Il sorriso di mia moglie - pt.1

Scritto da , il 2019-12-22, genere tradimenti

Era tanto tempo che Anna, una collega di lavoro di mia moglie Paola, voleva organizzare una cena nella sua casa di campagna e finalmente venne fissata per un venerdì a pochi giorni dal Natale. Oltre a mia moglie, Anna invitò altre due colleghe di lavoro: Michela, che è anche sua cognata, e Barbara. Tutte lavorano in un'azienda farmaucetica. Anna è la più grande di tutte, avendo compiuto da poco 40 anni, Michela ne ha 37, Barbara 25, mentre mia moglie Paola ne ha 34.
L'invito alla cena era stato ovviamente esteso ai compagni di tutte quante e così, quel venerdì io e Paola ci dirigemmo in auto su in collina verso quella casa che era abbastanza distante rispetto alle abitazione circostanti. Degli altri presenti a quella cena, conoscevo Michela, Anna e suo marito Roberto, che ha la stessa età della moglie. Non avevo invece mai visto Giulio, il trentaquattrenne fratello di Anna, nonché marito di Michela.
Fu proprio Giulio ad aprire la porta quando io e Paola arrivammo, e così ci presentammo.
"Piacere, sono Lorenzo e questa è mia moglie Paola."
"Piacere, sono Giulio. Venite, che sono già arrivati tutti."
Entrammo in casa e salutammo Anna, Michela e Roberto, poi mia moglie mi condusse verso la sua collega Barbara che era assieme al fidanzato Diego, un ragazzo moro, alto, che aveva 25 anni come la sua compagna.
Cominciammo a parlare un pò di tutto, ma principalmente di lavoro, cosa che fece un pò innervosire mia moglie, che ultimamente era stressata per le ore di straordinario che le facevano fare. Era sempre molto stanca, spesso imbronciata, senza più il suo classico sorriso. Restava comunque una donna molto bella, alta 1.70, capelli neri mossi, occhi verdi, seconda di seno, appena rotondetta di fianchi e di culo.
Quando ci apprestavamo a sedere a tavola, arrivarono nella sala Monica, la figlia dodicenne di Anna e Roberto, e Elisa, quella undicenne di Michela e Giulio. Monica aveva già detto ai genitori che avrebbero cenato con noi, ma poi sarebbero subito andate in camera ad ascoltare musica, perché non volevano sentire i discorsi di tutti quei "vecchi quarantenni". Anna acconsentì alla richiesta della figlia, ma le disse scherzando di non offendere i propri ospiti, anche perchè di quarantenni oltre a lei e suo marito, c'ero soltanto io.
Ci sedemmo a tavola, mentre Anna e suo marito andavano e venivano dalla cucina per portare piatti e tante cose buone da mangiare.
Il posto di Anna era a capotavola, sulla destra rispetto a me. Ai suoi due lati c'erano Michela, a sinistra, e Roberto, a destra. Accanto a Michela siedeva il marito Giulio, mentra accanto a Roberto c'era Barbara. Mia moglie Paola era seduta accanto a Giulio ed aveva di fronte Diego, il compagno di Barbara. Io ero accanto a Paola ed ero di fronte a Monica, mentre Elisa siedeva a capotavola sulla mia sinistra.
A causa della mia posizione, ero rimasto un pò escluso dalla conversazione, anche perché con le figlie di Anna e Michela non c'era certo molto da condividere. Le due parlavano quasi esclusivamente tra sè e, mentre Elisa sembrava di modi garbati, Monica spesso usava espressioni e faceva battute che me la resero presto irritante.
Ero però contento nel vedere Paola allegra e parlare un pò con tutti, purchè l'argomento non fosse il lavoro.
La serata proseguiva lieta ed eravamo già ai secondi, quando tutti fummo presi di soprassalto ad un rimbombo che proveniva dalla porta di entrata. A questo seguì un rumore di vetri che si rompono, sia da dietro, sia dal lato destro della casa. Ci alzammo tutti, ma, appena usciti dalla sala, sentii le urla di Anna e Michela. Eravamo circondati da quattro individui con il volto coperto da passamontagna, che ci puntavano mitra e pistole.
"Mani in alto e niente scherzi!"
