Il barista dall'orecchino, Daniel

Scritto da , il 2020-10-30, genere gay

...Ci demmo appuntamento per il giorno dopo al parco..."Vengo con Thomas,ti raccomando sii puntuale,vestiti più sportivo,non dico come me,,,,,,Ciao..."...Lo salutai strizzandoli i capezzoli e baciandolo***********Corsi da Thomas,entrai di corsa in casa,salii le scale e mi bloccai davanti a Thomas quasi spaventato, avevo le mani alle ginocchia,i jeans erano cortissimi,le natiche sporgevano spudoratamente, Thomas si avvicinò e con le mani mi accarezzò le chiappe sporgenti e con le dita si fece strada verso il buco del culo,che ferì con le sue dita e allargò.......Mi disse:"Mi sa che lo hai strapazzato***"....E io:"Si,l'ho fatto mio, cazzo che bono,che boccone...."....E lui:"Ti ha fatto il culo?"....E io:"No,te lo giuro,non ne ha avuto il tempo***"Domani ci incontriamo al parco,io e te oltre che lui,si chiama Daniel"..........Gli occhi di Thomas erano pieni di amore e di voglia,lo abbracciai e facemmo l'amore,me lo mise in culo di brutto e mi cavalcò...Era dolore e amore,sussurri e grida,strizzate e sculacciate,non importava,lo amo,lo straamo******Feci la doccia,dal borsone indossai una tuta,non potevo presentarmi in casa con quei jeans cortissimi che lasciai da Thomas che mise poi in lavatrice****Chiesi a Thomas di darmi un dildo,che avrei regalato a Daniel,lui me lo diede con "Che bel regalo gli fai...."...Lo guardai,sorrisi e ci baciammo.....Nel pomeriggio andai da Thomas,era già in tuta,io in pantaloni attilatti e bassi,sotto ero nudo,lui se ne accorse e infilò la mano fino a raggiungere con le dita il mio ano,aperto al suo tocco****Nello zainetto misi alcune cose e pure il dildo che avrei dato a Daniel****Via al parco dove ci eravamo dati appuntamento,dentro su una panchina interna,c'era Daniel in pantaloncini Adidas cortissimi,quelli tipici da atletica, con spacco laterale,tanto da lasciar vedere bene le chiappe****Feci cenno a Thomas che era lui...Mi sorrise,mordendosi le labbra....Mi avvicinai e Daniel si alzò,mi venne incontro io lo baciai,la mia mano toccava già la chiappa,che pizzicchetai.....Thomas fece altrettanto,sollevando il suo viso e baciandolo...Io guardavo estasiato,Daniel si lasciava fare,aprii lo zainetto,presi il dildo e glielo misi in mano,lui lo guardò corrugando la fronte...E io:"Mettitelo senza dir niente...":::...Lo prese e se lo infilò creando smorfie varie di dolore e di goduria*****************

Questo racconto di è stato letto 1 6 7 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.