Con mio marito e un collega. Pazzesco

Scritto da , il 2020-10-16, genere trio

Mio marito è Gianni, un bell'uomo di 49 anni. Io sono Gloria, una bella donna di 46 anni. Lui è un porco patentato, io una femmina sempre vogliosa, anche perché, me lo dice pure lui facendomi eccitare, sono bona e lo faccio rizzare pure ai morti. Lui gioca e a me piace giocare. Non sono una vamp però alla mia età sono ancora una bella donna da guardare. Immaginate le nostre fantasie a letto quando mi fa eccitare come una cagna. intanto devo dire che non ci siamo mai negato nulla e abbiamo vissuto il sesso coniugale in tutte le varianti. Le nostre fantasie finiscono lì, nel nostro letto tra di noi. Tranne che una volta e per una volta. E' il sabato prima di ferragosto e dopo cena decidiamo di uscire per gelato e due passi, nel centro balneare della nostra città. Tanto non c'era nemmeno da cambiarsi: bermuda e polo lui, gonna in jeans e polo io. Incontriamo Claudio. E' un collega di Gianni, io lo conosco appena. E' separato. Parlano e poi lui invita Gianni per fargli vedere quella vecchia casetta, adesso ristrutturata, dove spesso, insieme ad altri colleghi, andavano a fare belle mangiate. A Gianni secca, figuratevi a me. Ma Lui insiste e alla fine andiamo con la sua stessa auto e poi ci avrebbe riaccompagnato alla nostra. Il posto è bellissimo: isolato e, nello stesso tempo, vicino al centro abitato. Gianni lo conosceva, io no. Internamente è bello perché ha due terrazzini, uno avanti e uno dietro, dove nessuno ti può vedere. La casetta è piccolina e quando ci mostra la camera da letto e ci dice di com'era e perché l'ha rifatta così, non so cosa mi succede. Sento dei brividi nella schiena, i capezzoli diventare duri e la fica a palpitare. Si fa strada nella mia mente una delle nostre vecchie fantasie. Spero che non si accorgono del mio stato. Guardo mio marito ma noto una strana luce nei suoi occhi. Cosa sta pensando? la mia stessa cosa? Si, infatti è lui che perde il controllo della situazione ed è lui che mi prende da dietro palpandomi le tette come a mostrarle a Claudio. Che situazione! Gianni è già un porco e sento il suo cazzo duro sul culo; io lì in mostra vergognandomi ma, nello stesso tempo, forse, con lo sguardo accattivante come ad invitare Claudio a toccarmi; lui incredulo ma non scemo non perde l'occasione. Infatti si avvicina e sostituisce le sue mani a quelle di Gianni sulle mie tette. Penso cosa starà pensando di me, ma fu solo un attimo perché avvicina il viso al mio. Guancia contro guancia e poi le sue labbra sulle mie e poi le nostre bocche si aprono e le nostre lingue si incontrano. Che novità! che eccitazione! Niente fa mio marito? Mi alza la polo, istintivamente alzo le braccia, me la sfila e la mani di Claudio sono a contatto con la mia carne. Immaginate quando Gianni mi sgancia pure il reggiseno. Me le palpa forte e poi si china. Me le lecca, mi morde i capezzoli facendomi impazzire e, nel frattempo sento Gianni che abbassa la cerniera della gonna, la fa scivolare lungo le mie cosce e prende ad accarezzarmi le parti intime. Sono quasi completamente nuda difronte ad un estraneo. Anche Claudio si toglie la maglietta e si rifà sotto con la lingua dentro la mia bocca mentre io, presa da non so cosa, accarezzo le spalle e la sua schiena quasi a graffiarlo. Non mi accorgo nemmeno che Gianni si è spogliato. Mi prende una mano e mi fa impugnare il cazzo. Non ragiono più e con l'altra mano vado sulla patta di Claudio. In un baleno siamo tutti nudi e sul letto. La prima cosa che mi va è quella di avere a che fare, per la prima volta, con un altro cazzo ed è un bel cazzo. Mio marito mi lascia fare. Lo lecco e Claudio sospira. Poi prendo a spompinarlo mentre Gianni mi lecca la fica. Godo. Perdo ogni ritegno e mi faccio fare ti tutto anche perché, subito, Claudio si fa l'idea di che pasta sono fatta. E' lui che me lo mette dentro per prima alla pecorina mentre spompino mio marito. Che bello