Erotici Racconti

Come parlarne? - Capitolo IV

Scritto da , il 2018-08-10, genere feticismo

Mi ci volle qualche minuto per riprendermi. Debora intanto commentò favorevolmente la pizza e, già che c’era, il servizio del cameriere, oltre che l’aspetto rustico e intimo del locale. Sinceramente non la ascoltai in quel momento. Provavo vergogna per quello che era successo, ma ero anche consapevole che, dall’altra parte del tavolo, c’era una ragazza che cercava di buttare giù i miei muri.
La interruppi, senza neanche rendermi conto di dove fosse arrivata nel suo monologo.
“Come ti è venuta in mente una cosa simile?” domandai.
Chinò lo sguardo, tagliò un pezzetto di pizza e lo infilò rapidamente in bocca. Poi lo masticò lentamente. Guadagnando così del tempo per pensare ad una risposta.
“Non sono arrabbiato” dissi. “Ti amo.”
Si fermò con il boccone in bocca e mi guardò con sorpresa. Rimase ferma, incerta se dicessi la verità.
“Debora, io ti amo” proseguii, “mi credi?”
Annuì lentamente, ma era chiaro che si stesse domandando se non ci fosse sotto qualcosa e se la mia calma fosse solo apparente. Mi conosceva e sapeva che in situazioni simili, di totale imbarazzo a causa sua, di solito me la prendevo molto.
“Come mai hai voluto farmi… ehm…?” lasciai sospesa la frase.
Inghiottì: “Ne ho sentito parlare, ho pensato ti sarebbe piaciuto… tutto qui.”
Allungai la mano verso di lei. La sua si posò nella mia. Gliela accarezzai.
“Non hai idea,” dissi, “di quanto io sia andato vicino a…” riflettei, cercando le parole.
“Al piacere?” domandò. “L’ho visto!” proseguì, lasciandosi andare ad un entusiasmo eccitato.
“Non a quello,” mi affrettai ad interromperla, “cioè, sì, anche a quello, ma anche a…” trassi un profondo respiro: “Io vorrei che tu stessi con un ragazzo che ti faccia sentire sicura, non con un debole.”
“Se vuoi diventare forte e farmi sentire sicura,” commentò, “allora potresti frequentare un corso per la sicurezza personale, e una palestra per mettere su un po’ di muscoli…”
“Non parlo di questo”
“Di quale sicurezza parli allora?”
Sospirai: “Come fai a sentirti sicura accanto ad un ragazzo che si eccita inginocchiandosi davanti a te e leccandoti le scarpe?”
Mi fissò, riflettendo.
Prese tutto il tempo che le serviva per rispondere.
E la sua risposta fu una domanda: “Quali pensi che siano le mie fantasie sessuali?”
Rimasi in un silenzio imbarazzato. A dir la verità, non mi ero mai posto la domanda.
“Immagino che ad una ragazza piaccia una situazione romantica, con un bel ragazzo, muscoloso, che le porti dei fiori, poi la prenda in braccio… e in un misto di forza e tenerezza la adagi sul letto, la baci… poi…”
“La scopi con varie grida nella posizione del missionario, giusto?”
L’autobus mi investì in pieno e senza frenare. Come poteva aver distrutto in un istante un racconto così ben decorato?
“E secondo te,” proseguì, con tono sì basso, ma perentorio, “tutte le ragazze del mondo hanno le stesse… o meglio, la stessa fantasia? Di essere scopate nella posizione del missionario?”
Debora mi guardò, quasi infastidita dalla mia banalità. “Sentimi bene, tesorino. Se pensi che il sesso tra noi debba limitarsi a me distesa sul letto e te sopra di me, altro che palestra e corso per la sicurezza. Domani andiamo in un sexy shop e ti regalo una bambola di gomma!”
Trapassò con la forchetta e infilò in bocca un altro pezzo di pizza. Poverino, che tremenda fine fece tra i suoi denti.
