Maggiordomo 2 continua

Scritto da , il 2019-09-09, genere gay

Come già raccontato nel mio primo racconto-testimonianza Maggiordomo, continuo e spero che le mie parole siano piacevoli per i lettori. Di inventato ci sono solo i nomi. Tutto vero.
Io come già detto sono un cinquantenne ancora molto sportivo, un peso massimo di 95 kg virile che nella vita sessuale le ha provate tutte: dall’eteressessualita’ all’omosessualità sia attiva che passiva.
Ho raggiunto NON la pace dei sensi ma la pace con me stesso e ho a poco a poco iniziato a godere di tutto quello che mi piace senza complessi, inclusa la sottomissione virile a maschi molto alfa.
Ho parlato del mio lusso privato di aver assunto un maggiordomo. Ruggiero è il nome fittizio ma lui è vero molto vero.
Vero toro da lavoro, mansueto come un mulo e timido ma con lampi decisionisti da far paura.
Passa giornate a servirmi, impasta pizze spettacolari, cura il giardino, stira le mie camicie, ripara quadri elettrici complicati con mani che sono grandi come pale.
È molto sexy nel senso che neppure lui lo sa: odora di maschio, forte come un cinghiale, petto ricoperto di un tappeto nero di peli ricci, abbastanza unico.
Naso grosso e occhi vivi.
Sempre sbarbato anche se la barba gli cresce troppo in fretta. Ha 45 anni divorziato con figli grandi e ora molto libero. Tutto per me.