La voce del bandito che aveva parlato aveva un accento straniero, probabilmente slava. Io alzai le mani e così fecero tutti gli altri, tranne Diego che provò a usare il cellulare che aveva sulla tavola. Uno dei banditi però lo vide e glielo prese, poi, assieme ai suoi complici, sparecchiò con forza la tavola, facendo cadere a terra vettovaglie e pietanze. Mentre noi altri rimanevamo impietriti, Monica provò a fuggire verso la porta, ma prima di arrivarci, si imbattè in altri due individui che la ricacciarono indietro.
"Sedetevi e tenete le mani in alto."
"Prendete tutto, ma per favore non fateci del male" disse Roberto al tizio che aveva parlato e che sembrava essere il capo della banda.
"Se farete i buoni, non vi succederà niente di male. Adesso seduti e mani in alto!"
Con le pistole puntate su di noi, ci rimettemmo tutti seduti con le mani bene in vista.
Dopo poco vidi dei banditi girare con delle corde e dei fazzoletti. Passarono dietro di noi e uno ad uno ci imbavagliarono e ci tennero le braccia dietro, legandoci i polsi alle sedie.
Poi alcuni banditi si misero a cercare per le stanze e buttarono in dei sacchi cose da portare via, mentre altri tolsero di mezzo la tavola e ci fecero indietreggiare con le nostre sedie, lasciandoci in cerchio ma creando più spazio tra noi.
Il capo della banda si mise nel mezzo a quello spazio e cominciò a parlare.
"Non vi faremo del male, ma dobbiamo essere sicuri che non abbiate niente di nascosto che potete usare e poi vogliamo i vosti abiti di lusso. Così adesso ad uno ad uno sarete slegati e bendati. Vi dovrete alzare, fare due passi avanti e cominciare a togliervi i vestiti.Poi vi faremo rimetterete a sedere, restando bendati e legati".
A quelle parole sentii dei mugolii arrivare dalla parte della stanza dove erano Anna e Michela, che evidentemente volevano dire qualcosa al bandito, ma il bavaglio non permetteva di capire cosa.
"Se non obbedirete, sarete spogliati con la forza dai miei uomini e credetemi non sarebbe molto piacevole per voi" disse il capo della banda.
"Cominciamo da questa signora" disse il bandito, indicando mia moglie.
"Slegatela e bendatela."
"Alzati e vieni avanti. Prima togliti orecchini,collane e braccialetti e buttali là" disse il bandito, indicando un sacco che era stato messo in mezzo a noi.
"Bene, adesso togliti i vestiti."
"Su, veloce. Togli scarpe, camicia, gonna, calze" aggiunse il bandito, vedendo che Paola titubava.
Io tenevo gli occhi bassi e vidi i vari indumenti di mia moglie cadere via via a terra ed essere poi gettati nel sacco.
Poi alzai lo sguardo e vidi che Paola era rimasta solo col reggiseno e le mutandine. Sulla mia sinistra vidi Monica e Elisa tenere basso lo sguardo, mentre sulla mia destra notai che Giulio guardava fisso davanti a sè.
"Anche reggiseno e mutandine. Togli tutto."
A quelle parole del bandito, inghottii saliva e cominciai a preoccuparmi, perché farci togliere anche gli indumenti intimi non rientrava secondo me nei motivi di sicurezza di cui aveva parlato il capo della banda. Poi alzai lo sguardo, forse per farmi coraggio, e mentre mia moglie si toglieva le mutandine, avvertii di nuovo lo sguardo alto di Giulio, che sembrava proprio diretto al culo di Paola. La cosa mi infastidii, anche se in quel momento il mio pensiero era solo che non succedesse qualcosa di male a Paola o a me.
Mia moglie si tolse anche il reggiseno, restando completamente nuda in mezzo alla sala, e coprendosi le tette e le zone basse con le mani.
Mi sforzai di tenere la testa alta e stavolta il mio sguardo si fissò sui banditi che, dietro ai loro passamontagna, avevano tutti gli occhi fissi sul corpo di mia moglie.
"Sei bella, signora, complimenti. In italia tutte con la figa depilata, adesso" disse ridendo il capo, mentre mia moglie stava già indietreggiando cercando con i piedi la sua sedia.
"Aspetta. non vogliamo che cadi e ti fai male. Ti guidiamo noi, tu girati che così ci fai ammirare anche il culo."
A quelle parole due dei banditi avevano preso mia moglie per i fianchi e la portarono avanti. Uno di loro non resistette e diede una bella palpata al culo di mia moglie, che si gettò avanti per sfuggire alle mani del delinquente, trovando la sedia e mettendosi a sedere.
