Adult Garden

Scritto da , il 2021-01-16, genere scambio di coppia

Succede raramente di avere un sogno e questo, nel momento più inaspettato, proprio quando lo pensavi irrealizzabile, si materializza e la realtà arriva addirittura a superare la più rosea fantasia. E di fantasie, si sa, si nutre la nostra vita sessuale.
Siamo una coppia molto unita ed affiatata, un amore esclusivo, senza gelosie ma anche racchiuso nel nostro piccolo mondo: famiglia, figli, sport, qualche parente.
Non che la nostra vita sessuale andasse male, la routine però lasciava sempre un po’ l’amaro in bocca. L’amore fatto una, due volte (quando andava bene tre) a settimana, sempre sullo stesso letto con qualche variante, sempre meno pudore, ma sempre lì noi due eravamo. Il rischio della stanchezza si faceva sempre più concreto.
La gran parte dell’anno la nostra vita si divideva fra lavoro ed attività sportiva nei weekend, non ci eravamo però mai fatti mancare le escursioni al mare e i dieci quindici giorni agostani in campeggio naturista. Eh sì, siamo da sempre naturisti, non fraintendeteci, proprio naturisti: vita nudi in armonia con la natura, ma niente sesso (perlomeno esplicito e pubblico). Si Marco, da buon maschio, fantasticava da sempre l’ammucchiata, l’orgetta, il sesso di gruppo insomma; Anna rispondeva con sufficienza che non era aria.
Nel nostro girovagare in cerca di posti sempre nuovi dove poter prendere l’agognata tintarella integrale, ci era capitato a volte di trovarci in luoghi e situazioni più vicini alla filosofia swinger che a quella naturista. Marco si eccitava all’idea mentre Anna faceva la retriva, ma quando entravamo in tenda l’eccitazione di entrambi ci portava a fare di quelle scopate da segnare sugli annali. Questo confermava Marco nella sua idea che si poteva fare. L’insistenza di Marco ci portò anche a fare qualche puntata in club con Spa e privé senza mai però varcare l’uscio di quest’ultimi. Anna diceva che non la imbarazzava farsi vedere nuda, e ti credo dopo vent’anni di naturismo, ma il vedere altri impegnati in sesso esplicito (e tantomeno noi in pubblico), le creava disagio, salvo poi, come sopra, scatenarsi eccitatissima in privato.
E venne finalmente agosto anche quell’anno, i tanti impegni, non ci avevano lasciato il tempo e l’energia per programmare la vacanza, che poi era sempre così, in fondo amavamo l’avventura. Caricammo, come sempre all’inverosimile, la macchina; va bene la vacanza in campeggio ma qualche comodità negli anni eravamo riusciti ad organizzarcela: tavolo, sedie, fornello, frigorifero, sdraio, una grande tenda con tunnel nel mezzo e due camere ai lati e, novità di quell’anno, non più gli scomodi materassini tubolari, ma un grossissimo materasso gonfiabile, che sembrava di essere sul lettone di casa.
Partenza all’alba, bambini addormentati sul sedile posteriore, saremmo arrivati in Croazia in quattro cinque ore, i campeggi FKK li conoscevamo già quasi tutti, un posto per una famigliola con la tenda l’avremmo trovato di certo.
