Passione con il ragazzo della mia migliore amica

Scritto da , il 2020-01-07, genere tradimenti

Mi chiamo Carlotta e questa è una serata particolare per me: Domani mi laureo. Non so bene cosa mi stia spingendo a sfogarmi qui, come sto per fare, di giustificazioni me ne sono date più di una: l’agitazione, l’ansia, lo stress, il fatto che non posso parlarne con nessuno per forza di cose, e ora vi spiegherò il perché.
Giusto per essere chiari sin da subito e per parlare senza mezzi termini: É un mese che vado a letto di nascosto col ragazzo della mia migliore amica. Non fa onore ne a me ne a lui, lo so, ma è successo ormai, continua a succedere e i perché sono molteplici, loro che sono in crisi, io che sono in un momento particolare della mia vita, ma alla base di tutto c’è solo un forte desiderio reciproco che per ora è risultato più forte di qualsiasi altra cosa.
La sera in cui tutto è cominciato io ero andata in un pub a bere con un’ amica. Da pochi mesi mi ero lasciata col mio ragazzo storico e da qualche settimana mi frequentavo con un ragazzo del quale, sinceramente, non mi importava più di tanto. Sentimentalmente vivevo un periodo di forte apatia insomma. A un certo punto della serata entrarono un gruppo di ragazzi, tra i quali c’era il ragazzo della mia migliore amica. Venne a salutarmi imbarazzato, lo era sempre stato con me e il resto del gruppo di amiche della sua ragazza d’altronde, ragion per cui non ci scambiammo molte parole, più che altro gli chiesi dove fosse la sua ragazza e lui mi rispose che aveva il turno di notte a lavoro, dopodiché lui se ne andò con i suoi amici e io tornai alla mia compagnia. La serata proseguí tranquilla. Io e la mia amica continuammo a bere, approfittando del giovane barman del locale che ci offriva da bere per provare a rimorchiarci. Intorno alle 2 ci alzammo, pagammo e andammo fuori a fumarci una sigaretta. La mia amica mi esortava a sbrigarmi che aveva sonno e voleva tornare a casa dato che stavamo a piedi. Il ragazzo della mia amica uscì dal locale in quel momento e lo andammo a salutare. Una volta realizzato che stavamo a piedi si offrì di accompagnarci e noi accettammo. Accompagnó prima a casa la mia amica. La accompagnai al portone e poi tornai in macchina. L’alcool iniziava a fare effetto bloccandomi il sopraggiungere del sonno. Lo dissi a Matteo e mi chiese se volevamo andare in un posto che conosceva dove poterci fare un’altra bevuta. Accettai. Mi portó in un pub carino e immerso in un’atmosfera intima, praticamente a lume di candela. Iniziammo a bere e non fu soltanto un’altra bevuta. Mi ritrovai ubriaca e felice a ridere e scherzare con lui come non mi capitava da un po’ con un ragazzo. Eravamo seduti uno vicino all’altra e tra una risata e l’altra vedevo che non perdeva occasione per toccarmi le gambe, all’inizio all’esterno sul ginocchio e poi, vedendo che non gli dicevo niente, via via sempre più verso l’interno coscia. E a me stava piacendo; complice l’alcool, mentre aveva la mano sulla mia coscia accavallai le gambe e la sua mano rimase incastrata all’Interno tra le mie cosce. Ci guardammo complici e ci sorridemmo, poggiai la mia testa sulla sua spalla mentre sentivo le sue dita che si protendevano fino a toccarmi all’altezza del clitoride e iniziavano a indugiare in quella zona. Non ci dicemmo più niente per non so quanto, seduti nella penombra con la sue dita che attraverso le calze mi massaggiavano il clitoride e io bagnata e in estasi che glielo facevo fare. Ormai non riuscivo più a nascondere dei piccoli gemiti. Volevo farci sesso. In quel momento rimorso e sensi di colpa non sapevo neanche cosa fossero. La cosa più logica sarebbe stata andare in macchina sua, ma non volevo rischiare di lasciare possibili tracce. Se dovevo fare quella follia dovevo essere consapevole che sarebbe stata una cosa di quella notte. Così mi alzai, lo presi per mano e dando meno nell’occhio possibile, lo condussi in bagno. Chiudemmo la porta alle nostre spalle e prendemmo a baciarci famelicamente. D’un tratto lo bloccai, gli afferrai la faccia una mano, ci guardammo negli occhi :”
Questa cosa inizia e finisce qui ok?”. Lui non mi rispose, continuó a guardarmi negli occhi. Con un gesto si scrolló dalla presa della mia mano sul volto. Eravamo uno di fronte all’altra senza riuscire a distogliere lo sguardo. Le sue mani mi afferrarono i bordi della gonna e inizio a tirarmela su. Quella era la sua risposta è iniziai a dargli una mano a tirarla su. I nostri occhi continuavano a guardarsi magnetici. Quando ormai ero con la gonna completamente tirata su, lui infilò le mani tra le mie cosce, afferró due lembi delle calze e con un gesto animalesco le strappò all’altezza della vagina. A quel punto eccitata come mai prima in vita mia, mi abbandonai a lui. Mi prese in braccio e mi scopó così, sbattendomi addosso al muro senza pietà. Fu bellissimo; e per quei dieci minuti non esistette nient’altro al mondo al di fuori di noi in quel bagno. E ora sono qui in camera a ricordare quell’episodio e tutti quelli che si sono susseguiti dopo e,nonostante l’ansia per domani, non riesco a togliermi la tentazione di chiamarlo e dirgli di correre a prendermi, di portarmi in quel parcheggio dietro casa mia dove ci siamo appartati tante volte e di farlo fino allo sfinimento.

Questo racconto di è stato letto 8 7 2 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.