Le mie prime volte in collegio (storia vera)

Scritto da , il 2020-04-23, genere prime esperienze


Tutto inizia sempre quando si e’ giovani. Da ragazzi. E’ cosi’. Poi certe cose rimangono, sedimentano e te le porti dietro per il resto del tuo percorso di vita.
Non a tutti succede la stessa cosa. Per molti pero’ e’ cosi’.
A me e’ successo esattamente questo.

Ero in prima media quando sono entrato in collegio. Era la fine degli anni 70. Un collegio prestigioso. Molto ben frequentato. La mia famiglia poteva permetterselo.
Il primo anno e’ stato duro. Tornavo a casa il week end e la domenica sera era difficile lasciare i miei e tornare in collegio.
Avevamo, ognuno, la propria camera privata ed era molto ben arredata. Nulla da dire. Pero’ non era facile comunque.
Il secondo anno delle medie ho cominciato ad abituarmi. Il terzo anno tutto cominciava ad essere normale per me e cominciavo ad adattarmi bene.
Eccetto che... mi sono “sviluppato” e le pulsioni erano forti. Se prima pensavo ai giochi e allo sport adesso cominciavo a pensare ad altro.
Nulla di particolare, ci mancherebbe. Solo che dovete ricordare dove mi trovavo.
Era un collegio maschile gestito dai padri B. Non c’erano ragazze. A scuola eravamo insieme ma solo i maschi potevano rimanere in convitto e dormire la notte nella struttura.
Mi masturbavo ogni sera. Avevamo il lavandino in camera e quindi mi potevo pulire senza neppure dovere uscire.
Dai piu’ grandicelli ricevevamo le riviste porno con le quali la masturbazione risultava ancora piu’ appagante.
Pero’... si sa... quando si e’ insieme possono accadere altre cose. Gli anni precedenti era normale sgattaiolare fuori dalla propria stanza ed entrare in quella del tuo amico per chiacchierare o giocare insieme. Era decisamente vietato e si rischiava tantissimo perche’ c’era un sorvegliante (laico) che controllava che fossimo ognuno nella propria cameretta.
Adesso invece se si parlava si finiva ad argomenti legati alla nuova scoperta della nostra sessualita’. Si sfogliavano insieme le riviste tipo Le Ore o i fumetti pornografici tipo Lando. E i cazzi si indurivano. All’inizio ce lo sistemavamo tramite la stoffa del pigiama quando si induriva. Poi magari ce lo toccavamo infilando la mano dentro il pantalone dello stesso. Dopo abbassavamo l’elastico e cominciavamo a masturbarci ognuno col proprio cazzo in mano.
Il fatto e’ che... le cose vanno sempre oltre. Non e’ questione di essere omosessuali o meno. E’ solo una questione di pulsione.
Si cominciava ognuno a segare l’altro con lentezza per fare durare lo sfogliare della rivista il piu’ a lungo possibile. Intanto pero’ imparavamo a trovare normale la sensazione di sentire il cazzo di un altro nelle nostre mani. E contemporaneamente di godere del tocco di un’altra mano. Se prima ci masturbavamo ma venivamo poi da soli nelle nostre camerette per quella pudicizia che si ha da ragazzi, in seguito diventava difficile fermarsi e venivamo uno davanti all’altro. Uno nella mano dell’altro. Quando arrivi a vedere, permettetemi la volgarita’, la sborra bianca e calda di un altro sulle tue mani, beh... hai superato un limite che diventa difficile da ricomporre.
Perche’? Perche’ vuoi andare oltre. Perche’ e’ quasi normale volerlo prendere in bocca. Inizi a capire la sensazione di sentire crescere nella tua bocca un cazzo. Le varie fasi della fellatio. Le prime volte fai sborrare il tuo amico allontanando la faccia. Poi rimani col viso vicino per vedere meglio. Poi fai passare la punta della lingua sul glande ancora bagnato. Poi prendi in bocca il glande ancora bagnato di sperma. Poi ti fai venire in bocca e sputi. Poi ti fai venire in bocca e ti fai colare tutto il seme fuori lentamente. Poi... ingoi.
