Erotici Racconti

Quella sera a Siviglia

Scritto da , il 2018-11-08, genere esibizionismo

L' ultima tappa del nostro viaggio in Spagna fu Siviglia, la romantica e passionale capitale dell'Andalusia e del Flamenco. Il finale perfetto per una vacanza memorabile.
Arrivammo a Siviglia in un caldo Mercoledi di Luglio, dopo aver trascorso una bellissima settimana in un resort esclusivo a nord di Nerja.
Alloggiavamo all'Hotel Beckler che si trovava vicino al fiume Guadalquivir e al ponte di Briana, in una posizione strategica e suggestiva. Appena arrivati sistemammo in fretta le nostre cose e uscimmo immediatamente per tuffarci nell’accogliente atmosfera di questa bellissima città.
La sera stessa, dopo essere stati in giro tutto il pomeriggio, andammo ad un spettacolo di Flamenco in un teatro poco distante, che si chiamava La Casa della Memoria.
Amiamo molto il Flamenco perchè pieno di vita, di passione e sensualità. E lo show in questo piccolo teatro rispecchiava fedelmente queste caratteristiche, non solo nella danza e nella gestualitá ma anche nel canto di una bella donna Andalusa che aveva una carica emotiva e drammatica da pelle d’oca.
Dopo lo spettacolo andammo in un ristorante di tapas nelle immediate vicinanze, a cui seguí una notte di sesso bollente e passionale come il Flamenco.
Fu un'altra serata fantastica in terra di Spagna. Giorni pieni di avventure, di emozioni, particolarmente salutari per il benessere di coppia.
E in quel periodo ne avevamo particolarmente bisogno, per disintossicarci dalle scorie delle proprie occupazioni e responsabilità, dalla noiosa routine che spesso affligge gli adulti.
Ogni serata in Andalusia fu speciale ma la seconda sera in quel di Siviglia, quella che vi stó per raccontare, sarebbe rimasta a lungo nella nostra memoria.
Ricordo che quel giorno fu attraversato da una brezza insolita per questa regione. Una brezza che sembrava venisse dal mare, nonostante il mare fosse ad almeno 100 chilometri di distanza.
Un vento leggero ma di particolare sollievo durante le visite alla Cattedrale e all'Alcazar Reale, specialmente quando eravamo in fila sotto il sole insieme ad altri centinaia di turisti accaldati come noi.
Rientrammo in Hotel nel tardo pomeriggio e stanchi ordinammo una selezione di tapas e una caraffa di Sangria bianca.
Stanchi ma tuttavia nell'umore giusto per celebrare un’altra notte di sensulitá e passione.
Non avevavamo ancora deciso cosa fare o dove andare ma avevamo giá scartato l’ídea di un altro spettacolo di Flamenco e non avevamo voglia di chiuderci in una discoteca o di un concerto.
Avevamo bisogno di respirare, di stare all’area aperta, adrenalina per alimentare il sangue nelle vene.
Cosi decidemmo di scendere giú alla reception per chiedere un consiglio.
Alla reception trovammo Alfonso, un uomo di mezza etá distinto e posato. Parlava in inglese correttamente e per quella sera ci suggerí di andare alla corrida dei Novilladas, che si tiene ogni Giovedì e che introduce al pubblico i giovani Matadors.
Ci disse che i biglietti per questi eventi sono relativamente economici e si trovano facilmente, basta recarsi poco prima dello spettacolo, alla biglietteria della Real Maestranza nella Plaza de Toros.
Eravamo indecisi sul da farsi perché, nonostante le tante vacanze spese in Spagna, avevamo sempre evitato di assistere ad una Corrida, che reputavamo uno spettacolo crudele e ingiusto.
Ma Alfonso insistitette sul fatto che, almeno una volta nella vita, una persona deve assolutamente assistere ad una Corrida.
E non ci sarebbe stata occasione migliore che farlo, nell'Arena più famosa e prestigiosa al mondo, la Plaza de toros de la Real Maestranza de Caballería de Sevilla.
Alla fine Alfonso ci persuase e cosi una volta tornati in camera cominciammo a prepararci, perché lo spettacolo iniziava alle 09:00 e dovevamo ancora andare a cena.
Io optai per un completo di lino di colore naturale mentre Anna decise di indossare un vestito lungo di colore bianco, elegante ed audace allo stesso tempo.
