Il sorriso di mia moglie - pt.2

Scritto da , il 2019-12-24, genere tradimenti

Poi per un tempo indefinito nessuno disse più nulla. Si sentivano solo i passi dei banditi che evidentemente andavano nelle varie stanze per trovare altre cose da rubare. A un tratto i movimenti si fermarono e sentii dei passi venire verso di noi, ormai tutti legati, bendati e imbavagliati.
"Abbiamo i vostri bancomat. Adesso dirò i vostri nomi uno ad uno e voi mi direte il vostro pin e la cifra che è possibile ritirare. Non dite bugie, perché ne paghereste le conseguenze."
Quando il capo dalla banda fece il mio nome, mi fu tolto il bavaglio per un attimo e dissi il pin ad alta voce. Lo stesso fecero gli altri.
Poi il bandito diede l'ordine a qualcuno dei suoi di andare con le carte a prelevare il nostro denaro, mentre lui disse che sarebbe rimasto con altri a controllarci.
"Ci vorrà un pò prima che tornino qui e non voglio che vi annoiate nel frattempo. Ho pensato che potrei farvi fare un gioco..."
Il bandito prese una pausa, poi aggiunse:
"Saranno chiamati a turno due di voi, un maschio e una femmina e poi condotti nella camera da letto qui di fianco
Sarete slegati e vi sarà tolto il bavaglio, ma rimarrete bendati. Poi vi metterete sul letto assieme e farete qualche gioco tra voi."
Io rabbrividii alle ultime parole dette dal bandito, cominciando a immaginare a quale "giochi" si riferisse.
Di nuovo sentii mugolare alla mia destra, penso fosse ancora Anna che cercava di dire qualcosa.
"So che cosa vuoi dirmi. Tranquilla, le ragazze non saranno coinvolte in questo gioco. Ma se non farete quello che vi chiediamo, allora saranno portate anche loro in camera.Adesso iniziamo."
"Lui e lei, slegateli!"
Il bandito aveva evidentemente indicato due di noi da condurre in camera. Sentii due sedie muoversi alla mia destra, poi dei passi dietro di me, il cui rumore si allontanava lentamente verso la mia sinistra. La camera da letto doveva quindi essere alla mia sinistra, a pochi metri da me.
Dopo poco, riconobbi la voce di Roberto.
"Non possiamo! Lasciateci stare, avete preso tutto, non fateci del male, vi prego!"
"Non devi parlare! Vi ho già detto cosa faremo, se non fate quello che vi chiediamo."
"Fate salire la donna sul letto." Questo era stato l'ultimo ordine che il capo aveva dato a qualcuno dei suoi, poi cominciò a rivolgersi direttamente a Roberto e alla donna di cui ancora non avevo capito l'identità.
"La donna si deve distendere e allargare le gambe. Tu vai avanti e sali sul letto.Forza, svelto!".
"Tocca il suo corpo e poi metti la tua testa tra le sue gambe. Così, bravo. Adesso leccale la figa."
Ci furono alcuni secondi di silenzio, poi si sentì di nuovo la voce del bandito.
"Stai facendo finta, non va bene! Adesso divento nervoso. La senti cos'è questa? La sto puntando alla testa della tua amica. Tra poco sentirai un colpo, se non cominci a mettere le dita e la lingua dentro la sua figa."
Stavolta il silenzio durò più a lungo.
"Bravi così. Adesso cambiate posizione. Tu, mettiti disteso. Tu, tocca il suo corpo e afferragli il cazzo. Comincia a fargli una sega, lentamente."
"Avanti, non sai come si fa una sega? Così, da brava. Adesso mettitelo in bocca e succhialo."
Ci fu ancora una pausa.
"Succhia bene, deve diventargli duro. Maledizione, come mai non ti diventa duro? Toccale le tette!".
Ancora una pausa, poi la voce fu quella di Giulio, disperato.
