l'altra fra le mie cosce si impadroniva della mia figa strizzandomela. Ho cercato di liberarmi senza successo. Cercavo di dimenarmi e ancora una volta facevo il gioco del maschio di turno a cui piaceva il mio tentativo di difesa. Gli permetteva di toccarmi meglio e con più soddisfazione. Non volevo urlare, Sottovoce gli ho ricordato dove eravamo e il rischio che stava correndo. Tutto inutile. La mano era già sotto il maglioncino e il bottone dei pantaloni era già saltato. Da lì a sentirmi le dita separarmi le grandi labbra con la sua mano dentro le mie mutandine, saranno passati non più di tre secondi. Ho stretto le cosce e indietreggiando con il sedere non ho fatto altro che sentire il cazzo incollato alle mie natiche.
Lui con voce strozzata e rauca - Siiii, cosììììììì dammi tuttoooo! Cosce, figa, culo e tette.
Sei sempre una gran bella figona tutta da godere. Più vai avanti con l'età e più sei tutta da fottere!
Quello che avevo fantasticato fosse potuto succedere con il secondino nella stanzetta dove studiavo le schede dei detenuti/alunni, stava succedendo sempre in carcere, ma nella stanza adibita a biblioteca, tra gli scaffali pieni di libri. I miei pantaloni giù fino alle ginocchia. L'elastico delle mutandine spostato di lato, il maglioncino sollevato fin sopra il seno e le tette massaggiate fuori dalle coppe del reggiseno. Io con le mani che mi tenevo ad un ripiano della libreria messa praticamente a novanta gradi.. Un maschio di cui avevo già fatto conoscenza intima che si apprestava a godersi un'altra volta le mie carni.
Non è entrato subito. Ha voluto giocare a mettermelo prima fra le gambe.
-Ti scopo le cosce. Ti scopo queste gran belle cosce che mi fanno impazzire. Così mi diventa duro come l'acciaio e questa figona stavolta te la spacco veramente-.
Stringevo le polpe delle mie cosce attorno al suo cazzo. Che diventava sempre più duro. Sempre più grosso. Non mi vedevo da quella posizione, ma immaginavo la sua cappella violacea comparire e tra le mie cosce bianche ogni volta che spingeva e scomparire avvolta dalle mie polpe ogniqualvolta lui portava indietro il bacino per poi ricomparire al successivo affondo.
E se l'avessi fatto venire così? facendolo sborrare mentre lo masturbavo con le cosce?
Il pensiero è andato via subito.
Un dolore pazzesco quando la cappella che puntava tra le labbra della vagina è entrata con un colpo secco e con un altro colpo che mi ha fatto sbattere la faccia allo scaffale lo avevo tutto dentro. Ho urlato e lui per smorzare mi ha subito tappato la bocca. Meno male!
Dolore in vagina, bruciore e dolore immenso, ma tre o quattro affondi decisi mi hanno accesa e il liquido vaginale ha cominciato a lubrificarmi bene iniziando a farmi godere.
Lui: -Ho il cazzo immerso in un lago. Ooohhhssiiiiiiii Monica, stai già godendo ammettilo. Siiiiiiiii sento che stringi benee Ti piace ehh??? PUTTANA! Goditi il cazzo ancora sssiiiii cosììììì brava muovi bene il culo. Sei esperta ormaii.
Hai la figa di vellutooo.... fotterti adesso è ancora più bellooo-
io non capivo più nulla. Godevo. Venivo e godevo ancora fino a quando lui non mi ha inondato l'utero.
Con il Fiatone, risistemandosi: - Cazzo Monica.. sei una furia, tu il cazzo lo consumi e a tuo marito forse gliel'hai consumato presto. Che donna! Che femmina! Te ne faresti tranquillamente tre, prima di dare segni di stanchezza1-
io ero raggomitolata seduta per terra. Non fiatavo. È andato via. Con le forze residue mi sono alzata, sistemata alla meglio e via. A casa mi sono fiondata a letto. Poi sei arrivato e ti ho detto che non stavo bene e sarei rimasta a letto.

SannMoniFilos67@libero.it

Questo racconto di è stato letto 3 2 6 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.