Nell’altra testimonianza vi ho raccontato del mio primo approccio. Scioccante per lui e anche per me ma così è andata e fu bello.
Vista la sua reazione timida ma aperta ai giochi ho deciso di premere l’acceleratore e prepare un festino a tre dove Ruggiero sarebbe stato il sultano della serata, il somaro mansueto e allo stesso tempo sovrano, timido ma sfrontato, servitore ma padrone.
Faccio parte di un club di rugby dove io stesso da giovane giocavo. Ora sostengo finanziariamente questo allevamento di torelli.
Ce n’è uno di 25 anni, una bestia di 90 kili biondo e bello con cui ho bevuto molte birre dopo gli allenamenti. È tanto virile e maschio quanto segretamente omosessuale. Non ha negato alle mie domande dirette. Ha un culo spettacolare grosso e prominente, un cocomero da fotografia. Poco dotato con un pisellino di poco conto.
L’ho visto in doccia sembra un Dio greco una meraviglia di muscoli.
Lo chiamo e gli parlo serenamente di una cena da me con me e il mio maggiordomo. Ride e mi dice che significa. Gli dico che il mio maggiordomo cucina molto bene e che avremo anche buon vino rosso.
Ride di nuovo e mi fa capire che è dubbioso.
Gli dico di non fare la signorina ride di nuovo e mi chiede a che ora? Alle 17 da noi per tagliare la legna visto che fa un freddo porco e poi si accende il camino per cena.
Ok mi fa, ci sono.
Arriva puntuale e pronto ad aiutare con la legna che invece già arde nel grande camino.
Ruggiero ha la sua solita camicia bianca con le maniche arrotolate sugli avambracci grossi come querce.
Il giovane rugbista è un sole con i pantaloni di velluto a coste che ho facciamo cosce grandi e muscolose.
Lo abbraccio e gli presento Ruggiero.
Un bicchiere di vino rosso e un tagliere di prosciutto sono già in cucina che ci aspettano.
Stiamo lì in piedi, odore di tre testosteroni diversi, forza ma anche tranquilla eccitazione.
Inizio io come padrone di casa a ad avvicinarmi al mio maggiordomo che docile - seppur al massimo della sua virilità- si lascia prendere per la cintura.
Slaccio la cintura e i bottoni dei pantaloni di panno pesanti. A ogni passaggio uno sguardo di imbarazzo. Continuo.
Dico seriamente al maggiordomo: stasera sei tu il padrone. Ruggiero mi risponde come fosse un soldato: si sì dottore.
È sereno ma molto eccitato. È un uomo di 45 anni e capisce al volo tutto.
In piedi con i pantaloni slacciati glieli faccio cadere. Gli slaccio le scarpe. Il giovane rugbista è rosso di imbarazzo ma sta salivando.
Gli dico di mettersi in slip. Mi ubbidisce mentre continuo a spogliare il maggiordomo.
Sarò io l’ultimo a spogliarmi.
Tolgo la camicia al mio maggiordomo che sa di uomo come nessun uomo al mondo. Affondo la faccia in quel petto che diventa per me una foresta nera di pelo.
Lui sorride orgoglioso.
Ora è in slip. I suoi soliti slip che poco riescono a contenere di quel pacco enorme. Col cazzo largo da far paura che straborda dal davanti sempre macchiato di umori di maschio: l’ultima pisciata, il presborra ecc lo sapete tutti che vuol dire, che cos’è e gli odori che si sentono. Non devo insegnarvi nulla.
In un orecchio gli sussurro un po’ scherzando: vedi che non sono geloso? Mi fa: dottore stia tranquillo. È una serata. Me lo dice con quel l’accento forte e con la serietà di un militare.
Il rugbista è in slip ed è un capolavoro. Ruggiero il maggiordomo si fissa sul culo del giovane. Sbava come un animale.
La serata parte.
Io voglio all’inizio fare solo la regia. Solo all’ultimo giocherò per avere anche io la mia parte.
Ruggiero si fionda sul rugbista che rimane impalato. Prevedo una sconfitta ma invece basta qualche carezza sul culo perché il rugbista si riscaldi. Il maggiordomo non prevede certo baci o preamboli. È un cavallo da monta. Lo stallone fisico e basta ed è fenomenale.
Piega sul divano a pecorina il giovane rugbista che sa di sudore e testosterone. Io scenderei a preparare il culone con la lingua. Non il maggiordomo che ste cose non le fa. Lui monta. Gli dico Ruggiero fai piano e comportati bene. Si dottore tranquillo, il ragazzo è più bello di una figa - mi dice - come se il rugbista no fosse li - dottore tu mi stai facendo conoscere la vita vera.
Vai avanti gli dico.
Gli passo però un tubo di lubrificante che lui apprezza.
Nudo da dietro lo guardò sembra una bestia in calore, uno stallone da monta largo grande con muscoli spettacolari. Avambracci larghi e pelosi. Si sta appoggiando al giovane e passivo rugbista.
Io sono al settimo cielo. Sono fuori di testa dall’eccitazione.
Passo davanti.. guardo il cazzo del maggiordomo grande da far paura e il ragazzo che dalla posizione in pecorina gira atleticamente la testa di sbieco per guarda che cosa gli sta per accadere. Gli dico: Hai 25 anni e sei un uomo grande grosso gli dico io al suo sguardo da cerbiatta impaurita... sei quasi 100 kg di muscoli e divertiti come si deve.
Mi prende la testa mi bacia e mi dice che ha un po’ paura...
non rispondo è guardo il montatore e con un cenno della testa gli indico di procedere. Zitto muto solo un po’ ansimante con la spada svettante di 25 cm tutti, larga che io ho voracemente succhiato una volta sola e che mai ancora mi ha penetrato,lo stallone inizia la lenta penetrazione del rugbista.
Il ragazzone geme e a volta urla. Piano piano dico io a entrambi. Il mio maggiordomo fuma come un toro da corrida. Serio procede la sua monta.
Sposto leggermente il rugbista statuario e lo lascio sempre in pecorone con dietro il maggiordomo che ora lo pompa e patta tutta la sua bellezza, cosce grandiose, sudore e a volte impreca con sberloni sul culo del rugbista.
Mi metto in piedi con una gamba sul divano e estraggo la mia pure grande asta da far mangiare al rugbista che la vuole eccome se la vuole.
Dottore mi dice il maggiordomo, posso venire? A me lo chiedi coglione? Gli faccio.
Il biondo rugbista fa si con la testa e la bocca piena di me.
È sfondato. È stanco
Veniamo tutti.
Grazie maggiordomo umile e superbo maschio.


Questo racconto di è stato letto 2 7 2 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.