Factory Slut - capitolo 2

Scritto da , il 2019-04-14, genere dominazione

2 SAMANTHA L’AMERICANA

Samantha è nuda, legata alla parete della stalla in cui ha dormito, in piedi. Per Jim, il servo che la sera prima si è preso cura di lei, è stato facile avere ragione della schiava, Samantha era sfinita dopo che era stata severamente punita dal suo Padrone il generale Hank.
Più che legata, Samantha è immobilizzata faccia al muro alla parete della stalla. La schiava è incatenata alla parete per i polsi e i gomiti, anche il collare è saldamente agganciato alla parete e senza possibilità di gioco, così come le caviglie e le gambe agganciate con due robusti anelli poco sopra le ginocchia, sempre alla parete. L’unica parte di lei che può muoversi sia pur di poco è il bacino, ma eventuali contorsioni non le gioverebbero sicuramente e la esporrebbero in posizioni indecenti. Jim l’aveva incatenata e poi se n’era andato. Samantha si addormentava, ma quando succedeva scivolava verso terra e si faceva male ai polsi che la trattenevano in piedi, quindi si risvegliava. Succedeva continuamente e non aveva nozione del tempo che passava. Ma ora che il sole filtrava dalle finestrelle era diventato alto pensava che ormai era giorno inoltrato. Era tardi, aveva fame, sete e soprattutto doveva liberarsi.

Jim ritornò, con lui c’era il generale Hank. Samantha gridò, protestò, e poi invocò. – Vi prego generale slegatemi, ho sete e devo andare in bagno, poi farò tutto quello che volete, sarò la vostra schiava per sempre. –
Il generale, non si scompose, non si curò né delle sue proteste, né delle sue preghiere. Lei promise che sarebbe stata brava come un tempo, che sarebbe stata una schiava perfetta. Disse che lui era un padrone meraviglioso e che lei era stata davvero cattiva, ma che mai più avrebbe sbagliato. Il Master non si prese neanche la briga di risponderle, aprì la borsa che si era portato dietro e tirò fuori degli aghi belli lunghi, ma che non sembravano più pericolosi di tanto, però Samantha se la fece addosso, prima piano, poi sempre più forte uno scroscio le colò lungo l’interno delle cosce. La schiava avvilita piagnucolò.
Jim imprecò – troia bastarda! Vacca!! – Il generale rise, ma non disse niente mentre Jim la puliva in mezzo alle cosce con uno strofinaccio e poi pulì a terra. Per vendicarsi le diede una manata, che risuonò nella stalla, sui quarti posteriori.

Il generale si avvicinò e l’accarezzò sulla gola. Samantha tremò di paura e gridò avvilita. Cerco di divincolarsi rischiando di farsi male. Poi in un attimo uno di quegli aghi fu conficcato sulla gola di Samantha, un centimetro sotto il collare e penetrò per neanche un millimetro. Il generale finalmente le parlò, lo fece dolcemente e lei si calmò, non provava dolore.
– Calma, calma bella. Non ti agitare. - Il Master conficcò un altro ago vicino al precedente e poi un altro ancora. Non facevano male, ma Samantha si accorse terrorizzata che non riusciva più a parlare. Fu un trauma, la schiava pianse mentre il servo ed il generale uscivano dalla stanza lasciandola piangente, incredula ed impaurita con tre aghi conficcati nella gola.

