Piccole Donne sbocciano

Scritto da , il 2020-11-28, genere etero

Mi chiamo Pietro, faccio parte da qualche anno di un coro polifonico con un gruppo di strumenti musicali che accompagna spettacoli teatrali di paese, musical per lo più. Siamo abbastanza bravi, ma più che per lavoro lo facciamo per passione, infatti accettiamo solo un paio di spettacoli all'anno e tutti noi abbiamo una professione o una carriera universitaria propria da portare avanti.

Siamo per lo più ragazzi giovani, uomini e donne, ma c'è pure qualche veterano con più anni sulle spalle.
Era il caso di Giorgio che, quando sono entrato nel coro (a circa 23 anni) era già sopra i 35 con una figlia già alle elementari.
Giorgio negli anni è diventato dirigente della sua azienda ed ha dovuto lasciare il suo impegno con gli spettacoli ma ha continuato a seguire gli spettacoli con famiglia a seguito.
Durante queste occasioni ho quindi avuto modo di conoscere Francesca la figlia di Giorgio, una ragazzina sempre vivace e allegra, e nel corso del tempo, vedendola solo un paio di volte all'anno, ho avuto modo di constatare come le sue forme da donna abbiano cominciato a venir fuori e ammetto che cominciava ad essere sempre più difficile non fantasticare su di lei.

Un giorno Carlo, il nostro direttore, ci annuncia che Francesca, alla quale Giorgio ha trasmesso l'amore per la musica, si sarebbe unita a noi come strumentista.
Francesca ormai aveva diciotto anni, ed era diventata una gran bella ragazza: non molto alta (arrivava a stento a 1,65), occhi verdi vivaci, capelli bruni mossi, una seconda abbondante di seno e uno spettacolo di culo, rotondo e sodo.
Entrando nella sala prove, Francesca, corse ad abbracciarmi (era uno di quelli a cui le stavo più simpatico) e sentire il suo seno ormai maturo appoggiato sul mio petto fece impazzire i miei ormoni, facendo indurire il mio cazzo in un baleno.
Francesca deve aver percepito il mio membro duro in quell'abbraccio perché sgranò gli occhi e si allontanò da me fingendo che non fosse successo nulla ma il danno era fatto: io non potei più non pensare a lei nelle mie fantasie e in lei era cominciato a strisciare il desiderio del mio pene.
Certo lo strumento che suonava non aiutava ad abbassare i miei appetiti: un flauto traverso. Ogni volta che appoggiava quelle labbra sottili su quello strumento immaginavo che avesse invece per le mani carne, la mia carne, che baciava avidamente sulla cappella.
Ne consegue che durante le prove non riuscivo più a staccarle gli occhi di dosso e il mio cazzo era spingeva per esplodere dai pantaloni.
Confesso che dopo le prove, correvo a casa per segarmi sulle sue foto Instagram che pubblicava in spiaggia con le amiche, quella in cui il suo custominio arancione bagnato faceva trasparire la sagoma del capezzolo era la mia preferita,su quella sparavo fiumi di sborra.

Questa condizione non poteva durare, la desideravo ma la mia amicizia con Giorgio mi tratteneva. Notavo che, durante le prove, anche Francesca mi dedicava attenzioni, o meglio GLI dedicava: notavo che prima soffermava lo sguardo sui miei pantaloni (e questo mi eccitava ancora di più) per poi guardarmi negli occhi. La tensione sessuale era ormai palese.
Un giorno la svolta: era fine Maggio, lei entrò in sala prove di corsa, era in ritardo, la corsa per arrivare in tempo la fece arrivare sudata, per la tensione i suoi capezzoli erano turgidi sotto quella sua camicetta bianca, il cazzo mi scoppiava, la volevo sopra di me, sotto di me, in qualunque modo, ma il mio cazzo doveva essere suo.
A fine prove aveva bisogno di un passaggio per tornare a casa, Giorgio era rimasto impegnato con il lavoro e non poteva venire a prenderla; mi offrii volontario, lei accettò con entusiasmo e partimmo.

- Allora... Come va a scuola?- Ero imbarazzatissimo, non sapevo come approcciare una ragazza che conoscevo da quando era bambina.
La cintura di sicurezza faceva risaltare le sue tette e il mio cazzo era già duro come una roccia. Questo Francesca l'aveva notato
- Sai, da piccola avevo una cotta segreta per te - Francesca andava dritta al punto, anche lei non ne poteva più evidentemente
- Beh, magari invece è questa l'età giusta per averla -
Ci scambiammo un'occhiata, durò un paio di secondi e sapevamo che i convenevoli erano finiti.
- Accostati lì, che dici? - Ci portammo in un luogo appartato, lomtano dalla strada.
Neanche il tempo di tirare il freno a mano che lei si tolse la cintura di sicurezza e si lanciò a cavalcioni su di me baciandomi avidamente. Con una mano allora abbassai il sedile per essere più comodi, Francesca rimase sorpresa del repentino cambio di inclinazione del sedile e cadde su di me; ancora i suoi seni su di me, quei suoi morbidi seni, ma ora erano miei! Non potevo più aspettare, le aprii quella camicetta di scatto facendo saltare un paio di bottoni -cazzo, ora come lo spiego a mamma!- non le risposi, ero travolto dal desiderio e presi per le mani quelle due tette stupende, scoprii il capezzolo destro spostando la coppa del reggiseno succhiando avidamente mentre spremevo la tetta sinistra, le gemeva come nemmeno nelle mie fantasie è stata così eccitante.
Dissi -aspetta- lei ritornò sul suo sedile mentre io liberavo la mia verga pulsante, a quel punto la afferrò con la sinistra e cominciò a succhiare avidamente, la sua lingua sembrava già esperta.
Mentre la sua testa faceva su e giù meccanicamente, si fermò, si avvicinò al mio viso e guardandomi negli occhi mi disse - questo bel cazzone lo voglio tutto dentro di me - allora sorrise maliziosa, tornò al suo posto per togliersi i pantaloni; a quel punto aprì lo sportello e mi richiamò a se con l'indice.
Scesi dal lato guidatore e la raggiunsi, si era appoggiata con le mani al tettuccio dell'auto dandomi le spalle e aspettando di essere penetrata. Mi presi un attimo per ammirare quel suo culo nudo perfetto e quella visione mi diede ancora più eccitazione per afferrarla dai fianchi e spingere il mio bastone dentro di lei in profondità, ancora e ancora, il desiderio a lungo sepolto mi rendeva veemente e i suoi gemiti erano musica.
Sentivo di stare per venire allora tirai fuori il mio arnese fuori dalla sua figa per riversare fuori il mio fiotto di sperma. Lei si girò guardando il mio cazzo ancora gocciolante e passò un dito sugli schizzi arrivati sul suo fondo schiena e lo leccò con gusto, a quel punto finì l'opera ripulendo per bene la mia cappella con la lingua.

Dopo quella volta la riaccompagnai sempre più spesso e non ebbi mai il coraggio di dire a Giorgio quale fosse lo strumento che Francesca amasse di più mettere in bocca.

Questo racconto di è stato letto 2 3 9 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.