Slave lesbian male slave

Scritto da , il 2020-10-18, genere dominazione

Slave lesbian male slave
Sentì la porta aprirsi. Prima che lui spalancasse la porta del salotto,Silvia si mise in ginocchio e lo chiamò .”Vieni bastardo peloso”. L’attimo di silenzio le fece capire che si era spogliato.
In piedi nel centro della camera, l’uomo teneva nella sinistra una cravache da cavallo e nella destra due mollette per capezzoli di metallo . Silvia notò che le mollette avevano attaccato una palla di piombo cadauna. La schiava attese prona Lui le dette una frustata sule tonde natiche giusto per ricordarle chi era.” Chi sei, cosa sei?” le chiese imperiosamente “ e tira via il reggipetto mentre rispondi” “ Sono Silvia la tua schiava” rispose prontamente la donna: “ Alza le tette” e su quelle i colpi di frustino somministrati da Marco fecero gonfiare dolorosamente i capezzoli. Questi rossi come ciliegie furono stretti dalle mollette. Marco fece dondolare le pesanti palle di piombo che stirarono e allungarono i capezzoli.” Prego padrone, mi famale” pianse Silvia. “Come osi lamentarti svergognata?” urlò Marco. Subito apri quella porca bocca e succhiami” Silvia aprì le rosse carnose labbra pronta ad ingoiare il duro membro che le entrò fino in fondo alla gola. “ Non mordere le intimò Marco mentre continuava a frustarle le natiche. . Silvia sentì il cazzo fremere e bevve lo sperma denso e abbondante che le scivolo in gola mentre il buchino del culo eccitato dalla bevuta e dalle frustate, si contraeva ferocemente; un invito a penetrarla con brutalità.
“Ora che ti ho educato, vieni qui” sussurro Marco che aveva cambiato voce. Seduto sulla poltrona ,aveva deposto il frustino e con piccoli colpi della mano faceva ondeggiare i pesi delle mollette così che i capezzoli oltre che gonfiarsi si erano anche allungati. Fece sedere Silvia già tutta bagnata per l’eccitazione sul suo membro su cui le vene nodose si stagliavano come cordoni e lo fece sparire nella vogliosa vagina. Il dorso della ragazza era appoggiato sul petto peloso dell’uomo che la penetrava dolcemente come un liceale timido. La ragazza con il sesso gonfio di piacere aveva dimenticato ogni sofferenza e più che schiava si sentiva amante presa da dolce passione.
Le mani esperte di Marco giocarono col suo clitoride stringendolo e lasciandolo secondo il ritmo della penetrazione. Quando Silvia incominciò a godere e il clitoride a rizzarsi come un cazzetto, Marco lo imprigionò con una molletta di metallo. Silvia ebbe uno spasmo di dolore mentre Marco stringendo la molletta le torceva il clitoride.” Sii”. Sii urlò Silvia “spaccami il grilletto” ed eiaculò. Erano entrambi tutti bagnati di sughi d’amore, ma essendo la poltrona di plastica, non se ne preoccuparono. Silvia era una brava schiava Si alzò , controllò che le mollette ai capezzoli fossero posto stringendo forte i morsetti. Guardò ammiccando il padrone e si mise un altro morsetto al clitoride che rimase gonfio ed eretto. Poi con l’abile lingua ripulì il membro del padrone. Furtivamente facendo finta di non essere vista si toccava il clitoride facendo dei piccoli gridolini di piacere” Svergognata ! ti tocchi senza il mio permesso” rise Marco. Poi la fece accoccolare sul suo grembo.
“Stronza schifosa mi hai bagnato. Ora ti insegno ad aspettare il mio permesso per godere. Con la mano destra le colpìi duramente il clitoride e la fighetta, finché la ragazza piangendo sussurro “perdono padrone, non lo farò più.”
“Bugiarda” rispose Marco e continuò per una decina di minuti a strapazzarle il clitoride che ormai sembrava un piccolo cazzo purpureo. Dal tavolino prese una palla di piombo grossa il doppio di quelle messe ai capezzoli e la attacco alla molletta del clitoride. Silvia senti il grosso membro di Marco entrare brutalmente nel suo culetto straziando il suo anellino anale., mentre improvvisamente le grandi mani del padrone accarezzavano con dolcezza le sue tette e i capezzoli diventavano ancora più rossi quando le dite li pizzicano. “Come è dolce fare l’amore con te, come è bello essere la schiava sottomessa di un bruto che mi domina” trillò la ragazza.
“Piacerebbe anche a me” le rispose Marco.” Altro che bruto, vorrei essere un troietto puttanello a cui un bruto cazzuto facesse quello che faccio a te: Sono nell’anima una schiava troietta . Per tutti però sono un bruto cazzuto..
Silvia lo guardò con occhi di desiderio . La confessione la aveva eccitata e di nuovo prese in bocca il grosso membro di Marco cercando di farlo drizzare. Intanto nella sua mente ragionava su come, dirgli che la schiavetta sottomessa al suo cazzo era
Una finzione per farlo contento e farsi sbattere da un maschio.
La vera sua padrona, che lei adorava, era Anna. Una quarantenne alta ,corposa, soda. Lei la sua domina, sapeva come trattare la bocca di Silvia, le sue tette, la figa, le grandi labbra le piccole labbra ,il clitoride. Frustarle il buco del culo e penetrarlo con violenza usando enormi falli di gomma e infilando la mano sino all’avambraccio e poi girando dentro il pugno. Poi mentre Silvia ululava per il godimento, la domina le baciava le chiappette e anche le leccava la bocca. Poco importava che Silvia , vergognosa .per i capezzoli morsicati e la figa gonfia come un pomodoro. La domina prima di lasciarla andare a dormire amava infilarle la mano nel culetto spannato e Silvia ricambiava leccando il pancino della domina. Poi esausta dai godimenti, pensando ai piaceri del giorno seguente, si addormentava. Marco decise che avrebbe provato a uscire di casa abbigliato da troietto. Sorrise al pensiero che avrebbe raccontato la sua avventura a Silvia.



Questo racconto di è stato letto 1 7 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.