La particolarita' di quel vestito era una seducente e profonda scollatura sul retro che lasciava la schiena interamente scoperta, che terminava con un orlo a cucchiaio che le copriva a malapena i glutei.
Il vestito inoltre aveva spalline sottili e generose scollature sui fianchi che lasciavano scoperto il seno lateralmente.
I vestiti che hanno spacchi laterali profondi, vanno indossati senza reggiseno e sono adatti per seni piccoli. Anna invece é una quarta naturale con coppa C, il tessuto del vestito faceva fatica a tenere il seno coperto, con un effetto intrigante e sensuale.
Completavano il look un paio di sandali con tacchi in sughero e una sciarpa bianca di lino.
Anna splendeva, come suo solito.
Decidemmo di andare a mangiare una paella in uno dei chioschi del mercato nell'Arena de Barrio. Ma purtroppo quando arrivammo lí il mercato stava giá chiudendo.
Quindi optammo per un ristorante che avevamo notato nel pomeriggio, chiamato Boca a Boca, ispirati dall'arredamento e dall'atmosfera sensuale.
Purtroppo rimanemmo molto delusi, perché la paella era mediocre oltreché costosa e anche il bianco di Cadice era scarso, invece gli Alfajores, i biscotti tipici dell'Andalusia erano davvero squisiti.
Arrivammo alla corrida in perfetto orario. L'arena era meravigliosa e anche l'atmosfera era calda e piacevole. Ma lo spettacolo non riuscí a farci cambiare idea, per noi uccidere gli animali in questo modo é crudele e ingiusto.
In ogni modo Anna riuscí a rendere gradevole anche uno spettacolo iniquo ed ingiusto, con le tette che di tanto in tanto, fuoriuscivano dal vestito. Con mia grande gioia e quella di due ragazzini che erano seduti accanto a noi e che non le staccavano gli occhi da addosso.
Dopo lo spettacolo decidemmo di goderci la serata andando a prendere qualcosa da bere in uno tra i tanti locali disseminati lungo il viale che accarezza il fiume.
E quí ci imbattemmo nel Kiosko Bombay che ci apparve da subito quello piú intrigante e vivace. Anche i cocktails che ci passavano davanti agli occhi sembravano creativi e colorati. Lo staff del Bombay era cordiale e come bonus da ogni tavolo si godeva di una splendida vista del ponte di Triana.
Ci accorgemmo che molti degli avventori, una clientela giovane e vestita bene, erano fumatori di narghilé, che si potevano noleggiare dopo aver acquistato il tabacco, ed erano in bella vista al centro del locale. Ridemmo perché ai nostri tempi si usava il narghilé per fumare mischie piú esotiche.
Per non esagerare decidemmo di prendere uno strano cocktail chiamato Spanish Mule.
Mentre aspettavamo il nostro drink, ci venne incontro un ragazzo di colore che vendeva rose,
che ci regalo una bella versione a cappella di Can't help falling in love, spruzzata di soul e passione. Era chiaro che il nostro amico era attratto soprattutto dalla generositá del vestito, che a fatica le nascondeva il seno.
Ne eravamo lusingati ma alla lunga questa eccessiva insistenza cominció a dare fastidio agli altri avventori. Fino al punto che una delle cameriere, su insistenza di una cliente forse un pó gelosa, gli disse che aveva giá disturbato abbastanza e doveva andarsene.
Prima che se ne andasse decidemmo, per gentilezza, di acquistare da lui un piccolo bouquet di rose rosse.
Era una notte bellissima e piena di stelle e dal nostro tavolo avevamo una vista bellissima sul fiume e sul sentiero pedonale che correva parallelo, il Paseo Alcalde Marqués del Contadero.
Il sentiero non sembrava molto affollato a quell'ora. Quindi decidemmo che sarebbe potuto essere il luogo perfetto per divertirsi un pó. Una volta terminato i nostri drink ci dirigemmo verso questa passeggiata, che si raggiungeva scendendo una discesa a spirale di cemento e metallo.
Una volta arrivati giú ci sedemmo sul muretto di pietra che delimitava la passerella dal lato del fiume. Era un muretto continuo alto circa 50 cm che correva parallelo al fiume. Il muretto era interrotto ogni 20 metri da piccole aperture con delle scale sempre in pietra per accedere al ciglio del fiume, costituito da alcuni metri di erba, qualche pietra e canne di bambù.
