Senza remore - 1 - la svolta

Scritto da , il 2020-07-24, genere tradimenti

Davanti allo specchio rimirava il nuovo acquisto. Il corsetto sotto il seno e quelle mutandine di pelle erano perfette. Il bustino le sollevava il seno proprio come piaceva a lei e le mutandine avevano un'apertura nel punto giusto.
Sentì suonare alla porta e sorrise. Sapeva benissimo chi era. L'aveva invitata lei proprio quella mattina.
Ripensò a quando aveva dato una svolta alla sua vita piatta.

Si era sposata a venticinque anni per il motivo più sbagliato, si era creduta innamorata di un uomo che la faceva sentire al sicuro, ma già dopo i primi mesi di matrimonio aveva capito che era uno da poco. Era grande e grosso, era di tante parole ma di pochi fatti. Quello che aveva di buono era che era un gran lavoratore, non avevano mai avuto problemi di soldi e lei si era concessa delle libertà che forse con un altro non avrebbe potuto. Infatti dopo soli cinque anni si erano comprati una bella villetta singola.
Ma le tante ore di lavoro del marito pesavano sul matrimonio, in quanto lui spesso mancava anche di notte e quando era casa, era spesso stanco. Quindi la loro vita sessuale si riduceva a ben poco.

Una casa singola oltre a tanta riservatezza porta, però, anche molte preoccupazioni. Essendo spesso sola di notte avevano pensato ad un impianto d'allarme che funzionasse sia per l'apertura degli infissi che al movimento nella proprietà attorno alla casa.
Dopo circa un paio di mesi che abitavano lì, una notte, una di quelle in cui il marito era a fare il suo lavoro, Laura ricevette una visita inaspettata, una di quelle che non si dimentica difficilmente. Ovviamente l'antifurto funzionò a meraviglia e il malintenzionato non ebbe nemmeno l'opportunità di entrare in casa ma Laura non si sentiva più così al sicuro.
Chiese al marito di evitare di dare la sua disponibilità notturna ma dopo il primo mese vide la differenza esorbitante nella busta paga di lui. Le ore notturne pagavano quasi tutta la rata del mutuo. Così convennero che era una pessima idea e il marito tornò a stare spesso via. Le notti di Laura divennero interminabili: di dormire non c'era verso.
Succedeva sempre più spesso che verso le quattro del mattino la stanchezza si impossessasse di lei ma svegliarsi alle sette per andare al lavoro diventava sempre più pesante e la sua resa era sempre poco convincente, tanto che le costarono delle lettere di richiamo. Dormire sulla scrivania non rientrava nelle mansioni a lei affidate.
Dopo la seconda lettera il marito chiese a Emanuele, suo fratello, di appena 20 anni di dormire nella stanza degli ospiti quelle notti che lui non era a casa, solo per dare un po' più di tranquillità alla moglie.
Emanuele frequentava l'università e per lui era una manna dal cielo quell'invito.
Prese accordi con Laura e si stabilì quasi in pianta stabile da loro - cosa che per la madre fu un colpo al cuore. Entrambi i figli fuori casa, non poteva controllarli-.
Oltre ad essere più vicino alla stazione, e questo voleva dire dormire un'ora in più la mattina, aveva anche una camera tutta per sé alla cui porta Laura bussava sempre prima di entrare, non come la madre.
Ben presto la vita con Emanuele divenne un'abitudine. Tra loro il rapporto era sempre stato ottimo, Laura lo aveva conosciuto da adolescente e avevano intrecciato un rapporto fraterno. Fatto di confidenze che lui non si permetteva nemmeno con suo fratello. Infatti Laura era l'unica a sapere che Emanuele frequentava una ragazza. Lei aveva quindici anni e sua madre non avrebbe accettato che il figlio frequentasse una minore, come se lui fosse poi chissà quanto più grande.
