Alta marea

Scritto da , il 2020-11-30, genere tradimenti

Ha le mani pallide agganciate sui fianchi, le unghie laccate quasi infilate nella carne. L'ho fatta grossa.
Quando si arrabbia è inevitabile per me pensarla come il mare: forse perché i capelli le disegnano decine di onde sui seni mentre gesticola, forse perché è sempre tremendamente calma prima di scatenare una tempesta. Sono così imprevedibili tutte le donne o sono io che di femmine non ci capisco un cazzo? Sorrido al pensiero che se la chiamassi 'femmina' mi mollerebbe un ceffone. La conosco così bene che persino adesso, dopo un "è finita" detto per farmi soffrire, mi scopro ad osservare il profilo dei seni sodi sotto la camicetta. Si rifiuta di indossare il reggiseno, uno strumento di tortura moderna a detta sua, ma un alleato fedele alla mia concentrazione. Arretro di un passo, non è il suo tono di voce ad allontanarmi, non potrei scappare da quelle labbra imbronciate, voglio solo guardarla meglio.
Quando hai scopato con qualcuno così a lungo, non hai bisogno di chiudere gli occhi per immaginare il rosa candido dei suoi capezzoli, per ricostruire il brivido di piacere che la attraversa quando ha un orgasmo. I miei occhi la incorniciano dal basso verso l'alto e di nuovo dall'alto verso il basso: ha una macchia di caffè appena sopra il ginocchio, segno che anche sta mattina il caffè l'ha preso di corsa, chissà dove, chissà con chi. Un uomo più saggio di me certo non la menzionerebbe in questo momento, ma la saggezza non figura fra poche qualità che posseggo. Le faccio notare che sembra una bambina, incapace di arrivare a fine giornata senza sporcarsi qualcosa. Le dico persino che non sa prendersi cura di se stessa, solo per farla infuriare.
Increspa le due rughe scolpite al centro della fronte, non potevo dirle cosa più stupida. Quali sono le mie priorità? Mi incalza, sono un ragazzino, non sò affrontare una conversazione matura.
Sò che non c'entrava niente, ma non riesco a farne a meno, voglio vedere fino a che punto può arrivare, voglio che mi odi prima di dirmi che mi ama. Sì, sono uno stronzo e lei è bellissima, perfetta nonostante questo modo confuso che ha di cercare la felicità. Non la merito.
Le urla a questo punto trasformano la discussione in uno spettacolo per tutto l'ufficio, è una fortuna che non possano licenziarla. C'è chi nasce con la camicia, dicono, lei è nata con un impero ai suoi piedi.
"Ti ho detto che non ci ho scopato" mento. Lo sguardo è già meno severo, la voce più bassa. Starà pensando che non ci sono prove, che era solo un profumo diverso sulla mia maglietta. Starà pensando che la nostra è tutto tranne che una relazione "tipica" e che forse la sua è paranoia.
"lo sò che ci hai scopato" ci riprova, ma non lo sà, non può saperlo. Si dovrebbe sempre tradire con una sconosciuta, una donna fuori dal radar delle proprie conoscenze, è così che l'ho passata liscia più di una volta.
"Piccola io amo solo te, non c'è nessun'altra" le afferro una mano e me la porto sul cuore "te lo giuro" un gesto plateale ma efficace. Sarò anche un figlio di puttana, ma la amo e sò come riprendermela. L'aria trema quando siamo così vicini. Prima che possa ricominciare con le domande premo la mia bocca sulla sua e la bacio, si irrigidisce ma non mollo la presa. Così schiude le labbra piano, quel tanto che basta per accogliere la mia lingua: non ho vinto la guerra ma ho guadagnato una tregua. Profuma di vaniglia e cannella, mai sentito odore più buono di quello della sua pelle. Allungo il braccio libero alla cieca e chiudo la porta. Fine del teatrino, il resto dello spettacolo è riservato.
