Le Avventure di Alice e Roberto narrate da essi stessi. 8. Parlano, Parlano

Scritto da , il 2020-05-06, genere orge

Nell’ultimo racconto abbiamo lasciato Angela che bisbigliava con Alice; Tonio è infuriato per essere stato trattato come un oggetto da Angela, la quale con l’amica parla di lui in maniera spudorata. 

Ma Angela, che lo conosce e gli vuole bene, è molto sicura di se, ed ha concluso l’ultimo appuntamento abbracciandolo, raccontandogli le sconcezze che combina insieme ad Alice e Roberto e dicendogli Baciami Stupido
Adesso Angela è nuovamente al telefono con Alice; le due terribili signore continuano a complottare fra loro:
- Pronto Alice?
- Si, sono io.
- Ciao tesoro , spero di non disturbarti.
- Non mi disturbi mai Angela; anzi ti dirò che abbiamo parlato di te l’altro giorno.
- Non mi dire …
- Si ti dico, ti dico. Ha cominciato Roberto, come al solito, alla lontana. Ovvio. Quando ha voglia fa il vago, parla del tempo, ma sappiamo benissimo che ti ha in mente e non vuole mollare la presa…
- E tu, Alice?
- Gli ho dato corda; ci siamo anche eccitati insieme ricordandoci l’ultima volta…
- Porcella!
- Si, esattamente. Come va con Tonio?
- Bene, bene, è molto buffo; ormai lo abbiamo incuriosito, ma è troppo orgoglioso, fa finta di niente.
- Magari ha paura, chissà cosa si immagina.
- Per immaginare si immagina, si immagina; ma è più incuriosito che pauroso. Prima reagiva male, ma ormai secondo me si eccita. Ieri gli ho fatto un pompino con calma, leccavo e raccontavo, esagerando anche alcuni particolari; poi ho lasciato cadere che ce l’ha più lungo di Roberto.
- Davvero? Buona informazione.
- Si, come lunghezza ci siamo, Roberto ce l’ha solo più grosso. Comunque questa volta non si è infuriato. A dire il vero lo avevo in pugno, non avrebbe smesso per nulla al mondo. Poi son passata a parlare di te, mi sono inventata qualcosa sulla tua figa, gli ho raccontato dell’ultima volta fra noi tre (ride). Il ragazzo ha drizzato le orecchie e si aspettava che continuassi. Io invece l’ho lasciato così, in sospeso, ed ho continuato a cucciarlo come se niente fosse: sai com’è, bocca occupata non può parlare (ride nuovamente).
- Stronza.
- Credo che ormai sia cotto a puntino; la prossima volta arriviamo a casa vostra insieme.
- Sicura? Vuoi davvero forzare? Non vorremmo rompere il vostro gioco, cara Angela.
- E no, Alice, sono io che voglio vedere se il mio giocattolo funziona davvero; mi conosci, ho bisogno di un uomo così; ed ho anche una voglia matta di guardarlo in mezzo a noi.
- Se sei sicura …
- Non si è mai sicuri di niente in queste cose; ho avuto molta pazienza, lui mi piace anche da solo, ma sai come sono io… Due come voi siete giusti per metterlo alla prova, non può pensare a me come a una fidanzatina normale.
- Si, ma ti vuole molto bene, e anche tu gliene vuoi, Angela; lo sappiamo benissimo, una cosa è l’eccitazione la curiosità, altro è il sesso concreto; farti vedere mentre Roberto ti prende a pecora …
- Veramente con Roberto mi piace di più io sotto. Ma a dire il vero vorrei che mi scopasse Tonio, a pecora, ed io con il cazzo di Roberto davanti alla faccia…
- Brutta porca…
- Appunto: io sono così, per fortuna.
- Come vuoi tu Angela. Però arrivare a casa nostra così, in maniera premeditata, senza una scusa… Pensiamola meglio.
- Forse hai ragione. Magari potremmo…..
- Dimmi Angela.
- Senti Alice, e se invece …..
Le due donne continuano conversare piano con calma.
Angela è sdraiata nel letto, e parlando si passa ogni tanto una mano sulla pancia.
Alice, dall’altra parte della città, è nella sua cucina, seduta sulla punta della sedia, come fa lei. Ogni tanto accavalla le gambe e mentre risponde all’amica si guarda la scarpa.
Fuori comincia a fare scuro, le macchine passano e accendono i fari. I rumori diminuiscono, il tempo sembra attutito. E’ diventato buio ma nessuna delle due amiche accende la luce della stanza. Parlano, parlano….
© alicerobertohot, aprile 2018

Questo racconto di è stato letto 1 0 1 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.