Addirittura, dopo qualche mese, Laura ed Emanuele, stabilirono una breve frase in codice che facesse capire a lei quando dileguarsi quando la ragazzina andava trovare il suo ragazzo. Manca il latte, era la frase. Laura faceva finta di ricordarsi del mancato acquisto e in fretta usciva e li lasciava soli. Stava fuori un'oretta e poi tornava. Non prima di essersi accertata che avessero finito.
Ovviamente il marito di tutto questo non sapeva nulla.

Tutto cambiò una notte. Laura dormiva tranquilla, quando qualcosa la svegliò.
Furtiva si alzò, con il panico che le faceva sudare le mani e battere il cuore a mille. Controllò l'allarme ma non c'era nessuna luce che lampeggiava. Quindi era tutto a posto. Ma qualcosa l'aveva svegliata. Andò verso la camera del giovane cognato per controllare, ma già a meno di due metri dalla porta si rese conto che qualcosa stava succedendo dall'altra parte.
Lo sentiva gemere e ansimare. Pensò che fosse in un suo momento intimo. Poi lo sentì chiaramente dire "Oh si, così, più forte…"
Si allontanò di qualche passo furiosa. Gli aveva dato fiducia, libertà e lui la ripagava così? Sperava che con lui non ci fosse la ragazzina, perché a quell'ora era preoccupante. Ma allo stesso tempo si sentiva tradita perché aveva permesso ad una sconosciuta di entrare in casa sua, senza dirle nulla.
Ci pensò qualche attimo poi aprì la porta.
"Senti non mi va bene che fai…" cominciò a dire ma quello che vide la zittì.
Emanuele era di schiena, completamente nudo, coi piedi appoggiati a terra, le mani ancorate alla sponda del letto e qualcosa di nero attaccato con una ventosa al pavimento gli entrava quasi per intero nel culo.
L'intromissione di lei fu talmente repentina che il ragazzo mollò la presa e si ritrovò seduto sul pavimento, lanciò un urlo e dal cazzo completamente eretto partì una seria di schizzi verso l'alto.

Laura uscì dalla camera ma restò attaccata alla porta.
Era la cosa più eccitante avesse mai visto. Emanuele era un ragazzone di quasi un metro e novanta, moro dal taglio militare e gli occhi azzurri come il cielo. Non era bello ma era un tipo. Era magro, non muscoloso ma dal fisico ben delineato.
Lo sentì piagnucolare e bussò alla porta.
"Lele… scusa. Ehm… hai bisogno di… qualcosa?" si sentiva così in colpa, sia per i pensieri, che per aver interrotto qualcosa di molto più intimo di quel che avesse mai potuto pensare e in modo così… invasivo."
"Scusa. Davvero io…"
Lo sentì gemere.
"Entra."
Aprì la porta di uno spicchio, senza guardarlo in viso.
"Promettimi che non lo dici a nessuno." disse lui a voce bassa, seduto sul letto con addosso il lenzuolo.
"Ma figurati!"
"Ti faccio schifo?"
Subito Laura lo guardò e gli sorrise.
"A ognuno piace ciò che piace. Anche a me piace prenderlo… ehm la penetrazione anale. E come sai ho un caro amico gay passivo, quindi…"
"Io non sono gay… direi più bisessuale."
"Ti piace sia la carne che il pesce." disse lei per stemperare l'imbarazzo.
"Si." disse lui. Si mosse sul letto e gemette ancora.
"Lo hai ancora…?"
"No! Sei matta? Ti faccio entrare mentre mi… no! Ma mi sono fatto male."
"Scusa è colpa mia. Ho pensato avessi fatto entrare qualcuno senza dirmelo."
"Non lo farei mai. Mi lasci libero di… perché dovrei?"
"Hai bisogno di qualcosa?"
"Bacino passa tutto?" disse lui ridendo "scusa, battuta orribile." aggiunse.
"Qualcuno te lo fa?" chiese Laura, curiosa.
Lui la guardò e si morse le labbra.
"Tu e io siamo in confidenza ma forse dirti tutto potrebbe rovinare…"
"Ti ripeto. Ho un amico gay che mi racconta i dettagli delle sue esperienze. Non mi traumatizzo facilmente. Sono un po' stupita si, ma se sei felice, sono felice per te."