Il campeggio era molto bello ed attrezzato, trovammo una ampia piazzola ombreggiata da due grandi Pinus Pinaster, vicina al mare ed ai servizi, cosa ci mancava? La pompa per gonfiare il nostro mega materasso mancava! Qualcosa dovevamo pur dimenticare. Vincendo la naturale ritrosia e quel poco di imbarazzo che si ha al primo approccio, dopo un anno, con altre persone senza vestiti, sforzandosi di guardarli negli occhi, Marco chiese soccorso ai vicini di piazzola, una bella coppia più o meno della nostra età anche loro con due figli appresso. Lui un tipo normale, non palestrato, ma con fisico asciutto, pochi capelli qualcuno bianco, nel complesso un aspetto piacevole; lei piccoletta, un po’ formosetta ma senza un filo di cellulite e con tutte le curve al posto giusto, un fisichetto armonioso, insomma un piacere per gli occhi. Si dimostrarono fin da subito cortesi, simpatici e disponibili, era già da un po’ che dai loro lettini scrutavano i nuovi vicini. Più che le nostre operazioni di sbarco e di messa in opera del campeggio pareva fossero interessati ai nostri corpi. Beh, nemmeno noi siamo da buttare via, Marco con un fisico simile a quello del vicino, ma una dotazione che, complice il primo spogliarsi si era leggermente gonfiata, prometteva proprio bene; Anna quasi della stessa altezza, fisico longilineo, un bel seno sodo da far invidia a tutte le rifatte e una passerina con un filetto di peli ben curati ad evidenziare la fonte del piacere.
Dicevamo il primo approccio, il tentativo di guardarci negli occhi fu proprio vano, sembravamo due coppie di adolescenti timidi che non hanno il coraggio di alzare lo sguardo, invece tutti eravamo impegnati a dissimulare l’osservazione dei fisici, va bè chiamiamoli fisici, degli interlocutori. Marco notò e apprezzo il fatto che anche la fichetta della vicina non fosse completamente depilata, l’occhio di Anna cadde sul cazzo del vicino a prima vista più piccolo di quello a cui era abituata, certo da eretto avrebbe potuto riservare sorprese, ma questa fu la prima impressione. Scemato il primo imbarazzato approccio, Marco venne alla richiesta: “Piacere siamo Marco e Anna, avremmo bisogno di una pompa, non è che voi…”
Il vicino si scompisciò dalle risate: “Piacere Franco, lei è Sandra, per le pompe siamo sempre disponibili.”
“Belli e spregiudicati” fu il primo pensiero di entrambi. “No intendevo per il materasso”- tentò di correggere il tiro Anna. “Si, si, va bene anche sul materasso”- rincarò la dose Franco. Scoppiammo tutti in una fragorosa risata, il ghiaccio era rotto, i vicini erano simpatici e di compagnia. Per noi era una novità, avevamo conosciuto altre coppie negli anni passati, ma sempre quando ci accingevamo a levare le tende, senza quindi la possibilità di approfondire. Temevamo che quell’anno sarebbero stati loro ad andarsene presto, invece no, scoprimmo subito che erano arrivati da poco e si sarebbero intrattenuti fin dopo la nostra partenza.
Sandra si chinò all’interno della sua tenda per prendere l’oggetto da noi richiesto, all’occhio di Marco non sfuggì la perfetta rotondità del culo della vicina, con quel solco centrale che terminava nel frutto maturo di una splendida fica. “Se lo desiderate, vi do una mano”- disse Franco porgendo a Marco la pompa- “L’attrezzo è un po’ vecchiotto, ma usato nel modo giusto, pompa che è un piacere”. E vai di allusioni e doppi sensi. “Volentieri” - rispose Anna - “i ragazzi se ne sono andati al mare e una mano fa sempre piacere”, e daje.
Ci trovammo così, per la prima volta nella nostra vita, con un altro uomo svestito nella nostra camera, lascia pur che sia di una tenda, sempre camera è. La situazione era questa: Anna a quattro zampe che teneva il tubo della pompa, Franco in piedi con l’arnese, che per effetto dell’azione sulla pompa, penzolava proprio davanti alla faccia di Anna, Marco e Sandra che nel tentativo di distendere il materasso si sfioravano pericolosamente. Il caldo e il lavoro di gonfiaggio imperlarono tutti i nostri corpi di sudore mescolando i nostri odori e i nostri umori e provocando in tutti una strana eccitazione. Finito il lavoro ci sedemmo all’ombra dei pini a conversare e ci concedemmo quattro belle birre fresche, il frigo era sempre la prima cosa messa in funzione. Che fortuna trovare dei vicini così affabili, simpatici e con un modo di vedere la vita così simile al nostro, non ci saremmo certo annoiati in quelle vacanze.
