Sabato da Alice parte 1 (continuo di: "Lo spogliatoio")

Scritto da , il 2020-12-06, genere trans

Quello che state per leggere è il continuo del racconto "Lo spogliatoio".


Dopo quel giovedì indimenticabile, in cui avevo scoperto il segreto della mia bellissima compagna di classe Alice, e ci eravamo divertiti nelle docce, ovviamente ci rivedemmo in classe il giorno dopo.

Lì parlammo tutto il tempo che ci era concesso riguardo a cosa avremmo voluto fare della nostra relazione, passammo molto tempo assieme, ma aspettai la fine delle lezioni per fare discorsi più privati riguardo al segreto e a quello che avremmo voluto sperimentare.
La invitai a mangiare fuori, e provai a parlarle, quello che avevamo fatto l'altro giorno mi era piaciuto tantissimo, e ora non riuscivo a  pensare ad altro che a lei, volevo condividere tutto con lei, e sperimentare quello che più ci sarebbe piaciuto.
Anche lei dal canto suo era felice ed estasiata, non immaginava che l'avessi preso così bene il suo segreto, e come me non vedeva l'ora di sperimentare, provare e condividere  cose nuove.
Passammo il resto di quel venerdì assieme a parlare, le chiesi della sua vita, di come aveva convissuto con quella cosa, e altre domande personali. La sera però ci dovemmo separare, l'indomani avremmo avuto scuola.

La riaccompagnai a casa, e ci baciammo profondamente sotto la porta di essa; ma proprio mentre lei stava per entrare, tornò da me che stavo per ripartire con il mio motorino e mi disse:" Senti... questo sabato... dopo la scuola... ti andrebbe di passare la giornata e la nottata a casa mia... per sperimentare alcune di quelle cose di cui abbiamo parlato oggi? i miei sarebbero fuori casa e avremmo tutta la casa per noi e tutto il tempo di cui abbiamo bisogno.
Rimasi piacevolmente sorpreso da quell'invito, e accettai volentieri. Sentendo le mie parole di assenso gli occhi di alice si riempirono di felicità, mi abbracciò e baciò ringraziandomi di esistere (non saprei descrivere quanta felicità provai nel sentirmi rivolgere quelle parole da quella bellissima creatura) per poi ritornare sui suoi passi ed entrare a casa salutandomi con un: "Allora... a domani".

Passai tutta quella sera a rimuginare su quello che avremmo potuto fare, sarebbe stato bellissimo... anche se avevamo affrontato poco in quella giornata il fattore della mia passività, ed ero preoccupato di alcune cose: cos'avrei provato a svolgere un ruolo passivo? mi sarebbe piaciuto? mi avrebbe fatto male? come sarebbe stato fare una pompa o una sega? Da una parte ero curioso, dall'altra spaventato.
Provai persino a scrivere questi miei dubbi ad Alice che però mi rispose con un enigmatico e simpatico: "lo scoprirai assieme a me domani" senza dirmi nulla d'altro. Anche se non riuscii a liberarmi dai dubbi presi ugualmente sonno.

La mattina seguente mi svegliai presto, mi feci una doccia e mi rasai completamente il corpo, cosa che facevo comunque settimanalmente per alcune parti del corpo e che perciò non mi prese troppo tempo. Mi vestii e uscii in fretta di casa. Arrivato a scuola incontrai Alice che mi disse: "oggi è il gran giorno, avrai risposta a tutte quelle interessanti mio piccolo stallone curioso" per poi non rivolgermi più parola per il resto della giornata scolastica, facendo così accrescere in me la curiosità e il timore.
A fine giornata scolastica salii sul motorino, lei si sedette dietro di me, si avvinghiò con un abbraccio e mi sussurrò in un orecchio con voce maliziosa e sensuale:"sei pronto a ricevere le tue risposte" (dicendolo strusciò la patta dei suoi jeans contro il retro dei miei, facendomi sentire quanto fosse già eccitata all'idea).

Durante tutto il viaggio si strusciò su di me sussurrandomi a volte:"che bel culetto che hai, non vedo l'ora di provarlo e darti le tue risposte" lo diceva sia con malizia che con simpatia, dopo averlo detto solitamente scoppiava in una risatina, anche se in me queste parole causavano un effetto sia di impazienza che di timore di provare.

Arrivammo a casa sua, inserì le chiavi nella toppa ed entrammo. Mi fece fare un giro della sua bella casa, salotto con un grande divano comodo e una bella televisione; la cucina abbastanza grande, il bagno con una doccia spaziosa, e la sua camera da letto con un letto matrimoniale, una scrivania di vetro con su un bel portatile.

Alice:"bene, adesso che hai visto la casa...(si avvicina a me) non ti sembra sia arrivata ora di vedere qualcos'altro? dicendolo mi mise un braccio attorno al collo, ed una volta finito di parlare ci avvinghiammo in un abbraccio e in un bacio passionali e prolungati. finito il bacio alice si tolse il cappotto per poi buttarsi sul letto, io feci altrettanto; una volta sdraiati, io sopra di lei ci guardavamo negli occhi, ci volle poco perchè io la spogliassi lasciandola in intimo. Era bellissima, un intimo nero molto raffinato, le mutandine le contenevano a stento la "sorpresa". Iniziai a palparle i seni e a baciarle il collo, ma prima che potessi fare altro lei mi prese, e ci cambiammo di posizione, io sotto lei sopra, mi tolse la maglia ed iniziò a strusciare quel suo culo da urlo sulla patta dei miei pantaloni, me lo fece diventare presto di marmo, ed una volta ottenuta l'effetto desiderato me li slaccio, mi levò delicatamente le mutande e iniziò a fari una sega da urlo quasi meglio di quella che mi aveva fatto l'altro giorno nella doccia, mi segava e mi massaggiava i testicoli, cambiava il ritmo della sega, e poi prese anche ad usare la linguà, leccava tutta l'asta, mi ciucciava le palle e se lo infilava totalmente in gola, io gemevo dal piacere; ma anche questa volta proprio sul più bello si fermò, si sfilò il cazzo dalla bocca, si leccò le labbra e si avvicinò strusciandosi completamente su di me per baciarmi, sentivo il mio cazzo bagnato della sua saliva che le sfiorava quei suoi due bei seni sodi e il suo bellissimo corpo mentre il suo cazzo eretto mi sfiorava il busto stretto in quelle mutandine. 