"Non posso! E' la moglie di mio cognato! Non posso!".
La donna con lui era quindi Michela.
"Ti ho detto di stare zitto! Mettiti sopra di lei e scopala!" Adesso il bandito urlava.
Poi sentii un rumore come se qualcuno avesse ricevuto un colpo e fosse caduto a terra. Sentii l'urlo di Michela, un rumore di qualcuno che era trascinato per terra e poi ci fu un botto.
Mi strinsi in me, terrorizzato. Era stato un colpo di pistola, probabilmente indirizzato a Roberto.
Subito dopo sentii i passi di qualcuno vicino a noi, poi di nuovo la voce del capo della banda
"Adesso avete capito cosa vi può succedere se non obbedite alle nostre richieste. Vediamo se con il prossimo va meglio. Questo per esempio, slegatelo e guidatelo in camera."
Quando sentii che qualcuno stava armeggiando dietro alla mia sedia, capii che ero io il prescelto.Cominciai a tremare, ma cercai di non farmi prendere dal panico. Ormai sapevo cosa mi avrebbero chiesto di fare con Michela e cercai di concentrarmi su di lei, senza pensare ad altro. Allontanai da me qualsiasi considerazione di tipo morale, l'importante era salvarsi la pelle.
Mi avevano appena fatto alzare dalla sedia, che dalla camera da letto si sentì un rimbombo come di una persona che era caduta a terra.
"Capo, la donna è svenuta."
"Portatela in sala e cercate di farla rinvenire."
Pensai che Michela non avesse retto allo stress della situazione e soprattutto al pensiero che i banditi avessero ucciso Roberto.
"Slegate questa allora, portate lei in camera."
Il bandito non aveva detto altro e così non capii se la donna che doveva accompagnarmi era mia moglie, Anna o Barbara.
Fui guidato in camera da letto e poi mi tolsero il bavaglio. Io non dissi nemmeno una parola, ricordando quello che era successo a Roberto.
Poi il capo della banda diede gli stessi ordini che avevo già sentito alcuni minuti prima. La donna fu fatta distendere e io fui guidato accanto a lei, chiedendomi di toccare il suo corpo. Dai lineamenti del viso, capii subito che non si trattava di mia moglie e quando arrivai a toccarle le tette, non molto grosse, sapevo che non poteva essere nemmeno Anna.
Ero insomma con Barbara e subito mi tornò l'immagine di lei nuda con il capo della banda che la palpava di fronte al fidanzato. Mentre la mia mano percorreva tutto il corpo della ragazza, cominciai ad eccitarmi. Cercai i suoi capezzoli e cominciai a leccarli e succhiarli, intanto con la mano presi ad accarezzarle la figa. Poi, sempre seguendo gli ordini dei banditi, misi la mia testa in mezzo alle sue cosce e cominciai a leccarla. Barbara cominciò a mugolare ed ansimare, evidentemente non era indifferente alla mia lingua che la stava penetrando. Bendato come ero e con i banditi che da un pò non dicevano più niente, ero riuscito ad isolarmi dal mondo circostante, concentrandomi solo sul corpo di quella favolosa ragazza. Sentivo il cazzo rizzarsi e mi portai avanti con il corpo, tenendole divaricate le cosce per favorire la penetrazione ormai imminente.
"Hai visto capo che non gli piacciono solo le ragazzine? Gli vanno bene anche quelle con qualche anno in più!"
Quelle parole, dette da uno dei banditi, mi riportarono alla sensazione di vergogna che avevo provato poco prima nella sala. Cercai di non pensarci, ripresi a succhiare i capezzoli di Barbara e con la mano destra puntai il mio cazzo all'apertura della sua figa. Ma quel senso di vergogna non riuscivo a scacciarlo. Cominciai a tremare e sentii il mio cazzo afflosciarsi. Fui preso dal panico. Adesso Barbara non era più una bellissima ragazza che volevo scopare, ma bensì l'unica via che avevo per non farmi uccidere dai banditi. Mi tirai allora su con il corpo verso Barbara e provai a infilare il mio cazzo ormai moscio nella sua figa. Ero entrato solo con la punta, quando cominciai a sborrare. Fu orribile. Mi accasciai sul corpo della ragazza pieno di vergogna e di paura. Aspettavo con terrore la reazione dei banditi e temevo che potessero colpirmi da un momento all'altro.
