Le docce del campeggio

Scritto da , il 2020-12-11, genere incesti

La storia che ho deciso di raccontare qui dopo mesi di riflessione risale al luglio dell'anno scorso. Mi trovavo in vacanza in un campeggio di una nota località marittima del nord Italia con mio marito, 48 anni di cui 20 da sposato, e mio figlio, studente universitario di 21 anni, nato qualche mese prima del nostro matrimonio, che curiosamente aveva accettato di venire in vacanza con i suoi genitori invece che con gli amici. Mia figlia minore, invece, era in Spagna con le amiche.
Io ho 45 anni, portati meglio delle mie coetanee grazie alla mia passione per il nuoto, e mi reputo una bella donna, nonostante qualche chilo in più sui fianchi.

Terza giornata di vacanza, caldissima e afosa. Sono ormai le 8 di sera e stiamo tornando dalla spiaggia più tardi del solito, ricoperti di sabbia, sudore e residui di crema solare. Di solito prima di cena ci andiamo a fare la doccia uno alla volta con calma, per liberarci della sporcizia accumulata durante il giorno, tuttavia oggi la situazione si evolve in maniera inaspettata.

-"Si sta facendo tardi, voi andate e guadagnate tempo mentre io preparo il grill per la
carne. Cercate di sbrigarvi."
"Tardi? Sono solo le otto e siamo in vacanza!", pensai, senza però obiettare: conoscevo il carattere di mio marito e non volevo litigare di nuovo per una cosa così futile.
-"Andiamo, Uomo!", dissi con tono scherzoso a mio figlio, che chiamavo affettuosamente così da quando era diventato maggiorenne. Lui annuì e raccolse le cose che gli sarebbero servite per la doccia. Ci avviammo velocemente verso i bagni pubblici.

Come tutti i bagni pubblici, anche questi erano divisi in maschile e femminile. A destra gli uomini, a sinistra le donne. All'ingresso salutai mio figlio e mi diressi verso la sezione femminile, ma notai subito un grosso problema: davanti all'entrata per le docce femminili si era formata una fila di circa 20 persona, tutte con asciugamani e bagnoschiuma in mano.
"Qui ci vorranno ore! E chi lo sente poi mio marito? Meglio tornare più tardi.", pensai.
Mi voltai e feci per uscire dai bagni, ma poi vidi mio figlio:
-"Cosa fai qui fuori? Io torno da papà, c'è una fila infinita."
-"Ho visto la fila da fuori e ho pensato che saresti tornata indietro, ma dagli uomini fila non ce n'è e c'è anche una doccia libera: se ci muoviamo possiamo entrare insieme e lavarci velocemente."
-"Come insieme? Sei impazzito?!"
-"Dai mà, sono tuo figlio, mi hai visto nudo migliaia di volte da piccolo!"
-"Ma tu non dovresti vedere me! E poi se qualcuno mi vede entrare ed uscire dal bagno degli uomini insieme ad un ragazzo molto più giovane?!"
-"Ci staremo attenti! Uscirai con l'asciugamano che ti copre per intero. Sbrigati prima che arrivi qualcuno e ci rubi il posto!"
Accettai. D'altronde, meglio quella soluzione rispetto a sentire mio marito brontolare perché avremmo dovuto tornare prima dalla spiaggia e evitare di perdere tempo alle docce.

9 delle 10 docce maschili erano occupate, la stanza comune era vuota. Corremmo verso l'unica doccia libera, entrammo e ci chiudemmo dentro. La doccia era un po' stretta per due, ma d'altronde erano pensate per una singola persona. Iniziammo a toglierci i costumi da bagno, sia io che lui notevolmente imbarazzati. Ci girammo schiena contro schiena. Iniziai io dal reggiseno, mentre lui si sfilava i boxer. Poi mi tolsi gli slip. Mentre riponevo gli indumenti nel box dedicato a lato, lo sguardo mi cadde su mio figlio girato di schiena.

Non lo vedevo completamente nudo da anni. Aveva un bel fisico asciutto, anche se non palestrato, un bel culetto sodo che avrei quasi voluto toccare, e aveva anche un bel visino da uomo appena sbocciato, anche se non era visibile in quel momento. Era proprio un bel ragazzo. Mentre lo osservavo persa nei miei pensieri, lui si girò di scatto per aprire l'acqua della doccia, e fu in quel momento che lo vidi. Tra le sue gambe pendeva il suo pene, non enorme ma ben proporzionato, visibilmente eccitato, anche se non completamente eretto, con i testicoli gonfi visibili al di sotto. Nello stesso istante, lui diresse lo sguardo verso il mio pube ben curato.

