Che bella scoperta la domestica...... maiala!

Scritto da , il 2021-01-22, genere tradimenti

In assenza di mia moglie, era già capitato altre volte di rimanere solo in casa con Caterina (nome di fantasia) domestica Slovacca, 47 anni bruttina di viso ma con un gran bel fisico, asciutto, sedete alto e seno sodo (all'incirca una 3a credo) che lasciava spesso intravedere portando magliette aderenti. Solitamente le ore trascorrevano velocemente ogni uno per i fatti suoi, lei assolta dalle sue faccende ed io impegnato sempre a fare altro, ed oltre a qualche sbirciatina al suo di dietro o a qualche scolatura niente più, nessuna fantasia in particolare.
Un pomeriggio di luglio complice il caldo atroce notai da subito qualcosa di diverso in lei, indossava una gonna bianca ampia, morbida e aderente sui fianchi lunga fino al ginocchio piuttosto trasparente che lasciava intravedere un tanga nero, sopra invece, una canottiera leggermente scollata sul davanti senza reggiseno sotto. Nel vederla così mi resi conto che non era affatto male e la fece velocemente volare con la fantasia. Dopo averla fatta accomodare, le offrii da bere qualcosa di fresco viste le temperature torride e con la scusa scambiammo qualche chiacchiera in più oltre ai soliti convenevoli, spingendomi anche a chiederle per la prima volta della sua vita sentimentale. Dopo qualche minuto passato a ridere e scherzare, lei come al solito si apprestava ad andare in un'altra camera per cambiarsi e mettersi più comoda per svolgere le faccende, ma qualcosa era scattato in me, così aspettato qualche secondo, con la scusa di cercare il telefono decisi di entrare nella camera.
Andando verso la porta notai che era socchiusa, la cosa mi diede ancora più coraggio, la aprii delicatamente e la prima cosa che vidi fu lei voltata di spalle, che svestiva la gonna e infilava dei calzoncini corti. Alla vista del suo bel culo sodo e alto con il tanga che ne delineava le forme, sentii il cazzo indurirsi di colpo dentro i pantaloncini, subito dopo si tolse la canottiera rimanendo con il seno scoperto, capii che era il momento di farmi sentire arrivare per evitare pessime figure, così mentre si voltò per prendere la maglietta da indossare, io bussai (alla porta già aperta) lei nel voltarsi rimase di fronte a me per qualche secondo a seno scoperto, un seno molto bello, a prima vista sodo. Sul suo volto un'espressione di stupore, tant'è che pensai "adesso è finita, comincerà ad urlare" e dallo stato di eccitazione passai velocemente a quello di Anzia pensando che casino se lo avesse raccontato a mia moglie. Invece per mia grande gioia, lei con molta tranquillità si coprì il seno con le mani e mi chiese cosa mi servisse, io preso alla sprovvista dalla domanda mi scordai della scusa iniziale che mi ero preparato e le risposi a mezza bocca dicendole che volevo solo sapere se le occorresse qualcosa. Lei ridendo mi rispose "grazie ma sono capace di vestirsi da sola".
Imbarazzato dalla situazione feci dietro front e tornai nel salotto.
Qualche minuto più tardi dopo aver rimuginato sulla situazione ed aver realizzato che comunque la cosa lei non l'aveva presa affatto male, decisi di riprendere il discorso. Andai da lei iniziando con lo scusarmi per l'accaduto, ma lei mi disse di non preoccuparmi e che le cosa sarebbe rimasta tra noi. La situazione creatasi ora era perfetta, così cominciai a farle i complimenti per il suo fisico ai quali lei rispose con dei grazie ed una serie di sorrisi ammiccanti che mi fecero nuovamente indurire il cazzo. A quel punto mi spinsi oltre cominciando a fare apprezzamenti più diretti e spinti, avvicinandoli a lei mentre spolverava una lampada le dissi: "hai un gran bel culo, invitante" e lei rispose: "ah.. davvero?" così io mi avvicinai e le poggiai il bacino contro il suo culetto, facendole sentire il mio cazzo ormai in piena erezione. Si lasciò strusciare e palpare continuando a sorridere così le infilai le mani sotto la maglietta e cominciai a spremerle il seno sentendo che i capezzoli erano ormai turgidi.
La voltai e la baciai, lei mi lasciò fare e si tolse la maglia, spingendomi la testa verso i capezzoli... voleva guidare il gioco. Cominciai a leccarli e succhiarli, passando da uno all'altro e mentre lei con la mano sinistra cominciava a tastarmi da sopra i pantaloncini, io spinsi la mia nei suoi calzoncini, le cominciai ad accarezzare la fica già umida, stimolandole il clitoride e spingendomi fino al buchino più desiderato, l'ano! Lei facilitava il compito divaricando le gambe. Ansimava, il gioco le piaceva, mi spinse sul divano e si tolse i calzoncini mostrandomi per la seconda volta in poco tempo, il suo bel culo. Io in un solo colpo mi tolsi pantaloncini e sleep rimanendo sul divano a segarmi il cazzo eretto e dalla cappella umida e lucida. Lei a quel punto disse: "le cose belle si devono conquistare" così mi alzai e questa volta fui io a prendere iniziativa.
La portai in camera da letto la spinsi sul letto e decisi che dovevo essere io a guidare... misi subito la testa tra le sui cosce e cominciai a leccarle e mordicchiarli le labbra della sua fica, morbide e carnose, da sopra il tanga.
