La troia che sono

Scritto da , il 2020-09-30, genere trio

CAPITOLO I

Sono quasi le nove e mezza, è già buio per strada.
Il tratto tra la casa di Luisa e la mia è breve ma lo percorro correndo, ormai ci sono solo io per strada. Anche se ho 20 anni continuo ad avere paura. Continuo a correre e vedo un'auto nera accosta pochi metri più avanti, vedo il finestrino abbassato e un braccio fuori, in attesa.
Appena gli passo accanto l'uomo seduto davanti mi ferma chiedendomi informazioni per l'ospedale, quindi mi affaccio nel gabbiotto e indico il percorso all'uomo che stava guidando. I due mi ringraziano proseguendo dritti.
Dopo pochi metri si fermano ancora e il passeggero si sporge invitandomi ad avvicinarmi. Sorrido e mi avvicino anche se sono un po' infastidita, mi appoggio alla portiera e aspetto, i due mi chiedono dove possono divertirsi un po', iniziano a scherzare e a ridere, erano simpatici e rido anche io di gusto.

Appena mi appoggio completamente alla portiera mi accorgo però di avvertire troppo freddo, abbasso la testa e vedo che le mie tette sono completamente in vista, appoggiate sul braccio dell'uomo che sorride lascivo. mi alzo subito imbarazzata, il top mi è sceso lasciandomi nuda in mezzo alla strada, impreco allontanandomi.
Ma la macchina continua a seguirmi, lenta, a passo d'uomo e i due continuano ad invitarmi a salire per chiedermi scusa, vogliono solo informazioni per perdere del tempo. Il guidatore poi disse: "Dai Nino lasciala stare, andiamocene è una ragazzina" e quello che supposi essere Nino rispose di stare zitto e di lasciare a lui il divertimento.

Avevano stupidamente pensato che fossi una ragazzina innocente, io, che mi eccitavo già quando facevo baciare Barbie e Ken, io che già da piccola giocavo con giochi erotici su internet.
C'è da dire però che non ho mai fatto sesso, si ho fatto le mie esperienze ma sono vergine da quel punto di vista anche se vergine non lo sono mai stata. Con gli anni mi sono evoluta, dai giochini ai video porno e da quelli ai racconti che stimolano più la mia fantasia e soprattutto possono essere letti ovunque, senza destare sospetti.

Ma loro non sanno niente di me. Per anni ho soddisfatto solo io mio piacere: video di incesti, di zii, nonni, nipoti, padrini, lesbiche, culi, tette, cazzi grossi, piccoli, fighe, bocche.. Tutto.
Loro questo non lo sanno, continuo a camminare ma nel giro di pochi secondi la mia mente fantastica e prima di mandare l'input al cervello mi fermo, apro la portiera e salgo.
Lo sento di essere rossa di vergogna ma mi impongo di essere forte
Mi abbasso il top e faccio vedere meglio le tette stringendole tra le braccia che invece appoggio sul bracciolo davanti mentre Nino e il compagno mi guardano tra la sorpresa e lo shock.

Ora sono io a divertirmi.
"Allora? Dove andiamo?" dico.
Nino mi guarda e ride, mi prende la mano e me inizia a baciarla, inizia a leccarmi un dito, poi l'altro, poi l'altro ancora. Li succhia, li assapora mentre l'altra mia mano ha lo stesso trattamento dall'amico che poi scopro essere Ciro, suo suocero.
"Niente di più eccitante di una trombata in strada tra familiari" dice lui.
Io rido, ritiro le mani e le piazzo con forza sui loro cazzi, duri anche da sotto i jeans.
Li accarezzo, su e giù, ansimando e ridendo.
Lascio il cazzo di Nino, gli prendo una mano e iniziò a succhiargli il dito medio, lo bacio prima, poi inizio a leccarlo e a succhiarlo. Con l'altra mano ancora sul cazzo di Ciro gli indico la strada per un piazzale abbandonato dove svuotano i bidoni della spazzatura la mattina presto.
Nino mi ficca tre dita in gola e io continuo a succhiare con avidità mentre entrambi iniziano a toccarmi le tette. "Hai dei capezzoli enormi, sono enormi" disse Ciro, guardandomi dallo specchietto retrovisore mentre succhio le dita del genero simulando un pompino. Ciro accosta e Nino si alza buttandosi sulle mie tette, inizia a baciare i miei capezzoli, li succhia e li lecca.
Io gemo di piacere ma devo essere la più forte, sono io che devo fotterli stasera.
Così lo allontano gli prendo le mani con le mie e continuo a toccarmi.

Poi mi ritraggo, apro la portiera e scendo. Mi avvicino al finestrino di Ciro che fa per abbassarlo ma prima di abbassarlo completamente appoggio le mie tette al finestrino e inizio a strofinarle sul vetro freddo.
"Ciro, toccale, sento le tue grosse mani da porco anche dal vetro. Leccale, leccalee" dico, Ciro mi guarda e inizia a leccarle, butto la testa indietro e gemo di piacere "Sii, Ciro più forte, più veloce! Leccale, mordile, Ciro leccale, Ciro strizzale, sono tue Ciro strizzalee!

Nino continua a guardarmi, io lo guardo con lo sguardo da porca e continuo a ripetere il nome di Ciro, gli urlo di leccarle forte, di strizzare i miei capezzoli con le mani, con le sue grosse mani e lui esegue.
Nino nel frattempo si sta toccando da sopra i jeans, così mi alzo e vado alla sua portiera, lui mi segue con lo sguardo. Apro la portiera e lo schiaffeggio. "non ti permettere più!" 'ora abbassati i pantaloni e fammi vedere il mio nuovo amico."

Lui si abbassa la zip e lo caccia fuori continuando a segarselo. La sua grossa cappella esce e poi rientra dalla pelle sul suo cazzo. Mi sorprendo incantata a guardarlo per qualche secondo poi gli tirò un altro schiaffo. "Smettila!". Inizio a toccarlo e ad accarezzarlo, mentre mi mordo le labbra guardando Nino negli occhi.
"Posso salutare il mio nuovo amico?" dico, guardandolo con occhi dolci. "Si tesoro, dagli una carezza" dice lui. Così prendo in mano il suo grosso cazzo e inizio ad accarezzarmi la faccia, passo la sua cappella sulle labbra, poi nel incavo delle palpebre, poi lo accompagno sulle mie guance, e spingo mentre continuo a guardarlo, ha la bocca aperta e mi guarda fissa negli occhi.
"Posso dargli un bacio?" continuo, "si, piccola bacialo!" risponde. Così facendo inizio a baciarlo, prima la cappella poi inizio a dargli tanti piccoli baci su tutta la grossa asta, poi sulle palle ,poi torno alla cappella lucida.
Continuo a guardarlo e lo prendo con due mani e lo avvicino alla gola, dove voglio che arrivi, e inizio a premere nell'incavo del mento facendo sempre gli occhi dolci e poi subito lo ficco in bocca e lo spingo fino alla gola, emetto un gemito e continuo a spingere facendo sbattere il suo cazzone tra le pareti della mia gola. Mi riempio la bocca con il suo cazzo e lo spingo sempre più giù, sempre più infondo alla gola.
Nino inizia a gemere e a imitare i miei movimenti con il bacino, e mentre io continuo a spingere lui mi attira a se. Poi di scatto mi scosta e fa uscire le sue gambe dall'abitacolo per facilitare il pompino.

