Mamma posso annusartela?

Scritto da , il 2011-06-12, genere incesti

La nostra e' una famiglia molto povera di contadini,abitiamo in una baracca in campagna e abbiamo 4 campi di ortaggi che lavoriamo per il padrone del terreno.
La famiglia e' formata da mio padre che si chiama Giulio e ha 45 anni, mi mamma Grazia che ne ha 43 e io che mi chiamo Sandro e ne ho 18.
Mia madre e' una bellissima donna, ha gli occhi marroni , e' castana , ha la quarta di seno e un gran bel culo ma la cosa che piu' mi attizza di lei e' che ha un neo sopra la bocca uguale a quello che ha sul culo.
Dove abitiamo noi d'estate c'è molta gente perché e' un paese con delle bellissime spiagge, ragion per cui un bel giorno abbiamo deciso di prenderci qualche giorno di vacanza per andare al mare.
Come dicevo prima, la nostra e' una famiglia molto povera e non possiamo permetterci niente che non sia necessario, per questo motivo mia mamma non trovando un costume da mettersi decise di indossarne uno che usava da giovane. Come arrivammo in spiaggia e iniziammo a spogliarci non potei far a meno di notare il costume che indossava, un perizoma nero atillatissimo , con davanti degli imbarazzanti peli che gli fuoriuscivano dal costume, e alzando lo sguardo due belle tette grosse con dei capezzoli enormi già rigidi.
C'era molto caldo e mia madre vista la poca affluenza in quella zona della spiaggia decise di fare una corsetta per tenersi in forma, mentre io seduto la ammiravo in tutto il suo splendore mentre ondeggiava quel culo stupendo.
Quando ritornò all'asciugamano aveva tutte le tette sudate e standole vicino emanava un forte odore di fica umida da far impazzire qualsiasi maschio era nelle nostre vicinanze. C'era poi un gruppetto di miei compagni di scuola che la fissava e uno di loro quando andai a fare il bagno mi disse che gli avevano fatto un sacco di foto e che le avrebbero messe su internet e in fine aggiunse che era proprio una gran bella maiala mia madre.
Stranamente quelle parole mi fecero eccitare ancor di più e come rientrammo a casa preso da un'incontrollabile desiderio ravanai nel cestello della roba sporca e quando trovai il suo costume iniziai ad annusarlo profondamente. Preso dalla libidine però non mi accorsi che mia madre era li' che mi stava osservando con fare provocatorio mi disse...ti piace la patatina della mamma?..Io come in trans da quel profumo risposi...si mamma te la vorrei leccare tutta...Allora lei rispose...tesoro ma che dici io sono tua madre non posso fare ste cose...a quelle parole se ne andò lasciandomi stupito della sua reazione fin troppo calma.
Da quel giorno però il suo comportamento verso di me cambiò radicalmente e ogni qual volta si proponeva l'occasione mi faceva eccitare proponendomi delle porcate da vera maiala.
C'erano giorni che mi svegliava appoggiandomi il suo culo nudo in faccia e scappava , altri che si metteva a cucinare nuda coperta solo da una sottoveste trasparente o altri ancora che gemeva forte per farsi sentire mentre faceva sesso con papà.
Io naturalmente stavo impazzendo da tutte quelle provocazioni e rendendomi sempre più conto che avevo una madre troia, preso dalla rassegnazione decisi di subire e di accettare la situazione così com'era, finche un giorno rientrando a casa sentii dei rumori sospetti provenire dalla cucina, mi avvicinai silenziosamente e notai mia madre a pecora mentre un ragazzo gli spalmava dei pomodori nel culo e se gli mangiava uno a uno, un altro che gli spalmava la cappella in faccia mentre che urinava e un altro ancora che si segava mentre gli faceva il video col cellulare. Lei in tutto ciò restava ferma ondeggiando il culo su e giù da vera maiala senza pudore. Non credetti a ciò che stavo osservando e preso da un' incontrollabile eccitamento mi avvicinai per