Se si arriva a quel punto e’ facile volere andare oltre. Si ha voglia di andare oltre. Il culetto attira. Si fanno i primi esperimenti. I primi dolori. Poi si inizia a scopare. Quando si apre e si continua... piace. Si scopa. Si scopa. Si scopa. Si gode prima fuori sui glutei e sulla schiena. Poi si inizia a venire dentro il culetto.
Gode chi da e inizia a godere anche chi prende.
A me capito’ cosi’. Non ero omosessuale ma mi piaceva. D’altronde quando si e’ in quelle situazioni... capita.
Il problema e’ che, come scritto chiaramente, c’erano dei controlli ogni notte. Immaginate cosa puo’ voler dire gestire degli adolescenti in un collegio. Servono delle regole. Soprattutto in un collegio cattolico. Severo...
Una sera stavamo sfogliando una rivista porno e stavamo ridacchiando. Niente di che ma... non facevamo piu’ attenzione ai rumori in corridoio. Grande errore!
Sentiamo bussare e il sovrintendente del piano ci dice con ferma di aprire la porta che sentiva dei rumori.
Io sbianco e mi chiudo nell’armadio della camera del mio amichetto.
Lui apre e il sovrintendente entra senza neanche salutarlo. “So che c’e’ qualcuno. Dimmi chi c’e’ con te?”. Il mio amico ovviamente non fiata e quindi l’altro si mette a guardare sotto il letto e visto che non trovava il “colpevole” apre l’unico armadio della camera.
Io lo guardo con gli occhi spalancati e non dico nulla. Lui mi guarda, abbassa lo sguardo sul basso ventre del mio pigiama e sorride. Avevo ancora il cazzo in evidenza sotto il pigiama visto che non indossavo gli slip e si vedeva chiaramente. Torna a guardarmi sogghignando e mi prende per l’uccello tirando per farmi uscire dall’armadio.
“Bene, bene, Andrea vedo che ci stiamo divertendo in questo armadio. Cosa stavate facendo esattamente voi due?”. Gli diciamo in maniera del tutto sincera che stavamo sfogliando una rivista tanto era inutile raccontare frottole visto che era ben visibile sul fondo dell’armadio stesso.
“Andrea, lo sai vero che e’ assolutamente vietato andare nelle stanze degli altri compagni? E il motivo e’ proprio evitare certe situazioni. Che sono MOLTO vietate in questo collegio rispettabile”.
Chiude la porta e guardandomi negli occhi infila una mano dentro i pantaloni del pigiama e mi tocca l’uccello.
“Ah, pero’. Per avere la tua eta’ sei messo bene qui. Che porcellino. Fammi sentire dietro” al che’ mette l’altra mano dentro il retro del pigiama per toccarmi il buchetto infilandomi un dito dentro.
“Ah, ah, ah: giovane ma gia’ maialotto vedo. Quindi siete gia’ andati oltre le seghette che so che tutti voi vi fate a vicenda. Mi spiace ma devo informare Padre M. Sapra’ intervenire a dovere”.
A quel punto mi prende per un orecchio e mi riporta in camera mia facendo i un male del diavolo.
Passo buona parte della notte terrorizzato con gli occhi sbarrati pensando al giorno successivo.
La mattina dopo vado regolarmente a scuola ma, subito dopo il pranzo in mensa, vengo chiamato dal sovrintendente per accompagnarmi da Padre M.
Lui ci aspetta nel suo ufficio. Non e’ piu’ giovane. Per me poi i capelli bianchi (avra’ avuto una quarantina d’anni all’epoca) rappresentavano un’eta’ avanzata.
Si fa raccontare tutto l’accaduto e non mi guarda mai in faccia. Alla fine chiede di rimanere solo con me per parlarmi dell’accaduto.