Ormai fradicio della mia saliva e dei suoi umori, lo sfilai per rimanere a tu per tu con quella bella fichetta carnosa e bagnata al punto giusto, quasi del tutto rasata con una sottile striscia di pelo centrale. Cominciai un lungo lavoro di lingua, mentre lei teneva ben divaricate le gambe io con le mani le aprivo io più possibile le labbra, spingendo la lingua il più possibile dentro la vagina e soffermandomi sul succhiare il suo clitoride leggermente sporgente.
Dopo un po la feci alzare per mettermi sotto di lei, per due motivi, primo volevo farmi cominciare a succhiare il cazzo che ormai era di marmo e bisognoso di attenzioni, secondo un 69 era perfetto per arrivare all'ano. Così mi sdraiai con due cuscini sotto la testa e la feci salire. Perfetto, avevo proprio la bocca davanti all'ano! Lei cominciò subito a leccare l'asta con grande maestria, dalla base fino alla cappella per diverse volte, prima di farlo sparire tutto in un colpo solo (20 cm reali con una leggera curva in avanti) dalla sua calda bocca vogliosa. Ero in estasi, con quel buchetta leggermente dilatato davanti a me e Caterina che succhiava come una forsennata! Realizzai che, non essendo più molto abituato a ricevere pompini, perché mia moglie non ne va pazza, sarebbe stato difficile resistere molto con un pompino di quella foga, così mi concentrai sull'orifizio anale e presi a leccarlo bene bene, inumidendolo anche con gli umori che ormai colavano dalla sua fica, poi cominciai a infilare prima uno poi due dita dentro e cominciali un bel ditalino anale. Caterina ormai cominciava ad agitarsi sempre più, continuando a succhiare con forza il mio cazzo, senza pause. Mi lanciai in un ditalino sfrenato, aumentando sempre più l'intensità. Lei si contorceva dal piacere ed io nel vederla così cercavo di aumentare il più possibile. La situazione era ormai concitata ed io al limite, trattenni il più possibile fino poi a lasciarmi andare e riempirgli la bocca di sperma. Lei non si scompose minimamente e continuò a succhiare, bevendo tutto fino a pulirlo perfettamente. Ci staccammo, mi voltai verso di lei che con aria soddisfatta disse: "Mara non è brava come me a ripulire vero?" sbottammo a ridere poi aggiunse che il mio sperma era buono, dolce. Ci lanciammo in una pomiciata spontanea, con le bocche ricche di sapori mentre con la mano avevo ripreso a sditalinare la fica e stimolare il clito. Nel giro di qualche minuto, tornato turgido presi subito a penetrarla con irruenza, lei aveva ripreso a colare umori ed il cazzo entrava e usciva che era una meraviglia. Io ormai svuotato da poco ero un treno, stavolta ero io a metterci la foga, dopo un po ebbe il primo orgasmo. Io la girai e la misi a pecorina, lei mi lasciò fare e si mise comoda. Io, soddisfatto per aver raggiunto il mio obiettivo primario, scoparle il culo, già me lo pregustavo! Ero in estasi per la seconda volta, così cominciai puntare il cazzo bello duro e ben lubrificato dal suo orgasmo, contro l'ano, dilatato con l'aiuto di una sua mano. Dopo una leggera pressione la cappella viene inghiottita, ma lei prontamente si sposta in avanti facendola uscire, poi gira la testa e ridendo dice... "te l'ho detto che le cose belle si devono conquistare". Preso dall'eccitazione riprendo a penetrarle la vagina con forza e di a poco tra mugugni vari, arriva il secondo orgasmo per Caterina. A quel punto dopo qualche altra stantuffata vigorosa, lo enstraggo e con un colpo secco e deciso gli penetro l'ano, iniziando a scoparla con veemenza e costanza, lei in preda alla goduria, tra spari di piacere e qualche accenno di dolore mi lascia fare, muovendosi e ritmo del mio per una scopata anale divina mai provata così prima.
Dopo un po era giunto il mio turno di bissare e mi lascio andare sborrandole dentro. L'ho riempita, con getto copioso e abbondante.
Estratto il cazzo ho visto lo sperma colare dall'ano, uno spettacolo meraviglioso!
Tra sguardi di complicità stravolti dal piacere reciproco e sorrisi vari lei mi fa: " bravo alla fine te lo sei guadagnato!" Scoppio a ridere e le dico: "finisci il tuo lavoro, non lo vedi che il mio cazzo è sporco?" lei si fa seria, si alza, abbassa la testa e comincia a leccare e succhiare il cazzo fino a pulirlo.
Ci riprendiamo con una doccia, il tempo per pulire la casa era finito, mia moglie sarebbe tornata dopo poche ore. Nel salutarmi mi dice: "certo ce ne hai messo di tempo per deciderti a scoparmi, sono 2 anni che lavoro da voi". Fa l'occhietto sorride e va via.
Cambio le lenzuola al letto. Quando torna Mara, la prima cosa che mi chiede è come mai la casa era come l'aveva lasciata lei la mattina ed io prontamente le dico che Caterina non era potuta venire per colpa di un piccolo tamponamento, e le mando prontamente un sms per avvisarla di dire la stessa cosa.
Dentro di me, felice me la ridevo, mi era venuta al volo un'ottima scusa, plausibile al fatto che non oggi non avesse pulito un cazzo..... a parte il mio! :-)

Questo racconto di è stato letto 5 4 5 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.