Piersandro con Daniela: Cuckold da subito parte 5

Scritto da , il 2018-09-20, genere tradimenti

Ai primi di settembre arriva a casa nostra Paulo. Mia moglie, a mia insaputa, aveva mantenuto i rapporti con lui e lo aveva ripetutamente invitato per potersi gustare il suo splendido cazzo. Ed è così che la sera , quando rientro a casa dal mio studio medico, trovo Daniela raggiante in braccio a Paulo. La situazione era ideale per loro due, infatti la figlia e la suocera erano ancora al mare ed io non ero di certo di ostacolo alla loro relazione. Come prevedibile sarei stato emarginato e avrei potuto al massimo ammirare da distante le loro prestazioni erotiche. Finita la cena sono invitato a ritirarmi nella stanza degli ospiti. Paulo ormai si comportava come il padrone della situazione e dopo aver fatto una doccia era comparso indossando il mio accappatoio senza allacciarlo in modo da mostrare il suo notevole arnese. Quella stronza di Daniela gli fece i complimenti e ridicolizzò il mio pene. In breve seduti sul divano cominciarono a limonare e Daniela prese a succhiare avidamente il cazzo di Paulo che diventò dritto e duro. A quel punto si ritirano in camera nel lettone matrimoniale e proseguono nei loro giochi. Io resto da solo in cucina con l’uccello duro e comincio a segarmi. A quel punto Daniela mi chiama chiedendomi di portare due bicchieri e la bottiglia dell’acqua minerale. Entro in camera e trovo Paulo sdraiato con il cazzo in tensione e Daniela che lo sta accarezzando e ammirando mi ringrazia e mi ordina di lasciarli soli. Io però resto al di là della porta e sento lui che la chiama mi ramera loca (la mia puttana pazza) e lei che gli dice che è stregata dal suo cazzo. Segue un lungo silenzio ed io non resistendo socchiudo la porta e li vedo impegnati in un 69; poi Daniela chiede a Paulo: la tu gran puta pregunta ser follada (la tua gran puttana chiede di essere chiavata). Ormai il mio cazzo non resiste più e mi riempio le mani di sperma mentre Paulo comincia a montare alla grande Daniela. Sfinito, mi ritiro nella mia stanzetta a dormire. La mattina seguente sono in cucina assieme a Daniela raggiante per la gran chiavata quando compare Paulo vestito solo con una maglietta e con il cazzo nudo che penzola maestoso all’altezza della tavola. Daniela da seduta abbassa un poco la testa, succhia la cappella e gli dice te doy las gracias de todo corazon ( ti ringrazio di tutto cuore). Paulo si comporta da padrone e pretende che gli venga servita la colazione. Da quel momento io divento il loro cameriere. Nei giorni seguenti Daniela in pratica non lavora ma ha cura di Paulo, facendolo conoscere un po’ a tutti gli amici. Naturalmente Arianna viene invitata a casa nostra per una chiavata a tre e per organizzare sabato sera una festa a casa di un amico che è il nuovo fidanzato di Arianna. Quelle due gran troie (mia moglie e la sua amica) si preparano anche per un super striptease da eseguire con l’aiuto di Paulo proprio durante la festa di sabato nella taverna del fidanzato di Arianna.
A questo punto preferisco far parlare Daniela.
La taverna dell’amico di Arianna è molto grande circa 18 metri per 10 per cui abbiamo invitato molta gente, compreso il mio amante Davide e tutti gli amici intimi. La sorpresa della serata sarà lo striptease assieme ad Arianna che sarà seguito dal giochetto erotico dietro il lenzuolo assieme a Paulo. Così prepariamo un palco utilizzando uno dei tavoli massicci presenti in taverna e predisponendo un sipario con un telo molto leggero che illuminato da dietro permette al pubblico di distinguere perfettamente le figure degli attori. Quando la festa comincia ad avere un momento di stanca Arianna ed io cominciamo a ballare assieme e lentamente ci spogliamo reciprocamente ripetendo il copione già sperimentato altre