Erotici Racconti

Quello che vuoi da me

Scritto da , il 2018-10-10, genere bondage

L’auto di Marco procedeva a velocità moderata lungo vie secondarie, incontrando pochissimo traffico, nonostante l’estate invitasse a restare fuori casa il più a lungo possibile. Scrutai intorno a me, un po’ preoccupata, e guardavo Marco chiedendomi dove mi stesse portando. Mi era un po’ stupita di me stessa per aver accettato quel gioco, ma d’altra parte sentivo di volerlo veramente, quali che fossero le conseguenze. Mi fidavo di Marco, che avevo conosciuto in modo banale, a un corso fotografico, ma dopo tre anni di conoscenza era diventato il mio confidente, il mio migliore amico, una specie di mentore, sia per la fotografia che per la sua vita privata. Avevo sempre sperato di suscitare la sua attenzione, cercando di cogliere le sfumature nei suoi suggerimenti, assecondando i suoi gusti per cercare di provocare una sua reazione, vestendomi e acconciandomi per toccare qualche sua corda profonda, ma avevo capito di non essere il suo tipo. Ma lui mi aveva tirata fuori dal mio mondo di insicurezze, dal mio sentirmi inadeguata. Marco mi era piaciuto dal primo momento, e lui mi aveva fatta crescere inimmaginabilmente. Anche solo per mostragli la mia riconoscenza, ero disposta a tutto per quell’uomo più vecchio di me, ma tanto più maturo delle mie frequentazioni, e decisamente attraente. Mi aveva sempre consigliata, spronata, stimolata a migliorarmi, sia come fotografa che personalmente. Era riuscito a mettermi davanti ad un obiettivo, io che odiavo mettermi in mostra, e ancor più essere fotografata. Alcuni primi piani, solo per farle capire chi realmente lei fosse.
- Non devi aver paura di quello che sei, ma puoi migliorare il modo in cui ti percepisci. E invece di rifiutarti cercando di nasconderti, finirai per smettere di odiarti e cercare l'approvazione degli altri. Soprattutto, forse, smetterai di darla via a ogni cretino che ti sorride.
Marco era l’orecchio a cui raccontare le mie scappatelle, più o meno occasionali. Non mi giudicava mai, ma diceva sempre quello che pensava, anche duramente. Sapeva tutto quello che il mio ragazzo ovviamente non sapeva, e ricambiava la mia fiducia parlandomi dei progetti fotografici che avrebbe voluto intraprendere, con la modella giusta. Marco, anche in quello, era fuori dal comune, e tirava fuori progetti decisamente arditi. Con il tempo avevo capito che era un appassionato di bondage, anche nella vita, ma non percorreva i soliti canali. Niente modelle professioniste, magari bellissime ma fredde. Lui cercava la passione, e voleva donne vere.
. Mi interessano storie reali. La ragazza della porta accanto che vuole scoprire fino a dove può arrivare, o mostrare al mondo quanto vale. Pregi e difetti, ma vere. Gli presentai varie amiche, e una, Gloria, che non aveva problemi a farsi ritrarre, gli aveva permesso, che mi aveva voluto presente come assistente, di fotografarla legata in un luogo pubblico. Le foto erano interessanti, e ammirai la professionalità del mio amico anche in situazioni che avrebbero giustificato anche qualche caduta di stile, dato che Gloria era più che ammiccante e apparentemente disponibile.
Un giorno, in cui la modella di turno aveva bidonato Marco, acconsentii un po’ di malavoglia a lasciarmi ritrarre nuda. Le sue parole mi tranquillizzarono sul mio aspetto, e sapevo benissimo che Marco non avrebbe mai fatto meno del meglio. Mi lasciai guidare, come sempre, nelle pose. Rischiai molto, perché lì vicino c’era gente che faceva il bagno,e passando avrebbero potuto vedermi, ma dopo un po’ cercai di concentrarmi solo sulla voce di Marco. Quando vidi le foto non condivisi l’entusiasmo di Marco. Erano scatti molto potenti, in cui sembravo avere una forza sensuale ed animalesca. Erano immagini in cui non mi riconoscevo, ma ciò nonostante avevo contribuito a crearle.
- Tu non sei solo questa – mi disse Marco – ma se non avessi quella donna dentro di te non avresti mai potuto apparire in questo modo.