Invece quello che sentii fu una sonora risata da parte di tutti quei delinquenti. Prima che i banditi mi dicessero di rialzarmi, era stata Barbara ad allontanarmi con un braccio dal suo corpo, quasi in segno di disprezzo.
Fummo ricondotti al nostro posto nella sala. Ero pieno di vergogna, ma anche contento di essere ancora vivo.
Mi ero appena rimesso a sedere, quando sentii il rumore di un clacson e poi la porta di entrata aprirsi.
Capii che erano rientrati i banditi che erano andati a prelevare i nostri soldi ai bancomat.
"Andiamo via, capo?"
A quelle parole, pensai con sollievo che l'incubo stesse per finire, ma le parole del capo mi fecero perdere questa illusione.
"Cominciate intanto a caricare la roba in auto. Andremo via tra poco, c'è tempo ancora per un altro spettacolo"
Io ripresi a tremare, pensando che potesse succedere qualcosa a mia moglie, che ancora non era stata coinvolta.
"Restano quattro di voi che ancora non hanno giocato. Vuol dire che siccome abbiamo poco tempo, sarete condotti tutti e quattro in camera per fare un gioco di gruppo".
Mentre sentivo il rumore della sedia accanto a me che si muoveva, cominciò a girarmi la testa. Poi ci fu un tonfo, qualcosa o qualcuno era caduto in terra.
"La donna è svenuta, capo. Magari fa solo finta, le dò qualche schiaffo?"
"Lascia stare, è la padrona di casa e la serata è stata faticosa per lei. Mettetela distesa sul pavimento e guidate gli altri tre in camera."
Prima di sentire queste parole, ero arrivato a sperare che la donna svenuta fosse Paola, invece di Anna, in modo da evitare di essere portata nella camera da letto, assieme a Giulio e Diego.
Aspettavo con impazienza di sentire le voci provenire dalla camera, ma ci volle poco perché invece desiderassi di essere lontanissimo da lì.
"Fate distendere la donna e mettete quello meno giovane su di lei. Il più giovane mettetelo in piedi a sinistra della donna."
"Tu devi leccarle tutto il corpo, prima le tette e poi la figa. Tu intanto succhia il cazzo all'altro".
La testa mi girava sempre più. Speravo di sentire delle parole di protesta da parte di qualcuno, ma non avvertìì niente. Mi venne in mente che anche io non avevo protestato, ma questo non diminuì la mia irritazione.
Pensai che anche Barbara e Michela, se nel frattempo fosse rinvenuta, stavano vivendo la mia stessa situazione, ma anche questo non alleviò il mio malessere nel sentire i rumori del letto e le voci dei banditi provenienti dalla camera.
"Tu, salì sul letto di fronte a lei. Tu, girati e mettiti a pecorina,continuando a spompinarlo. Tu, mettiti dietro di lei, leccale la figa e mettile le dita dentro."
Stavo impazzendo. Non volevo sentire più niente, desideravo solo che finisse tutto presto. Provai a fare smorfie con la faccia, sperando di attutire i suoni dall'esterno, ma le voci provenienti dalla camera continuavano a risuonarmi forte in testa.
"Adesso mettile il cazzo nella figa e scopala fino a sborrare dentro. Tu intanto continua a succhiare l'altro cazzo."
Poi cominciarono i cigolii del letto che non lasciavano dubbi su quello che stava succedendo.