“Tra l’altro,” riprese, sempre sommessamente, sempre con tono duro, “è proprio per i pregiudizi di voi maschietti, che noi femminucce siamo più limitate nell’esternare le nostre fantasie. A partire dal classico playboy che tradotto al femminile diventa una troia. E si fermasse solo lì la cosa. Non parliamo di come vengono visti gli attori porno, rispetto alle attrici. Evitiamolo proprio. Ma se nell’intimità personale, col suo ragazzo, una si azzardasse a proporre qualche strana fantasia? Ah, scandalo!...Donna schiava, zitta e lava! Vero? Anche tu credi di avere la mente aperta, innalzando la bandiera del feticista. Ma non è così. Non hai la mente aperta nei miei confronti. Ogni volta che ho provato a… ad aiutarti… a spingerti, a lasciarti andare, non hai fatto altro che trovare scuse… sì, anche valide, lo ammetto, ma perché nel propormi non sono stata proprio geniale … comunque di fatto hai trovato scuse per tirarti indietro. Sei stato tu a dire che vorresti una ragazza che ti capisce, propositiva, che non ti dice di no perché le fa schifo, che non sia una missionaria sessualmente puritana… Hai davanti una ragazza che ti ama, come volevi, che non si tira indietro… Io non mi tiro indietro. O credi che lo farò? Fammi capire una cosa. Se non mi dai la possibilità di entrare nel tuo mondo, come pensi che possa rendermi conto se mi piace o no? E se poi mi piacesse davvero? Se stimolasse le mie fantasie? Se avesse GIÀ stimolato le mie fantasie? Ti dà così fastidio che sia io a prendere l’iniziativa? Allora ti propongo una cosa, chiara e semplice: vuoi leccarmi i piedi? Allora leccameli. Fammi sentire cosa si prova. Trova il momento migliore e fallo.”
Detto questo sospirò e riprese a mangiare.
L’autobus non solo mi aveva investito, ma aveva pure fatto retromarcia e avanti diverse volte.
Mi aveva rifatto nuovo.
Rimanemmo in silenzio per un po’.
“Sei davvero una ragazza meravigliosa Debora, lo sai?”.
Sollevò lo sguardo dalla pizza, oramai ridotta ai minimi termini.
“Secondo me cerchi di essere accondiscendente” disse. “Mi vedi irritata e versi l’olio. Vero?”
“No. Stavolta sbagli. Lo penso davvero. E poi non ti vedo irritata…” risposi, aggrottando le sopracciglia.
“Ah no?”
“Sei solo stanca penso,” proseguii, “anzi, credo tu sia un po’frustrata dal mio comportamento. Probabilmente vedi in me cose che io non vedo, e cerchi di tirarle fuori. E io te lo impedisco. Comunque ho visto i miei irritati diverse volte. Tu non sei irritata. Ti sembra di esserlo, ma non lo sei davvero.”
“Io mi domandavo come fai a sopportare le mie uscite aggressive…”
“Le sopporto bene. Forse però potresti venirmi incontro. Sono convinto che le sopporterei meglio, se tu indossassi un corpetto di pelle, stivali neri con tacco a spillo e una frusta in mano.” Tentai di trattenere un sorriso divertito.
Mi guardò allibita. Osavo davvero proporle una cosa simile? “Cretino!” esclamò. Ma poi sorrise: “Dicono sia divertente fare certe cose… Non so quanto divertirebbe te però…”. Allora puntò su di me i suoi occhi penetranti, continuando a parlare con tono malizioso: “Quindi deduco che ti piacciano certe cose... Ti eccitano, vero? Essere nella morsa di una ragazza sadica e spietata che ti userà fino a soddisfare i suoi desideri più perversi, senza curarsi delle tue suppliche? Per cui il proprio piacere conta più del tuo dolore?”
“No!” risposi, nel disperato, quanto inutile, tentativo di farle capire che stavo scherzando. “Davvero, certe cose… non sono tagliato per certe cose… Sono un feticista puro io.”
Mi fissò qualche istante ancora, indecisa.
Terminammo le pizze, prendemmo il caffè, pagammo e partimmo.
In macchina restammo silenziosi per un quarto d’ora circa. Capitava spesso. Non c’era bisogno di parlare per stare bene insieme.
Eppure sentivo che stavolta avrei dovuto dirle delle cose. “Debora…”
“Perché non accorci mai il mio nome? Perché non usi mai dei nomignoli con me?”
“Deb va bene?” domandai. “De? D? DB? Ora?”. Mi venne spontaneo sorridere.