Sul lato opposto del sentiero, proprio sotto il Kiosko Bombay, c'erano un gruppo di alberi di palma, molto belli e lussuriosi, piantate insolitamente vicino l’uno agli altri come in una una barriera.
Anna prima si sedette sul muretto e poi si sdraió mentre io,da buon gentiluomo, mi levai la giacca e l’appoggiai gentilmente sotto la sua testa. Anna si sfiló le spalline del vestito con eleganza dalle braccia e le appoggió delicatamente sul seno, in un equilibrio precario ma sicuramente intrigante.
Era un segnale chiaro cosi io cominciai a giocare un pó sollevando la parte inferiore del vestito per accarezzarle le gambe lunghe e abbronzate. Era una serata perfetta e raccogliendo l’ínvito di Anna, mi accingevo a scattare qualche foto ricordo, ritraendola sensuale come non mai, con lo sfondo delle luci di Triana.
Ma prima ancora di aver tirato fuori il cellulare, notai che sulla nostra sinistra, nascosto dietro gli alberi di Palme, c'era un uomo che pareva ci osservasse.
Il sentiero era malamente illuminato e nonostante nell’oscuritá non si distinguessero bene le figure, vidi il braccio destro muoversi con un moto continuo, seppur nervoso a tratti.
In un primo momento pensai ad un uomo intento ad urinare ma dopo aver messo meglio a fuoco l’area delle palme, mi parve chiarissimo che l'uomo si stava masturbando.
Cosi sussurrai ad Anna, "hey girati lentamente sul fianco e guarda lá dietro le palme, c'è un uomo che si sta masturbando". Nel voltarsi le spalline del vestito, che erano appogggiate sul petto, scivolarono completamente sotto il seno, che rimase completamente scoperto.
Il nostro voyeur si rese conto che lo avevamo colto in fallo e si fermó immediatamente, quindi ripose lo strumento nei pantaloni e si abbassó dietro le palme.
Probabilmente preoccupato della reazione che avremmo avuto dopo che lo avevamo colto a masturbarsi.
Anna si sdraió nuovamente dicendomi “Amore avevi ragione, quello lí si stava proprio masturbando” “purtroppo non ho visto granché, quando mi sono girata lui ha smesso quasi subito”
“Peccato sarebbe stato eccitante vederlo in azione” aggiunsi io.
“Giá” rispose lei contrariata.
Indubbiamente la scena ci aveva eccitato ancor di piú, cosi le infilai la mano sotto il vestito e raggiunsi la fica e poi con il pollice cominciai ad accarezzarle il clitoride.
Ma il nostro voyeur,confortato dal fatto che noi avevamo ricominciato a trafficare senza complicazioni, uscí dalla zona d’ombra e cominció a menarsi il cazzo con grande passione.
Al mio cenno Anna voltó la testa per guardarlo e abbassandosi il vestito comincio a toccarsi le tette e i capezzoli induriti dall'eccitazione.io sollevai l'altra estremità del vestito fino a farlo diventare una specie di salvagente attorno all’ombelico.
Anna era praticamente nuda al chiorore di luna e dei pochi lampioni lungo la passeggiata.
Questa scena mi eccitó incredibilmente e cosi le infilai due dita nella fica ormai fradicia, che entrarono facilmente e cominciai a sditalinarla senza sosta, mentre lei si accarezzava guardando quell'uomo che si menava il cazzo.
Guarda come se lo stá lavorando” gli dissi “peró non é messo male il voyeur” aggiunse lei.
Improvvisamente, sentimmo le voci di un gruppo di ragazzi e ragazze, che ridendo e scherzando si stavano avvicinando a noi lungo il sentiero.
Anna tornó sú bruscamente e si sedette a cavalcioni sul muretto, con la mano destra si teneva il vestito sul seno e con la sinistra aveva arrotolato l’altra estremitá tra le gambe, in una posizione ortodossa e molto sexy .
Ci baciammo con effusione mentre il gruppo ci passó davanti.
Una volta che il gruppo si era allontanato pensavamo di riprendere il gioco ma il nostro voyeur fece una mossa a sorpresa. Attraversó il sentiero e si diresse verso l'apertura del muretto accanto a noi per scendere sul ciglio del fiume.
Lí si voltò verso Triana, in direzione opposta alla nostra, per urinare.
La mossa ci colse di sorpresa, noi non ci aspettavamo di trovarcelo a meno di 10 metri di distanza, per questo rimanemmo completamente fermi , quasi congelati.