vedere meglio e notai con gran stupore che quei tre ragazzi erano proprio i miei compagni di classe che quel giorno la fissavano al mare. Non sapevo come reagire, se intervenivo non avrei goduto di quello spettacolo troppo eccitante ma se non lo facevo avrebbero diffuso il video in tutto il paese con chissà quali conseguenze. Ero in trans a quella visione e sarei intervenuto ma mi fermo la frase improvvisa di mia madre che disse...fatemi quello che volete sono la vostra serva pero promettetemi che mi darete i soldi che mi avete promesso siamo poveri e quei soldi ci servono...e uno di lo loro tappandogli la bocca col cazzo gli disse... zitta troia! e succhia sto cazzo se no i soldi te li scordi...e l'altro che era dietro, finito di mangiare i pomodori, gli prese il culo, si abbassò le mutande e iniziò a sfondarla con colpi veloci e prepotenti senza fermarsi un attimo facendola urlare come una pazza. Io ero li', nascosto dietro la cucina che ormai in preda alla follia vedevo sotto forma di realtà tutto ciò che mi sognavo di fare quando lei mi provocava in quel modo così insistente, così spinto da una certa soddisfazione lasciai che i quei tre ragazzi assatanati umiliassero mia madre eccitandomi ancor di più nel pensare a tutti quelli che avrebbero visto quel video. Avevano ormai finito di scoparsela , lei si inginocchio e con degli forti schizzi gli vennero' tutti e tre in faccia.
Mentre se ne andarono uno di loro gli lanciò 200€ in terra e gli disse...prendi serva comprati da mangiare.
Ero talmente eccitato che dopo che se ne andarono uscii allo scoperto, mia madre allora presa dalla vergogna cercò di coprirsi alla bene e meglio ma la fermai e con uno sguardo commiseratorio gli dissi... ma cosa ti copri la figa se sei tutta piena di sborra in faccia...e lei...ma figlio mio lo fatto per farti mangiare a te...Ma stai zitta che piuttosto andavi a pulire cessi invece di farti fottere come una vacca da tre ragazzini, beh comunque se non vuoi che dica tutto quanto a papà devi fare quello che ti ordino, ora inginocchiati!...ma ti scongiur...zitta! Devi stare zitta! così impari a provocarmi.
Appena si inginocchiò con il culo a l'aria incominciai a sfregarmi la faccia tra le sue chiappe leccandogli tutto quel gran culo rosso sudato che era stato appena sfondato dal mio compagno di classe. Dopo di che glie lo schiaffeggiai forte facendola urlare e dicendogli con fare aggressivo...così ti piace il cazzo dei miei compagnetti che ti sfonda il culo vero puuttaana! Ora assaggia il mio di cazzo maiala!...lei allora si girò di scatto e tappandosi con una mano il buco del culo disse...no dai tu non puoi sei mio figlio.
A quelle parole mi infogai ancora di più e togliendoli con la forza la mano gli urlai...come?! Ti fai sfondare dai miei compagni e io no! Così impari a provocarmi svegliandomi col culo in faccia!
La inculai per più di un'ora a ritmo frenetico quasi indemoniato come se in quei colpi si sfogasse tutta la mia rabbia mista a l'eccitamento che provavo nel vederla mentre si faceva filmare fottuta dai miei compagni. Finito lo sfogo gli venni sul culo e mentre gli davo gli ultimi colpi di cappella per scrollarmi dalla sborra gli dissi…ora per punizione terrai tutto il giorno la sborra che ti cola nelle gambe e se papà ti chiede chi te la fatta gli dirai che sono stato io a sfondarti il culo al posto suo perché mi hai obbligato tu di farlo.
Da quel giorno altri ragazzi venero a fottersela, e io ormai sputtanato da quel video non potei fare altro che sfruttare l'occasione per ricavarci un bel pò di soldi e oggi se finalmente posso scrivere la mia storia qui su internet lo devo soprattutto a quel gran bel culo della mia mammina.

Questo racconto di è stato letto 2 2 0 4 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.