“Hai capito quello che intendo.”
Lasciai passare qualche istante e riprovai il mio discorso.
“Hai presente prima? Al ristorante? Quando tu… tu stavi facendo… coi piedi…”
“Cosa facevo coi piedi?” domandò, come se non avesse capito.
“Insomma quando mi massaggiavi il… il…”
“Non capisco,” disse, godendo nel fingere di non capire. “Davvero. Cerca di essere più preciso…”
Lei si divertiva. Io no. Mi sentivo in imbarazzo. Era difficile per me parlare di cose intime. Per lei invece non lo era. E mentre io cercavo di evitare certi termini, lei faceva apposta a costringermi ad usarli. In alcune situazioni Debora mostrava certamente una buona dose di sadismo.
“Vorrei spiegarti una cosa” ripresi. “ Ma non me lo rendi semplice.”
“Perché non vai dritto al punto?”
Pensai un istante.
“Mi hai fatto passare un momento di piacere erotico come non avevo mai provato prima” dissi improvvisamente, tutto ad un fiato.
“Sembrerebbe un complimento… Sono sorpresa… Poi mi sorprendi! Usare le parole ‘piacere erotico’…”
“Mi sono sentito frenato dal fatto di essere al ristorante…” proseguii, “ma non so dove sarei arrivato se fossimo stati a casa… Ero incapace di resisterti… Avrei voluto non resisterti…”
La sua mano lasciò il volante e si appoggiò sulla mia coscia.
“Mi sento davvero privilegiato a stare insieme ad una ragazza come te. No, anzi, mi sento privilegiato a stare con te. Sono davvero felice che stiamo insieme…”
Le sue dita si strinsero sulla mia coscia.

Arrivò sabato.
Debora mi aveva detto che sarebbe stata assente nel pomeriggio, perché sarebbe uscita con le ragazze per degli acquisti. Le ragazze, Roberta, Greta ed Elisa, erano le amiche delle medie. Nonostante tutto ciò che accade dopo la fine della scuola, le strade diverse, i fidanzamenti, nonostante il mio sospetto che fossero amiche solo per interesse, sembrava che al contrario tutto andasse bene tra di loro. D’altronde, mi dicevo riguardo a loro, che non esiste la perfezione. L’importante era che Debora fosse felice. Forse la mia era solo gelosia in quanto, al contrario di lei, non avevo mai legato con i ragazzi del quartiere, perciò quando non stavo con Debora, restavo da solo.
Nonostante mi avesse detto che sarebbe uscita, mi aveva anche detto di passare da lei perché aveva bisogno di una non meglio specificata “cosa”.
Arrivai verso venti alle tre. Mi fece quindi salire in camera sua. A quanto mi aveva detto, i suoi avrebbero passato il weekend da sua sorella, nel Regno Unito. Perciò quella sera avremmo cenato insieme, ma con che cosa, era ancora da decidere. Soffrivo un po’ invece, all’idea di un pomeriggio che avremmo potuto passare davanti all’home theatre, lontano dai primi caldi pre estivi.
Salendo, trovai la porta socchiusa. Bussai e mi affidai al fatto che dicendomi “avanti”, Debora sapesse cosa volesse significare. Invece, entrando, la vidi di schiena, in maglietta e slip neri in pizzo, piegata in avanti nella ricerca di qualcosa all’interno di uno dei cassetti del comodino. Involontariamente il mio sguardo si focalizzò sul suo fondoschiena e quell’immagine, in un solo istante, penetrò la mia mente e si impiantò nella mia memoria fotografica.
Arrossendo violentemente uscii dalla stanza in tempo zero, socchiudendo la porta dietro di me, il più silenziosamente possibile.
“Avanti”, sentii ripetere.
“Sei sicura di essere presentabile?” domandai.
La sentii scoppiare a ridere. “Questa domanda mi fa capire che mi hai già visto!”
Aprii lentamente la porta, sbirciando per capire se si fosse coperta.
Ma la situazione non era cambiata. Debora era solo più vicina, dato che si stava dirigendo verso di me. Con tutta una serie di litigi mentali, tentai di mantenere con gran fatica il mio sguardo sul suo viso, che appariva divertito.