Ero felice, mi sentivo finalmente una troia, una zoccola ma volevo che continuasse ancora a lungo.

Così alzo le braccia e subito Ciro mi tira dentro l'auto, mi prende per le ascelle e mi strattona; mi fa arrivare con la faccia dritta sul suo cazzo già pronto fuori dai pantaloni e continuo a pompare, gli lecco le palle e succhio forte. Era più piccolo di quello di Nino, ma i video porno che più guardavano erano quelli dei vecchi che scopano con le ragazzine, mi eccitano. Mi stavo eccitando da morire,succhiavo il suo cazzo con una foga incredibile'

"Sbattimelo in faccia Ciro, sbattimi il tuo cazzo su tutta la faccia! Chiamami troia, insultami Ciro! Sbattilo sulle mie labbra da troia e scopami la bocca. Ciro sbattilo forte!", con gli occhi assatanati mi guarda, mi prende la testa e inizia a pompare il suo cazzo nella mia bocca mentre io continuo a gridare. Urlo e strepito, voglio che mi venga dritto in gola. Lo voglio dentro di me, inizio a leccare le sue palle afflosciate dall'età a metterle in bocca. Puzzano di piscio ma stranamente l'odore mi affascina, mi eccita da morire, le voglio disperatamente.
Nino nel frattempo era arrivato alla mia figa bagnatissima, mi strizzava il clitoride e mi infilava il medio dritto nella figa.

I due ridono e iniziano a coprirmi di insulti. Mi piace, voglio essere insultata.
'ti piace troia? Succhiami il cazzo zoccola! Ti sfondo la bocca, ti sfondo anche la figa' dice Ciro spingendomi il cazzo in gola, 'Nino è bagnata? Se lo merita questa zoccola! Prendilo in bocca forza, vai zoccola succhialo'
L'odore di piscio mi fa godere sempre di più, allora mi fermo e inizio ad annusargli le palle rugose e appese, le annuso come fosse il profumo più delizioso, le annuso e le ficco in bocca, poi dico a Ciro ' mi chiamo Silvia, urla il mio nome e sbattimi le palle in faccia, mettimele sugli occhi, Ciro sbattile in faccia con forza e continua a chiamarmi troia, perchè sono una troia, sono una zoccola vero Nino, perchè ti sei fermato? Continua a mettermi le dita nella figa Nino, sputami sulla figa e continua!'
Intanto Ciro fa indietro il sediolino, mi gira con forza e mi sbatte le palle in faccia, io le prendo con le mani e me le sbatto sugli occhi chiusi, le metto in bocca e ancora le spalmo sulla faccia. 'forza sputami sulle tette porco, sei un porco, uno schifosissimo porco bastardo, sputami sulle mie tette da zoccola, Nino anche tu, sputa sulle mie tette da troia e sui capezzoli enormi che ho. Ti piace che tua figlia sia una cornuta Ciro? ti piace che tuo genero sputi sulle tette di una troia come me? Ammettilo porco che non sei altro, tua figlia è una cornuta, e anche tua moglie, fottimi la bocca con le palle Ciro! FOTTIMI CON LE TUE PALLE DA MAIALE! Oh siiiiiii!'

Ciro inizia a sfondarmi la bocca, io continuo ad urlare, a godere come una troia, Nino è sceso dall'auto e mi lecca la figa ormai grondante di umori. Poi Nino inizia a sputarmi sulla figa e sta appoggiando il suo uccello gonfissimo sulla mia fighetta vergine, allora lo fermo, liberandomi dalle palle di Ciro 'Nino, continua a sputare sulla mia figa e fammi un ditalino con il tuo cazzo, voglio godere subito. Strofina e sputa Ninoo! Più veloce, forza maiale, sputa! Sputa sulla mia figa porco, sputa e strofina il tuo uccello sulla mia fessa. Oh si Nino, godo, godooo!' prendo le palle di Ciro e me le spalmo sul viso, lui continua a toccarmi le tette e a sputare la sua saliva sulla mia faccia.

L'orgasmo arriva veloce e vengo in un vortice. Non sento più niente, la mia mente di blocca per un'eternità.
è stato meraviglioso. Inizio a distendermi mentre urlo di piacere, ansimo e gemo come mai prima.
Ciro è uscito dall'auto, mi tira per le braccia fino a quando la mia testa cade all'indietro fuori dalla macchina, vedo il cielo stellato e godo, intanto Ciro inizia a ficcarmi il suo uccello in bocca mentre mi strizza le tette piene di sputo e sudore, usa le mie tette per tenersi e per spingere più forte. Nino intanto mi sale addosso e mi ficca il suo cazzo tra le tette, Ciro quindi sposta le mani sotto il mio mento e spinge la sua nerchia nella mia bocca, il mio naso sbatte sulle sue palle e posso sentire l'odore più meraviglioso del mondo, la puzza della sua piscia, chissà da quanto non si lavava il cazzo.

Nino inizia ad urlarmi ' troia, sei una lurida troia, mia moglie è una cornuta, ti sfondo le zizze che hai, te le sfondo zoccola! Sei una zoccola, non sai fare altro, puoi solo godere troia che non sei altro! Ti sfondo le tette! Cessa godi!!. Non capisco niente, sono felice, mentre il cazzo di Ciro entra e esce dalla mia bocca spingo quello di Nino contro i miei capezzoli. 'ti sfondo troia!' continuano, 'succhia Silvia, succhiami le palle!' e aumentano entrambi di ritmo, la macchina si muove insieme ai due ossessi che mi stanno scopando tette e bocca.
Iniziano ad incalzare urlando il mio nome, il mio nome da troia. Mi insultano e mi sputano addosso. Poi si staccano entrambi dopo quelle che mi sembrano ore, Nino ci raggiunge e mi fanno prendere i loro cazzi in mano mentre sono ancora a testa in giù. Inizio a segarli e urlo di piacere 'venitemi in faccia porci, in bocca, sulle tette, vi voglio dappertutto, voglio il vostro sperma caldo sulle mie tette, lo voglio tutto in gola!'
''SII SI SILVIA SEI UNA TROIA!' urla Nino mentre Ciro si limita a grugnire come un vero maiale mentre mi punta il cazzo in bocca, e viene con un grido animale sbattendomi la cappella in faccia mentre Nino punta il suo uccellone verso le mie tette, io vengo urlando ancora una volta aiutandomi dalle tre dita che nel frattempo mi ero ficcata nella figa. Continuo ad urlare mentre i due porci mi sbattono i loro cazzi in faccia.
Inizio a passarmi le mani ovunque, mi spalmo la loro sborra calda e bianca dappertutto, sulle tette, sulla figa, sul viso, sugli occhi chiusi. Me lo spalmo in bocca e ingoio il loro caldo nettare mentre, guardando il cielo,

sorrido.