- E dove sarebbe quella donna?
- Lì dentro, da qualche parte, che aspetta di essere liberata. Ora, io voglio che tu prenda queste foto e le mostri ad almeno dieci persone.
- Tu sei pazzo. A chi vuoi che le mostri?
- A chi cazzo vuoi, basta che tu lo faccia. Tue amiche, tue colleghe, il fotoclub, il tuo ragazzo, che forse finalmente capirebbe con chi ha a che fare. Davvero, scegli chi preferisci. Ma voglio sapere tutto quello che ti dicono.
- Non ce la farò mai…
- Fallo e basta. E fidati, hai solo da guadagnarci.
Attingendo a tutto il coraggio che avevo, e sentendomi sprofondare dalla vergogna, mostrai le immagini all’amica del cuore, chiedendole cosa ne pensasse. E contrariamente a quello che temeva, Paola fu talmente entusiasta che mi chiese di provare a fare qualcosa di simile con lei. Con questo inaspettato successo, mostrai le foto ad alcune colleghe, ed anche loro, per quanto lievemente scandalizzate e perplesse da quel mio lato, non poterono che approvare i lavori di Marco.
- Mi guardavano strano – riportai immediatamente a Marco per telefono – ma erano davvero ammirate. Immagini forti, ma che sicuramente ti valorizzano. Questo hanno detto. E hanno chiesto su quale rivista andranno pubblicate. Ti rendi conto?
- Io sì, da un pezzo. Mi domando se ora te ne renda conto anche tu.
Scartando il fidanzato, decisi di mostrare le foto alle compagne della squadra di nuoto di cui facevo parte, e lì arrivarono anche un paio di proposte, che declinai, sconcertata.
Il fotoclub era l’ultima tappa, ma ormai ero convinta che Marco non avesse sbagliato a forzarmi un po’ la mano in quell’avventura. Sapendo di avere a che fare con appassionati di fotografia, chiesi e ottenni di proiettarle davanti alla ventina di soci abituali, all’inizio di un incontro settimanale.
- Non giudicate la modella per favore, sono io e un po’ mi vergogno a farvi vedere queste immagini, ma è una sfida personale che ho affrontato grazie a Marco – anche lui in sala, che osservava divertito – e voglio capire se quello che pensa lui sia condiviso anche da voi.
Avevamo scelto una ventina di foto, secondo la sequenza in cui erano state scattate. Alla prima immagine arrossii violentemente, vedendomi proiettata sullo schermo, e sentendomi esposta e vulnerabile come mai prima di quel momento.
Dopo il primo istante di stupore degli spettatori, Marco prese la parola.
- Direi di fare una carrellata veloce di tutte le foto, poi potremmo magari rivederle e commentarle, che ne dite?
Tutti furono d’accordo, e le foto in pochi minuti furono visionate singolarmente per tutto il tempo necessario. Superato l’imbarazzo iniziale, lasciai il posto a Marco che rispose alle disquisizioni tecniche e stilistiche, ma soprattutto alle motivazioni dietro alle immagini. Il successo della proiezione galvanizzò non solo me, che ricevetti lodi a profusione per la prestazione, ma anche il direttore del fotoclub, che mi propose di posare per il fotoclub, anche solo in intimo, e acconsentii.
La settimana successiva fui l’unica modella per gli oltre quaranta fotografi che avevano deciso di approfittare della sua disponibilità, e fui così apprezzata che alcuni soci arrivarono a chiedermi di posare in privato per loro. Per tutta la serata Marco si era limitato a fare da art director, suggerendo pose, cambi di luci e di abbigliamento, osservando che trucco e acconciatura fossero in ordine. Ero era raggiante per questa piccola soddisfazione, ma volevo dargliene il merito. Quando mi cambiai, tornai in mezzo alla gente con un abito bianco senza spalline, sorretto sul seno da un elastico.
- Sono stanca di stare qui, andiamo a bere qualcosa altrove?
Marco mi accompagnò, tra l'invidia degli altri soci, ad un locale non lontano. Cercai di sedurlo in ogni modo, e lui se ne era accorto.
- Sai bene che se ci mettessimo insieme rischieremmo di fare un casino. Tu finiresti per mollare il tuo ragazzo, e se andasse male perderemmo anche l'amicizia che abbiamo.