Mi fa sedere accanto a lui e inizia a parlarmi in maniera paternalistica e soprattutto con tante citazioni religiose e alcuni riferimenti alla procreazione all’amore. Tutto sommato era cio’ che mi aspettavo.
Mentre parlava, pero’, mi metteva ogni tanto una mano sul ginocchio. Che poi andava alla coscia. E poi rimaneva li. Io ero imbarazzato ma soprattutto pietrificato perche’ avevamo tutti soggezione di lui. Anche i piu’ grandi.
Quando capi’ che non mi sarei mai mosso sposto’ la mano sulla mia patta. Io ero sempre fisso sul divano. Lui allora, certo della mia sottomissione, mi chiede di essere pronto ad accettare una giusta punizione per farmi capire dove avevo peccato e per potere accedere al suo perdono e non dovere chiamare i miei per espellermi dalla scuola. Quella era la minaccia che su di me aveva piu’ presa.
Mi fece alzare e mi chiese di spogliarmi per potere “verificare di persona cio’ che il sovrintendente gli aveva riferito”. Lo feci non senza un certo imbarazzo.
Ero con le calze indossate davanti a lui. E nient’altro addosso.
Mi tocco’ il pisello ovviamente a riposo. Me lo massaggio’ per un po’ e visto che non voleva indurirsi prese da una cassetto la rivista che la sera prima mi avevano sequestrato e mi disse di sfogliarla per cercare di ricreare la situazione della sera precedente cosi’ che lui capisse meglio. Io, non so come o perche’, ma col uso tocco e la sua masturbazione e la rivista in mano... cominciai a indurirmi. Un sorriso increspo’ le sue labbra. Continuo’ a masturbarmi lentamente col suo volto a venti centimetri dal mio cazzo. Quando alcune gocce di liquido pre-cum bagnarono il mio glande si fece rosso in volto. Si stava eccitando da paura. Allora mi fece passare la mano destra sotto lo scroto e inizio’ a palpare il mio culetto adolescenziale. Lo palpava e lo strizzava. Poi infilo’ un dito dentro il buchetto per vedere in che stato era. La cosa assurda e’ che anche io mi stavo eccitando dopo la paura iniziale.
“Sei molto cattivo Andrea. Sento che ti piace quello che ti sto facendo e ti devo fare una domanda? Con il tuo amico avete gia’ fatto sesso completo?”. Alla mia risposta affermativa il suo respiro si fece affannoso.
“Molto male, Andrea. Hai peccato in maniera molto seria. Devo fare qualcosa per toglierti le tue colpe. Accetta la punizione in silenzio”.
Mi prese in bocca il cazzo e inizio’ a succhiarmi come, certamente, il mio compagno non sapeva fare. Teneva sempre un dito nel mio culetto per farmi eccitare. Io non dicevo nulla e mi facevo fare tutto.
Lui allora si alza e si tira giu’ i pantaloni. Mi fa sedere e si mette davanti a me.
“Il mio membro e’ come quello del tuo amico?”
Cristo santo! Era decisamente diverso. Non solo grosso ma anche ricurvo all’insu’. Me lo mise in bocca senza aspettare la mia risposta.
“Credo che col tuo compagno abbiate fatto anche questo. Vediamo come lo fai”. Era comunque gentile nei modi. Mai brusco. Mai violento soprattutto. So perfettamente che avrei potuto fermarlo in qualsiasi momento e andarmene ma non lo feci.
Lo succhiai con le mascelle completamente spalancate. Era veramente grosso nella mia bocca. La cosa incredibile fu che quando arrivo’ vicino all’orgasmo usci’ dalla mia bocca e mi chiese di alzarmi e di masturbarmi con lui.
Venimmo quasi insieme. Per terra. Lui era un porco ma anche io capii che certe cose in fondo in fondo mi attiravano. Probabilmente avere ragione lui nel dire che era nella mia natura fare certe cose e tentare gli altri.