CAPITOLO II

Dopo quella serata memorabile pensai a Nino e a Ciro a lungo, nei giorni successivi non volli uscire di casa, passavo le mie giornate e ripensare a quanto accaduto e a masturbarmi con ogni cosa somigliasse ad un pene.
La mia pelle era piena di segni, le mie tette e i miei capezzoli non erano mai stati più duri, il giorno dopo mi svegliai riposata e con la bocca gonfissima. Sentivo ancora i loro cazzi tra i denti e le loro palle in faccia.
Un giorno in un raptus di desiderio ruppi il manico della mia spazzola per ficcarmelo tutto nella figa, per succhiarlo come fosse un cazzo in carne ed ossa.
Volevo disperatamente un cazzo enorme che mi scopasse ovunque, bocca, figa, tette' volevo essere scopata come a troia che ormai ero sicura di essere.
I miei per fortuna erano in viaggio con mio fratello, anche se volevo partire con loro ho dovuto rinunciare perchè era il compleanno della mia migliore amica e non potevo non esserci. Fino a ieri sera ero dispiaciuta, ora non posso che essere contenta.
Una mattina mi svegliai prestissimo, di soprassalto. Molto prima del solito e iniziai ad indagare sul prezzo dei vibratori, ero troppo tentata dal comprarne uno ma alla fine rinuncio.
Però trovai un ottimo compromesso, corsi al supermercato più vicino e comprai uno spazzolino elettrico, il più grosso in vendita. La spesa non fu indifferente e non ero preparata ma quel punto ne sentivo il bisogno fisico. Quindi lo comprai, mi dovrò inventare una scusa da raccontare ai miei.
Ritornando a casa fantasticavo già sui miei imminenti ditalini. Ero già con la mente sulla poltrona che affaccia sulla strada, tanto non mi vede nessuno, ho già verificato, e comunque non mi interessava più di tanto, ero già in estasi e sorridevo quando la vidi.

La punto nera, erano loro. Erano tornati da me.

Ero al settimo cielo e inizio a correre ridendo, come per andare in contro ad un'amica che non vedi da anni. Corro, corro, sento le tette che saltano e ricadono, arrivo alla macchina senza fiato. Stavolta è Nino a guidare e Ciro mi aspetta sul sediolino di dietro. Ma devo mantenere il controllo.
Mi fermo appena prima della portiera e mi sistemo le tette in modo che si notino meglio. Ero talmente eccitata che ero scesa con la maglietta che uso come pigiama, mi ero infilata giusto gli shorts, senza mutande, senza reggiseno. Nuda.

Apro lo sportello e entro in macchina e subito Ciro mi afferra per il polso e mi trattiene le braccia mentre inizia a leccarmi la bocca insinuando la sua lingua tra i miei denti aperti in un sorriso. Ma decido di darmi un tono e mi strattono. 'fermo porco, stavolta andiamo altrove!' 'Nino, guida, ti porto io dove voglio andare!' i due porci maiali ridono sonoramente e Nino esordisce 'si brutta troia, stavolta mi svuoto nella tua figa'
Rido sotto i baffi ma devo mantenere il controllo. 'Decido io dove ti svuoterai i ciglioni, maiale!'
Nino continua a ridere ma in silenzio. Io allora mi tolgo gli shorts restando con la fessa da fuori, appoggio i piedi sulla macchina cosi da tenere le gambe ben aperte in faccia a Ciro, e in modo tale che a Nino basti voltarsi di poco per vedermi masturbare. Intanto lo guido verso un albergo che incontro sempre andando verso Roma, uno in autostrada come le vere troie. Come me.

Mi ricordo poi di avere lo spazzolino nuovo, cosi sempre a cosce aperte lo scarto, metto le pile e lo accendo. Il mio nuovo gioco inizia a vibrare e io mi mordo le labbra soddisfatta. Ciro si sta godendo la vista e Nino guida a fatica ma così mi piace.
Inizio a leccare tutto lo spazzolino, lo lecco e poi lo metto in bocca a Ciro e poi me lo metto tra le tette e inizio a segarlo con le tette. Lo spingo sui capezzoli e gemo di piacere' '' oh si! Si! Si!'' Ciro continua a fissarmi e a ridere e Nino inizia a chiamarmi, come piace a me: 'che troia che sei Silvia, sei una zoccola, non avevi un cazzo finto a casa? Dovevi usare uno spazzolino puttana che non sei altro?! Ora te lo faccio vedere io un cazzo vero, brutta troia che non sei altro! Ora vedi che ti combino!' io sorrido e acconsento gemendo 'oh si, non vedo l'ora di succhiartelo Nino, il tuo bellissimo uccello, lo voglio nella mia figa da troia. Pensami Nino, pensami mentre ti succhi le palle e ricordati la mia faccia mentre me lo sbattevi in faccia Nino? ricordi la mia faccia da troia? Ricordatela Nino, ricorda quanto ho goduto per il tuo cazzone. Oh si fottimi Nino! Fottimi!
Ciro è incantato. Io continuo a masturbarmi e quando sto per urlare di godimento mi tappa la bocca e mi leva le mani dalla mia figa, facendo cadere il mio nuovo gioco sul pavimento dell'auto, sotto il sedile. Poi si avvicina al mio orecchio e sussurra ''La vuoi sapere una cosa puttana? Sono quattro giorni che non mi lavo il cazzo, ci penserai tu troia a lavarmelo, sei una cessa, una vera puttana!' io non risposi ma ricordo di aver alzato gli occhi al cielo per la goduria di ciò che mi aspettava. Poi mi lascia andare e ritorna al suo posto.
'Stiamo per arrivare,gira a destra maiale', Nino esegue ridendo sotto i baffi.

Una volta arrivati nel parcheggio vedo che l'albergo è più frequentato di quanto pensassi, ma non mi interessa, qua non mi riconoscerà nessuno. Siamo arrivati e mi ricordo di avere la figa di fuori e faccio per vestirmi.
Il parcheggiatore sta venendo dalla nostra parte quando Ciro mi dice che devo assolutamente raccogliere lo spazzolino, allora mi tira per un braccio e mi costringe a piegarmi, ho il culo all'aria e lui allarga le mie chiappe e fa vedere tutto proprio al parcheggiatore che era ormai arrivato al nostro sportello. In viso sono rossa, lo sento ma me ne frego, sono una troia, è quel che mi merito.
Mi chino ancora cercando lo spazzolino e lo trovo, lo metto nella busta guardando il parcheggiatore negli occhi mordendomi le labbra.

Poi Ciro mi passa i pantaloni e mi rivesto, ma prima prendo la sua mano, me la passo nella figa e la annuso, poi la avvicino anche al naso di Ciro che inspira ad occhi chiusi e poi mi metto la mano in bocca, tutta dentro come una vera troia, e inizio a leccarla, mentre il parcheggiatore guarda assorto.
Mi rialzo i pantaloncini, esco dall'auto e mi avvio alla reception dell'albergo.
Mi seguono i miei due porci e mi presento alla hall con il mio braccio intorno a quello di Ciro , in macchina avevamo concordato che avremmo finto di essere una famiglia in viaggio. E così ci presentiamo, la famiglia Tinosa, la felice famiglia Tinosa. In visita solo per una notte.

L'uomo alla reception ci registra, per fortuna non chiede i documenti, e insiste per accompagnarci personalmente nella camera.