Samantha pianse disperata, più volte cercò di gridare, ma dalla sua gola non uscivano parole, solo suoni strani, simili a nitriti. Dopo mezzora il generale ritornò. Il servo era sempre con lui. Samantha sapeva che il suo destino era nelle mani del Master. Lo guardò ed il padrone ricambiò lo sguardo fissandosi negli occhi della giovane. Samantha abbassò lo sguardo impaurita, in quel momento si arrese, non poteva fare più niente. Per giorni aveva meditato di scappare, ora sperava solo che non le facessero più del male.
Il Master le levò gli aghi, lei speranzosa provò a parlare, ma non le riuscì.
Finalmente il Master spiegò. – Lo so, lo so, tu non puoi parlare, ma non fa niente. – Il Master rifletté un attimo e poi riprese a parlare. – Lo sai, hai commesso un grave errore e riceverai una punizione altrettanto grave. Sarai trasformata in una puledra. – Un’altra pausa, poi - e le puledre non parlano, imparerai ad esprimerti diversamente. La tua trasformazione inizia oggi e gli allenamenti inizieranno nei prossimi giorni. Penso che sarai un’ottima puledra e che mi darai grandi soddisfazioni. Per il tuo bene ti consiglio di collaborare. Hai un corpo eccezionale e sei alta. Gambe lunghe e muscolose, spalle robuste ed un petto sodo e generoso, il resto verrà, i tuoi muscoli diventeranno vigorosi ed imparerai a correre. Hai una bella criniera bionda e fianchi larghi, da fattrice, sarai un’ottima giumenta. – Il generale non si era limitato a commentare le doti della schiava, le sue mani, dure e forti, l’avevano tastata in lungo ed in largo per provare quanto andava affermando. Samantha non poteva fare niente, arrossì e fremette, ma notò che il Master l’aveva trattata con un certo distacco, come una bestia, anche se ancora non se rendeva conto. Calde lacrime scesero dagli occhi di Samantha, tremò umiliata sotto le carezze del suo Master che infine le diede qualche buffetto d’incoraggiamento. – Su, su vedrai che non è poi così terribile, impara ad obbedirmi e ti accorgerai che non è poi così male. Devi anche sapere che d’ora in poi sarai sempre nuda, comunque durante la notte il servo di stalla, se lo riterrà opportuno, ti butterà addosso una coperta. Jim si prenderà cura di te. E’ comune che una puledra quando ha bisogno di qualcosa raspi il terreno con lo zoccolo, imparerai a fare pure questo. - Il Master si avvicinò e si chinò sui suoi genitali, quindi l’insaponò sull’inguine con un pennello. Samantha arrossì sconcertata, avrebbe desiderato stringere le gambe, ma non poteva. Il Master rapidamente la rasò eliminando ogni pelo in quella parte del corpo, il rasoio levò anche i peli vicini all’ano.

Terminata l’operazione, il padrone le prese i capezzoli in mano stringendoli tra il pollice e l’indice e stropicciandoli tra le dita. Samantha tremò nuovamente di paura Inevitabilmente, nonostante la paura e quello che aveva passato, i capezzoli si inturgidirono e si allungarono. Samantha arrossì e il Master sorrise e con lui anche Jim. Poi il Master rovistò nella borsa e tirò fuori due anellini d’oro spessi qualche millimetro. Il Master li poggiò sui capezzoli ancora ritti e turgidi di Samantha. La schiava gridò, ma solo un rauco e doloroso mugolio giunse alle orecchie degli altri, simile ad un nitrito. Il Master non dovette essere soddisfatto della scelta perché tirò fuori altri due anellini più grossi dei precedenti. Questa volta dopo aver di nuovo manipolato i capezzoli della schiava e averli di nuovo appoggiati su di essi si ritenne soddisfatto. Il Master mise da parte gli anellini destinati ai capezzoli e si chinò sul clitoride della schiava e lo prese in mano. Samantha fremette imbarazzata e sempre più spaventata. Di nuovo il Master frugò nella borsa e due altri anelli, più grossi dei precedenti, vennero provati sulle grandi labbra della schiava ed uno più piccolo sul clitoride. Il Master ne fu soddisfatto ed anche quelli furono messi da parte.
Il Master accarezzò la sua puledra sulle guance, le passò bonariamente un dito sulle labbra. Samantha era inerme in suo possesso, piangeva disperata, il seno ansava come se volesse scoppiare. Il padrone l’accarezzò e lentamente Samantha si calmò, non vedeva via d’uscita. Il Master prese un altro anello, grosso quanto quello destinato ai capezzoli, e lo provò sulla punta del naso della schiava. Anche questo fu messo da parte. Poi la slegarono e Jim, dopo averle legato le mani dietro la schiena ed averle messo un guinzaglio al collare la condusse alle latrine. Sarebbe stato un lavoro lungo e doloroso, era bene che la schiava si liberasse prima di cominciare. Per Samantha fu l’unico piacere di quel giorno.

