Paura e piacere

Scritto da , il 2020-09-12, genere incesti

Ogni volta che mio Padre mi doveva castigare per aver sbagliato dovevo lavare i piedi servirlo portandogli da bere e lavarlo quando faceva il bagno lavarlo dove voleva lui senza fare opposizione e massaggiarlo nudo sedermi sulla sua schiena strusciare i glutei sulle spalle sembrava un gioco Una sera rientrando a casa era seduto in cucina aveva solo un asciugamano intorno alla vita si è avvicinato e mettendomi le mani sulle spalle con forza mi ha spinto in basso inginocchiandomi davanti alle sue gambe Dove sei stato a fare la troia in giro vero ? No Papà che dici scommetto che qualche porco ha voluto che gli succhiassi il cazzo e cagna e ha tolto asciugamano e il cazzo duro grosso e lungo venoso era cosi ? la mano dietro la nuca spingeva verso il cazzone apri la bocca puttana fammi vedere come ciucci i cazzi e lo spinto in gola muovendolo facendomi soffocare poi si piegava con le mani sul culo stringendolo e strizzando le chiappe e sculacciandolo mi ha fatto alzare e prendendomi per le spalle mi ha detto ricordati che tu sei mio solo io comando sul tuo corpo e mi infilato la lingua in bocca il suo cazzooooooooo stretto tra le mie gambe due dita grosse nel buco e mi sono eccitato mi ha fatto appoggiare al tavolo della sala allargato le gambe mi ha sputato nel solco e ha appoggiato la cappella e poi la spinta tutta dentro facendomi urlare e dolore forte ma continuava a mandarlo dentro e fuori poi si è seduto su una sedia e mi sono seduto sul suo cazzone su e giu e ho provato piacere che lo baciato quando stava per venire mi ha fatto scendere io sotto e lui in piedi ho succhiato fino a farlo schizzare nella bocca e ingoiare tutto e sono venuto anche io mi ha portato in bagno e mi ha fatto vedere come lavarmi dentro per non sporcare il cazzo tutti i giorni facevamo sesso godevo anche tre volte mi ficcava le dita in bocca mentre da dietro mi prendeva e mi diceva leccale come se fosse un altro cazzo e poi le infilava nel culo insieme al suo cazzone facendomi venire senza toccarmi di lui avevo paura e piacere tremavo quando ero con lui ma il piacere era troppo forte Una sera siamo andati a mangiare una pizza tanti ragazzi tanti uomini lui controllava chi guardavo e quanto mi chiedeva che tipo mi poteva piacere tra tutti quelli che erano li gli indicai tre uomini ben piazzati rumeni sui 35 45 anni bevuto amaro siamo usciti e rimasti in macchina i tre uscendo nel parcheggio avvicinandosi alla siepe e si sono messi a urinare cacciando i cazzoni pieni di piscio e sbattendoli nelle loro mani facendoli ingrossare li guardavo e tremavo da paura e piacere mio padre mi ha detto scendi e vai verso il ristorante e passaci vicino e sculetta e smuovi il culo e poi torna qui io cosi ho fatto passando vicino e poi tornando battute ci sono state e ci hanno seguito lungo la strada mio padre si è fermato e loro anche è sceso si avvicinato a loro al finestrino gli ha detto vi piace il ragazzo ? vorremo svuotare le palle se sei d'accordo senza violenza e senza schiaffi e seguitemi i fondo ad una strada di campagna ci siamo fermati in una radura con le luci basse siamo scesi mio padre ha preso una telo dalla macchina e lo steso davanti ai cofani illuminati dalle luci di posizione poi mi ha fatto spogliare e loro si sono tolti i pantaloni avevano dei tre cazzoni grossi ma uno era meno lungo ma doppio largo altri lunghi sui 23 cm in ginocchio li ho leccati a succhiati me li passavano a turno poi a pecorina mentre ne succhiavo uno ho sentito delle dita aprirmi il culo e poi sputo sulle mani e le ha passate infilandole nel buchetto appoggiato la cappella e tenendomi stretto per il collo mi ha scopato con forza spingendolo tutto dentro fino a riempirmi di sborra e poi altro a turno facendomi colare la sborra tra le gambe e sono venuto due volte da solo e ultimo mi ha fatto mettere a gambe aperte e mi ha scopato guardandomi e dandomi colpi forti di cazzo facendomi impazzire che lo abbracciato per il collo e mi spingevo sotto a lui e per un attimo mi ha baciato con la lingua siamo venuti insieme poi venuto mio padre a cazzo dritto e piegandomi sul cofano a gambe aperte mi ha scopato venendo Adesso una volta alla settimana cerchiamo qualcuno che vuole godere nel mio culo e a casa gli racconto cosa provo e come mi fanno godere e scopiamo alla grande

Questo racconto di è stato letto 9 4 0 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.