"Buoni ragazzi, state buoni" disse il capo, ordinando poi allo stesso bandito che aveva palpato Paola di legarla di nuovo alla sedia, lasciandola bendata.
Il capo poi indicò Giulio con la pistola "Adesso tocca a te signore. Ma devi fare più veloce."
Io tenni lo sguardo basso e, quando lo rialzai, Giulio era già stato ricondotto nudo alla sua sedia da due dei banditi. Notai allora che, mentre raccoglievano i vestiti da buttare nel sacco, i banditi prendevano chiavi, portafogli, cellulari e tutto il resto che c'era dentro.
Venne il turno di Michela a doversi alzare e togliersi i vestiti.
La moglie di Giulio è una donna non tanto alta, capelli castani corti, di corpo minuto. Mentre la vedevo spogliarsi, ripensai al sentimento di fastidio che avevo avuto nei confronti di Giulio, mentre fissava mia moglie. In quel momento mi dissi che era stato un pensiero stupido il mio, vista la situazione di pericolo in cui eravamo tutti quanti, e comunque adesso ero io che fissavo la sua di moglie, anche se lui non se ne poteva accorgere, essendo bendato.
Michela si stava spogliando il più velocemente possibile, togliendosi i vestiti di dosso con rabbia. Fu un attimo che già si era girata e aveva trovato la sua sedia più facilmente di quanto avesse fatto Paola, forse grazie alla maggiore confidenza con l'ambiente. Ma prima che potesse rimettersi a sedere, due banditi, su indicazioni del loro capo, l'avevano presa per le braccia e bloccata.
"Bella signora, non hai ascoltato bene le regole, mi pare. Prima raccogliamo i tuoi vestiti, solo dopo ti puoi rimettere a sedere. Riportatela in avanti, voi due."
Michela venne condotta di nuovo al centro, tenuta per le braccia e totalmente esposta.
"Mi sembra abbia due belle tette, non vi pare?"
Michela, sentendo che i due banditi con la mano libera le stavano palpando pesantemente il seno, cerco di divincolarsi, poi prese a tremare.
Poi Michela fu ricondotta alla sua sedia, e venne il turno di Anna.
Appena sentì i suoi polsi liberi, Anna li portò al bavaglio e lo abbassò.
"Non toccate le nostre figlie! Lasciatele in pace!" disse tra singhiozzi, ma con voce forte.
I due banditi accanto a lei, presero Anna per le braccia e poi le rimisero il bavaglio.
"Prova un'altra volta a toglierti il bavaglio e vedrai che le vostre figlie le toccheremo davvero. Adesso fatti avanti e spogliati.Veloce!"
Anna, sempre singhiozzando, si tolse tutti i vestiti con rassegnazione, poi restò fissa in attesa che raccogliero i suoi indumenti, coprendosi con le mani per quanto possibile. Infatti Anna era una donna abbastanza alta, di costituzione robusta e di seno abbondante. Da dietro vedevo che anche il culo era grosso. Per un attimo il mio sguardo andò oltre Anna e vidi che suo marito Roberto, che era tra quelli ancora non bendati, teneva lo sguardo basso.
Anna fu poi ricondotta a sedere senza essere palpata.
Fu il turno di suo marito Roberto a essere bendato e poi condotto in mezzo alla sala. Essendo posizionato davanti a me, lo vidi di faccia mentre si spogliava e pensai che erano fortunati quelli che, già bendati, non dovevano assistere a quelle umiliazioni.
Roberto fu ricondotto al suo posto.
"Adesso la giovane signora, slegatela!"
I banditi obbedirono al loro capo, e Barbara fu condotta nel mezzo. Era quasi posizionata nella mia direzione, mentre dietro aveva il suo fidanzato Diego.
Anche Barbara si spogliò frettolosamente e con stizza. Prima che fosse completamente nuda, abbassai lo sguardo, poi però lo rialzai quando sentii parlare il capo della banda, che intanto si era avvicinato a Diego.
"Culo favoloso, complimenti. E' tua moglie? Rispondi!"
Diego non diceva niente ed evitava di incrociare lo sguardo con quello del bandito.
"Bene, vediamo se è tua moglie. Tenetele le braccia, voi due."