Ci pulimmo entrambi nel lavandino adiacente alla sua scrivania e ci rivestimmo. Mi chiese di pulire per bene per terra come atto di umilta’. Chiamo’ il sovrintendente e gli disse una cosa che mi lascio’ a bocca spalancata “Andrea e’ un peccatore e un tentatore. Pero’ ha capito e ha accettato la sua natura e la punizione che gli ho dato. Questo e’ molto positivo per me. Dobbiamo aiutarlo a ritrovare il percorso corretto ma dobbiamo accettare che questa e’ la sua natura e non possiamo forzarlo diversamente. Fallo andare a trovare i suoi amici senza intervenire. Dobbiamo essere gentili con lui visto che ha capito i suoi peccati e accetta la giusta punizione”.
In effetti io potei continuare a uscire dalla mia stanza e andare a trovare il mio amico senza che dovessi piu’ vivere nell’ansia di essere scoperto.
Ovviamente quando succedeva il giorno successivo venivo accompagnato da Padre M. E le punizioni erano ben chiare. Ogni volta c’era qualcosa in piu’. Fino a che arrivo’ il giorno in cui mi chiese di chinarmi sulla sua scrivania e, con l’ausilio di vaselina che teneva nel suo cassetto, mi entro’ dentro con un dolore che non sto a ricordare. Non ero vergine come scritto sopra ma il suo cazzo era veramente largo. Lui fece tutto con molta calma appoggiando la cappella al mio sfintere e spingendo piano piano ma la prima volta il dolore fu forte. Ero rigido come uno stoccafisso. Ma la vaselina e la sua pazienza aiutarono e dopo un po’ il dolore non era piu’ cosi’ lancinante. Si muoveva lentamente ma con ritmo costante. Ando’ avanti parecchio e poi esplose dentro di me. Che porco! Senza dirmi niente.
“Bravo Andrea. Il dolore e’ parte del percorso di redenzione. Sei un bravo ragazzo. Vedrai che dalla prossima volta non fara’ piu’ cosi’ male. Adesso girati che do un po’ di piacere anche a te”
Io ero in piedi e lui si inginocchio’ per succhiarmi l’uccello. Mi lecco’ e succhio’ per circa cinque minuti e mi fece venire nella sua bocca. Mi fece lavare nel solito lavandino del suo ufficio e chiamo’ il sovrintendente per farmi riaccompagnare nella mia stanza e per dirgli che ero stato molto bravo.
Per non dilungarmi troppo posso dirvi che anche il sovrintendente inizio’, di notte, a scoparmi anche lui. Non era gentile come Padre M. Era abbastanza rude nei modi e nel modo di scoparmi. Mi chiamava “troietta” e “puttanella” e mi scopava senza nenache toccarmi l’uccello. Veniva apposta sulle mie chiappette e mi lasciava cosi’ andandosene senza neache salutarmi.
Piu’ avanti (rimasi in quel collegio fino ai sedici anni) arrivarono anche a scoparmi insieme. Uno in bocca e l’altro nel culetto che nel frattempo era diventato decisamente elastico. A volte coinvolgevano qualche altro ragazzo che come me era remissivo e accettava queste cose. Ci facevano scopare fra noi mentre si masturbavano oppure ci scopavano loro direttamente. Quanto sperma bevuto e preso dentro di me in quegli anni.
Oggi sono sposato. Ma certe cose ti entrano dentro. Da quando avevo 19 anni e ho iniziato l’universita’ andando via di casa ho iniziato a frequentare trans. Scopo con loro ancora adesso. Piu’ hanno il cazzo grosso piu’ mi piacciono. Sono attivo e passivo.
Fino a quando sono esistiti andavo ogni tanto nei cinema a luci rosse e mi facevo toccare da sconosciuti mentre mi segavo al buio guardando un film porno.
Faccio scambio completo di coppia con mia moglie che sa delle mie perversioni e le accetta e le condivide con me.
Inutile negarlo: certe cose ti rimangono dentro per sempre.

Questo racconto di è stato letto 8 3 7 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.