Ci incamminiamo tutti e 4, già fantasticavo ma non so se era un sogno realizzabile. Prendiamo l'ascensore, 5 piano stanza 523. nell'ascensore Ciro inizia a parlare con l'uomo e a complimentarsi per l'albergo. Nel frattempo Nino, dietro di me mi mette le mani sulle tette e inizia a giocarci, le impasta, tira i capezzoli e mi morde, sta scendendo piano verso la mia figa ma siamo arrivati. Prima di uscire dall'ascensore gli strizzo il cazzo ridendo.
Entriamo in camera e noto con gioia che c'è solo un letto matrimoniale ma il portiere ci rassicura dicendo che avrebbero provveduto al più presto.
Mentre Ciro e Nino guardano la stanza, io approfitto per accompagnare alla porta il portiere e ringraziarlo. Mi ricorda del letto che porterà offrendosi di persona, così lo ringrazio e chiudo la porta.
Mi spoglio subito e corro verso Nino che è già con il cazzo da fuori che mi aspetta pronto e duro. Ciro si è seduto sul letto dopo aver ben chiuso le tende. Salto in braccio a Nino che mi solleva reggendomi per la figa, mentre la massaggia famelico con le dita delle mani.

Mi solleva di peso e mi butta sul letto, io subito mi tiro su ma loro sono già pronti, con gli uccelli ritti che mi aspettano. Rido come una bambina che guarda i giochi nuovi e inizio a baciarli, a leccarli, stretti nelle mie mani erano perfetti.
Mi avvicino al cazzo di Ciro che esala l'odore inebriante di piscio, chiudo gli occhi e annuso vogliosa, lui sa cosa fare e mi piazza le palle sulle palpebre e io le prendo, le bacio una alla volta e me le spalmo in faccia, Nino approfitta e mi mette il cazzo in bocca, io spalanco la bocca e lo spingo dentro fino al conato di vomito, mi salgono le lacrime agli occhi e me le asciugo con la sua cappella rossa e lucida.
Mi alzo in piedi e le mie tette vengono accolte da quattro mani rozze che mi palpano ovunque.
La mia bocca si chiude in un bacio e Ciro mi prende le labbra chiudendole tra due dita della mano mentre con l'indice dell'altra mano mi inizia a scopare le labbra, come se il suo dito fosse il suo cazzo.

Nino, con le mie tette libere si butta sui capezzoli e inizia a succhiarli e a torcerli famelico.
'Troia, sei solo una troia, una lurida troia che sa solo godere. Ti mancavano i nostri cazzi eh troia?! Ora ti scopiamo. Così stai apposto per un po'!'. Io annuisco gemendo, con la bocca chiusa intorno alle dita di Ciro.
Ma oggi mi voglio divertire, in questi giorni ho pensato a un sacco di cose, posizioni, fantasie e storie da inventare. Cosi li faccio sedere sulle sedie del piccolo salottino e mi inginocchio, abbasso la testa e inizio a pregare, prego per avere più cazzi da succhiare, prego perchè qualcuno mi scopi.

Nino si alza e inizia a mettere il suo cazzone tra i palmi delle mie mani, e infila la sua cappella tra le mie labbra mentre io continuo a pregare. Prego di avere un cazzo che mi scopi le tette, che si infili tra i capezzoli e dopo un secondo ecco il pisello di Ciro che mi accontenta, lo sego con le mie tette e preme la sua cappella lucida sui miei capezzoli, mi lecca, ci sputa sopra insultandomi e mi spalma il suo sputo con il cazzo.

Continuiamo così per un paio di minuti quando bussano alla porta. Il letto!
'prego signore, entri pure' dico io, lasciando sbigottiti i due porci.
Quando apre la porta ci cerca con lo sguardo, e quando i suoi occhi incontrano i miei, che lo guardano desiderosa, apre la bocca e sgrana gli occhi.
Io giro la faccia e continuo a succhiare le palle di Nino che mi guarda con sguardo interrogativo ma che immediatamente asseconda la mia voglia di cazzo.
Il portiere chiude la porta dietro di sé e entra nella stanza. Ha ancora la bocca aperta ma gli occhi sono chiusi. Così mi stacco dai miei due piselli e mi avvicino al portiere.

'sono o no una vera troia? Succhio il cazzo di mio fratello mentre mio padre mi scopa le tette. Sembro una troia? Lo sono signore?', lui continua a guardami mentre mi avvicino gattonando sul pavimento. Intanto Ciro e Nino continuano ad insultarmi, mi chiamano in tutti i modi e mi raccontano cosa faranno con la mia figa, con la mia bocca, con il mio corpo da zoccola.
Il portiere continua a non muoversi così mi giro verso Ciro dicendo 'papi, ma il signore non vuole scoparmi? Non vuole che io provi il suo uccello papi, non sono abbastanza troia per il signore? Papi, Nino dite al signore quanto sono una zoccola, quanto mi piace succhiare i vostri cazzi duri!'

Il portiere inizia a balbettare qualcosa ma io non lo sento, mi avvento verso i cazzi dei miei maialini e mi piazzo in ginocchio davanti a loro aspettando con ansia.
'ecco troia!' 'Ecco i cazzi che ti piacciono', 'chiudi gli occhi e apri la bocca puttana, e succhiati questi uccelli' dicono. 'oh si, sbattimi il cazzo in faccia papi, anche le palle si! Nino scopami la bocca, sono una troia e voglio il tuo cazzo nella mia gola Nino, scopami, forte Nino! Sbattimi la cappella fino alla gola sii!'
Inizio a succhiare, godo leccando le palle di Ciro e sentendo la puzza del suo piscio contro il naso, ha appoggiato le sue palle alle mie palpebre mentre io mi tocco la fica e mi lecco i miei umori dalle mani.
Il portiere che era rimasto fermo allora si alza dalla sedia, si cala i pantaloni e fa uscire dalle mutande un cazzo bellissimo, era perfetto, non troppo grande nè troppo piccolo ma era perfetto, diritto e con due palle enormi, completamente depilato e con la cappella ben esposta. Una cappella veramente enorme e rosa.
Ero incantata dal nuovo uccello. Così lascio i due cazzi, mi alzo e mi incammino verso il cazzo del portiere. 'chiamami Silvia, e insultami, perchè sono una troia vero?!' dico; lui rosso in viso risponde 'si, sei una puttana che succhia i cazzi del padre e del fratello, troia! E ora inizia a succhiare anche il mio Silvia'.
Mi avvento sulle sue palle come incantata. Le bacio e le succhio, me le appoggio in faccia e le spalmo sul viso. Le mie mani vengono subito prese da Ciro e Nino mentre il portiere mi regge la testa e mi pompa il suo pisello in gola, è più lungo di quello di Nino e arriva ancora più giù, mi sfonda la bocca.

Poi mi alzo e mi stendo sui braccioli della poltrona, testa all'indietro e cosce aperte. In meno di un secondo mi ritrovo Nino su di me che mi scopa le tette, il portiere Vittorio che mi sfonda la bocca e Ciro, il mio Ciro che mi sfonda la figa a furia di leccare. Mi spreme la cappella contro il clitoride e mi chiama, mi iniziano a chiamare tutti e tre, mi chiamano troia, mentre godono. Urlano il mio nome, lo urlano e mi insultano, mi chiamano in tutti i modi e mi coprono di insulti. Ma io non sento nulla, sento il puro piacere.