volte. Questa volta però, anche per non irritare il nuovo fidanzato di Arianna, i movimenti e le carezze lesbiche sono moderati ed alla fine io rimango in mutande a seno nudo mentre la mia amica resta vestita con una corta sottoveste. Lo spettacolo però continua e Arianna spiega a tutti che Paulo ed io, retroilluminati dietro un telo, eseguiremo dei movimenti sexy. Cominciamo a spogliare Paulo lasciandolo in mutande ed io lo prendo per mano e saliamo sul tavolo,; viene calato il sipario, accesa la luce retro e Arianna fa da presentatrice spiegando cosa faremo. Io sono super eccitata e caricata al punto giusto da qualche bicchiere e da un paio di canne. Comincio a togliere le mutande a Paulo e mettendoci di profilo, lui in piedi ed io in ginocchio comincio a succhiare l’uccello con movimenti molto ampi; ben presto il cazzo diventa rigido e si vede benissimo in contro luce perché io succhio solo la cappella. Arianna è scatenata con i commenti e tutti intervengono con battute super sexy. A questo punto Paulo mi toglie le mutandine, mi prende in braccio, ci slinguiamo profondamente, anche se il pubblico può solo intuire quello che facciamo. Quello che si vede bene è che io scivolo lentamente e faccio scomparire l’immagine del suo cazzo, che, in effetti, viene risucchiato dalla mia figa super bagnata. Si vedono bene i nostri movimenti e si sentono i nostri respiri profondi che sovrastano la musica in sordina e nella sala c’è un silenzio interessato. Noi due siamo eccitatissimi ed io grido che sto prendendo un cazzo favoloso. Poi la scena seguente è quella a pecorina: m’immagino l’eccitazione nel pubblico che vede la mia silhouette con le braccia appoggiate allo schienale della sedia, le tette sporgenti in basso, il culo in su e le gambe leggermente piegate. Dietro di me Paulo che mi tiene i fianchi e mi punta il cazzo contro il culo. Io sussurro: sì, sì, lo voglio e lui mi infila con un colpo deciso il cazzo nel culo, io lancio un piccolo ahi e poi lui comincia a muoversi dentro di me; io spudorata annuncio che sto venendo ( è vero). Con Paulo avevo concordato che mi avrebbe inculato, perché in pochi minuti sarei venuta. Desideravo venire davanti a tutti e difatti vengo una seconda volta mentre lui mi scarica il suo sperma nel culo. Naturalmente il nostro ansimare e i nostri mugolii non lasciano dubbi agli spettatori anche perché si vede bene il cazzo ancora duro che riappare dietro alle mie favolose chiappe. A questo punto Arianna ci prega di rimettere le mutande e comincia a sollevare lentamente il sipario. Paulo si riveste mentre io sventolo in alto le mutande e quando il telo è tutto sollevato, si vede che non sono nuda. Sorpresa! Indosso un micro tanga rosso che copre solo la fighettina lasciando il culo scoperto. Così vestita (sic!) e con un paio di sandali dal tacco alto scendo dal tavolo e mi mescolo agli amici, sono davvero eccitatissima e mi piace strusciarmi agli altri e fare piroette per mostrare il mio favoloso culo appena bucato. Ne giro di qualche minuto accompagnata dall’ammirazione, dall’invidia, dal desiderio dei presenti, arrivo vicino a mio marito e al mio amante. Mi siedo fra loro e chiedo se si sono divertiti. Piersandro è entusiasta mentre Davide, il mio amante è scuro in viso e quasi subito se ne va e abbandona la sala. Sono contentissima della sua gelosia. Sono anche in uno stato particolare: sono riuscita a fare un pompino, a farmi chiavare nella figa e a farmi inculare davanti a mio marito, al mio amante , alla mia amica preferita , agli amici e agli sconosciuti. E’stata la più grande scopata della mia vita, un vero capolavoro di troiaggine. Ancora una volta l’influsso della vacanza a Santo Domingo mi ha reso una super puttana.

Questo racconto di è stato letto 2 8 3 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.