"Felice. Per essere felice dovrei essere libero di godere con chi voglio e quando voglio… invece di nascondermi."
Laura lo capiva perfettamente. La maggior parte dei suoi orgasmi erano dati dai suoi giochi in solitaria. Di cui nessuno sapeva nulla.
"Difficilmente si può avere questa libertà. Molti fingono per avere una vita serena e per non turbare la famiglia."
"Ti immagini mia mamma se scopre che mi piace prenderlo nel culo? Credo le verrebbe una sincope. E poi mi farebbe fare una lobotomia. O un esorcismo. O tutte e due."
"Credo che anche tuo fratello avrebbe la stessa reazione." disse Laura amareggiata.
"Siamo diversi vero?"
"Gli opposti."
"Comunque si. Qualcuno me lo ha fatto. E a qualcuno l'ho fatto io."
"Cosa?" chiese Laura non capendo.
"Bacino passatutto." ripetè Lele con un sorriso.
"Ah, ok… ed è piacevole?"
Il ragazzo la guardò sbigottito.
"Mio fratello non ti ha mai leccato il…"
"Fa fatica anche a leccarmi… davanti, pensa te se mi lecca dietro."
"Ma scusa, quando te lo mette… quando fate anale…"
"Non l'ho mai fatto con lui. Lo facevo da ragazzina. Tuo fratello quel buco lo intende solo come buco di scarico, non un altro ingresso."
Lele sgranò gli occhi, incredulo.
"Pazzo! Posso capire che non usi il suo come lo uso io, non a tutti piace, ma il tuo…"
"Eh… lo so… io ci andavo matta."
"E allora come…?"
"Come fai tu?" rispose lei alludendo alla scena di poco prima.
Il ragazzo si imbronciò.
"E' piacevole ma vuoi mettere?"
"Uno vero? Eh!"
"No, farlo in due intendo, vero o meno… quando è un altro che…"
"Che ti incula?" finì Laura chiamando finalmente le cose con il loro nome.
"Esatto. È il massimo. Giocare da soli è bello ma in due… è meglio."
"E perché stavi giocando da solo?"
Il ragazzo rise, poi la guardò e disse "la prossima volta ti chiamo e tu me lo spingi nel culo?"
Laura restò di sasso, non era questo che intendeva lei con quella domanda: aveva inteso perché non avesse incontrato uno dei suoi partner pene-muniti. Ma la proposta aveva un che di allettante.
"Eh magari…" disse distogliendo però lo sguardo.
Lele restò in silenzio a guardarla, confuso. La sua voleva essere una battuta, non una proposta… ma il solo pensiero risvegliò in lui il desiderio. Sentì il suo amico tra le gambe riprendere vita. Abbassò lo sguardo e si tirò il lenzuolo più in alto.
Restarono in un silenzio imbarazzante per qualche minuto, poi lui disse "Stiamo varcando dei confini… non so se…"
"Ci stiamo spingendo troppo oltre? Vero? Sei mio cognato…"
Lele sospirò poi disse "Probabilmente si, ma permettimi di dire una cosa e poi se vuoi, torniamo indietro. Torniamo a te che scopri il mio segreto e io ti chiedo di non dirlo a nessuno."
"Ok." disse Laura in uno strano stato tra l'eccitata e imbarazzata.
"Ho il cazzo duro."
Laura si schiarì la voce, poi si umettò le labbra
"E io la figa fradicia."

In cinque anni di matrimonio l'unico tradimento che poteva essere considerato tale era stata una serie di chat piccanti avute qualche mese prima con uno di cui non conosceva né il nome né il viso.
Ma quello che stava facendo in quel momento era da considerarsi alto tradimento.
Aveva il cazzo di suo cognato, il fratello di suo marito, tra le mani e le dita di lui che la masturbavano egregiamente.
Le bastò poco per raggiungere l'orgasmo: la situazione era talmente eccitante che avrebbe goduto solo a pensarci.