Samantha aveva ventiquattro anni, era una ragazza alta e robusta, con un fisico atletico, cosce grosse, polpacci sviluppati, tette prorompenti, fianchi larghi, un viso simpatico, una chioma bionda, occhi celesti e una bella bocca.
Il fisico non era solo atletico era anche esuberante.
Il sergente Samantha Choen era entrato nell’esercito tre anni prima e da allora era la schiava del Generale Hank. Il generale l’aveva adocchiata appena entrata e l’aveva presa con sé immediatamente, allora era un soldato semplice e la prese come autista, poi la promosse sergente e la fece diventare suo attendente. Immediatamente la sottomise e la schiavizzò senza che neanche se ne accorgesse, un mese dopo faceva pompini a chiunque lui volesse.
Il corpo di Samantha era atletico, ma anche morbido, immenso e poteva dare soddisfazione a tre uomini in una volta. Il generale se la fotteva dove e come voleva, ma soprattutto la faceva fottere dai suoi amici e dai suoi collaboratori. Samantha divenne presto il ricettacolo degli amici del generale. Ubbidiva, taceva e si sottometteva. In modo torbido godeva e otteneva piacere ed il generale la umiliava ulteriormente per le sue debolezze, sei una cagna in calore, le diceva spesso e lei taceva.
Non aveva cercato quella vita, non la voleva, ma non si ribellava, ormai si era assuefatta. Questo per anni. Fino a qualche mese prima, quando cercò di sottrarsi a quel destino. Si era innamorata di un soldato, ma per il generale era inammissibile, Samantha era sua e poteva fare solo quello che lui voleva.
Il generale fece trasferire altrove il soldato, mandò Samantha ad una esercitazione in una jungla del Sud America, durante la quale la fece scomparire, quindi la dichiarò dispersa. Ora Samantha si trovava in un luogo sperduto del North Dakota, una piccola base militare abbandonata, uno dei tanti possedimenti dell’esercito americano su cui il generale Hank aveva il potere di fare quello che voleva. Infatti, da anni l’aveva trasformato nel suo casino di caccia, si trattava di centinaia di ettari boschivi in cui nessuno poteva accedere ed in cui, in quel momento, le uniche persone autorizzate a starci erano: il generale, la sua schiava, che stava per diventare una ponygirl, di cui nessuno sapeva più nulla, Jim il suo servo fidato che era un soldato fedelissimo del generale. Presto sarebbe arrivato un sergente, che sarebbe diventato il fantino ed istruttore di Samantha.
Il generale pensava da molto tempo ad un impiego simile per Samantha, si era innamorato di quella disciplina e aveva studiato molto, ma non aveva mai avuto il coraggio di fare scomparire Samantha o qualche altra preda, non era un passo da poco, poi gli eventi erano precipitati e lui si era determinato a fare il passo invitabile se la voleva tenere.

La legarono ad un cavalletto. Le caviglie ai piedi davanti e i polsi a quelli di dietro, il collare fu agganciato ad una corta catenella, Samantha si trovò immobilizzata ed il lavoro ebbe inizio. Doloroso, molto doloroso. Samantha gridò come ormai poteva gridare e pianse, pianse per il dolore quando l’inanellarono ai capezzoli e soprattutto al pene e di disperazione ed umiliazione quando le misero l’anello al naso. Durò parecchio, il Master intendeva fare un buon lavoro e non si fece distrarre né dai gemiti, né dai sussulti della schiava. Non capitava ogni giorno che gli anelli messi ad una schiava fossero d’oro, di solito erano d’acciaio. Il Master era bravo. Jim aiutava il Master.
Quando il Master terminò la sciolsero, Samantha non si oppose, era stremata ed impaurita. Quando Jim ancora una volta le fece indossare i guanti da puledra e le legò imperiosamente le mani dietro la schiena, lei non oppose alcuna resistenza. Samantha vide quanto era facile immobilizzarla, ma ancora non immaginava quanto di più potevano fare. Un esempio glielo diedero immediatamente. Jim legò l’anello del naso con un guinzaglio e la condusse verso il muro. Per un solo attimo Samantha provò a resistere e fu terribile. L’istruttrice legò la schiava ad un anello al muro. Le lasciò un gioco di non più di venti centimetri e Samantha fu praticamente ridotta faccia al muro, ma non finì lì, un nuovo laccio di cuoio passò dentro gli anelli che le pendevano dalle grandi labbra ed anche questo fu collegato ad un gancio, più basso, al muro. Samantha era immobilizzata. Per sua fortuna non se ne accorse prima, il ferro rovente si poggiò sulla natica destra e sfrigolò per qualche istante. Samantha impazzita dal dolore gridò come ormai poteva fare e nonostante il dolore si dibatté impazzita. Poi convulsamente cercò di fermarsi, sentiva male al naso ed al piccolo e al clitoride. Il ferro era stato arroventato fuori dalla stalla e Jim l’aveva portato al generale che l’aveva marchiata con una bella H, ora era a tutti gli effetti una sua proprietà. Il Master l’accarezzò sulla schiena, Samantha vibrava e sussultava, ma non osava muoversi, anzi cercava di calmarsi. Il Master l’accarezzò sulle natiche, anche lì vicino dove ancora scottava per il marchio. Poi l’uomo le disse: - Buona, buona, abbiamo quasi finito e non ci sarà più dolore. Ora devi indossare solo le tue nuove calzature e poi potrai riposare. – Samantha non aveva idea di quanto tempo fosse passato, temette d’impazzire, ma si aggrappò a quelle parole e sperò che davvero fosse tutto finito. Era sempre immobilizzata.