- Ma cosa devo fare con te? Io ti devo tutto, in questi 3 anni mi hai trasformata, e lo vedi. Deve esserci un modo di ripagarti, e voglio trovarlo.
- Posa per me
- L'ho già fatto, non c'è problema
- Nuda, legata, nei posti più strani. Su una spiaggia, in un bosco, nella tua cantina. Dovunque mi venga in mente. Ma stasera devo vedere una cosa
- Cosa?
Quanto ti fidi davvero di me.
Dopo un primo attimo di stupore, mi sporsi verso di lui, sperando che il decolletè facesse effetto, e lo rassicurai.
- Mi fido ciecamente di te. Puoi fare quello che vuoi, se è questo che vuoi.
- Anche adesso?
- Sì, va bene. Ma non sono truccata...
- Non è un problema, anzi. Nessuna domanda e nessuna vergogna?
- Mi fido di te, lo sai.
- Va bene, andiamo
Marco pagò il conto ed uscimmo
- Prendiamo solo la mia, poi ti riporto qui
Ero emozionatissima, ed anche un po’ eccitata.
- Ma dopo le foto pensi che ci sarà dell'altro? - aveva chiesto speranzosa
- Niente foto ho detto. Ora non parlare più se non te lo dico io. D'accordo?
Conoscendolo, rimasi zitta
- Vedo che hai capito.
Fuori dall’abitato, Marco mi chiese di spogliarmi, e obbedii rapidamente, un po’ impacciata.
- Perchè?
- Voglio che entri nel personaggio. Ora metti le mani dietro la schiena.
Marco tirò fuori dal cassettino portaoggetti un paio di manette, si fermò per il tempo necessario a fissarmele ai polsi. Iniziai ad avere qualche goccia di sudore sulla fronte.
- Mi piace l'idea che tu non possa coprirti, anche se incrociassimo qualcuno.
- Non abito lontano da qui, qualcuno potrebbe riconoscermi.
- Se devo dirti la verità, non ci spero, ma non farei molto per evitarlo.
Arrivammo nei pressi di casa sua, e con un telecomando aprì un cancello.
- Prima che me lo chieda, ho un garage qui. Voglio fare alcune cose.
Si fermò davanti ad una porta e la aprì, poi aprì la mia portiera. Di fronte a noi alcune villette avevano le finestre aperte, e le luci suggerivano la presenza di qualcuno che avrebbe potuto vedermi
- Scendi per favore.
- Così?
- Certo, così.
Scesi il più rapidamente possibile, sperando che a nessuno venisse in mente di guardare fuori da quelle finestre. Anche dentro il garage rimanevo però nascosta solo dalla penombra e dall’auto. Marco prese due corde piuttosto lunghe e le attaccò a dei sostegni sulle pareti opposte. Per un attimo fui libera dalle manette, poi mi legò i polsi lasciandomi appesa a braccia aperte. Con altre due corde ripeté l’operazione con le caviglie. Infine spostò l’auto nel parcheggio, lasciandomi completamente esposta. Stavo rabbrividendo, e non per il freddo, ma l’eccitazione era fortissima.
- Hai paura?
- Un po’, se qualcuno andasse a quelle finestre potrebbe vedermi.
- Dimmi se ti fanno male le corde.
- Va bene. Cosa vuoi farmi?
- Vedere quanto puoi essere sottomessa.
Mi afferrò i capezzoli con le dita, torcendoli e tirandoli in tutte le direzioni, fino a quando con una smorfia fui costretta a gemere.
- Hai due belle tette, ma questo lo sai.
- Non me lo dice mai nessuno,.
- Ora qualcuno c’è.
Prese due morsetti piuttosto minacciosi e li applicò ai capezzoli.
- Ora faranno sempre più male, e quando li toglierò sarà il momento peggiore
- Non li sopporto già più – dissi guardando la mia carne stretta in quegli aggeggi. Lui li toccò ripetutamente con le dita.
- Se vuoi mi fermo e ti riporto al locale…
Con quello che avevo fatto per potermi trovare lì, era l’ultima cosa che desideravo.
- No, ti prego.
- Anche se ti vedono? Anche se ci sentono?
- Non mi interessa, basta che ci sia tu e ti stia divertendo
- Io mi diverto sempre con te.
