A casa di Luca

Scritto da , il 2011-07-28, genere etero

Parcheggiai la macchina e suonai al campanello di Luca. Rispose con la sua solita voce profonda, solo quella faceva venire voglia di sesso. Salii per le scale per fare un po’ di movimento e distrarmi da certi pensieri, per tutta la notte avevo fatto sogni erotici in cui il protagonista era quasi sempre Luca. Lo conoscevo da poco tempo, era un ragazzo nuovo nella mia comitiva ma scherzando con lui su certi argomenti, la sua voce, il suo corpo, tutto questo mi faceva venire voglia.
Entrata dalla porta mi trovai di fronte Alby, un mio amico di vecchia data il quale mi aveva chiamato per raggiungerli lì. Era stato chiamato dal lavoro per degli straordinari d’urgenza e quindi se ne stava andando.
Salutai Alby e andai sul terrazzo a fumarmi una sigaretta in attesa che Luca finisse la doccia.
“Speravo di avere l’occasione di stare da solo con te” mi girai e lo vidi con l’asciugamano attorno alla vita e il corpo ancora bagnato dalla doccia. Io mi avvicinai a lui o la baciai sulla guancia. “Ciao, come mai volevi restare da solo con me?” mi sorride ed io gli sarei voluta saltare addosso. “Non pensare male, so che a te piace ogni tanto fare qualche tiro di canna e un mio amico me ne ha regalate un paio… solo che non volevo che lo sapessero anche gli altri”.
Dopo che lui si fu messo un paio di boxer ci sedemmo sul divano con una birra a testa, fumando e guardando la tv. Dopo un po’ che aveva incominciato a essere fuso mi disse di volermi fare una confidenza. Mi rivelò di essere gay. Subito scoppiai a ridere, non ci credevo; ma lui fu talmente convincente che dovetti credergli. “Però è un peccato, sai un bel ragazzo” gli dissi, perché i migliori dovevano essere tutti omosessuali.
Verso la fine della prima canna, mi si rovesciò un po’ di birra sulla maglietta sporcandomi tutta.
“Dammela che te la metto a bagno” sotto avevo solo il reggiseno, ma poi ricordai che era gay e non mi feci problemi a togliermela. “Se non fossi gay direi che hai davvero un seno bellissimo”.
Lo seguii in bagno e poi in camera sua per darmi una maglietta. “Ma non arriva nessuno?” mi rispose guardando nell’armadio in cerca di qualcosa adatto a me. “No dovevamo essere io te e Alby ma lui se ne è andato…”. Io guardai l’orologio, mia madre forse era ancora a letto per il pisolino pomeridiano. “Allora tra un’oretta chiamo mia madre per dirgli che torno a casa a dormire” io e Alby dovevamo rimanere entrambi a dormire quel-la notte, ma a quel punto pensai che sarei tornata a casa. “Perché? rimani qua.. tanto sono gay quindi non ti devi preoccupare per me”.
Mentre io mi mettevo la camicetta senza maniche che mi aveva prestato, lui andò in cucina a mangiare qualcosa. Di fianco a me notai che il suo computer personale era accesso. Per una curiosità innocente mi se-detti alla scrivania e diedi un’occhiata al desktop. Niente di particolare e decisi di controllare se ci fosse qualche documento nascosto. Trovai una cartella di immagini e video. Erano porno ma nemmeno uno ritraeva due uomini, solo coppie o lesbiche. Allora non era per niente vero che era gay.
Tornai in sala facendo finta di niente, lasciandomi slacciata la camicetta in tono provocante abbastanza e senza reggiseno.
Mi sedetti a cavalcioni su di lui sul divano “per fortuna che non ti piacciono le ragazze, così posso svestirmi quando ho caldo ed avere un approccio diverso con te” e gli sorrisi “per te non è un problema se mi sono tolta il reggiseno vero? Così sono molto più comoda…”.
“non c’è nessun problema, poi l’importante è stare comodi… uh hai i capezzoli duri…” da sopra la camicia mi prese i capezzoli tra l’indice e il pollice, sentivo la voglia salirmi sempre di più. “Già perché tu sei gay, quindi anche se io ti baciassi e ti stuzzicassi non avrei nessuna reazione”. Lui rialzò lo sguardo fino ad incrociare il mio “esatto, per me se vuoi puoi provare tanto non sarebbe la prima volta che bacio una ragazza”.
