Mamma e figlio in quarantena

Scritto da , il 2020-04-15, genere incesti

Questo racconto è di pura fantasia..spero vi piaccia..
Mi chiamo Fabio ho 30 anni e vivo in un piccolo paese della Sicilia insieme a mia mamma Concetta ormai da 10 anni a questa parte siamo da soli da quando lei e mio padre hanno divorziato per via delle varie porcate di mio padre(aveva un'amante e andava anche a puttane).Mia mamma ha 55 anni è bionda,alta 1.75 cm per un peso di 75 kg e ha un seno davvero prosperoso una 4a coppa c,
mamma Concetta è una di quelle mamme tipiche del sud mette sempre la famiglia davanti a tutto e si toglierebbe un pezzo di pane dalla bocca per darlo a me ma per fortuna non ce ne è bisogno perché lei lavora alla posta mentre io lavoro in in un call center,insomma si fa quel che si può.
Io sono un tipico ragazzo del sud,pancia pronunciata,barba incolta e adoro bere un bicchere di buon vino durante i pasti,amo il calcio sin da quando ero piccolo;il primo computer me lo ha regalato mio padre per i miei 13 anni ,era uno dei primi computer fino a quel momento prodotti e sarebbe servito per le mie ricerche scolastiche ma anche per giocarci così disse papà quando me lo regalò,ricordo ancora quel giorno perché ero davvero felice tanto che avevo iniziato subito a fare varie ricerche su personaggi storici e poi sui calciatori,fu proprio cercando il nome di un calciatore che mi imbattei nell'immagine di una donna nuda,era la moglie del calciatore e aveva fatto un calendario,si vedevano le tette e aveva la vagina coperta da una foglia,era la prima volta che vedevo una donna nuda,mentre guardavo lo schermo scrutando l'immagine nei dettagli sentivo dall' altra stanza mamma e papà che litigavano come al solito,sentivo papà che andava via sbattendo la porta e mamma che piangeva,dopo 5 minuti mamma entrava nella mia stanza accennando un sorriso e chiedendomi come fosse questo nuovo computer io non feci in tempo a chiudere l'immagine che mamma la vide,si sedette accanto a me e mi chiese perché avevo ricercato quel tipo di immagine io le dissi che avevo cliccato per sbaglio su una pubblicità e mi era comparsa quella donna lei la bevve,mi diede un bacio e andò a preparare il pranzo,questo è solo un piccolo ricordo che ho di quel giorno.
Dopo quell'episodio iniziai a cercare sempre immagini con parole più spinte come "donna nuda vagina" "donna nuda scopa" fino a quando mi imbattei in un video il quale titolo era "mamma pelosa scopa figlio" io rimasi di pietra e avevo paura di cliccare per avviare il video ma l'eccitazione prese il sopravvento sulla paura e senza accorgermene avevo già avviato il video(ancora oggi riguardo quel video),c'erano un ragazzo e una bella donna seduti su un divano a guardare la tv lui era alto magro e bello lei era alta un poco grassa e con un viso angelico,guardavano un programma televisivo ma a un certo punto lei mette la mano sui pantaloni del ragazzo e gli tira fuori il pene iniziando a succhiarlo,dopo un poco i due tipi stavano scopando sul divano ma il mio sguardo era tutto sul titolo,quel titolo mi aveva catturato,si poteva davvero fare una cosa del genere?non sapevo darmi una risposta..
Col passare del tempo ormai ero diventato un segaiolo doc,ero arrivato ai miei 20 anni ancora vergine ma con tante seghe alle spalle,durante questa fase della mia vita,mamma e papà divorziarono io ormai cosciente sapevo quello che faceva papà e dissi che era la cosa più giusta per loro.
I primi tempi mamma era strana sembrava quasi triste,un giorno a tavola mi disse che si sentiva sola,io le dissi che io sarei stato sempre con lei e che non l'avrei mai abbandonata lei mi diede un bacio e mi disse che ero speciale,mi disse di apparecchiare io che lei sarebbe Andata a fare una doccia,ecco in quel momento non so cosa mi saltò in testa ma ripensai al titolo di quel video porno di tanti anni fa"mamma pelosa scopa figlio" avevo scoperto col passare del tempo tanti altri video dal titolo simile ma avevo anche letto tanti racconti erotici,ma c'era qualcosa di vero in tutto Questo?fatto sta che appena sparecchiai mi precipitai dietro la porta del bagno per spiare mamma dal buco della serratura,mi sentivo molto eccitato,mamma era già insaponata ma riuscivo a vedere il suo seno e un poco di pelo che le avvolgeva la vagina,mi tirai fuori il cazzo e iniziai a farmi una sega,dopo 20 secondi avevo sborrato anche l'anima nelle mutande,andai in camera mia e mi cambiai ma nella mia testa avevo solo un pensiero,io che scopavo mia mamma.Ora sono passati 10 anni,in tutti questo tempo ho continuato a spiare mamma e a segarmi ma mai andando oltre anche perché ormai era sempre meno il tempo che trascorrevamo insieme per via dei suoi e dei miei impegni lavorativi,fino al momento in cui un virus,il covid-19 arriva in italia,costringendoci tutti a stare in casa tranne coloro che svolgono dei lavori essenziali,ecco mia mamma lavorava presso le poste del nostro piccolo Paese e il direttore aveva deciso di chiudere l'ufficio mentre io dovevo lavorare da casa in modalità smart working,così iniziammo la nostra quarantena,

Questo racconto di è stato letto 1 4 7 9 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.