'sono la più grande troia del mondo, vengo!!! Sputatemi addosso, voglio il vostro sputo ovunque!! spalmatemelo ovunque con i vostri cazzi. Godo! Sono una troia vero?! Fatemi godere maiali!'
I tre continuano a sputare e a insultarmi, ad urlare e a godere.
Poi Vittorio si stacca e si avvicina ai miei piedi, inizia a leccarli e a sputarci sopra. Poi li chiude e inizia a scoparli con il suo cazzo. Non ci vedo più, Nino sta continuando a fottermi le tette e Ciro mi ha messo le palle in bocca e mi preme la faccia contro il suo scroto odorante.
Vengo. Piombo in un abisso di sensi e li supplico di venirmi addosso e così fanno.
Mi sborrano ovunque, la sborra è calda e cola ovunque, specialmente quella di Vittorio che mi è venuto sulle tette, proprio nel mezzo e cola di lato. Ciro invece mi è venuto sulla fronte e la sua calda sborra mi sta colando sugli occhi. Nino invece ha infilato con forza il suo pisello nella mia bocca e mi è venuto direttamente in gola. Mi cospargo il corpo con la loro sborra, si mischiano i vari nettari caldi, diventano una crema sulla mia pelle e me la spalmo con i loro uccelli ormai mosci. Mi accascio sulla poltrona e li osservo. Tutti e tre davanti a me.

Li obbligo a sedersi sul letto.
'appena vi passa venite in bagno. Vi aspetto.'
Cosi dicendo mi reco nel bagno. Mi metto nella vasca e mi lego i capelli in due trecce che cadono sulle mie tette piene di sborra.
Il primo ad entrare e Nino che mi guarda e chiama subito gli altri.
'voglio la vostra piscia addosso. Voglio lavarmi con la vostra piscia, voglio che mi vedete mentre mi piscio addosso il mio liquido e voglio che mi sputate addosso perchè io sono una troia. Una puttana, e voglio lavarmi con il vostro piscio caldo.' Dico, lasciando tutti sgomenti. 'inondatemi maiali, ma non pisciatemi in bocca.'
Ciro ride 'sei proprio una troia. Zoccola lavati con la mia piscia, tanto lo so che ti piace troia. Tienii, lavati e godi, puttana che non sei altro.' Ciro è il primo ma subito Nino e Vittorio lo seguono.
Mi ritrovo con tre getti di caldo piscio che mi cola ovunque, me lo spalmo addosso, lo spalmo ovunque, e gemo nel farlo.

Mentre il piscio mi sgorga addosso, sento i mille insulti che i tre porci mi stanno mandando. Mi sputano addosso e mi spalmo tutto addosso. Inizio a masturbarmi mentre i tre maiali mi guardano. Mi guardano e continuano ad insultare. Dopo un tempo infinito nel quale mi masturbo apro le gambe verso l'alto e vengo squirtando in aria mentre quei tre porconi mi acclamano entusiasti.
Li ho fatti godere, ho fatto sborrare tre uomini senza farmi scopare in figa.
Ora sono pronta, lo sento, e poi non posso più resistere, li voglio tutti e li voglio dentro di me.
Io mi definisco eterosessuale ma mi sono sempre eccitata a vedere le lesbiche, e mi sono ben documentata a riguardo, tra video e racconti.

Dopo poco dalla mia doccia di piscio Vittorio si riveste e scende nella hall per lavorare. Mentre Nino fa un riposino leggero sulla poltrona io mi faccio una doccia calda, e immagino che sia piscio, sono ancora eccitatissima e inizio a masturbarmi, inizio ad ululare che voglio altri cazzi e Ciro da dietro la porta vuole accontentarmi ma gli dico che faccio da sola.
''Ciro guardami dalla serratura. Brutto maiale che non sei altro!' dico. Poi apro la tenda della vasca a mi masturbo. Prendo i flaconcini di shampoo e me li ficco della fica calda e bagnata, entrano ed escono e poi me li ficco in bocca e li lecco. Torno sul mio clitoride e lo torturo, lo tiro e lo spremo.
'sono una troia, sono una grande puttana, voglio solo cazzi, li voglio ora, li voglio ovunquee!'

La maniglia della porta si muove, Ciro vuole entrare ma non glielo permetto.

'guardami maiale, puoi fare solo questo lurido porco!' dico. Sta ridendo lo sento bene. Sto per venire e prendo il doccino in mano, cambio il getto fin quando non ne esce uno solo, doppio e potente e me lo punto alla fica, il piacere è istantaneo. Urlo come un ossesso e vengo in un orgasmo travolgente, inizio a tremare e cado in ginocchio nella vasca mentre il getto tiepido è nella mia figa, continuo ad urlare e Ciro fuori mi copre di insulti: 'oddio sei una cagna, ti scopo io, apri lurida troia. Succhiami il cazzo che poi ti scopo come una vera troia.'
Io continuo a godere di queste parole mi alzo in piedi, ficco una mano sotto la figa grondante e piscio.
Fuori Ciro si dimena e poi urla di piacere anche lui. Urla il mio nome e ripete che sono una troia.
Dopo pochi minuti, mi sciacquo ancora, mi metto l'accappatoio strizzandomi le tette e esco. Quando apro la porta vedo tutta la sborra di Ciro che cola allora mi piego e la lecco da sopra la porta mentre lui mi guarda. Mi alzo e metto l'accappatoio a terra.

Mi stendo sul letto e chiudo gli occhi. Dopo due secondi Ciro si stende accanto a me, mi appoggia il cazzo tra le due gambe e inizia a scoparmi così, senza entrarmi dentro sul serio, mentre mi strizza le tette tra le mani e mi sussurra all'orecchio cosa sono.
Ci appisoliamo così, il suo cazzo tra le gambe e le mie tette strizzate tra le sue mani, quindi mi giro verso di lui. Siamo faccia a faccia, palle contro figa.
Lui mi solleva e mi appoggia sul suo corpo, il cazzo e dritto e lo sento sulla mia figa.
Le mie tette sono sotto il suo collo e la sua lingua mi sta leccando i capezzoli mentre le sue mani mi strizzano il culo.
Poi giro la testa sul suo petto e gli dico che sono stanca, voglio dormire. E ci addormentiamo così
Dopo un paio d'ore è tempo di cenare, quindi ci vestiamo e stiamo per scendere al ristorante dell'albergo. Chiamo la reception per sapere se ci sono posti liberi e mi risponde Vittorio, che ci invita a restare in camera, alla cena ci avrebbe pensato lui.
Sono al settimo cielo, tra poco verrà anche Vittorio e potrò succhiare anche il suo cazzo. Infatti pochi minuti dopo entra dalla porta e mi chiama: 'Silvia, dove sei puttana? Ti sei nascosta?'
Divertita rispondo che ero in salotto e subito compare sulla soglia, con un sorriso enorme stampato in faccia.
Io inizio a ridere e mi alzo le gambe contro il petto nascondendo la faccia, lui quindi si avvicina e mi bacia. Inizia a toccarmi le tette e a massaggiarmi i capezzoli. Ma io voglio di più.
'Fermati maiale. Ora fai una cosa per me, chiami la cameriera più giovane che lavora qua dentro e la fai pulire la stanza. La vasca è piena di piscio. La porta del bagno è ancora sporca di sperma. è inammissibile!'. Lui mi guarda divertito e prende il telefono.