"Dio, ti bagni tantissimo!"
"Non nominare il nome di Dio invano" disse lei ridendo, in beffa alla madre di lui così devota alla chiesa.
"Non lo sto facendo infatti!" rispose lui ridendo a sua volta.
Laura raggiunse un altro orgasmo, più intenso, che la portò a stringere un po' le cosce.
"Aspetta…" Disse Lele spingendola sul letto e posizionandosi tra le sue gambe.
Le aprì le labbra con le dita e diede un leccata a lingua larga.
"Cazzo! Mio fratello è un pazzo! Sei dolcissima! Denso e dolce come un frutto maturo." disse prima di rituffarsi nel suo centro del piacere.
La fece godere innumerevoli volte prima di averne abbastanza, quando si sollevò aveva tutto il viso bagnato degli umori della ragazza lasciandola spossata sul letto.

"Ti va di…?"chiese il ragazzo afferrandosi il membro alla base.
"Di…?" lo spronò lei. Le sembrava stupido avere dei pudori dopo quello che era successo.
"Di succhiarmi il cazzo?" disse Lele con un largo sorriso.
"Si, ma solo se vieni tu da me… credo di avere una semi paralisi dalla vita in giù. Non sono più abituata a questo genere di cose."
Lele scese dal letto e si avvicino a lei portandosi a portata di bocca. Appoggiò un ginocchio sul letto per servirle il cazzo in direttissima.
Laura lo leccò di gusto poi lo imboccò il più possibile.
"Posso farti una domanda… personale?" chiese il ragazzo godendosi il pompino lento della cognata.
"Davvero mi chiedi una cosa del genere mentre ti succhio il cazzo? Cosa c'è di più personale dell'avere il tuo cazzo che mi accarezza le tonsille?"
Lele rise e le spinse di nuovo il cazzo in bocca, appoggiò le mani al muro e cominciò a scoparla piano ma sempre un po' più a fondo.
"Quando hai scopato l'ultima volta?" chiese ma le asciò il cazzo ben piantato in gola per qualche secondo prima di darle la possibilità di rispondere.
Laura tossì piano e disse "Credo un paio di mesi fa."
"Perché scopate così poco?" chiese ancora strusciandole il cazzo su una guancia.
"Lui è sempre stanco."
Il ragazzo strabuzzò gli occhi poi disse "io ho sempre voglia. Anche quando sono stanco… dopo un esame soprattutto. Ma se stai sopra tu… dovrebbe essere più facile anche per lui."
"Si, ma se non gli diventa duro la vedo… dura?" disse Laura e prendendo il cazzo in mano portandoselo alla bocca cominciò a leccare la cappella turgida e violacea.
Lui la lasciò fare un poco poi le chiese se voleva farlo venire con un pompino o e preferiva guardarlo mentre si segava.
Laura ci pensò un attimo, indecisa.
"In realtà vorrei tutto. Sia farti venire con un pompino che guardare mentre ti seghi. Ma la verità è che vorrei sentire il tuo bastone dentro di me…"
Lele si leccò le labbra, poi recuperò un preservativo.
Lei si mise in ginocchio e lui le si posizionò dietro.
Le strusciò il cazzo sulla fessura qualche volta poi lo infilò lento ma fino in fondo facendola gemere forte.
Quando cominciò a muoversi fu lei ad invocare dio più e più volte.
Dopo il terzo o forse il quarto orgasmo le cedettero le braccia e si trovò con la faccia sul materasso, madida di sudore e con il fiato spezzato.
"Mmmm cognatina… si vede che non hai il buco vergine… è bello slabbrato." disse massaggiandolo con il pollice.
"Aspetta… non so se è pulito."
"Non ti preoccupare ho imparato da piccolo a non mettermi le dita in bocca dopo averle messe in posti sporchi" disse spingendo il dito dentro.
"Oddio si!!" disse Laura spingendo il culo indietro.
Il ragazzo riprese a pomparle il cazzo dentro la figa e intanto muoveva il dito nel suo secondo ingresso facendole montare ancora un altro orgasmo.
