Mary Lou l’esibizionista

Scritto da , il 2020-08-09, genere esibizionismo

Mary Lou
quella mattina, nel suo letto, si sentiva al tempo stesso umiliata ed eccitata. In realtà, molto più eccitata, anzi quella parte di umiliazione era causa di ulteriore eccitazione, ed il solo pensarci le faceva indurire i capezzoli e bagnare la figa. Era infatti ormai qualche giorno che non vedeva L. e non le bastava più masturbarsi più volte al giorno eccitandosi con il dirty talking dei suoi whatsapp o mostrando i capezzoli eretti sotto la canotta agli operai che lavoravano per casa. No, bramava le sue mani rudi sul suo corpo ed il suo cazzo. E l’ultima volta, sulle scale, mentre stava per abbracciarlo, ecco una ‘tempestiva’ telefonata della Telecom: L. aveva colto la palla al balzo e, lì sul pianerottolo, le aveva sollevato il vestito e rudemente infilato tre dita nella vagina già umida, stimolando con l’altra mano l’ano e mordendole l’orecchio libero. Lei aveva tentato malamente di controllarsi, ma alla fine il suo dialogo con l’operatrice commerciale era risultato costellato di sospiri ed ansiti, tanto che all’altro capo ebbero piena coscienza di quanto accadesse e si godettero, sottolineandolo con qualche risolino, il suo orgasmo in diretta. Chiusa la telefonata, seguì un’ora di sesso selvaggio, conclusa da una penetrazione anale mentre sfregava la figa sull’angolo del lettino da visita. Che troia era diventata, e L. ne era fiero, inducendola sempre più a forzare i propri tabù un po’ alla volta.
Il giorno dopo, al negozio di detersivi, sempre grazie ai messaggi espliciti di L., era di nuovo eccitata da morire: L. le chiedeva di immaginarlo lì accanto a lei, invisibile, che le strizzava i capezzoli,
mormorandole quanto fosse troia, e ciò fu sufficiente a provocarle un orgasmo davanti ad un incredulo commesso: tentò di dissimularlo in un attacco d’asma poco credibile.
Le stava piacendo sempre più venire in pubblico, e grazie alle provocazioni di L. si scoprì a desiderare di essere scopata davanti ad altri uomini, magari con i loro grossi cazzi in vista che si masturbavano chiamandola troia... e di nuovo venne urlando come una bestia in calore, una cagna insaziabile, le mani affondate nella figa ed il corpo inarcato in spasmi violenti di piacere, le cosce spalancate e le lenzuola stropicciate ed intrise del suo sudore e dei liquidi emessi dalla figa, preda di prolungati spasmi ripetuti. ‘Wow - pensò - che troia che sono... e speriamo che L. mi scopi davvero in un parcheggio...’

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.