D'estate, le docce (1)

Scritto da , il 2019-10-31, genere masturbazione

Era una sera di inizio estate. La scena era semplice: io, giovanotto alla scoperta della vita, lei, una prorompente zia acquisita con cui la mia famiglia condivideva medi periodi di vacanza al mare. I nostri familiari erano usciti presto quella sera, per cenare in barca nel momento della giornata in cui il sole si immerge nel mare ed è tutto un rosso caldo e un blu profondo fino a diventare scuro. Eravamo rimasti io e lei da soli. Io mi preparavo per la serata, da passare con qualche amico e la timidezza di fischiare alle signorine, con appuntamento fisso al molo, mentre lei faceva il bucato e provava a cucinare qualcosa, cosa che proprio non era il suo forte. Nella casa avevamo un bagnetto, tutto ben fornito, con una finestrella che affacciava all'interno dell'abitazione, fatto ad hoc per recuperare spazio in un appartamento di per sé fin troppo claustrofobico. Io ero solito fare la doccia, la sera, prima di uscire e, anche quella volta, non mancai l'appuntamento. Mi svestì velocemente e mi infilai nel piccolo vano, non curandomi, era una sorta di abitudine, di chiudere la tenda della doccia intorno a me. Frettoloso, quella sera, dimenticai di socchiudere anche la piccola finestrella che affacciava proprio sul quel corridoio, dove lei stendeva i panni umidi ad asciugare. L'acqua calda scendeva sul mio corpo e il sapone scivolava sulla mia pelle. Le mie mani massaggiavano i miei peli radi sul pube e scendevano giù, a prendere il calvo giovane guerriero, quando mi accorsi che lei mi stava guardando dalla finestrella aperta. Non le feci capire di averla notata e continuai a massaggiarmi il membro, dando attenzione anche alle pesanti biglie che, in mezzo alle gambe, d'estate, penzolavano in tutto il loro splendore. Sentivo il suo sguardo sulla mia schiena e, ad occhi chiusi, mi girai in direzione della finestrella e iniziai a tirare la pelle del guerriero su e giù, su e giù, fino a provocarmi una prepotente erezione. Continuavo a sentirla lì, alla finestrella, bella, mora, ancora in costume da bagno a fiori e con i suoi due meloni tondi arrossati dal sole. L'acqua scendeva a fiotti, la mia mano scendeva e risaliva veloce l'asta, le mie palle rigonfie di piacere dondolavano sbattendo sulle cosce. Sentivo il suo sguardo e immaginavo i suoi tondi meloni stretti dalle sue dita ed i capezzoli turgidi pizzicati dalle sue lunghe unghie colorate. Mi stavo dando da fare alla grande, ero sul punto di esplodere, le gambe erano tese, il glande completamente scoperto e arrossato, le vene pulsavano e poi... Boom! Un rumore, un tonfo, forse una pentola caduta in cucina, mi fece aprire gli occhi e la vidi, bella come sempre, e lei mi vide, nudo e bagnato, ancora con la mano sul pisello gonfio e grondante. Mi girai faccia al muro, si girò anche lei. La sentii compiere passi veloci fino in cucina. Chiusi l'acqua. Silenzio. Fu un attimo. Un attimo e niente più.

Questo racconto di è stato letto 4 8 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.