Sentivo il cuore battere in testa, cominciai a ondulare sulla sedia, volevo cadere, farmi male e svenire. Tutto purché finisse quel tormento.
"Qui c'è uno che si agita. Mi sa che è il maritino della troia che è lì da voi."
La voce era quella di un bandito, che evidentemente era rimasto in sala per controllarci.
"Vuoi goderti lo spettacolo da più vicino?"
Io mossi la testa da un lato all'altro, disperato. Poi qualcuno afferrò la mia sedia e mi trascinò attraverso la sala, fermandosi, credo, proprio sulla soglia della camera da letto.
Ero sempre bendato, ma adesso mi sembrava di vedere tutta la scena, tanto erano chiari i suoni che provenivano dalla camera. Sentivo ansimare, gemere e i cigolii cadenzati del letto. Non sentivo parole da nessuno dei tre, nessuna protesta. Possibile che Paola non avesse sentito come l'aveva chiamata il bandito?
"Senti come gode la troia!"
In effetti adesso sentivo chiari i gemiti di Paola, che evidentemente adesso aveva la bocca libera.
"Sì, sono una troia! Scopami Giulio, fammelo sentire tutto!"
Non riuscivo a credere di aver davvero sentito quelle parole, quando sentii il respiro sempre più affannoso provenire da un uomo, poi tutto si fermò.
"Bravo, l'hai riempita di sborra. Adesso scendi dal letto, fai qualche passo in avanti e poi risali. Anche tu fai lo stesso. Dovrete ripetere il gioco a posizioni invertite, ma stavolta quello dietro dovrà mettere il cazzo nell'altro buco."
A quelle ultime parole, mi misi a urlare con tale disperazione, che anche con il bavaglio la mia voce si sentì anche dentro la camera.
"Senti come si lamenta quello là fuori, è in pena per la sua mogliettina. Ma secondo me a questa troia piace prenderlo nel culo."
"Forza, ricomincia a leccare la figa e poi il buco del culo. Preparalo bene con le dita, poi infilaci il cazzo. Questa troia muore dalla voglia di essere sfondata."
Ci fu un silenzio che mi parve interminabile, poi sentii un piccolo urlo da parte di Paola e il letto riprese a cigolare.
"Bravi, tu intanto afferra il cazzo che hai davanti, faglielo diventare di nuovo duro."
Tutti i miei sforzi per non ascoltare erano stati vani, adesso sentivo gli occhi bagnarsi sotto la benda e due lacrime che cadevano sul volto.
Abbassai il capo per la vergogna, mentre dalla camera si sentirono di nuovo gemiti di piacere.
"Lo senti tutto? Ti sto facendo male?"
"No, Diego, sei fantastico...sì, ancora dai...oh, come ce l'hai lungo e duro, come godo!"
Continuavo a tenere il capo basso al pensiero che i banditi mi stessero osservando.
"Fermatevi adesso, voglio che cambiate posizione. Tu, mettiti di nuovo dietro e infilaglielo in culo, mentre tu distenditi sotto a lei. Tu, afferra il cazzo di chi sta sotto a te e mettitelo dentro la figa. Forza, spingete dentro di lei."
A quella immagine di Paola che stava per essere penetrata contemporaneamente dai due uomini, le mie forze stavolta vennero meno e penso di essere svenuto per qualche minuto. Ma presto un nuovo urlo soffocato di Paola mi risvegliò dal torpore.
"Sì, spingeteli dentro di me assieme...riempitemi..."
Poi sentii ancora gemiti e respiri affannosi.
"Bravissimi. Tu adesso girati e ripulisci la sborra dai loro cazzi."
Adesso il letto non cigolava più. Qualcuno mi trascinò di nuovo dentro la sala, poi sentii dei passi e rumori della sedia che era alla mia destra.
"Andiamo via, capo? Dopo queste parole, sentii passi veloci venire e andare per tutta la casa, infine una porta sbattere.