"Masturbati!" le ordinò lui. Lei gli ubbidì subito e venne in pochi secondi. Era all'apice dell'orgasmo quando sentì che lui si sfilava e puntava il cazzo sul buchino. Non ebbe il tempo di dire nulla che lo sentì sprofondare nel culo.
Fece un lungo urlo sospirato e mentre lui affondava completamente dentro di lei, morse le lenzuola. Erano almeno sette anni che non riceveva un cazzo di carne nel culo, non era preparata all'irruenza di qualcun altro.
Ma non poteva lamentarsi. Il dolore era stato solo all'inizio ed era durato solo qualche attimo.
"Ti prego…"
"Cosa?"
"Inculami!"
"Dio… sei proprio un'intenditrice!" disse Lele cominciando a scoparle il culo lentamente.
"No, ti prego… violentami il buco del culo. Fammi male. Ti prego."
"Davvero?"
"Si… è quando godo di più."
"Che figata." disse il ragazzo cominciando subito a montarla con forza.
Ogni volta che glielo spingeva dentro con forza, sbattendole le palle sulla figa, lei gridava e lo incitava a fare più forte.
"Quanto ti piace troia?"
"Troppo."
"Ma vuoi che continuo?"
"Non smettere mai. Inculami tutta la notte! Slabbrami il culo, non mi importa"
"Che troia che sei…" disse dando un'altra botta.
"Si lo sono davvero."
"Sai perché sei troia?"
"Perché mi sto facendo inculare da te?"
"Si… e ti piace vero?"
"Si! Hai un cazzo fantastico! Meglio di quello di tuo fratello."
"Dio! Mi sto scopando il culo di mia cognata!"
"Oh si!"
"Ti eccita sta cosa vero?"
"Da morire."
"Abbiamo un segreto solo nostro."
"Si solo nostro."
"Ma non sarà solo stanotte vero?"
Laura ebbe un altro orgasmo al solo pensiero di potersi scopare il ragazzo altre volte.
Suo cognato, un ragazzo che per anni aveva considerato qualcosa di simile ad un fratello minore.
"Dimmi che non è solo per stanotte…"
"Non è solo per stanotte."
"Oh siiiii!!" Gemette lui conficcando il cazzo come se volesse entrarle nelle viscere.
"Voglio sborrarti dentro…"
"Non chiedere… fai quello che vuoi…"
Lele imprecò, le sfilò il cazzo solo il tempo di togliere il preservativo e poi glielo rimise dentro facendola urlare ancora.
"Dio si! Come sei bella così! Dio ti sento tutta! Hai il culo che è un forno!"
Prese a incularla di nuovo con forza ma più velocemente.
"Quanto ti piace così?"
"Mi stai facendo impazzire!"
"Ti piace il cazzo di tuo cognato?"
"Si!"
Glielo sfilò ancora e sollevandola di peso la fece girare. A paragone di lui, Laura era uno scricciolo. Era alta, ma molto meno di lui, magra e dalle curve morbide. Lele sapeva di cosa suo fratello si era innamorato: lei aveva due belle tette tonde, le aureole grandi e i capezzoli piccoli. Un sogno.
Le sollevò le gambe e ripuntò il cazzo sul buco e la penetrò lentamente mentre lei guaiva come una cagna. Era bellissima, sudata, il fiato corto, il viso distorto in una maschera di dolore e piacere.
Quando le fu tutto dentro le prese i capezzoli tra le dita e li tirò. Laura cominciò a muovere il bacino facendo leva con le gambe sui fianchi di lui.
"Sei la mia troia?"
"Si."
"Sei mia cognata…"
"Si."
"Sei la mia sorellona?"
A quella domanda Laura sorrise e si spinse il cazzo più dentro.
"Inculami fratellino, fammi venire ancora!"
"Cazzo! Sei perfetta. Un po' santa e un po' troia."
"Poco santa ma molto troia."