Forse era la canna o la birra o entrambe le cose che mi fecero avvicinare ancora di più a lui e baciarlo appassionatamente.
Baciava che era una favola, subito sentii un bacio rigido, pensai per fare scena, ma poi diventò più morbido, la sua lingua giocava con la mia ad un ritmo sempre più sessuale. Gli spostai le mani sul mio sedere e continuando a baciarlo muovevo avanti e indietro i mie fianchi, strusciandomi con i miei pantaloncini sui suoi boxer, per sentire il suo cazzo contro la mia figa. Iniziai a sentire una protuberanza crescere. Mi allontanai di appena qualche millimetro dalla sua bocca “slacciami la camicetta e toccami ti prego”. Ero diventata tutta una voglia per lui, volevo che mi toccasse anche se sapevo che non sarebbe stato abbastanza per me.
Sentii le sue mani pian piano slacciarmi tutti i bottoni per poi prendere tra le sue mani i miei seni e di conseguenza abbandonando la mia lingua per dedicarsi ai miei capezzoli.
Anche lui era arrivato al limite, lo sentivo sotto di me al massimo della sua grandezza. Sorridendo lo staccai dal mio corpo e lo guardai negli oc-chi “per fortuna che eri gay, a me non sembra proprio..”. Anche lui sorridendo “eh… mi hai beccato, secondo me però forse anche un vero gay sarebbe ceduto con te, ho resistito il più possibile ma dal primo secondo avrei voluto venirti sopra e sbattertelo dentro… scusa la schiettezza”.
Io mi riavvicinai a lui, “ti scuso la tua schiettezza ma non ti scuso per questo…” gli presi la mano e la guidai fino a dentro le mie mutande “mi fai impazzire di voglia e non mi hai ancora soddisfatta” gli feci sentire che ero tutta bagnata.
Come risposta mi mise la mano libera dietro la testa e l’avvicinò alla sua per riprendere a baciarmi, questa volta con molta più passione. Mi aiutò a sdraiarmi sotto di lui e mi tolse del tutto la camicetta.
Giocava ancora con il mio seno e non si accorgeva che io volevo di più, alzai i fianchi per fargli capire che lo volevo dentro. Riabbassò la mano nelle mie mutande e mi infilò il primo dito dentro. Iniziai a gemettere, godevo ma non era ancora abbastanza. “Non mi basta” e lui ci aggiunse il secondo. Lo faceva apposta.
“Luca voglio il tuo cazzo dentro, voglio essere sbattuta da te subito” lui soddisfatto si abbassò finalmente i boxer e con un colpo secco me lo sbatté dentro. “Così lo volevi… porcellina” non riuscivo a parlare, le paro-le mi si morivano in gola. Avevo sentito il suo cazzo solamente attraverso i vestiti e non lo avevo neppure visto, nel momento in cui me lo sbatté dentro dovetti trattenere un urlo di sorpresa, non me lo aspettavo così grosso e duro. Godevo e ansimavo come da troppo tempo non facevo, stavo già per raggiungere l’orgasmo.
“Luca non ti fermare ti prego, sbattimi ancora sto per venire” il suo ritmo aumentò ancora di più. “Certo che ti sbatto troia, te lo faccio arrivare fino in gola” la sua voce mi faceva impazzire ancora di più, non era un’offesa per me essere chiamata troia da lui, mi eccitava.
“Tra poco vengo” avevo già raggiungo il secondo orgasmo e volevo fare qualcosa per lui e anche per me. Lo feci mettere seduto sul divano e io mi pesi a pecorino di fianco a lui per prenderglielo in bocca. Era così grosso e duro che era un sogno. Lo presi in mano e gli leccai la cappella per poi proseguire giù fino alle palle. Ritornai su e dopo avergli stuzzicato un altro po’ con la lingua lo presi in bocca e aiutata dalla mano iniziai a fargli un pompino.
Non durò molto, era già quasi al limite prima. Mi spruzzò tutto il suo sperma in faccia e sul seno.

Questo racconto di è stato letto 8 5 5 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.