Nudisti per caso

Scritto da , il 2021-01-17, genere trio

Io e Luisa amiamo le coste alte e frastagliate, e ci trovavamo spesso a camminare sulle rocce.
L'Isola D'Elba ma anche la Sardegna, sono zone ricche di anfratti, e spesso esploriamo il lungomare cercando di raggiungere zone inaccessibili.
Basta camminare un po sulle rocce per ritrovarsi in calette incontaminate dove davvero sembra di essere i primi 'esploratori'.
Erano gli inizi della stagione estiva, quando ancora le isole non sono prese d'assalto dai turisti.
E proprio in una di queste camminate 'esplorative' sulle rocce siamo finiti in una piccola spiaggetta.
Praticamente un anfratto estremamente riparato, una rientranza in una scogliera altissima, nascosta ad ogni sguardo.
Luisa disse subito 'splendido, ci fermiamo qua'.
'Guarda che faccio', e si spoglia totalmente nuda, la cosa mi aveva spiazzato, non lo aveva mai fatto.
'Dai chi vuoi che ci veda', non nascondo un certo imbarazzo, ma eccoci entrambi come madre natura ci ha fatto.
Mia moglie splendida over 50 con due belle tette ancora sode, ed una passerona pelosa come si usava una volta.
Io con il mio discreto pisello a penzoloni, qualche chilo di troppo sovrastante, ma comunque il mio fisico da cinquantenne sportivo non è poi male.
Ci simo buttati in acqua, da nudi era davvero uno straordinario senso di libertà.
Poi siamo tornati nella spiaggetta a sdraiarci sui teli da mare ben distanti dai vestiti abbandonati su una roccia.
Eravamo oramai sdraiati da un po, che d'improvviso, prima che potessimo fare qualsiasi cosa, da dove eravamo arrivati comparve una splendida ragazza giovane.
Alta capelli lunghi, avrà avuto 30 anni.
Ci è passata davanti con aria quasi indifferente ed un leggero sorrisino, e si è andata a sdraiare poco più avanti.
Visto la nostra situazione ha pensato bene di adeguarsi.
Si è spogliata, era davvero stupenda.
Inutile dire che il mio pisello ha cominciato lentamente a risvegliarsi.
Mia moglie se ne è accorta subito.
'Guarda che porco, con me niente ma con lei ti si rizza?'.
Ero davvero in imbarazzo, anche perché la ragazza che aveva sentito, si è era girata con un sorrisino.
'Tanto è roba mia' dice mia moglie, e lo afferra nella mano e comincia stancamente a giocherellarci.
Ero davvero imbarazzato, anche perché più ci metteva le mani più si drizzava.
Ci si metta che la ragazza non sembrava tanto indifferente ogni tanto buttava l'occhio.
Non solo, ci aveva preso gusto.
Si alzò in piedi, a gambe allargate, guardava verso il mare e si lisciava i lunghi capelli.
Così erano in piena mostra il suo culo da sballo, la passerina e due tette dure con capezzoli che sembravano chiodi.
Inutile dire che il mio uccello aveva già preso tutta la consistenza di cui è capace.
Mia moglie cominciò a farmi uno straordinario pompino, in fondo è 'roba sua', e ci teneva a fare invidia alla ragazzina.
Da parte sua la giovane non si mostrava certo in imbarazzo anzi.
Sorrideva a mia moglie con uno sguardo di complicità.
Cominciò ad avvicinarsi guardando il mio pisello e come lo sbatteva e succhiava la mia lei, l'esperienza si vede.
Ad un certo punto la giovane sempre in piedi a gambe aperte, si infilò tre dita in bocca leccandole e succhiandole.
Cominciò ad accarezzarsi il clitoride con lo sguardo di chi è evidentemente in un lago di umori.
Questo eccitò ulteriormente mia moglie, che mi guardava e mi insultava 'ti piacerebbe vecchio porco, potrebbe essere tua figlia'.
Era vero ma non capivo più nulla.
La ragazza di avvicinò e disse a mia moglie 'le spiace se innaffio suo marito?'.
Mia moglie con un sorrisone 'faccia pure con comodo, si svuoti pure, mentre al suo seme ci penso io'.
La ragazzina sempre in piedi si mise a cavalcioni del mio corpo con i piedi all'altezza dei fianchi.
Ho visto i lucidi riflessi della vagina evidentemente allagata di umori.
Mia moglie intanto si godeva in bocca il mio membro entusiasta.
La ragazza ha cominciato ad ansimare sfregando sempre più velocemente il suo clitoride.
In un devastante orgasmo ha sparato un fiotto di liquido che mi ha investito in pieno, con un rantolo di piacere guardandomi con sfida.
Non ho più resistito, ho riempito la bocca di mia moglie, che non riusciva più a contenere il liquido.
Luisa si è rialzata evidentemente soddisfatta con la bocca che colava sperma da ogni lato sulle sue gigantesche tette.
Senza neanche pulirsi si è girata verso la signorina con un sorriso, 'grazie'.
E lei ha risposto 'grazie a voi'.
Dopo un po siamo rientrati, non sarebbe più successo, ma non abbiamo dimenticato, il solo ricordo ha infuocato tante altre serate di quell'estate memorabile.

Questo racconto di è stato letto 5 8 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.