- Allora continua
Mi rifilò una sculacciata piuttosto forte, e continuò ad alternare colpi su entrambe le natiche. Mi sentivo avvampare
- Non lasciarmi troppi segni per favore. Luca, lo sai…
- Niente che domattina possa vedersi
Luca faceva il turno di notte, e sarebbe arrivato a casa l’indomani mattina. Probabilmente mi avrebbe trovata già vestita per il lavoro, ma era meglio non rischiare.
Mi fece vedere una frusta, con cui mi accarezzò il corpo per qualche minuto, massaggiandomi le natiche doloranti.
- Non sei mai stata frustata, immagino
- Certo che no…
La mia preoccupazione era salita di livello, ma volevo che facesse di me quello che gli veniva in mente.
- Te lo farò piacere, stai tranquilla
- Se dubito cambia qualcosa?
- No
I primi colpi furono delle carezze che solleticavano la pelle della schiena senza nessuna conseguenza che non fosse piacevole. Aumentò gradualmente la forza e la frequenza, ma come aveva detto lui, mi trovai ad aspettare ogni sferzata successiva con desiderio. Sentivo il bruciore delle staffilate, ma mi piaceva, anche se cercavo di muovermi per quanto potevo per evitare in qualche modo i colpi, e gemevo. Quando si fermò mi resi conto del silenzio che ci avvolgeva, e mi chiesi se i miei sommessi lamenti o gli schiocchi della frusta fossero arrivati all’orecchio di qualcuno.
- Adesso non chiedermi che cosa penserò di te però…
-La cosa non mi era passata per la testa. Se sono qui accetto le conseguenze
Le braccia cominciavano a farmi male, e anche il resto del corpo, più per la posizione obbligata che per il trattamento. Marco si appoggiò contro la mia schiena strizzandomi i seni. Le fitte ai capezzoli mi colsero impreparata, e saltai sulla punta dei piedi.
- Questo è un assaggio di quello che potrei darti. E’ solo una piccola parte, e se vuoi potremo scoprire insieme le cose che vuoi subire. Ma per quanto posso dire, tu sei una sottomessa fatta e finita, dovevi solo trovare chi te lo faceva capire.
Mentre diceva questo, mi infilò un dito nel culo. Sobbalzai leggermente, ma la mancanza di altre reazioni non fece che confermargli la validità della sua teoria.
Un gruppetto di ragazzi si era fermato a parlare fuori dal cancello del cortile. Marco diede un’occhiata, poi tornò da me.
- Adesso devi dirmi se ti va di andare avanti per questa strada. Non ti mancherò mai di rispetto, ma tra noi deve essere chiaro che tu, se accetti, sarai solo la mia schiava. Non aspettarti di diventare qualcos’altro. Se non ti va, si riprende da dove eravamo rimasti, senza nessun problema. Ti lascio qualche minuto per pensarci, io vado a prenderti qualcosa da bere, credo che avrai sete.
- Va bene. La porta resterà aperta? - ero preoccupata che qualcuno passasse e mi trovasse sola, ovviamente
- Certo che no. Non sono così cretino
Mi lasciò per una decina di minuti. In quella serata avevo passato alcuni dei momenti più emozionanti che potessi ricordare. Gli avrei detto di sì immediatamente, anche se ero rimasta un po’ delusa dalla mancanza di sviluppi anche sentimentali. Mi avrebbe voluto bene, e mi avrebbe usata. Ma alla fine, era quello che volevo da lui. Quando tornò lasciò l’auto davanti alla porta, e il portone del garage nuovamente aperto. Mi versò in gola sorsate di Coca Cola, accarezzandomi con dolcezza.
- Non sarai solamente l’oggetto di queste attenzioni. Tengo a te, e voglio che anche tu ti diverta. Poi, a volte sarò più duro di altre, dipenderà anche da te. Adesso vorrei farti una doccia e rimetterti in ordine prima di farti andare a casa, ma qui non ho modo. La prossima volta vedrai anche il dopo di una sessione.
- Quindi a te sono piaciuta? Come schiava, almeno?
- Certo, ma ne ero sicuro. Vorrei sapere come stai tu
- Confusa. E’ tutta una prima volta, ma non c’è niente che non rifarei.
- Le pinzette come vanno?
