Pioggia

Scritto da , il 2020-10-25, genere zoofilia

Entro nella stalla bagnata come un pulcino,grondando acqua come una fontana!
Per fortuna siamo in agosto,fa caldo,ma la temperatura della stalla,grazie ai finestroni aperti,é gradevolissima!
Mi scuoto tutta come fossi una cagnetta,quindi mi avvio verso il mio purosangue arabo.
Appena mi vede,nitrisce di gioia,scuote la testa e frusta l'aria con la coda:ha sempre fatto cosí,sin dalla prima volta che ci siamo conosciuti!
Ero una ragazzina sveglia e curiosa,quindi quella reazione mi fece molto piacere.
Ma quello che mi stupì davvero,fu notare il suo lungo e grosso membro tendersi fiero nell'aria!
Ero piccola ma non fino al punto di ignorare la mia e altrui anatomia,compresa quella di un cavallo...
Quello che non capivo era il senso di quella reazione o meglio...lo intuivo e il fatto mi eccitava senza che io me ne rendessi pienamente conto!
Ero sola,pioveva proprio come oggi,io ero bagnata e infreddolita,quindi mi tolsi pantaloncini e maglietta restando completamente nuda!
Avevo freddo...perció mi avvicinai al cavallo e appoggiai il mio corpo sul suo caldo e muscoloso.
Quel calore mi piacque talmente da indurmi a prolungare il contatto e l'adesione al mio amico.
Così facendo,cominciai ad eccitarmi stranamente e piacevolmente:mi strusciavo dolcemente sulla sua pelle,guardando quel suo membro fiero vibrare nella penombra.
Sentivo la mia fichetta palpitare,le mie gambe tremare e un nuovo crescente desiderio che non avevo mai provato prima...
La mia mano si mosse verso l'asta dell'animale,prima timidamente poi sempre piú decisa fino ad afferarla con forza e gentilezza!
Il cavallo nitrì per il piacere mentre il suo membro si tendeva tra le mie dita:seguendo il mio istinto naturale,cominciai
ad accarezzarlo soffermandomi sulla sua cappella calda e invitante...
Quindi mi staccai dal suo corpo e mi scelsi una posizione comoda che mi avrebbe permesso di fare quello che,improvvisamente,avevo una voglia matta di fare!
Il suo membro nella mia bocca entrava appena ma a me bastava così,volevo succhiargli la cappella,
mordicchiargliela,leccarla e leccarla...
Non avevo idea di quello che sarebbe potuto succedere anche se conoscevo bene la funzionalità sessuale dei maschi,mi ero lasciata travolgere dalla passione e non avevo la minima intenzione di fermarmi!
Ad un certo punto sentii il membro tendersi e sussultare,la cappella gonfiarsi schizzandomi in bocca un torrente di sperma che non finiva maiii
Io bevevo e godevo,sputavo e godevo...mentre buona parte di quel torrente mi scendeva quasi violentemente giú per la gola riempiendomi lo stomaco!
Mai goduto cosí tanto nella mia vita fino a quel momento e,vista la venuta del cavallo e il suo nitrire gioioso,la stessa cosa valeva anche per lui!!!
Quando mi staccai ero letteralmente ricoperta del suo sperma caldo e profumato,scivoloso e liscio come la seta:mi massaggiai le tettine stuzzicandomi i capezzoli duri e turgidi,mi passai le mani sul ventre e sulla fica,quindi sulle natiche spargendomi lo sperma dappertutto!
Un ditino nel culetto completó l'opera innescando un orgasmo sismico che mi scuoteva come un fuscello al vento:il ventre caldo e fremente,le scosse di piacere che mi scuotevano come onde di un mare in tempesta...mi lasciarono incredibilmente soddisfatta!!!
Continuai ad accarezzarmi fica e tette,culo e natiche per un bel po' di tempo mentre il cavallo soddisfatto anch'esso,mi guardava tranquillamente...
Da quel giorno inizió la mia avventurosa piacevole esperienza sessuale con il mio amico animale preferito:solo con lui beninteso e senza permettere a niente e nessuno di sapere o,tanto meno,interferire!!!

Questo racconto di è stato letto 9 4 3 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.