L’operazione fu meno semplice di quel che poteva sembrare. La sera prima Jim aveva preso le misure a Samantha ed ora le sue nuove calzature erano pronte. Jim le sollevò un piede e le fece indossare uno stivaletto. Era nero ed aveva la suola molto alta e larga, infissa sotto la suola c’era una bella lamina d’acciaio: un ferro da cavallo. Lo stivale spingeva il piede molto in su, solo la parte iniziale del piede toccava a terra, poi iniziava ad incurvarsi verso l’alto e non aveva tacco. Lo stivaletto, era chiuso, pieno e pesante, il tallone veniva spinto tanto in alto che Samantha sì sentì costretta sulle punte, la pianta del suo piede toccava a terra, ma il tallone no, rimaneva sospeso nel vuoto. Lo stivaletto era alto fino al polpaccio, ma era una delle tante versioni che la puledra poteva indossare, ve ne erano di bassi, tipo gambaletto, e di alti fino alla sommità delle cosce. Jim strinse con forza le stringhe, soprattutto quella larga alla caviglia che aveva lo scopo di tenere il piede fermo, ciò in mancanza del tacco era molto importante per evitare spiacevoli distorsioni. Il piede venne grottescamente catturato. Samantha temette di cadere, non era abituata a quel tipo di calzature, nella sua giovane vita aveva indossato scarpe di tutti i tipi, ma sempre con un tacco, magari altissimo, ma che la sosteneva. Jim la resse e lei riuscì a stare in piedi. A parte lo sforzo richiesto ai muscoli, in particolare quelli del polpaccio, lo stivaletto era comodo e di pianta larga assicurando così un buon equilibrio, naturalmente era insolito e la futura puledra che si doveva ancora abituare, in quel momento non lo trovava per nulla facile. Analoga operazione venne ripetuta sull’altro piede. Samantha si sentiva molto più alta ed instabile, temeva di cadere, quelle terribili calzature costringendola quasi sulle punte dei piedi con tutta quella suola spessa e robusta l’avevano sollevata di almeno quindici centimetri. Quando finirono Samantha temette ancora una volta di cadere, ma si accorse che sebbene, i suoi piedi ora fossero grottescamente catturati in quelle orribili calzature, se stava ferma non correva veri pericoli, ma già sentiva i polpacci duri e dolenti. Con cautela provò a muoversi, ma non poteva farlo più di tanto, rimase ferma e pianse disperata. Lo sforzo di stare sulle punte le sembrò immane, in verità era molto più facile di quanto le sembrasse, solo che doveva imparare. Jim le accarezzò le cosce, ora rigide anche per la postura in cui veniva costretta da quegli stivaletti.

Jim era andato via, sarebbe tornato più tardi per darle da mangiare e da bere. Oranella stalla c’era solo il generale, oltre a Samantha legata per il naso e per il clitoride al muro.
Il generale le disse – nei prossimi mesi ti fotterò poco, forse per niente, ma il cazzo non ti mancherà, Jim e Gordon sono autorizzati a sbatterti quando e come vogliono. – Samantha era abituata a quel linguaggio e a quelle umiliazioni, ma in quel momento era molto debole e prese a frignare, piangeva come una fontana e mugolava, ma si domandava chi fosse Gordon.
Il generale implacabile continuò, - quindi voglio darti un’ultima botta, ora, una botta che non dimenticherai viste le condizioni in cui avviene, ti voglio sfondare. –
Era un uomo alto e possente, un cinquantenne ancora in gran forma, con spalle larghe, capelli corti e grigi come gli occhi, mascella volitiva, un po’ appesantito sui fianchi e sulle cosce e con una discreta pancetta, ma forte. Si tirò i pantaloni giù, il cazzo svettava tra le sue gambe, più largo che lungo. Si adagiò alla schiava, la prese per i fianchi e la penetrò in un colpo solo. Era asciutta, ma lui sprofondò lo stesso dentro di lei e dopo poco la schiava iniziò a lubrificarsi e nonostante tutto a gemere. Il generale aveva voglia di scaricarsi. La prese per le mammelle, le strinse e la morse sulle spalle. Il generale mordeva, strizzava e martellava. Samantha aveva un corpo grande, formoso, esplosivo, ma il generale era prestante, grosso, immenso e riusciva a sovrastarla anche fisicamente. La schiava gemeva, si lamentava, subiva fino a quando il generale schizzò dentro di lei. Diede altri due colpi riempiendola, poi uscì da lei e se ne andò. Jim arrivò tempo dopo, la pulì, la slegò e la fece sdraiare su un giaciglio.




https://novelleerotiche.wordpress.com/

Koss99@hotmail.it

https://www.kobo.com/it/it/search?Query=koss
https://www.amazon.it/Koss/e/B06WVH29MD

Questo racconto di è stato letto 3 0 2 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.