Mi sentii come se mi fosse appena esploso il cuore dall'eccitazione, così, improvvisamente. Sapevo che era sbagliato, eppure non riuscivo a distogliere lo sguardo. Arrossimmo entrambi. Io mi sentivo come un fiume in piena e feci quella che è a tutti gli effetti una follia. Allungai la mano sotto l'acqua calda, gli presi il pene e lo scappellai.
-"Mà? C-Che stai f-fac-"
Ora non potevo più tornare indietro.
-"Ti va di divertirci un po' tra noi? Ormai sei grande, sai che tra me e tuo padre non sta andando benissimo ultimamente, e sia io che tu abbiamo dei bisogni da soddisfare. Non diremo nulla a tuo padre."
-"Sai mà, un po' ci speravo... sei sempre stata bellissima."
Gli sorrisi con un faccia leggermente stupita e gli dissi scherzosamente:
-"Senti il mio Uomo! Vuole scoparsi sua mamma, eh?!"
Tenevo il suo pene in mano, ora completamente eretto, e lo sentivo spingere contro il mio ombelico. Era eccitato oltre ogni misura, così come lo ero io. Fortunatamente il rumore dell'acqua copriva le nostre parole. Avvicinai il mio viso al suo e gli infilai la lingua in bocca, mentre con la mano destra iniziai a masturbarlo lentamente e con la sinistra gli tenevo il culo. Lui con le sue mani mi stringeva le tette. Quel bacio sembrò durare per ore.

Quando ci staccammo, mi chinai velocemente e glielo presi in bocca, mentre fissavo i suoi occhi con i miei. Non avevo mai visto il volto di mio figlio contorto dal piacere in quel modo. Con la mano sinistra gli presi le palle. Iniziai a muovermi a maggior velocità: sentivo quel cazzo duro e caldo arrivarmi fino in gola e stavo impazzendo. Ma volevo anche quel culo. Mi staccai per un secondo dal suo cazzo e dalle sue palle, mi infilai il mio dito medio sinistro in bocca mentre con la mano destra continuavo la sega.
-"Uomo, ora ti faccio godere."
Infilai la mano sinistra tra le sue natiche e gli penetrai l'ano con il dito medio umido di saliva, spingendo piano piano fino in fondo.
-"AAH! Ma-"
-"Ssshhh! Non fare rumore e goditela!"
Gli ripresi quella bellissima cappella in bocca e iniziai a spompinarlo mentre lo inculavo ritmicamente. Iniziai a roteare il dito cercando la prostata e continuai l'inculata. Era al limite.
-"Mamma, vengo!"
Staccai la bocca da lui e continuai a masturbarlo fino all'orgasmo: mi venne in faccia e sul seno, poi crollò esausto.

"Che diavolo ho appena fatto?!", pensai per un secondo, ma poi l'eccitazione prese di nuovo il sopravvento. Volevo godere anche io.
-"Adesso tocca a me, Uomo!"
Lui mi sorrise e si mise accanto a me in ginocchio. Mi alzai, e appoggiai la vulva sul suo viso. Senza farsi pregare, iniziò a divorarmi il sesso: sentivo la sua lingua passare dal clitoride all'interno della vagina e viceversa, a cui alternava due dita. Ero in paradiso. Ora desideravo il suo cazzo dentro di me, desideravo che mi prendesse e mi inculasse fino a riempirmi con il suo seme, ma la parte sana che era rimasta in me decise di non rischiare una gravidanza con il mio stesso figlio: per oggi poteva bastare il sesso orale.
Nel frattempo lui infilava la sua lingua nel mio culo, mentre mi penetrava la vagina con tre dita.
A causa di tutta l'eccitazione accumulata prima, non durai molto. Iniziai a muovere i fianchi e mentre strofinavo il clitoride sulle sue labbra venni intensamente.

Mi inginocchiai al suo fianco con il fiatone e gli diedi un bacetto sulle labbra.
-"Sarà tardissimo, dobbiamo muoverci. A tuo padre diremo che c'era molta fila sperando che non si incazzi come al solito e che non sospetti nulla."
Ci lavammo di corsa e corremmo fuori. Incrociammo un uomo che stava uscendo da una doccia, ma lo ignorammo. In fondo, il mio volto era coperto e per quello che ne sapeva lui potremmo essere stati dei semplici fidanzati.

Quando tornammo alla tenda, naturalmente mio marito impazzì.
-"Ma dove siete stati?! Siete partiti un'ora fa!"
-"C'era molta fila, a quest'ora vanno tutti."
-"Non mi interessa! Dovevate pensarci prima e tornare dalla spiaggia presto!"
Lasciai la discussione morire lì. A cena notai però che mio figlio era taciturno, imbarazzato e non incrociava lo sguardo con me. Pensai di aver combinato un disastro e di aver rovinato il nostro rapporto in qualche modo, ma non potevo cercare di risolvere parlandoci con il padre nelle vicinanze.

Il giorno seguente praticamente non parlammo. Mio figlio passò il tempo in spiaggia tra libri e musica, senza neanche farsi una nuotata. Decisi che dovevo intervenire al più presto, prima che mio marito iniziasse a sospettare qualcosa. Quel giorno tornammo dalla spiaggia molto prima ed il tempo per lavarsi uno alla volta c'era, ma non mi interessava.

-"Allora Uomo, andiamo a farci una doccia?"





Questo racconto di è stato letto 2 7 0 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.