E bravo il nonnino

Scritto da , il 2019-07-06, genere incesti

Non so se possa rientrare nei racconti incestuosi, ma lo scrivo qui.
A 20 anni ero fidanzata con Marco. Erano già tre anni che uscivamo insieme e i nostri genitori avevano molte aspettative sul nostro futuro. Ci sposammo, per la felicità di tutti e dal momento che ancora non lavoravo, andammo a vivere a casa dei suoi. Il giorno del matrimonio fu una giornata strana sotto certi aspetti. Il nonno di Marco mi venne a trovare a casa dei mia, durante i preparativi. Non ero ancora vestita, lo vidi entrare mentre indossavo una sottoveste di seta rossa e nessuna biancheria. Sapevo che il mio corpo risaltava, i capezzoli spuntavano contro la morbidezza del tessuto che appoggiava sulla curva delle natiche.
Non lo aspettavamo e sia io che mia madre rimanemmo sorprese.
Chiese di potere rimanere solo con me, che voleva lasciarmi il suo dono, come se fossi la sua nipotina acquisita.
Era un uomo verso la settantina, tarchiato e con gli occhi piccoli, un pò da maiale; i pochi capelli radi e leggermente unti, le mani tozze non lo rendevano attraente, ma Marco lo amava molto e con me era sempre gentile.
Rimanemmo soli e mi porse un piccolo pacchetto. Lo aprii e trovai un anello molto bello, con un grosso brillante. Mi disse che ne aveva parlato a Marco e aveva deciso di regalarmi l'anello della nonna, deceduta da qualche anno.
Lo abbracciai per ringraziarlo e lui ne approfittò per scorrere il mio corpo con le sue mani grassocce. Feci per ritrarmi quando mi afferrò entrambi i seni, strizzandoli. Gli dissi di smettere, che non andava bene, ma lui rise e mi rispose che andava esattamente come doveva andare. E mentre mi faceva scivolare di dosso la sottoveste, lasciandomi nuda al suo sguardo, i suoi piccoli occhi compiaciuti si illuminarono. La sua bocca si avvolse attorno ad un capezzolo, iniziando a succhiarlo mentre con una mano mi accarezzava nell'intimo. Sentivo le sue dita affondarmi nella figa, con mia sorpresa bagnata. Mi trovai eccitatissima, mi lasciai andare contro di lui, incitandolo. In breve al posto delle dita mi infilò il suo uccello. Piccolo ma tozzo. Scivolò dentro e mi scopò con una spinta decisa. Arrivai subito all'orgasmo mentre anche lui veniva dentro di me.
Mi chiese di non lavarmi, voleva vedermi all'altare vestita di bianco, con la figa farcita della sua sborra. Mi eccitava l'idea, mi eccitava come mi parlava. Mi disse che quel giorno diventavo la sposa del suo diletto nipote e la puttana di casa.
Durante la giornata incrociai spesso il suo sguardo e mantenni uno stato di euforia.Sembrava tutto surreale. Mi ero comportata come una piccola puttana, ma baciando mio marito non mi importava, volevo scoprire cosa mi attendeva.
Tornammo da viaggio di nozze dopo una decina di giorni e il mattino successivo Marco si alzò presto per andare al lavoro. Passò a salutarmi con un bacio ed io mi girai su un fianco, riaddormentandomi.
Mi svegliò un brivido. Sentivo un corpo accanto a me. Mi mossi per girarmi, ma due braccia mi bloccarono. Ebbi un moto di paura poi riconobbi la risata.
Il nonno si era steso nel letto accanto a me, mi abbracciava da dietro. Mi baciava sul collo mentre mi sprimacciava le tette, apprezzandole a parole.
Era sconcio nel parlare, lo trovavo eccitantissimo. Mi fece girare sulla schiena e mi venne sopra per un 69.
Gli succhiavo il cazzo, che mi riempiva bene la bocca mentre giocava con la lingua sulla mia figa. La sua lingua, le sue dita, impazzivo di piacere. Il cazzo non era lungo ma bello tornito, brillava lucido della mia saliva.
Quando fu rigido al punto giusto mi prese, venendomi sopra nella posa del missionario. Intanto mi limonava ed io mi concedevo completamente, aprendo le coscie più che riuscivo.
Stavolta non venne subito, io ebbi tre o quattro orgasmi, mi sembrava di impazzire.
Tolse il cazzo da me e mi chiese di mettermi a pecora.
Obbedii subito, volevo sentirlo ancora dentro.
Mi riempì ancora, mentre con le dita mi forzava il culo. Gli dissi di smettere, ma il godimento che provavo non mi rendeva credibile.
Uscì nuovamente da me, soltanto per rientrare nel culo.
Morsi il cuscino per soffocare l'urlo che mi usciva. Il dolore era lancinante ma lui pompava soddisfatto, mentre mi chiamava cagna.
Mi scesero lacrime di dolore, per un momento pensai che ne sarei morta. Ma nel giro di qualche secondo/minuto scoprii che si godeva anche dal culo. Mi lasciai andare e iniziai ad assecondare le sue spinte. Quando venne mi sborrò dentro, mentre di nuovo ebbi un orgasmo.
Mi aveva sverginato il culo, e mi disse che per quello gli appartenevo, ero la sua cagna privata.
Il matrimonio funzionava. Con mio marito si erano create abitudini, c'era armonia, e in tutto questo, parallelamente facevo la troia per il nonno. Due o tre volte la settimana mi prendeva; spesso veniva nel mio letto quando Marco andava al lavoro, altre volte gli piaceva prendermi nel garage, durante il giorno, mentre i genitori di Marco erano affaccendati in vari lavori in casa.
Non so quanto potrà andare avanti questo menage. Sono passati sei anni e funziona. Sono una moglie e una donna soddisfatta. Certo l'età comincia a farsi sentire, ma il nonno è davvero bravo con la lingua e non disdegna i dildo dei sexy shop.
Questa doppia vita dovrebbe essere a disposizione di ogni donna, e finchè tutto rimane in famiglia, la reputazione è salva...

Questo racconto di è stato letto 1 9 9 2 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.