L'uomo era un giovane sulla trentina, abbastanza alto e magro, vestito con abiti scuri e una borsa a tracolla sulla spalla.
Rimase lí per qulche minuto, che a noi sembró un eternitá, ed era ormai chiaro che la pipí era solo un pretesto per vedere la nostra reazione.
E di tanto in tanto si voltava verso di noi, aspettandosi un cenno o un gesto, credo volesse avvicinarsi per assistere da piú da vicino.
Un gesto che noi non facemmo.
Quando finalmente ebbe finito tornó nella sua postazione, un altro uomo, che probabilmente aveva assistito a tutta la messinscena dal canneto lí vicino, passó lungo l'argine proprio sotto di noi per fare pipì o fare finta di.
Non l'avevamo notato in precedenza perché eravamo girati in direzione opposta verso le Palme.
Il voyeur che battezzammo numero 2 sembrava più alto e più anziano del precedente e aveva una pancia prominente. Indossava una camicia sgualcita e pantaloncini corti con calzettoni bianchi. Un look non certo glamour ma tutto sommato perfetto indosso ad un voyeur spagnolo.
Non credo fossero insieme ma sicuramente si conoscevano, magari erano frequentatori abituali di quei luoghi.
Anche lui si aspettava un nostro segnale o gesto che anche in questo caso non arrivó.
Poi si diresse nuovamente verso le canne di bambú e si mise a sedere sú un qualcosa, forse un masso.
Ora che entrambi i voyeur erano ritornati alla loro postazioni originali, noi ci sentimmo sollevati e tranquilli per riprendere il gioco.
Erano quasi le 1 di notte e Anna senza perdere tempo si sdraió nuovamente sul muretto e apri le gambe completamente, adesso una gamba sul muretto e l’altra larghissima si appoggiava sulla strada. Mi prese la mano e guidó le mia dita dentro la fica bagnata mentre lei aveva ricominciato ad accarezzarsi le tette.
Questo fu il gesto che i nostri complici aspettavano e prendendo coraggio uscirono allo scoperto menandosi il cazzo a piú non posso.
Anna alternava lo sguardo tra le palme e i bambú, godendo dello spettacolo di questi due voyeur e leccandosi avidamente le labbra con la lingua umida.
Io la incitavo con frasi sconce, "dai Bella fagli vedere a questi due porci che grande troia che sei" "apri bene la fica che ti infilo il terzo dito" “Immagina se ti veniamo tutti e 3 sulle tette”
Purtroppo il gioco fu interrotto nuovamente dal rumore di una famiglia con i passeggini e bambini che correvano.
Ma come e possibile tenere i bambini ancora alzati a quest'ora di notte? Beh siamo in Spagna e quí tutto e possibile.
Ma questa volta il voyeur numero1 si coprì e scomparí in un baleno e notammo che anche il voyeur numero2 si nascose tra le canne di bambú e scomparve.
Pensando che avessero giá finito e se ne fossero andati via, decidemmo si alzarci e ci incamminammo verso il ponte e in direzione del nostro Hotel.
Solo pochi attimi dopo notammo che un paio di poliziotti stavano correndo velocemento nella zona delle palme alla ricerca di qualcuno. Ora era tutto chiaro, qualcuno dal Kiosko Bombay aveva visto la scena dell'uomo che si masturbava e aveva chiamato la polizia.
Ecco perché entrambi erano scappati via in fretta e furia. I poliziotti erano andati a colpo sicuro perché sapevano che questo era un luogo per voyeur. Ma per fortuna anche i nostri amici voyeur sapevano come sfuggire ai poliziotti !!
Ma si era fatto decisamente tardi ed era l’ora di tornare in hotel per completare l’Opera.
Sulla via del ritorno in albergo attraversammo una piccola piazza circolare con un monumento nel mezzo e quattro panchine di metallo ad ogni punto cardinale.
Ci guardammo attorno, eravamo completamente soli, probabilmente si era fatto molto tardi anche per gli standard spagnoli.
Cosi mi sedetti su una panchina e Anna mi monto sopra a cavalcioni, poi mi tiro fuori il cazzo e se lo infilo nella sua fica bagnatissima con il vestito lungo che ci copriva entrambi.
La sua fica era il paradiso e io le spingevo il cazzo dentro di lei sempre piú lentamente e profondamente.
All'improvviso la sorpresa delle sorprese, vidi arrivare il voyeur numero 2, quello piu anziano e con i calzini bianchi, che si sedette proprio sulla panchina davanti alla nostra.