Sembrava che davvero se ne fossero andati. Ero ancora vivo, questo era l'importante, mi ripetevo nella mente.
Per un pò nella stanza ci fu silenzio assoluto, poi sentii il rumore davanti a me di una sedia che si muoveva. Ci fu un tonfo, qualcuno era caduto per terra e sfregava qualcosa sul pavimento. Passò ancora un pò, poi sentii un suono come di corda che si spezza.
"Ce l'ho fatta, cazzo! Adesso vi libero."
Era la voce di Giulio. Dopo poco, avevo anch'io le mani libere e finalmente mi potei togliere benda e bavaglio. Ci guardavamo tra noi, storditi, cercando di rimettere a fuoco la nostra vista. Vidi che anche Anna e Michela erano in piedi.
Poi vidi Giulio mettersi a correre per la casa, sentii aprire una porta nel corridoio e alla fine ci fu un urlo di felicità.
"E' vivo! Vieni qui Anna, Roberto è ancora vivo!"
Vidi Anna che si mise a piangere di gioia, poi tutti ci avviammo verso lo sgabuzzino dove Roberto era rimasto rinchiuso tutto quel tempo. Era stordito e aveva preso un colpo sulla mascella, ma era vivo. Ci raccontò che aveva sentito il colpo sibilare molto lontano da lui e infatti poco dopo vedemmo il segno della pallottola sul soffitto. Pensai che avevano voluto solo fargli paura e a noi farci credere che l'avessero davvero ucciso. Poi tutti si abbracciarono, in particolare i rispettivi compagni e poi Anna e Michela con le loro figlie.
Io mi girai verso Paola, che mi guardò con felicità e sollievo.
"Siamo salvi! E' stato orribile, amore mio." Poi mi si buttò al collo. Io l'abbracciai, ma non riuscii a baciarla, tanto era l'odore di sborra che arrivava dal suo volto.
"Diamoci una risciacquata, cara."
Poi qualcuno chiamò la polizia e nell'attesa cominciammo a parlare di cosa avremmo detto. Alla fine fu presa la decisione di denunciare solo il furto, il denudamento forzato e il tentato stupro di Monica. A questo proposito, Anna mi chiese, non senza imbarazzo, se avessi visto tutto e se quindi potessi testimoniare sull'accaduto.
"Certo", risposi, arrossendo di vergogna ed evitando di guardarla negli occhi.
Di tutto il resto che era successo, non dicemmo invece niente alla polizia. In realtà, durante la perquisizione in casa, furono trovate tracce di sperma in camera da letto e gli inquirenti ci chiesero se qualcuno fosse stato violentato. Per un attimo Anna pensò di raccontare la verità, ma poi tutti ci chiudemmo in un assoluto silenzio rispetto a quell'aspetto e la polizia a malincuore dovette prenderne atto.
Oggi è passato esattamente un mese da quella sera. Da allora io, a parte mia moglie, non ho rivisto più nessuno dei presenti a quella cena. So che invece Paola, oltre che sul lavoro, si è rivista con Michela e Anna anche a casa di quest'ultima, ma non ho avuto il coraggio di chiederle perché non fossi stato invitato.
La vita con mia moglie è tornata a essere normale per quanto riguarda le faccende di tutti i giorni, mentre il sesso tra noi non è più quello di prima. I primi giorni era stata lei a non volerlo più fare, poi, quando me lo chiese di nuovo, sono stato io ad avere problemi a farmelo venire duro, nonostante lei cerchi di aiutarmi in tutti i modi.
Mia moglie è diventata comprensiva su questo aspetto ed in generale sono contento di vederla più allegra rispetto a un pò di tempo fa. Passa sempre più tempo fuori, non solo per lavoro. Quando poi ritorna a casa, sono felice di rivedere in lei quel suo meraviglioso sorriso che sembrava aver perduto.

Questo racconto di è stato letto 8 9 8 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.