CAPITOLO III

Nino è ormai sveglio, si siede vicino a me e mette una mano sotto il sedere e inizia a toccarmi la figa che è già bagnata'

Ciro mi guarda ridendo dalla poltrona di fronte, non si muove, muove solo gli occhi dalla mia figa alle mie tette, le tocca con gli occhi, le spreme con gli occhi e mi eccito.
Bussano alla porta e Vittorio corre ad aprire sorridendo. Io mi alzo, ormai nuda e vado incontro alla nostra ospite. Appena mi vede capisce tutto e vuole andare via, ma la prendo per il braccio e la strattono. Chiudo la porta dietro di lei e la sbatto contro la porta in modo che con gli occhi veda i miei 3 cazzi dritti.
Inizia ad urlare e le tappo la bocca con le mani.
''devi stare zitta. Ora pulisci la sborra di mio padre dalla porta e lo fai anche in silenzio.'
Lei si dimena, mi prega ma io non mollo, so perfettamente cosa fare.
La butto a terra e la inizio a spogliare, la bacio mentre le ficco una mano in bocca per farla stare zitta.
Le tolgo l'uniforme sporca e le sfilo i guanti con la bocca, una volta che le sue mani sono libere inizio a succhiarle le dita, prima una, poi due, poi tre.

I miei compagni iniziano a ridere, ridono di gusto e anche io inizio a ridere, Vittorio si avvicina ma gli tiro un calcio e indietreggio.
'troiaa, sei una lurida troia Silvia, falla godere come una troia !'
Sgrano gli occhi. , mi alzo e gli mollo un ceffone :'zitto porco, solo io godo in questa stanza. Solo io sono una troia, lei non è nessuno, solo io posso godere, nessun altro.' .
Nel frattempo la giovane cameriera si alza e si accovaccia contro la porta, allora mi avvicino e le sussurro che non ha scampo, decido io per lei. Lei ora è mia e io faccio quello che voglio.
La strattono e la alzo, le mie tette sfiorano le sue strette nell'uniforme. Allora la giro in modo che tutti possano vedere. Vittorio si è seduto e ora tutti e tre ci guardano mentre stringono i loro cazzoni duri tra le mani.
Presa dall'euforia la stringo tra le braccia e le nostre tette si uniscono, i suoi capezzoli sono duri e li sento contro i miei. Lei ha smesso di urlare, ora ha la bocca aperta e la sua presa sulle mie spalle sta calando. penso.
Le prendo la testa e la spingo sulle mie tette, lei è un po' riluttante all'inizio ma poi si lascia andare, inizia a gemere e cade in ginocchio trascinandomi con lei. Mi strizza le tette e mi lecca tutto intorno. Cadiamo a terra e si rotola sopra di me, ma non ha capito che comando io.
Le tiro uno schiaffo sulle tette e urlo :'non ti permettere più, qua decido io, vai sul letto immediatamente.'
Lei sgrana gli occhi e si massaggia le tette arrossate, si morde le labbra poi si alza e va a stendersi sul letto. Io mi alzo e la seguo guardando i cazzi degli spettatori e mordendomi le labbra mi infilo un dito in bocca e succhio, loro lo sanno che cosa significa, mi guardano e gemono il mio nome. Mi chiamano troia e mi invitano a godere con la cameriera.
Quindi mi sposto verso il letto dove è stesa lei e mi metto sopra di lei, mi giro al rumore delle poltrone che si spostano per vedere meglio.
Si seggono tutti e tre ridendo e tenendosi i cazzi duri con le mani, li puntano verso di me e continuano a segarsi.
Mi giro soddisfatta e piazzo la mia figa bagnata in faccia alla cameriera, le scopo la bocca, perchè comando io.
Scosto la figa e urlo: 'chiedimi se sto godendo, chiedimelo! Dimmi che sono una troia, che solo io posso godere, che tu non godrai! Sono lurida troia vero? Dillo!' . la ragazza mi guarda attonita e anche i miei bei cazzi dietro. Vittorio si è alzato e si sta segando velocissimo, la sua cappella esce entra veloce tra le sue mani. Ha un cazzo meraviglioso. Lo guardo e mi lecco le labbra mentre tutti mi insultano.
Ficco un'altra volta la figa sulla bocca di Marta. Si chiama Marta, e le sto scopando la bocca.
Ciro si è alzato e si è messo di fronte il letto, mi sta guardando dritto negli occhi: 'sei solo una puttana, stai godendo troia? Stai godendo? Scopala Silvia, scopa questa vacca e godi!' , continua a guardarmi dritto negli occhi, le sue mani sul suo cazzo sono invisibili tanto che sono veloci.
Alzo il corpo e mi giro, la figa sempre in faccia a Marta ma la mia faccia guarda Nino, è quasi un 69, vedo la figa di Marta, appena pelosa ma le sue labbra sono fradice.
Alzo la faccia, i capelli sono tutti attaccati alla mia faccia, dalla mia bocca esce la bava. Sto godendo come una maiala. Guardo Nino e lo faccio venire avanti, lui si è fermato e si avvicina.
Gli prendo una mano e con la mia sopra afferro la mia tetta e la metto sulla figa di Marta, e inizio a masturbarla con le mie tette, Nino le afferra e le lecca, le intinge tra la figa di Marta e le bacia ancora. Marta sta urlando ma io le piazzo ancora la figa tra le labbra e spingo forte.
Nino continua a muovere le mie tette nella figa fradicia di Marta. L'orgasmo sta salendo lo sento.
Mi dimeno come una dannata sulla figa di Marta e la costringo a leccare la mia sempre più forte.
'lecca vacca, leccamela! Fammi godere, come una troia! Sono una troia, dillo!
'si lo sei' urla lei, staccandosi per un attimo dalla mia fessa, intanto si muove frenetica, si sta scopando con le mie tette. Sta godendo. Ma arrivo prima io
Vengo copiosa sulla faccia di Marta, le sborro in faccia ma continuo a muovermi. Pochi secondi dopo sento lo stimolo, le apro la bocca con la mia fica e il mio squirt esce e la lava. Non se lo aspettava, povera Marta... bhe peccato.
Mi alzo e continuo a pisciare sulle sue tette. Le mie tette, intanto, grazie a Nino stanno continuando a scoparla in figa.
E dopo pochi secondi viene anche lei urlando il mio nome. Ma io non sono ancora soddisfatta. Voglio di più, voglio molto, molto di più.
Le mie tette sono piene del piacere di Marta; Nino le sta ancora stringendo, le lecca, le bacia, m succhia i capezzoli duri e turgidi.
Sono ancora sopra di lei, inizio a muovermi, la mia figa sulle sue tette dure e enormi' mi spalmo la mia stessa piscia su tutta la figa grondante di umori, saliva e piscio' continuo così per parecchi minuti, dopo poco inizio a gemere e con me Marta.
Vittorio era con il suo cazzone in mano, continuava a segarsi, non era ancora venuto. Nessuno di loro lo era.
Nino continuava freneticamente a succhiarmi tutte le tette, Ciro si era alzato, si era messo accanto a Nino e mi guardava, mi insultava in ogni modo:'sei una lurida puttana, una troia vogliosa di cazzi, tiè pigliati questo cazzo in bocca, fino alle palle.'