- Fanno un po’ male
Bruciavano da morire, ma era una sensazione anche piacevole. Come ascoltare musica a tutto volume.
- Avrai i capezzoli sensibili per un paio di giorni. Sarebbe meglio che non usassi il reggiseno domani, ma vedi tu. Comunque ti ricorderai di cosa sei diventata. E per fartelo ricordare meglio, un paio di altre cose
Mi si gelò il sangue nelle vene.
- Cosa vuoi farmi ancora? Pensavo che avessimo finito
- Non ti ho slegata, non ti sei chiesta perché?
- Veramente no…
Estrasse un vibratore piuttosto grosso da un cassetto.
- La tua sottomissione deve essere totale. E non te lo infilerò dove speri. Ti conviene bagnarlo
Mi infilò quel pezzo di plastica in bocca, e me lo fece succhiare infilandolo fino in gola. Spalancai la mandibola, sperando di non vomitare.
- E adesso rilassati
Mi inumidì l’ano con un dito, poi appoggiò la punta del vibratore facendo pressione.
Non potendo scappare, cercai di facilitargli il lavoro inarcando la schiena e spingendo indietro i fianchi. Senza fretta si fece strada dentro di me, e quando fu completamente inserito iniziò a stantuffare lentamente. Gemevo ad ogni movimento, ancora poco abituata a quel genere di penetrazioni. Mi abbandonai al suo possesso, in quel momento davvero completo. Chinai la testa, e le gambe mi si fecero molli, lasciandomi sostenere solo dalle corde che mi tenevano i polsi.
- Vorresti venire?
- Sto già per venire, non fermarti per favore
Accelerò il movimento, e con un dito mi sfiorò appena il clitoride. Drizzai le gambe e mi morsi una spalla per non farmi sentire. Era bastato sentire la sua voce per farmi sprofondare in un mare di scintille. Continuai a scuotermi per alcuni infiniti secondi prima di riuscire a rendermi conto che aveva estratto il vibratore e mi stava accarezzando la schiena.
- Ora ti tolgo i morsetti e ti libero.
Non riuscivo a parlare, mi vergognavo e al tempo stesso ero viva e felice.
Quando mi tolse i morsetti strattonai le corde per cercare di toccarmi i capezzoli, ma ero ancora legata. Marco mi guardava con un ghigno leggermente satanico.
- Aspettavi solo questo tu…
- Anche questo, ma non solo.
Mi liberò e mi prese i gomiti standomi dietro.
- Ultima piccola incombenza della serata. Devi rientrare in auto così, e detterò io i tempi.
- Vuoi che mi vedano?
- No, voglio che tu abbia paura che succeda
- Ti prego, no
Marco fu inamovibile. Lentamente, un passo dopo l’altro fui fuori dal garage, con lui che mi impediva di raggiungere l’auto. Anche la leggera brezza di quella sera mi faceva dolere i capezzoli torturati così a lungo. Smisi di cercare di liberarmi, e rimasi davanti all’auto chiusa per un tempo che sembrava dilatarsi. Guardavo verso i ragazzi che erano ancora là, ma nessuno sembrava fare caso a noi. Probabilmente vedevano due figure nella penombra, senza alcunchè di più interessante dei loro discorsi.
- Ora puoi andare.
Mi liberò dalla sua presa, e mi intrufolai rapidamente sul sedile. Restai là, ansimante. Ero spossata. Marco chiuse il portone e salì al posto di guida.
- Non ti vesti?
- Non me ne hai dato il permesso.
- Puoi vestirti. Sarai una schiava bravissima
- Grazie, Marco. Spero di riuscire ad esserlo, se è quello che vuoi da me
- Oltre a tutto il resto
- Quello è scontato.
Mi rivestii, e quando arrivammo al locale presso cui avevo lasciato l’auto mi baciò sulla fronte
- Ci sentiamo domani. E….
- Cosa?
Pensai di aver fatto qualcosa di sbagliato
- Cerca di non smanettarti troppo quando arrivi a casa
- Non posso promettere nulla
- Va bene, ma solo perché è la prima volta. D’accordo?
- Ok
Salii in macchina. Non vedevo l’ora di arrivare a casa, per una doccia e per tutto il resto. E quella notte non dormii molto...

Questo racconto di è stato letto 2 2 1 5 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.