Lo sposato che mi arrapa

Scritto da , il 2021-01-14, genere tradimenti

Scrivo questo racconto perchè avrei bisogno di vostri consigli riguardanti la mia situazione, che si è creata da un pò di tempo oramai. Non è un vero e proprio racconto erotico (se non in alcuni episodi realmente vissuti che qui vi riporterò per farvi capire lil tutto) e per avere una risposta da voi sul da farsi. Ho 40 anni, sono bisex e convivo con un uomo, anche se mi capitano (appunto da bisex) qualche volta scappatelle con donne. Vivendo in un complesso di appartamenti, le persone si conoscono tutte anche se può capitare qualche andirivieni di gente nuova o li di passaggio. Da due annetti accanto al nostro condominio si è trasferita una famiglia di 4 persone, incluso lui: l’uomo che mi mette sempre tanta eccitazione addosso. E’ un padre di 3 bambini, di nazionalità albanese ed è spostato con una splendida donna. Si può definire “un tutto fare” visto che mi è capitato di vederlo in svariate situazioni di ristrutturazione, riparazione di macchine ecc, anche se di professione fa il camionista (e questo accende ancora di più in me tanta eccitazione). Lo vidi la prima volta mentre stava aiutando (non so se fossero parenti o amici) a modificare e arredare un appartamento vicino al nostro. Era estate, il caldo dirompeva ed era tutti i giorni a petto nudo e in jeans (potete capire l’esplosione di testosterone in quell’appartamento quell’estate) . Notai subito il suo sex appeal da uomo possente. Avrà su per giù 53/55 anni, di corporatura massiccia, non depilato e che a vederlo sprizza erotismo da tutti i pori. Si accorse di me quasi sin da subito, o almeno da quando io avevo iniziato a guardarlo spesso dal terrazzo e quando ci incrociavamo per strada. Mai un “ciao” o un “Buongiorno”, neanche ai giorni d’oggi. Fatto sta che , a parere mio è a conoscenza della mia convivenza con un uomo, sicuramente tramite le riunioni di condominio o anche trovandoci fuori dal portone mentre porto la spesa in casa con il mio compagno. Non so perché, ma quest’uomo mi mette sempre tanta voglia addosso e non nego che su di lui mi ci sono masturbato spesso, nel fantasticare situazioni quasi da film porno e questo succede anche al giorno d’oggi. Mi ricordo la prima volta che lo vidi, io stavo lavando la macchina sul marciapiede, e lui parcheggiò il camion proprio dietro di me. Spento il motore, chiuse le tendine del passeggero e del guidatore e lasciò quelle anteriori aperte. Si alzò in piedi (come per cercare qualcosa nel ripiano superiore del camion) e notai che era con i pantaloncini corti di tuta. Quando vidi questo bel maschio, camionista e in quella mise, entrai all’interno della macchina sul sedile posteriore per non perdermi lo spettacolo e facendo finta di pulire i vetri dall’ interno. I nostri occhi si incrociarono, anche se feci il possibile per non farli capire il mio interesse, ma lui, guardandomi si tirò giù i pantaloncini e notai il grosso pacco nelle sue mutande. Lui non so se si accorse che lo stavo guardando, ma in quel momento iniziò a toccarsi il pacco come a volerlo mostrare meglio e quasi a farselo indurire. Dopodiché chiuse la tenda anteriore, aprì il camion, scese e andò in casa, come ugualmente feci io per fiondarmi in bagno e segarmi. Li lo vidi la prima volta e mi sembrò quasi un immagine da film porno da (speravo) poter rivivere ancora. Successivamente, a parte i vari incontri per strada senza un saluto, ricordo un’altra volta che parcheggiai la macchina proprio davanti al suo giardino. Essendo contornato da siepi non mi aspettavo certo di poter vedere chissà che cosa, ma visto che mentre avevo parcheggiato mi suono il cellulare, risposi e rimasi almeno 15 minuti in macchina a parlare con il motore acceso. La telefonata era importante ed ero molto preso nel rispondere attentamente. Quando la chiamata stava giungendo al termine, mi girai verso la casa e intravidi un piccolo spioncino (in cui le siepi non erano cresciute) dove si poteva intravedere qualcosa che si muoveva continuamente. Anche non sapendo cosa fosse (ma mi bastava solo l’idea che lui fosse in casa), quasi al termine della chiamata mi accorsi che le mie dita iniziarono a toccare il mio pacco decisamente, ma senza dare nell’occhio. Dopo poco lui uscì in giardino (ero sicuro che fosse lui perché si era messo proprio nel punto in cui le siepi non erano cresciute) e mi salì un brivido. Poco dopo si mise a