Ci baciammo poi lei salì ancora su di me, fino a portarmi quel suo bellissimo seno ad altezza faccia, e se lo scoprì davanti a me. Non resistetti alle tentazione e iniziai a giocare e stimolare con la bocca quei suoi bellissimi capezzoli turgidi, lei faceva un'espressione di assenso, ma dopo poco mi chiese con voce maliziosa:"non ti sembra sia arrivata finalmente ora di giocare e succhiare qualcos'altro?" dicendolo scese da sopra di me e mi si mise inginocchiata affianco, con il cazzetto duro nelle mutandine.

Sapevo che sarebbe arrivato quel momento ma non mi ero preparato ad affrontarlo, tentennai, ero indeciso, eccitato, curioso e spaventato. Lei lo notò e mi disse:"dai, non c'è nulla di cui aver paura,  non ti mangia mica, anzi, sarai tu a mangiare lui (piccola risata beffarda)"

A quel punto mi feci coraggio, mi sistemai di fronte a quel cazzetto di 13cm e come prima cosa lo liberai da quelle strette mutandine, ora lo avevo li, di fronte a me eretto, non sapevo precisamente cosa fare così allungai titubante una mano per avvolgerlo delicatamente. Fu una sensazione strana  stringere un cazzo non mio, era caldo e duro; a quel punto iniziai a muovere la mano, a segarlo; feci come Alice aveva fatto con me e immaginando che quello fosse il mio cazzo.
Dopo poco iniziai a prenderci la mano, segavo con molta più sicurezza, è la faccia compiaciuta di lei mi diede conferma di ciò. A questo punto azzardai e aggiunsi anche l'altra mano a massaggiarle le palle lentamente, lei mi disse:"non male per essere la prima sega, ora ti manca da aggiungere solo una cosa" dicendo questo si prese il cazzo in mano e lo avvicinò alla mia bocca. Aveva un buon odore, ma non ero sicuro di volerlo fare, lei notando la mia titubanza mi disse:" daiii...ti posso assicurare che non c'è niente di meglio di succhiare un bel cazzo (dicendo questo mi strusciò un po' la cappella sulle labbra) e poi io l'ho fatto per te, sarebbe ingiusto se tu non ricambiassi facendomi godere allo stesso modo(espressione da cucciolona); con quel faccino mi sciolsi, e le dissi: " eh va bene, proviamo a succhiare un bel cazzone" detto questo iniziai a dare qualche timida leccata alla cappella, aveva un buon sapore un po' salato forse. Dopo qualche timida leccata con la lingua leccai completamente la cappella facendocela girare attorno. A questo punto ripresi a stimolarla con le mani, mentre le leccavo la punta di quel suo bel cazzetto. Ne leccai l'asta e provai persino a succhiare le palle, sembra che queste cose le piacessero molto dalla faccia inebetita che faceva e dalle frasi : "sii.. da bravo continua cosi... vedo che hai già imparato alcuni trucchetti da me..." dette con la voce incrinata dal piacere.

Provai ad infilarmi in bocca quel suo bellissimo arnese. la mia bocca era calda, lo avvolgeva, lo stimolavo con la lingua, ma ero titubante a farlo entrare in gola. Dopo un po' che lo tenevo lì, Alice fece una cosa per me inaspettata, mi mise le mani dietro la nuca e mi fece ingoiare completamente il suo pene.
Mi sentii soffocare, la mia gola avvolgeva e stringeva quel membro che la occupava interamente, era una sensazione stranissima, sia piacevole che soffocante, la mia saliva colava copiosa sul suo cazzo di cui stuzzicavo l'asta muovendo la lingua. Dopo qualche secondo mi lasciò andare, mi staccai e iniziai a cercare aria con la bocca ansimando; era stata un'esperienza sconvolgente, e mi era persino piaciuta!
Lei mi disse:"scusa... ma volevo farlo assolutamente... non sai quant'è stato piacevole..." finito di ansimare la guardai negli occhi e le dissi:"non ti preoccupare, non è stato poi così male, anzi, mi è piaciuto succhiartelo per bene" (detto con voce ammiccante. Lei: "sono felice di sentirtelo dire, almeno abbiamo risposto ad una delle tue domande, ora... tocca alle altre..."


Si conclude così questa parte del racconto, vi chiedo ancora una volta: che pareri avete riguardo ad esso? Cose da migliorare? Cose che vi sono piaciute particolarmente?

Ma soprattutto: VI PIACEREBBE LEGGERE UN POSSIBILE CONTINUO? e se si, c'è qualcosa in particolare che vi piacerebbe succedesse in esso?

Attendo con ansia i vostri commenti e pareri.

Questo racconto di è stato letto 3 1 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.