Lele le sollevò le gambe verso l'alto tenendola per le caviglie e cominciò a scoparla con forza.
Laura si prese i capezzoli e cominciò a strizzarli forte e a tirarseli, godendo della penetrazione veloce e profonda di quel cazzo fantastico.
"Oh siiii!" urlo il ragazzo e dopo qualche spinta poderosa la impalò eruttando dentro di lei.
"Oddio si, si, si, si" uggiolò Laura con le lacrime agli occhi.
Poco dopo lui si sfilò e si sdraiò accanto a lei, spossato.
Appena recuperò il fiato si voltò verso di lei e le sorrise.
"Sei fantastica."
"No, tu lo sei. Hai un cazzo fantastico e duri tantissimo."
"Perché mio fratello no?"
"Non mi ha mai scopata così. E io non ho mai avuto così tanti orgasmi."
"Farti venire è un piacere e poi… è facile. Sembra che sei fatta di sole zone erogene."
"Eh… forse è perché sei tu. La situazione… e anche la voglia di godere…"
"Ti piace questo… mezzo incesto?" azzardò Lele. Sapeva che durante il sesso si è tutti più disinibiti, ma poi spesso si torna coi piedi per terra e certe cose dette durante l'amplesso tornano ad essere tabù.
"Te l'ho detto sono molto porca. Mi piace… anche troppo. A te no?"
Lele le prese la mano e se la mise sul cazzo. Ancora duro.
"Secondo te?"
"Dio… sei da scopare per ore."
"Guarda… ho una voglia pazzesca ma non credo di averne davvero la forza ora. Mi hai spompato. Purtroppo anche io ultimamente sono fuori allenamento."
"Ma se scopi un sacco con la tua…"
"Elena? Elena è brava a fare pompini. Muove la lingua in un modo… wow. Ma quando scopiamo… davanti dopo un po' le fa male dentro, così dice, e dietro dice che le fa troppo male. Dice che ce l'ho troppo grande."
"Nulla è troppo grande se ben lubrificato."
Lele rise poi constatò che lei non l'aveva proprio preparata.
"Si ma io ero troppo eccitata. Mi hai presa mentalmente e…"
"Come quando lo prendo nel culo. Mi perdo nel piacere e potrei farmi inculare da un cavallo."
"A chi lo dici… è quando si gode di più. Un piacere fisico ma quello che comanda è quello mentale. Tra noi… questo mezzo incesto ha il suo merito. E poi… il tradimento."
"Lo hai tradito altre volte?"
"Sei il primo. Anche se a volte ho desiderato avere uno scopamico. Ma poi mi fermava la paura."
"Con me non hai paura."
"No, rischi anche tu. Mio marito è tuo fratello. E tua madre fa la perpetua per il prete. Sapesse una cosa del genere credo farebbe il cammino di Santiago in ginocchio per farsi perdonare di avere un figlio così blasfemo. Io rischio il divorzio. Tu di venire diseredato e finire in ospedale. Credo che rischi più tu."
"Cazzo si… ma voglio continuare a scopare con te. Sei… come piace a me."
"Porca?"
"Si."
"E disinibita. Adoro ogni cosa che hai detto mentre scopavamo. Dal fammi male al fratellino. Sono cose che mi eccitano tantissimo. Poi constatare che sono cose vere… il massimo."

Quella notte dormirono insieme ma verso le sei del mattino Laura tornò nel suo letto e poco dopo suo marito tornò a casa. In quella mezz'ora da sola aveva temuto che il rimorso l'avrebbe tradita ma quando lui si sdraiò nel letto dopo averle detto uno striminzito "ciao" capì che non c'era spazio per il pentimento.
Non si aspettava granché ma un po' di dolcezza, magari un sorriso o un bacio. Invece l'aveva guardata appena.
Laura si alzò e andò a fare la doccia. Si fece un bel lavaggio anale, lungo e rilassante e poi si preparò per cominciare la sua giornata. Si sentiva diversa, più luminosa, come non le capitava da tempo.

Questo racconto di è stato letto 3 9 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.