guardare nella mia direzione e incrociando lo sguardo capii e vidi con i miei occhi che era in mutande e petto nudo. Un pacco gonfio e immenso dentro a quegli slip marca “uomo” celesti. Rimase li per un pò, quasi come se volesse che mi accorgessi di lui, poi ci incrociammo gli sguardi, tornò in casa e poi tornò al solito punto (quasi come non volesse farsi scoprire dalla moglie). Scesi di macchina, mi detti una tastata al pacco per bene e salii in casa, dove mi aspettava una bella sega su di lui rivivendo quella situazione e con un finale decisamente immaginato e più erotico. Questa e quella raccontata precedentemente del camion, sono state le immagini che spesso mi ricordo per la mia masturbazione ancora oggi. Per un pò non l’ho più rivisto, fino a quando non mi sono ricapitati alcuni incontri per strada di sfuggita, come quando andavo a comprare le sigarette oppure si metteva a lavare la macchina per strada, mentre io ero alla finestra a fumarmi una sigaretta e ovviamente per guardarlo. Sono sicuro che lo ha anche notato, visto che guardava spesso verso la mia finestra quando si trovava da quelle parti. DI questi tempi (essendo in inverno pieno) non mi è più capitato di vederlo in situazioni come quelle che vi ho descritto poco fa, ma spesso accompagna i bambini a giocare ai giardini che sono sul retro del mio condominio. Oramai riesco a riconoscere anche la sua voce e ogni volta che la sento è quasi impossibile che io non improvvisi una lavatrice sul retro o mi fumi una sigaretta in mutande sul terrazzo per vedere se scatta qualcosa. Quel che mi sono accorto è che : una volta che si accorge della mia presenza (nonostante stia dietro ai movimenti dei piccoli per evitare il peggio) gli capita spesso di far cadere il suo sguardo verso di me. Questo, senza ammiccamenti, toccate, occhiolini o minimi segnali di interesse. guarda, guarda continuamente senza dare nell’occhio alle persone vicine. Non vi dico quando decide di tornare a casa e riprende i bambini per mano. Da quando riprendono la strada per tornare a casa (e quindi passando sotto il mio terrazzo) parla con i bambini ma man mano che si avvicina alla mia posizione guarda verso di me, parla e guarda verso di me, sorride ai bambini e guarda verso di me. Mai un “ciao” o un “buonasera” solo sguardi, come quelli che lancia sempre alla mia finestra quando passa per strada anche velocemente o si ferma a parlare al telefono appoggiato alla sua macchina. Ieri l’ho trovato che portava la spesa dalla macchina all’ entrata del condominio e non ho potuto fare a meno di darmi una toccata al pacco quando i nostri occhi si sono incontrati, ho notato anche un leggero ricambio da parte sua (di toccata). SO che magari potrà sembrare un racconto di un ragazzino di 15 anni, ma essendo lui un uomo sposato non vorrei creare casini, sono pienamente consapevole che la sua situazione non sia facile ma allo stesso tempo mi trovo al perso, perchè fantastico tutt’ora su di lui, su cose che farei. Non so se possa essere davvero interessato a qualcosa (anche di soft), non voglio certo fare di tutta l’erba un fascio ma essendo camionista secondo me ne ha viste e ne ha fatte di tutti i colori, essendo i camionisti rinomati come porci ecc. Il mio dubbio è: Mi sta continuamente guardando perchè forse potrebbe essere interessato e un pompino se lo farebbe anche fare, oppure mentre mi guarda penserà a una cosa tipo “ Questo finocchietto non smette mai di fissarmi, ma cosa vuole da me?” Questo è il cruccio, il dubbio che ancora mi porto dietro, ciò nonostante non riesco a non fantasticare su di lui e a guardare se è presente in casa (ammiccando uno sguardo al mio passaggio nella siepe) o se c’è la sua macchina parcheggiata. Ciò che vi chiedo è: COSA NE PENSATE? e cosa posso fare per approcciare? Delle volte ho pensato di affacciarmi alla finestra tutto nudo per vedere la sua reazione, ma rimarremmo sempre allo stesso livello di oggi, occhiate e niente sesso. Mi piace, non c’è momento che non mi tocchi quando lo vedo o al solo pensiero. Lo vorrei succhiare in casa quando sono solo, improvvisando un caffè o non so cosa. Se potete rispondermi sarebbe veramente un grande aiuto, sapendo i vostri consigli e la vostra reazione a questo racconto sicuramente sarebbe più facile muovermi. Grazie del tempo che mi avete concesso nel leggermi.

Questo racconto di è stato letto 3 7 9 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.