Io non avevo resistito ed osservavo la scena. Avevo Barbara giusto davanti a me tutta nuda, con i suoi capelli lunghi neri, gli occhi verdi e la carnagione scura. Non molto alta, ma proporzionata e con due tette a punta. Il capo della banda le si era messo dietro e con le due mani cominciò a palparle le tette e il culo, poi disse ai suoi scagnozzi di farla girare e di fronte a Diego cominciò a toccarle la figa, che poco prima le avevo visto completamente depilata. Vidi Diego portare lo sguardo pieno d'ira verso il basso.
Poi Barbara fu spinta verso la sua sedia. "Vai, tornatene accanto al tuo maritino."
Fu il turno proprio del fidanzato di Barbara, che vidi spogliarsi davanti a me. Era il classico bel ragazzo, molto atletico.
A quel punto tutti erano bendati, tranne me, Monica e Elisa.
"Slegate la ragazza" disse il capo, indicando Monica.
A quelle parole, sentii nuovamente un mugolio provenire dalla zona dove era seduta Anna, che già prima aveva chiesto che a sua figlia e a Elisa venisse risparmiata quell'umiliazione.
Ma il capo della banda non sembrò nemmeno accorgersene e fece segno a due banditi di portare Monica al centro della sala. A quel punto però Monica riuscì a divincolarsi, si tolse la benda e il bavaglio e prese a correre verso la porta di casa, che trovò però bloccata dalla tavola della sala. Mentre cercava di spostare la tavola, i banditi la raggiunsero e la trascinarono di nuovo nella sala. Monica combatteva in maniera furiosa contro quei banditi, che però ebbero la meglio e la bloccarono a terra, proprio davanti a me. Mentre due banditi le tenevano ferme le braccia, altri due cercavano di toglierle la maglia, ma Monica reagiva, si divincolava e mordeva.
"Rimettetele il bavaglio, prima che vi azzanni un braccio" disse il capo, che intanto si era spostato in un angolo della stanza a rovistare nei nostri portafogli.
Monica intanto era stata ormai bloccata a pancia in giù, con i polsi legati dietro la schiena. I banditi riuscirono a sfilarle la maglia e i jeans, poi, ormai rimasta solo con l'intimo, la fecero girare di schiena. Un bandito si avvicinò e con un coltello le tagliò prima il reggiseno e poi le mutandine, lasciandola nuda. Presto tutti i banditi cominciarono a palpare il corpo della ragazza, prima le sue tettine, poi uno di loro infilò il dito medio nella sua piccola figa.
"E' vergine!"
Allora uno dei banditi si inginocchiò di fronte a Monica, sbottonandosi i pantaloni e tirando fuori il suo cazzo dritto.
"Signorina, è venuta l'ora che qualcuno ti insegni l'educazione. Ti ricorderai questo momento per tutta la vita."
La ragazza stava per essere penetrata, quando all'improvviso il bandito fu spostato da qualcuno che lo spinse con forza. Era stato il capo della banda.
"Stronzo! Che cazzo fai?! Se scopi questa puttanella, finisce che andiamo tutti in galera a vita!"
In quel momento, sentii che il mio cazzo stava diventando duro.
Monica fu ricondotta alla sua sedia e al centro della stanza fu messa la sua amica Elisa. La ragazza tremava tutta mentre velocemente si toglieva gli indumenti. Quando rimase solo con l'intimo, Elisa esitò per un attimo e vidi due lacrime scenderle sul volto. Poi continuò, facendo cadere la sua camicetta e le sue mutandine e poi coprendosi davanti come poteva.
Io, ormai l'unico non bendato tra noi, osservavo da dietro quel corpo nudo ancora acerbo e alla visione di quel culetto rotondo, il mio cazzo si indurì ancora di più.
"Al signore piacciono le ragazzine, vedo."
La frase del capo della banda, che mi doveva aver visto fissare Elisa, mi fece trasalire. Abbassai subito lo sguardo e mi vergognai, perché anche gli altri avevano sicuramente capito che la frase era rivolta a me.
Anche Elisa fu rimessa sulla sua sedia e così toccò a me spogliarmi. Lo feci più velocemente possibile, ma di nuovo trasalii per le parole di uno dei banditi.
"Guarda capo, gli è venuto duro!"
"Avete sentito, belle signore laggiù in fondo? A questo piacerebbe farsi una delle vostre figlie!"
Io stavo morendo dalla vergogna e avevo la testa che mi girava. Ormai nudo, cercai di dirigermi verso la sedia che non riuscivo a trovare. Alla fine un bandito mi diede una spinta e, quasi cadendo, raggiunsi il mio posto.

Questo racconto di è stato letto 1 1 3 2 3 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.