Isabella

Scritto da , il 2020-04-12, genere gay

Era una bella mattina mio zio Maurizio sulla cinquantina di cui ero ospite per studiare mentre i miei abitavano in un paese, io avevo diciotto anni e il mio Zietto era appena uscito di casa lui era un tipo robusto e grassoccio io il mio nome Luca snello e carnagione chiara moro, sapendo di essere solo ho sempre avuto il desiderio di essere donna e mi travestì tutta dopo essermi depilata in gran segreto avevo voglia di chattare col mio cellulare per trovarmi un uomo ospitale e magari fisso.
Pertanto cominciai ero tutta presa in autoreggenti, guepiere e parrucca mora ondulata e lunga fino al mio bel culo sorridevo e ammiccavo una persona in chat video ma all’improvviso dopo soli venti minuti si aprì la porta della mia camera e con mio stupore mi alzai in piedi era mio Zio era tornato improvvisamente io mi alzai di scatto, mi guardò severamente guardandomi tutta si avvicinò e disse cosa fai Luca come ti sei vestita, io balbettai con una mia mano alla bocca stupita poi con calma gli dissi perdonami Zio io ho dei gusti un po’ particolari sai, lo Zio sorrise si avvicino e con stupore mi disse chiamami Maurizio, io stupita non dissi niente la sua mano scendeva dalla mia schiena al mio culo e mi palpeggiò forte.
Maurizio gli dissi io, oh cielo ti prego no è incestuoso appena finita la frase, mi bacio, entrando con la sua lingua in me fino in gola io sbarrai gli occhi lui li chiuse col respiro affannato ed eccitato, allora io battei i miei pugnetti sul suo petto ma fu inutile mi palpo e pomiciammo a lungo per cinque minuti alla fine le mie braccia andarono intorno al suo collo cedendo all’eccitazione.
Pensai chissà forse è l’uomo giusto, lui mi disse piccola come ti devo chiamare, gli dissi Isabella, allora mi spinse sulle spalle in ginocchio davanti a lui il suo pisellone lo tirò fuori, lui non voleva perdere tempo evidentemente e disse Isabella guardò il mio cellulare e aveva capito spegnilo non devi trovarti nessun altro ora hai me ciucciamelo io lo presi in mano lo leccai aveva la cappella sproporzionata al corpo era bellissimo e in un attimo sllllllllllll glub lo presi in bocca ciucciando sentivo il suo sapore mi piaceva sllllllllllll glub mmmmmmmmmmmmmm gemevo felice e mio Zio disse anche se è incestuoso è meglio e non diremo nulla ai tuoi, ciuccialo amore ciuccialo Isabella sei mia, mi spinse la testa su e giù lo ingoiai e lui gemette forte aaaaaaahhhhh sssssssiiiii amore amore mio brava, d’ora in avanti sarai mia Isabella.
In quel momento capii che era molto possessivo ed energico sentivo il suo cazzo caldissimo e durissimo e vedevo quando usciva dalla mia bocca per un attimo che era rosso capii che stava per arrivare il momento pensai quest’uomo mi piace molto anche se è mio Zio devo convincerlo a stare con me perché lo vuole tanto anche lui, succhiai ssssssssssssllllllllllll ma improvvisamente lo senti urlare aaaaaaaaahhhhhhhhhhh sentii il liquido seminale pastosissimo schizzare in bocca in me iniziai a berlo lui gemeva e io anche mmmmmmmmmmmm per metà lo bevvi l’altra metà lo tenni in bocca mio zio si sedette a me di fronte; gli apri la bocca davanti e lui mi guardava aveva schizzato ininterrottamente per 20 secondi e gli mostrai un ingoio davanti ai suoi occhi leccandomi poi il labbro superiore e gli dissi come a lui piaceva avevo intuito Maurizio ho fatto l’ingoio, brava nutriti amore mi disse e io risposi non ne ho sprecata neanche una goccia, mi sedetti col culo sul suo pisellone adorato e gli dissi Zio vuoi essere il mio pisellone adorato?

Questo racconto di è stato letto 2 3 3 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.