Tengo ancora la sua mano nella mia, poggiata sul cuore, mentre mi incastro fra le sue gambe per sentirla meglio. "Ti amo" le sussurro all'orecchio, mi morde le labbra. Non mi lamento, merito più di un morso. "Ti lascerò affondare i denti ovunque vorrai" ho la voce roca dall'eccitazione. Sposto delicatamente la sua mano dal mio petto all'ombelico, lascio che scivoli ad accarezzare il cavallo dei miei pantaloni, la voglio. Più che respiri i miei diventano grugniti, ha il potere di trasformarmi in un animale, se uno solo dei miei studenti mi vedesse così non mi basterebbe una vita a ricostruire la mia reputazione. Sento il suo corpo inarcarsi verso il mio e ne voglio ancora, voglio di più.
"non qui" mi supplica "non in ufficio" ma è troppo tardi, ho il cazzo così duro che potrei venire senza spogliarmi: con una mano le slaccio i jeans mentre con l'altra la tengo incollata alla scrivania. Quest'ufficio non è mai stato ordinato comunque, quando avremo finito non si noterà la differenza, ma non posso promettere che quei maiali dei suoi colleghi non la sentiranno gemere. Tanto meglio per me, sapranno che è mia e di nessun'altro.
Cerca di nuovo la mia bocca, ormai abbandonata fra le mie braccia, mentre mi faccio strada con le dita fra gli umori che le ricoprono le mutandine. Bene, è eccitata quanto me. Litigare le è sempre piaciuto. Mi chiedo se suo marito l'abbia mai scopata così, almeno all'inizio. Le infilo un dito dentro e le scappa un sospiro "voglio sentirti dentro di me" mi sussurra all'orecchio, fa correre la mano sulla cerniera dei mie pantaloni e si inginocchia per prendermelo in bocca, non c'è più traccia di pudore nel suo sguardo. La fede finisce buttata nel portapenne, insieme ad altri inutili gadjet aziendali, penso che per lei abbia lo stesso valore di quella merdosa penna bianca e le affondo nella gola più profondamente, voglio riempirla. Mentre la sua lingua calda percorre ogni centimetro del mio cazzo la mia mente va dalle sue cosce alle natiche, rinchiuse in pantaloni così stretti che niente è lasciato all'immaginazione. Se solo indossasse una gonna ogni tanto, mi risparmierebbe l'impaccio di liberarla da queste trappole denim.
La rovescio sulla scrivania e tiro giù bruscamente i pantaloni, lasciando scoperto un culo che sembra scolpito da Michelangelo, le sue mani vanno istintivamente a stringere gli angoli della scrivania. E' una posizione che abbiamo già collaudato. Sono così bagnato che non ho bisogno di sputarmi sulle dita per lubrificarla, le affondo dentro con forza, ancora e ancora. Soffoca un gemito. Sento il mio corpo fremere mentre esco ed entro dentro di lei, "di più" mi prega "più forte", ad ogni affondo corrisponde un lamento, posso vedere il sudore scenderle lungo la schiena. Gemiamo così forte che mi chiedo se rimanga qualcuno, su questo piano, che si chieda cosa stiamo facendo qui dentro. Arrivato al culmine le tiro con dolcezza i capelli perché possa girarsi ed accogliermi nella sua bocca, esplodo fra le sue labbra come se fosse la prima scopata della mia vita.

Sorride, con il viso ancora nascosto fra le mie gambe, e mi sembra di sprofondare nei suoi occhi.
Dieci minuti dopo siamo entrambi in piedi l'uno di fronte all'altro, il più composti possibile.
"Devi andare" adesso ha lo sguardo severo, difficile dimenticare che il suo tempo è prezioso, più prezioso del mio sicuramente. Annoda i capelli con un movimento fluido e mi accompagna alla porta
"ti chiamo"
"ti amo"
Lei l'unica donna che abbia mai amato, questo è l'unico tipo di amore che conosco: inafferrabile e profondo come l'alta marea.

Questo racconto di è stato letto 2 8 6 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.