Le prime giornate trascorsero così, con i bambini che giocavano assieme e gli adulti che, fra mare, pranzi, cene e chiacchierate approfondivano la conoscenza. I vicini, come da primo approccio, si dimostrarono molto più spregiudicati di noi e sicuramente meno timidi. Franco aveva sempre la battuta pronta, anche un po’ osé, rincalzato prontamente da Sandra che non si faceva mancare l’occasione di ammiccare ad Anna.
Dopo le lunghe serate insieme a chiacchierare, bere, giocare a carte, una volta addormentati i bimbi ci ritiravamo ognuno nella propria tenda eccitati all’inverosimile, Anna, già bagnatissima, prendeva il grosso e durissimo cazzo di Marco in tutti i modi, erano scopate fantastiche e sicuramente, dai suoni che ci giungevano, anche nell’altra tenda non si stava lì a pettinar bambole.
Oltre al linguaggio verbale, anche i nostri corpi parlavano, la confidenza acquisita in questi primi giorni ci avvicinò sempre di più. Dal sole, si sa, bisogna difendersi con le creme ma la schiena è difficilmente raggiungibile, così, una volta ben impomatati i bimbi, le mogli si dedicarono alle schiene dei rispettivi mariti, conclusa questa operazione, al momento del cambio, Anna e Franco furono richiamati dai bambini. Sandra non ci pensò un attimo ed invitò Marco a spalmarle la crema, “in fondo” – disse – “ormai siamo in confidenza”. Marco non se lo fece ripetere due volte, ma sentire la pelle calda della vicina sotto le sue mani ed il suo cazzo appoggiato sul suo bel culo, gli scatenò una tale tempesta ormonale che sarebbe stato imbarazzante far vedere in una spiaggia naturista per famiglie. Sandra si girò, vide il grosso cazzo eretto e che cominciava a gocciolare umori, fece un grande sorriso, si guardò intorno, diede un bacio delicato sulla cappella e disse: “se c’è la goccia… sono bagnata anch’io, è meglio se ci stendiamo a pancia in giù, prima che qualcuno ci noti e cominci a protestare”. La scena si ripeté, più o meno negli stessi termini, con gli altri due che, tornati alle stuoie, trovarono i primi stesi e non disponibili a girarsi, “allora faccio io” - disse Franco ad Anna, che accettò senza fare una piega.
La sera preparammo assieme la cena e i ristretti spazi attorno a tavolo e fornello provocarono vari sfioramenti e toccate, indipendentemente da sesso e coppia. La birra prima, il vino rosso e lo Stravecchio fecero il resto nell’abbassare il livello delle inibizioni, messi a letto i minori i discorsi si fecero più espliciti, noi esprimemmo le nostre posizioni, loro ci raccontarono che frequentavano saltuariamente dei club (fra i quali, in particolare, proprio quello dove ci eravamo recati qualche volta anche noi, senza mai osare però di entrare nell’area privé). Fu allora che ci proposero di mandare il giorno dopo i bimbi al Kinder garden, Marco fu più possibilista, mentre Anna si oppose fermamente: “siamo in vacanza una volta all’anno con i figli, non voglio assolutamente scaricarli in mani altrui!”.
La notte portò consiglio, più che a noi ai ragazzi, che si erano già accordati fra di loro per chiederci di partecipare alle attività ludiche pomeridiane del Kinder garden del campeggio. Così, inaspettatamente, quel pomeriggio eravamo completamente liberi.
