Mia cognata 2

Scritto da , il 2020-04-16, genere tradimenti

Qualche mese fa abbiamo passato il fine settimana dai miei suoceri. La sera non avendo voglia di uscire siamo scesi al piano di sotto dai miei cognati. Mentre preparavamo la cena senza farsi vedere mia cognata si è avvicinata sussurrandomi in un orecchio che era tutta bagnata e che aveva una gran voglia del mio cazzo. Dopo aver cenato ci siamo messi a vedere la televisione, mia moglie e mio cognato da una parte mentre mia cognata ha voluto che mi sedessi sul divano vicino a lei. Approfittando della poca luce e di una coperta posizionata sulle gambe ha allungato una mano in mezzo alle mie gambe iniziando a stuzzicarmi l’uccello. A mia volta ho allungato la mia mano verso le sue cosce. Indossava il pigiama e quindi non è stato difficile raggiungere l’obbiettivo. Il mio dito non ha fatto fatica infilarsi era talmente bagnata che avevo paura che i suoi umori avrebbero sporcato il divano. Sicuramente anche la situazione aveva contribuito ad eccitarla così tanto, come me d’altronde. Per nostra fortuna mia moglie è solita andare a letto presto ma soprattutto mio cognato alcune sere va a dormire da suo padre perché lo deve assistere e quella era una di quelle. Con la scusa di vedere finire il programma che stavamo seguendo sono rimasto. Una volta soli mi sono sfilato i pantaloni le ho preso la faccia appoggiandola sul mio cazzo. Iniziò a leccare con delicatezza e poi se lo infilò tutto in bocca succhiandolo con forza. Ma io volevo di più e anche lei.
Lei si tolse le mutandine fradicie e mise la sua figa bagnata sopra il mio pene. Spinsi con forza e la penetrai. Sentivo i suoi umori colare sino alle mie palle. La troia di mia cognata stava già venendo e la sentii gemere, capii dalle contrazioni che stava per venire e le sborrai dentro. Levai il mio cazzo e tutto il mio sperma cominciò a colarle sul culo. Cominciai allora a massaggiarle il suo buco e dopo averlo bagnato bene con il mio sperma l’ho girata a 90 e ho infilato il mio cazzo nel suo bel culo. Mentre la penetravo godeva come una gran troia io spingevo con sempre più forza mentre lei con una mano sollecitava il clitoride. Dopo qualche minuto di pompaggio venimmo entrambi. Ci rivestimmo la baciai ringraziandola della serata e raggiunsi mio malgrado mia moglie che dormiva beatamente dai miei suoceri.




Questo racconto di è stato letto 6 1 8 6 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.