avere due cazzi a disposizione! La fantasia è fantasia ma la realtà è tutta un'altra cosa. Poi al contrario, Gianni mi scopa supina e lui me lo mette in bocca. Poi Claudio fra le tette e Gianni in bocca. Si alternano nella mia fica e nella mia bocca e godo non so quante volte e poi, mentre cavalco claudio, mio marito me lo mette nel culo e dopo una bella pompata mi viene dentro. Non avevo mai goduto tanto in vita mia e quando Gianni me lo sfila dal culo, Con Claudio ci capovolgiamo e mi scopa da sopra. quasi con violenza, facendomi gridare più volte di piacere. Fino a quando mi riempe la vagina di calda sborra. Non facciamo commenti. Per la verità siamo tutti mortificati. Ci accompagna alla nostra auto e ci salutiamo. Neanche tanti commenti tra di noi. Solo incredulità e nessuno sa rispondere alla domanda: come mai sia potuto succedere. Solo lunedì sera ne parliamo seriamente mentre scopiamo. Quante cose che mi chiede: se mi è piaciuto con due cazzi, se mi è piaciuto Claudio; posso dire di no? Però gli dico pure che non lo voglio fare più. Pure lui è dello stesso avviso. Giovedì Gianni mi chiede se avessimo impegni per la notte di ferragosto. Rispondo di no e dice che Claudio ci ha invitati da lui per una bella mangiata di pesce, addirittura, volendo, potevamo dormire là. Sono confusa, mi vengono i brividi e glielo chiedo: "Lo sai come va a finire, vero? Tu che dici?" Sabato alle 20, dopo aver preso una bella torta gelato e 2 bottiglie di champagne, siamo lì. Naturalmente con i ricambi per l'indomani. Mi fece subito dei complimenti lusingandomi tanto. Ceniamo nella veranda posteriore. una bella cena con spaghetti alle vongole, pesce di vario tipo e vino bianco frizzante come piace a me. Proprio il vino mi mette in ko e quando Claudio, questa volta lui, inizia a toccarmi in ogni posto, sono io stessa a dire di andare a letto. Invece Gianni propose un bel pompino all'aria aperta. Mi presentano entrambi il cazzo e mentre li lecco spogliano me e si spogliano loro, Tanto lì, anche se siamo fuori, non ci vede nessuno. Li lecco pure insieme e poi li spompino uno per volta mentre l'altro mi scopa. La serata è iniziata nel migliore dei modi. Ho due orgasmi e mi sborrano entrambi in bocca. Vado in bagno e quando torno ci vanno loro, prima Claudio e poi Gianni. Restiamo nudi. Il gelato lo servo io, loro preparano lo champagne. La torta gelato è buona e lo champagne continua a mantenerci allegri. Sono sdraiata sul divano dondolo e Claudio prende un cucchiaino di gelato e lo mette sui miei capezzoli. Mi viene da ridere ma quando prende a succhiarmeli mi fa impazzire e mi fa gemere. Mi dice che i capezzoli al gelato sono la fine del mondo. Gianni lo imita mettendo del gelato sulla mia pancia e fra i miei peli. Prende a leccarmi e già ho voglia di prenderli nei miei buchi. Gianni me la lecca furiosamente mentre Claudio ricopre il suo cazzo di gelato e me lo fa leccare. Noto con grande piacere che i loro cazzi riprendono vigore e dopo che ho un orgasmo io stessa dico che ho voglia di stare a letto. Questa mia disponibilità li fa eccitare come due tori e mi scopano insieme. Finalmente prendo nel culo anche il cazzo di Claudio. Che bello quando mi prendono in sandwich con un cazzo in culo, io supina su mio marito supino, e Claudio sopra di me che mi pompava nella fica. Godemmo tutti assieme. Assistiamo, dalla veranda anteriore, ai giochi d'artificio e poi altro champagne. Siamo lì per una maratona di sesso. quando andiamo a letto, tutti insieme, sono quasi le 2. Sesso leggero. In piena notte mi sveglio. Claudio non è a letto. Mio marito dorme semidistrutto. Mi alzo. Claudio all'aria aperta. "Non hai sonno?" Gli chiedo. "A quanto pare neanche tu" "Mi sono svegliata e non ti ho visto"- Un attimo di silenzio e poi: "Mi fai una sega?" "Ancora? Sempre piene ce le hai queste palle?" "Con una come te......."

Questo racconto di è stato letto 8 4 9 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.