Finito il pranzo e imbarcati i figli ci adagiammo sul nostro mega materasso per una pennichella ma, complici gli avvenimenti dei giorni passati, i discorsi della sera prima, la sorpresa della libertà pomeridiana, invece di dormire ci allacciammo in un sessantanove con Marco sotto con l’alzabandiera teso come non mai immerso nella calda bocca di Anna che a sua volta a cavalcioni sulla faccia del consorte col la fica apertissima, che colava il caldo succo sulla sua mobilissima lingua. Il caldo del pomeriggio era intenso e quindi lasciammo la tenda aperta, tanto nessuno poteva vederci senza entrare; i nostri corpi erano madidi di sudore, i nostri umori colavano copiosi, tentavamo di soffocare il più possibile i mugolii e gli scricchiolii del materasso, senza però riuscirci del tutto. Mentre Marco supino, con un cuscino sotto la testa, succhiava ardentemente il sensibile clitoride di Anna, si sentì sfiorare la fronte, neanche il tempo di capire cosa stesse succedendo, e vide passargli davanti agli occhi il cazzo di Franco che penetrò in profondità la fica bagnatissima ed accogliente di Anna, che a sua volta, non riuscì a reagire trovandosi simultaneamente la lingua di Sandra allacciata alla sua attorno al prepuzio di Marco. Proprio un’azione da commando, coordinata nei minimi particolari, che non ci diede né il tempo di pensare né quello di reagire. Non ci restava che abbandonarci agli eventi. Sentire un cazzo in fica mentre una lingua le titillava il clitoride e un’altra le contendeva il glande del marito portò Anna a dei livelli di piacere mai sperimentati; per non parlare di Marco con quella penetrazione in primo piano e due bocche che gli succhiavano alternativamente asta, palle e cappella…
La situazione si evolse con Sandra che si adagiò a spegni moccolo sul cazzo di Marco, non era abituata a quelle dimensioni ma le accolse molto volentieri, mentre Anna la baciava e le succhiava i capezzoli, sull’altro lato Franco pompava ardentemente non disdegnando talvolta di togliere il cazzo dalla fica per infilarlo in bocca a Marco che, inaspettatamente anche per se stesso, apprezzò, d’altra parte se sesso di gruppo deve essere, senza limiti sia. Le posizioni cambiarono più volte ed ognuno poté apprezzare la fica, il cazzo, le tette di tutti gli altri, ma l’eccitazione alle stelle portarono presto tutti a venire con grandi sborrate e sbrodolamenti che tutti si affrettarono a degustare come dei buoni vini d’annata. Ormai eravamo lanciati, non potevamo finire così presto, le bocche, le mani e le lingue si riattivarono subito a far risorgere i morti, riuscendo in breve tempo nell’intento. Si riprese da capo con nuove posizioni ed incroci finché Franco non appoggiò il suo glande sul buchetto di Anna che però si ritrasse, eh sì il sesso anale era uno degli ultimi nostri tabù, non l’avevamo mai fatto forse spaventati dalle dimensioni del membro di Marco. Con molta delicatezza Franco si portò sul culetto della sua sposa e piano vi introdusse il suo cazzo, di dimensioni, bisogna dirlo, più modeste, fino in fondo, mentre con un dito continuava a titillare e piano penetrare la rosellina di Anna. Sandra voleva di più e con gesto atletico riuscì a riempirsi anche la fica col cazzo di Marco. Noi non eravamo dei grandi fruitori di porno e l’inusuale immagine della doppia penetrazione insieme ai gemiti di piacere di Sandra ci scatenarono ancora più grandi appetiti, dovevamo provare. Lo confessammo agli amici, che con molta calma e pazienza, aiutati dalle mani e dalle lingue di tutti, piano piano rilassarono il buchetto di Anna finché fu pronto ad accogliere il cazzo di Franco. Eravamo entrambi senza fiato: Anna per la prima volta con un cazzo in culo e Marco a vederla così porno. Franco iniziò a pompare lentamente, mentre Sandra leccava la fica dell’amica che a sua volta si rilassava sempre più succhiando il cazzo di suo marito, ormai era pronta anche lei per la doppia. E doppia fu, con scarico contemporaneo di due immense sborrate in fica e culo.
Ormai era tempo di andare a recuperare i pargoli, eravamo stravolti, ci ricomponemmo al meglio e ci avviammo tutti e quattro; li trovammo allegri, felici e decisi a frequentare anche i giorni successivi il Kinder garden, nessuno si oppose.

Questo racconto di è stato letto 4 8 5 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.