Mi rialzo come da un sogno, lascio Marta con la bocca ancora aperta e la lingua da fuori, ha gli occhi chiusi e li apre di scatto. Levo le mani di Nino e le metto sulla figa di Marta dicendo che doveva farla morire di piacere, ma non godere:' a godere devo essere solo io capito?!'
Prendo il cazzo di Ciro a due mani e me lo ficco in gola in una frazione di secondo, lo desidero e lo succhio, un gelato, un delizioso lecca lecca al sapore di piscio e sperma vecchio'. Mmm inebriante.
Succhio e succhio, Ciro mi prende la testa e inizia a scoparmi la bocca con forza e violenza.. io lancio un urlo e lui urla con me e finalmente gode, sborra e continua a sborrare direttamente in gola.
Succhio tutto, pulisco per bene il suo uccello e rido, inizio a ridere e continuo allo stesso tempo a succhiare, in preda ad un desiderio indescrivibile.

Alzo le braccia e Ciro mi prende in braccio.
'Lo voglio Ciro, lo voglio dentro di me, voglio il tuo cazzo, lo voglio tutto.'
Si siede sulla poltrona e mi mette sulle sue ginocchia, faccia a faccia e inizia a baciarmi e a toccarmi, tette e figa'

Io lo abbraccio e lo bacio a mia volta. Mi alzo sulle punte dei piedi e mi abbasso di colpo, con le mani mi accompagno il suo cazzo dritto sulla mia fessa. Sputo sul suo cazzo e lui mi aiuta a penetrarmi.
In un secondo mi abbasso e sento una sensazione meravigliosa, mi sento piena e il dolore è appena accennato, esce pochissimo sangue dalla mia figa, ma in un minuto inizio a tremare, tremo e inizio a lacrimare. Mi fermo qualche secondo per abituarmi al palo che avevo dentro. La mia vagina inizia ad abituarsi, si adattava.
Ciro mi alza il viso e mi guarda negli occhi, io lo prendo e lo bacio iniziando a muovermi piano piano.
Ero al limite della goduria, mi sentivo piena nonostante le dimensioni non del tutto esagerate. Ero piena del cazzo di Ciro e stavo godendo come una maiala, una troia..
Inizio a muovermi sempre più velocemente, poi inizio a gemere e poi nel giro di pochi minuti inizio ad urlare.. urlo di gioia e ululo di piacere'

'Vittorioooo, Vittorio, vieni immediatamente qua. Voglio il tuo cazzo in mano muoviti!' dopo un secondo ho anche la bocca piena, il suo enorme cazzo non entra nella mia bocca ma solo per metà. Ho gli occhi chiusi e la mia faccia guarda il muro dietro di me, il cazzo di Vittorio dritto e duro dentro la mia bocca che mi pompa con forza. Lecco le palle con tutto il cazzo in gola, sento la mia mascella che mi inizia a fare male così lo ficco ancora più a fondo fino al conato di vomito, lo caccio fuori e succhio le palle, due insieme, le sue palle enormi e perfette..

Nino sta ancora masturbando Marta ma mi chiede più volte se io stia godendo e gli rispondo con gemiti di piacere, così tutti iniziano a chiedermelo. Solo Marta tace, ma ei non può parlare perchè ora ha il cazzo di Nino in bocca e succhia con voglia.
Chiamo Nino e lo faccio avvicinare, così lui lascia Marta e si precipita da me, si mette di fronte a Vittorio e inizio a prendere i loro cazzi nelle mani, me li spingo sui capezzoli e poi li lecco, l succhio uno per volta mentre l'altro è accolto dalle mie mani

Il cazzo di Ciro intanto sta continuando a scoparmi, sto per venire e lui mi aiuta sgrillettandomi con il pollice.. l'orgasmo è vicino così lascio i cazzi di Nino e Vittorio che subito si girano verso Marta che nel frattempo sta in ginocchio dietro di me.
Io afferro le spalle di Ciro e lui mi afferra i fianchi.
Inizio a scoparmi con il suo cazzo enorme e io mi muovo più frenetica, inizio ad urlare ma ancora non vengo. Ciro continua a masturbarmi..
I cazzi di Nino e Vittorio sono in bocca e nella figa di Marta. Insieme iniziano a gemere :'silvia, lurida troia stai godendo?' dice Nino, 'Silvia stai venendo?' chiede Vittorio'.
Anche Ciro ha iniziato ad urlare, sento il rumore del mio corpo che cade sul suo.. lui continua a masturbarmi poi improvvisamente mi lascia e mi afferra le tette, inizia a tirarle forte mentre la sua lingua sta leccando tutto il mio viso. Poi mi alza di botto e mi mette a terra, io non me ne ero neanche accorta, apro gli occhi giusto in tempo per vedere la sua sborra venirmi in faccia' io non capisco più niente, continuo a tenergli il cazzo in mano e continuo a segarlo mentre mi spalmo la sborra su tutta la faccia con il suo uccello' dopo pochi minuti lo sento afflosciarsi, lo lascio e mi stendo a terra. Apro le gambe e le alzo sulle sue spalle che si sono abbassate alla mia altezza. Inizia a scoparmi con la lingua e il piacere in un attimo sale e sale e sale.

Vengo.

Un orgasmo travolgente, inizio ad urlare e a dimenarmi a terra, poi sento qualcosa di caldo addosso e in un attimo vengo inondata dallo sperma caldo di Nino e Vittorio che si sono staccati da Marta lasciandola sul letto, prona, e si erano avvicinati puntandomi i cazzi addosso.
I miei sensi erano completamente persi, vedevo le loro bocche muoversi, come per parlare, ma non sentivo niente. Sentivo solo i loro cazzi schiaffeggiarmi tutto il corpo pieno di sperma caldo'.
Credo di aver perso i sensi.

Mi sono risvegliata che era sera, ero ancora stesa a terra, nuda. Coperta solo da sborra ormai fredda, era rimasta appiccicata addosso.
A fatica mi alzo e cerco quei maiali, ma non c'è nessuno nella stanza. I vestiti di Vittorio non ci sono più, quindi sarà sceso a lavorare. Di Nino e Ciro neanche l'ombra.
Entro in bagno e mi guardo allo specchio. Sono sconvolta, il mio viso è irriconoscibile. Ho i capelli arruffati e appiccicosi,e ho segni biancastri sulla pelle, ho un livido sulle labbra e le mie tette sono piene di segni, sono gonfissime, piene di succhiotti. Ho i capezzoli durissimi. Ancora.