Sussurrai all'orecchio di Anna “non ci crederai ma il voyeur numero due è misteriosamente riapparso” poi aggiunsi “é seduto sulla panchina davanti alla nostra che si sta strofinando il cazzo”
“Probabilmente ci ha seguito” disse lei con un sorriso malandrino.
Le chiesi se voleva continuare o se preferiva tornare in l'hotel. Anna voltò la testa verso l’uomo e poi mi disse "Poverino ha passato tutta la sera tra le canne di bambú e poi ci ha seguito fin quí, adesso si merita qualcosa di speciale”.
“Sono d’accordo amore” mormorai.
E cosi Anna, sollevandosi il vestito dietro per fargli vedere il cazzo che le entrava nella fica mi disse nell’orecchio “Bene allora scopami come se non ci fosse un domani”
E cosi cominciai a pompare il cazzo dentro la sua fica furiosamente. Eravamo tutti e due super eccitati ed io non sapevo piú dover mettere le mani, volevo tutto e lo volevo in quel momento.
Cominciai a morderle le tette e poi le infilai il dito medio nel culo, poi il medio e l’índice nel culo e con le dita sentivo il cazzo scorrere nella fica come uno stantuffo.
Ma per il gran finale decisi di farla girare e prenderla da dietro.
Feci scivolare le spalline e poi tutto il vestito a terra e la feci appoggiare con le mani sullo schienale della panchina. Poi le divaricai le gambe e cominciai a stantuffarla senza sosta.
Ora che era tutta nuda le grosse tette finalmente libere danzavano freneticamente e con questa scena cosi sensuale il nostro voyeur tiró fuori il cazzo e cominció a masturbandosi con forza.
Anna si voltò verso si lui leccandosi le labbra, un segno inequivocabile che gli piaceva guardarlo mentre si stava masturbando per lei.
Anna gemeva mentre le piantavo il cazzo nella fica ormai fradicia di umori e mi incitava " Fai vedere a questo toro spagnolo come si monta una fica" mentre lo diceva era completamente sudata e i capelli bagnati la rendavano ancora piu bella e sensuale.
Sentivo che eravamo prossimi alla conclusione e cosi con un gesto della mano invitai il nostro voyeur ad avvicinarsi.
E voyeur numero 2 si avvicinó camminando lentamente senza smettere di toccarsi.
Anna si voltó all'indietro e vide me che la stavo scopando con forza e il voyeur accanto a me che si segavo il cazzo con grande impeto.
Aveva il fuoco negli occhi e cominció a sgrillettarsi mentre incitava il nostro voyeur.
"Ti piace guardarmi mentre mi faccio scopare? "
"Dai fammi vedere quanto ti piacerebbe essere al suo posto"
"Fammi vedere quanto é grosso e duro il tuo cazzo”
Anna parlava in Italiano ma nell'eccitazione di quel momento la lingua era ormai universale.
Poi all'improvviso mi disse "amore non ce la faccio piu stó venendo" "vienimi sul culo” “Anzi venitemi sul culo tutti e due”
Sapevo bene che arrivati a questo punto vinceva sempre lei che c’era ragione per cercare di resistere ancora un pó.
“Voglio sentire il vostro sperma colarmi sul culo quando vengo”
Cosi la pompai ancora un paio di volte e poi lo tirai fuori e indicai al voyeur di sborrarle sulla natica sinistra mentre io lo avrei fatto su quella di destra.
“Ora” disse lei semplicemente e cosi fu...
Lei venne gridando, in maniera nervosa e cosi facemmo noi che le coprimmo il culo di sperma, una pioggia grigiasta copiosa e di grande intensitá.
Una volta terminata anche l’ultima goccia le strofinai la cappella sul culo e il nostro voyeur decise di fare altrettanto e Anna, che non si aspettava due cazzi a strofinarsi sul culo ebbe un sussulto.
Il nostro voyeur senza dire una parola rimise a posto il cazzo e scomparve al buio,
Anna si rinfiló il vestito e poi ci sedemmo per un pó a guardare le stelle.
Le Rose caspita !! ci siamo dimenticati le Rose al Bombay” disse.
“Non importa tesoro, Domani ne compriamo un mazzo piú bello”
Adios Siviglia, per sempre nel nostro cuore.



Questo racconto di è stato letto 1 8 8 4 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.