Cosi fan tutte anche tua madre vol. 8

Scritto da , il 2021-01-19, genere tradimenti

Per consigli pareri e aktro scrivete a estremirimedi2019@libero.it

Gli altri 7 volumi presso l'autore estrema rimedi...leggeteli


La vacanza con Davide era stata dirompente per me.

Davide, mio figlio, si era masturbato nascosto nelle coperte, mentre mi cambiavo nella camera d'albergo, mentre fingevo di non accorgermi di nulla.

Inoltre, nella sauna, di fronte ad un uomo superdotato come Arturo visibilmente attratto da sua madre, in una situazione molto equivoca, avevo potuto avere la prova di come oltre a soffrire e a noiarsi terribilmente per avere una madre oggetto di avances maschili, traeva forte eccitazione.

Quando gli cadde l'asciugamano, oltre ad essere come al solito intimidito, timoroso e goffo quando assisteva alle attenzioni che qualche uomo mi rivolgeva, aveva anche la modesta dotazione all'insù. Era la prova regina : Davide soffriva di avere una madre sexy, giovanile, provocante, ma non solo apprezzava il mio fisico, si eccitava quando gli uomini mi attenzionavano. Era un cuckold in erba, non di una fidanzata che non aveva mai avuto in 23 anni in primis per la sua timidezza, ma di sua mamma.





I suoi amici che mi paragonavano ad una pornostar. Un pomeriggio, mentre passeggiavo con Davide, indossando un vestitino color panna da cui era visibilissimo il tanga e la forma del mio sedere, un ragazzo mi scattava delle foto per condividerle su qualche gruppo maschile. I velati complimenti di conoscenti. Gli sguardi libidinosi degli uomini. Le battutine per strada. Il mio intimo super provocante ad asciugare, visibile a chi entrava in casa. I dubbi sulla mia infedeltà. Il mio essere disinibita. I miei sex toys nell'ultimo cassetto del Como della mia camera. Le camere separate con mio marito. I professori o gli allenatori del calcetto, che senza dire una parola a riguardo, erano in modo evidente turbati dalle mie forme.

Tutto ciò aveva creato in Davide una tortura, una sofferenza, perché sua mamma non era come le altre, ma una moracciona magra e ben vestita, imprenditrice e donna autonoma in un sud ancorato per certe cose a tradizioni maschilistiche, con una 4 di seno, che attirava le attenzioni di qualsiasi Maschio. Ma, allo stesso tempo, tutto ciò lo eccitava.



Capivo che la sua mania di controllo non era la classica attenzione di un figlio geloso per sapere se mi comportavo bene, ma tentativi di avere prove che fossi quella che sembravo agli uomini, una tremenda femmina da letto, l'idea che gli causava sofferenza e libidine.



Se prima quando tradivo cercavo di uscire da casa con discrezione, adesso anche se dovevo prendere un tè con un'amica giocavo a far soffrire Davide, a fargli credere chissà cosa, sapendolo eccitato.



Stivale sopra il ginocchio, autoreggenti nere, tanga in pizzo con una perla davanti, reggiseno semi trasparente, correvo in cucina facendo finta di spegnere i fornelli per fargli vedere come sarei uscita. Lui guardava di soppiatto, pregustandosi un pomeriggio di masturbazione ossessiva, immaginadomi alle prese di qualche uomo.



Uscita, apposta lo chiamavo con la scusa di controllare qualcosa a casa, immersa in silenzio nella macchina, per fargli credere ciò che lui sospettava.



In casa invece continuavo come sempre a girare mezza nuda, e lui ad apprezzare le mie forme generose, che invece quando sfoggiavo fuori lo facevano cadere in depressione.



Prese dalle mie manie di controllo, continuavo ad essere una madre apprensiva anche perché nonostante i 23 anni la sua timidezza non svaniva, periodicamente controllavo di nascosto il suo cellulare.

Quella notte, mentre lui dormiva beatamente, col suo Cell in mano mi misi a sbirciare ed entrai in telegram.

Questo racconto di è stato letto 4 8 7 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.