Al lato della bocca cola ancora del liquido e lo lecco gemendo. Il sapore è paradisiaco, mi ritrovo ad esserne affamata così mi tocco alla ricerca di grumi ancora liquidi, lo trovo tutti tra le gambe, erano rimaste accovacciate e hanno conservato tutto intatto. Tra i peli della figa c'è ancora qualcosa. Mi lecco addirittura i capelli, succhio dalle ciocche alla ricerca di quello che veramente volevo.

Una risata viene da dietro. Mi giro e Ciro è lì che i guarda. 'CHE PUTTANA' mi dice, e ride. E io con lui.
'ne hai ancora voglia Silvia?' 'non ti sono bastati tre cazzi! Sei proprio una cessa, sai solo svuotare i cazzi vero?!' mi dice, sta continuando a ridere mentre si allontana, verso il salottino. Lo seguo quasi in trans. Lui si siede sulla poltrona e io mi siedo a terra, davanti a lui. Si sta massaggiando da sopra le mutande. La pancia lo copre ma lo riesco a vedere.
Il mio cazzo. Quello che ho sempre desiderato. A mia completa disposizione.
'dov'è Nino?' chiedo.
'te lo dico dopo, ora lavora puttana!' mi risponde.
Sorrido e mi butto sul suo pisello. è pronto come sempre, per me. Mi concentro prima sulle sue palle, le sue luride palle, puzzano ancora più di prima e l'odore è inebriante. Mi punge il naso e lo sento dentro i polmoni. Una puzza stantia, marcia e eccitante, almeno per me.

Le lecco una alla volta, poi le succhio, una si, una no e tutte e due insieme. Le mie mani risalgono il suo cazzo, premo un po' con il palmo sulla cappella, come vidi in un video tempo prima. Ciro mi guardava dall'altro, con il labbro inferiore chiuso tra i denti, una barba appena accennata e gli occhi fissi nei miei.
Mugola e geme, e io con lui. All' unisono
Appena chiude gli occhi, lo prendo in bocca, in una botta sola. Dritto in gola fino al conato di vomito. Ciro inizia ad urlare, mi urla per bene quello che sono, ho gli occhi chiusi, mi concentro sulla sua voce, sui nuovi insulti pronti per me. Vado sempre più veloce e le sue mani mi tirano i capelli. Mi incasa il cazzo dritto in gola, forse anche più giù. è un tornado, la bocca mi fa malissimo. La mia saliva bagna tutte le sue palle e parte del pube, urlo ma lui non si ferma. Anzi. Va più veloce ancora, si alza in piedi e mi costringe a spostarmi, va più forte ancora.

Poi all'improvviso si ferma. Mi fa girare, e mi butta la testa all'indietro. Mi aggrappo con le ginocchia e le mani alla poltrona.
Lui è sempre dietro di me, mi ficca ancora il cazzo in bocca, le sue palle bagnate mi coprono gli occhi. Le sue mani afferrano le mie tette fortissimo. Poi continua a scoparmi, va sempre più forte.
Inizia ad urlare cose indicibili, neanche me le ricordo. Urlo anche io con lui. Le lacrime mi bagnano gli occhi, o è solo saliva. Urlo e mi dimeno. Mi sale il vomito.
E si riferma. Si stacca da me, mi butta a terra e si siede sulla poltrona.
Sono stesa a terra di schiena, le tette all'aria, guardo il soffitto e ho la vista annebbiata da saliva e lacrime, la bocca mi fa malissimo eppure sorrido beata. Beata della mia troiaggine, se così posso dire. Mi sento bene come mai prima. Una puttana, una vera. Una a cui piace il cazzo e non se ne vergogna.

Mi rialzo e mi lancio su di lui, che mi sta aspettando felice. Siamo faccia a faccia, mi inizia a leccare tutta, viso, collo, mi succhia le tette, le preme e le tira con una mano, mentre l'altra è nella mia figa che si dimena. Sento il suo cazzo umido sotto di me inizio a segarlo con la mia figa, mi muovo su di lui, si gonfia sempre di più e vorrei tanto continuare a toccarlo con le figa, ma la voglia è troppa. è irresistibile. Mi alzo, mi aiuto con le mani e in un colpo mi impalo. Sbarro gli occhi e lui con me, apro la bocca e dalla bocca esce saliva. Sto sbavando.
Lentamente inizio a muovermi, poi sempre più veloce, in poco tempo perdo le forze ma lui non si ferma. Mi afferra per il culo, i due diti medi nel mio buco e mi impala velocissimo, non so neanche spiegare la sensazione. Urla e strepita, io gemo sorridendo. Arriva troppo dentro, non pensavo potesse arrivare così in fondo. L'orgasmo sale, sale troppo veloce e non lo controllo. Mi paralizza, sono accasciata su di lui, riesco solo ad urlare tutto il mio piacere.

Poi si ferma, è esausto e anche io. Mi dice che possiamo riposare, e restiamo così, ho la gambe divaricate e sento il mio piacere scendere. Bagna tutto, incontrollabile.
In pochi secondi mi addormento, ma passa un minuto, in realtà non so dopo quanto tempo, ma Ciro mi solleva e gira con forza, sono ancora intontita e pensavo, stupidamente che mi stesse portando a letto. 'non hai ancora finito puttana, io sono ancora pieno!' mi dice, in una risata che percepisco come maligna.
Mi gira e mi pianta l'uccello in figa, il suo petto è appoggiato contro la mia schiena, le braccia mi tengono le gambe sollevate quasi fino al collo. I muscoli mi fanno male, ma i miei anni da ginnasta finalmente adempiono al loro scopo. mi piega ancora le gambe così che si alzi il culo in alto, giusto il tempo affinché la mia figa, stretta tra le gambe incontri il suo palo. Mi infila il cazzo dentro, in un colpo. Lo fa violentemente e mi piace ancora di più. Urlo come mai prima, mi tappa la bocca con la mano il suo cazzo è fermo dentro di me, appena mi calmo mi toglie la mano e la rimette sotto l'incavo del ginocchio, al suo posto.
Poi inizia a muoversi, non inizia piano come prima, va direttamente a mille. Mi sta letteralmente trapanando. è un mostro, è micidiale. è bellissimo. La mia gioia è indescrivibile, mi abbandono completamente a quella sensazione e credo di perdere ancora i sensi, cado quasi in coma. Sento tutto il mio corpo, come mai prima. La saliva mi scende fino alle tette, la lingua fuori dalla bocca che geme. Ciro è una furia. Il suo cazzo è un fulmine, si aggiusta veloce ora sono i suoi gomiti a tenermi le gambe e le sue mani mi stanno strappando le tette.
Arriva in un attimo. L'orgasmo più indescrivibile della mia vita. Squirto, sapevo che sarebbe successo prima o poi, quando avrei raggiunto il limite. E il limite Ciro lo aveva superato ampiamente. Bagno tutto, la poltrona, lui e me stessa.

Quando se ne accorge, non subito, inizia quello che ricordo come un elogio.
I suoi insulti mi penetrano insieme alla sua sborra calda, il suo cazzo e la sua bocca sono tutti per me, cacciano una droga per me.

Per la troia che sono.


Vi prego, sentitevi liberi di commentare

Questo racconto di è stato letto 9 0 0 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.