Punizione parte 1

Scritto da , il 2020-11-20, genere dominazione

Quando si sbaglia e si fanno errori è normale poi pagarne il prezzo e venire puniti, e questo è quello che è successo a me, ho sbagliato e ora pago. Forse questo errore a qualcosa è servito, qualcosa di positivo, potrebbe aver risvegliato qualcosa di sopito o forse anche dimenticato. Comunque sono pronta per subire la mia punizione, preparata come vuoi tu, come da tuoi ordini, con indosso solo i miei stivali di pelle neri, alti sopra il ginocchio con il tacco a spillo da dodici centimetri. Al collo il collare di pelle nera con il guinzaglio a catena, giusto per ricordarmi cosa sono io per te e quale sia il mio posto. Gli unici oggetti che sono stati concessi per oggi sono il frustino e un secondo paio di stivali simili a quelli che ho indosso. Ovviamente la prima cosa sono le frustate sul culo, venti per parte, ad ogni colpo devo contare e ringraziarti. E' da un bel po' di tempo che non ricevo frustate e il rossore e il bruciore lo sento subito, comunque eseguo. Poi passiamo alla figa, quindici frustate, la devo tenere aperta in modo che i colpi finiscano proprio sulle labbra e nel mezzo. Fa male è da tanto che non vengo usata in questo modo. Le altre frustate sono dieci su ogni capezzolo, io ce li ho grossi rosei e si gonfiano molto facilmente quindi sono molto sensibili, nella serie di colpi sento il bruciore e qualche lacrime sugli angoli degli occhi. Mi dai la possibilità di prendere un po' di respiro, metto via il frustino per un momento e prendo il secondo paio di stivali, vuoi che infilo i tacchi uno nella figa e un nel culo e devo fottermi. Le punte dei tacchi anche se sono a spillo grattana e sono spigolosi, comunque eseguo ovviamente ogni volta che ho un orgasmo devo ringraziarti, lo faccio ma mi dimentico di una volta, ero senza respiro e non ci sono riuscita. E' tornato il momento di essere punita questa mia mancanza è soggetta a punizioni. Devo subire ancora una serie di frustate sul culo sempre nello stesso modo, anche se in una posizione diversa, non più a quattro zampe ma sulla schiena tenendo le gambe sollevate, devo rifare tutto il giro del mio corpo, quindi culo, figa, capezzoli e anche il viso. Per tutto il tempo in cui io subisco tu godi, hai il cazzo in mano e ti seghi mentre mi guardi sottomessa a te. Purtroppo il tempo sembra essere sempre troppo poco. Vuoi che vengo, ti piace guardarmi mentre schizzo sull'asciugamano e tutto quello che esce dalla mia figa vuoi che lo spalmo sugli stivali che poi devo leccare e pulire. Penso di aver soddisfatto i tuoi desideri abbastanza da farti sborrare sui miei stivali. Sicuramente questa sarà la prima di altre punizioni, del resto ho sbagliato e devo pagare.

Questo racconto di è stato letto 3 0 8 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.