La mia ossessione - cap 1

Scritto da , il 2020-07-29, genere dominazione

L’ho conosciuta la mattina del primo giorno del terzo anno di liceo classico, quando ancora si chiamavano ginnasio e liceo. Andavamo a scuola tutti in divisa, ma come stava a lei, con quella gonna sul ginocchio attillata , non stava indosso a nessun’altra. Mi fulminò subito con un sorriso ed io ero già perso per lei. A. diventò presto una mia cara amica ma anche una vera e propria ossessione. Io, L, ormai ex studente, ero pazzo di lei e non riuscivo proprio a togliermela dalla testa e anche lei capì quanto mi aveva in suo potere.

Un giorno d’estate eravamo con tutta la classe al mare e io facevo davvero fatica a non guardarla con quel costume rosa che le stringeva le sue forme perfette. A., fisico scultoreo, una seconda abbondante ed un fondoschiena scolpito nel marmo, 1,70 m di bellezza mediterranea, e con dei piedini belli tanto quanto il resto del corpo. Io non sono un feticista, amo la cura del corpo, sia maschile e femminile, ed una donna con tacchi e piedi curati mi fa un certo effetto. Quel giorno al mare non solo potevo vederla per la prima volta in costume dal vivo ma potei vederle anche i piedi e lì mi resi conto che ogni sua parte del corpo aveva su di me una sorta di controllo mentale. Ero sempre più pazzo di lei e avrei fatto di tutto per lei.
Il primo “approccio” lo ebbi qualche settimana più avanti, quando al mare eravamo una decina di compagni di classe tutti a casa mia per festeggiare il ferragosto. Io quel giorno ero uscito in barca presto per pescare e quando rincasai non c’era nessuno in casa. Così in un momento di impeto decisi di andare in camera di A.. Una volta entrato ero già eccitato al massimo, il solo pensiero di essere nella sua stanza, anche se ero a casa mia, mi eccitava. Mentre aprivo un cassetto notai un paio di sandali con il tacco, molto sexy, adatti solo sotto un vestito elegante. Non ci vidii più e iniziai a masturbarmi pensando ad A. che li stava indossando di fronte a me e più mi immaginavo la scena più mi diventava duro. Li presi e iniziai a baciarli. Sentii però qualcuno tornare e così sgattaiolai in camera mia.
La sera stessa uscimmo e andammo in discoteca a ballare e cosa indossava A.? Proprio quei sandali. L’eccitazione quella sera fu costante e non feci assolutamente nulla quando ballammo insieme per non fargliela sentire. Con quel tubino poi, era ancora più sexy e mi annebbiava ancora di più il cervello.
Il giorno dopo mentre eravamo in spiaggia mi disse che voleva parlarmi….

Continua

Questo racconto di è stato letto 1 9 8 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.