Mi abbracciò e mi baciò, stringendosi a me. Fui inondato dal suo profumo. Da quando aveva cambiato il suo look, avevo notato un ricambio anche nei profumi. Stava diventando più attenta al suo aspetto esteriore, eppure senza esagerare.
Dopo i convenevoli mi guardò con aria da furbetta. La mia lotta intestina continuava e lei dovette accorgersene, visto il tono sensuale con il quale domandò: “Ti metto in imbarazzo, tesorino?”.
Intanto la sua mano destra era finita sul suo orecchio e sembrava giocare con il lobo.
Continuai a guardarla senza sapere bene cosa risponderle.
Dalla mano cadde qualcosa che finì sul pavimento. Si scostò da me guardando in basso: “Ops, l’orecchino!”. Poi i suoi occhi tornarono nei miei, come se si aspettasse qualcosa: “Mi è caduto involontariamente. Per piacere, me lo raccogli?”.
Inutile dire che il suo tono suonava falso come se lo avesse acquistato dai cinesi.
Iniziai a sudare solo all’idea di scendere là in basso.
Sollevò le sopracciglia e il mento, aspettandosi una risposta o di un gesto. Era chiaro ad entrambi che quell’orecchino non lo avrebbe preso lei.
Perciò mi chinai. Lentamente.
Cercando di rimanere concentrato.
Concentrato, nonostante la prominenza del suo seno, di cui la maglietta bianca non riusciva a nascondere la sensualità.
Concentrato, nonostante le sue mutandine di pizzo nero, che avrei voluto fermarmi ad ammirare come un panorama..
Nonostante i suoi fianchi, deliziosi come colline toscane.
Nonostante le sue cosce.
I suoi polpacci.
Le caviglie.
I piedi.

I piedi.
Con le unghie lucide e trasparenti ed un’unica sottile striscia bianca di smalto in cima ad ogni unghia.
Ero ormai mani a terra, in ginocchio davanti a Debora.
Ai piedi di Debora.
Ed in ginocchio, ai piedi di Debora, non avevo davvero più alcuna voglia di resistere.
Chinai il viso e le baciai il collo del piede sinistro. Fu un bacio timoroso, come quello di un ragazzino alle prime armi. Poi baciai un po’ più sicuro, sempre nello stesso punto. Infine mi lasciai andare e fu una discesa, come dalla cima delle montagne russe, ad una velocità che divenne ben presto incontrollata e frenetica. Non mi accorsi neanche dell’arrivo dell’eccitazione. Da un momento all’altro, in un istante, esplose un piacere così intenso e bruciante, da eliminare da me ogni forma di ragionamento umano, rendendomi simile ad un animale affamato, ferito e scatenato, in preda ad una folle frenesia. Avevo perso il controllo totalmente. Non mi era mai accaduto prima di provare piacere ad una intensità tale da farmi perdere addirittura la coscienza di ciò che stavo facendo, da non riuscire nemmeno a godere e gustare dei baci che ripetutamente davo al suo piede, senza freni. Ero talmente preda del desiderio da non accorgermi che quella non era una fantasia o un sogno, bensì la realtà. E che in quella realtà, con me c’era qualcuno di vero.
Un briciolo di luce penetrò nella mia mente e mi bloccò, portandomi a chiedere cosa stesse accadendo. Mi tirai indietro immediatamente e presi un profondo respiro, appoggiando le mani a terra dietro la schiena. Ansimavo come dopo una lotta, sconvolto, e con mille domande che si formavano una dietro l’altra nella mia mente.
Infine i miei occhi incontrarono lo sguardo di Debora.
Rimasi un attimo impietrito, poi mi gettai ai suoi piedi ed esplosi: “Scusami!” implorai, “Debora, ti supplico, perdonami, ho perso il controllo! Non lo faccio più!”
Rimase un istante a fissarmi. L’istante più lungo della mia vita.
Poi mi spinse con il piede per poi puntarlo sulla mia spalla e farmi tornare nella posizione precedente, tuttavia ora non appoggiavo più le mani, ma i gomiti a terra. Fece un passo in avanti, avvicinandosi a me. Infilò il piede sinistro fra il mio petto e il braccio. La guardavo timoroso. Invece lei era inespressiva. Poi portò il proprio peso sulla sua gamba sinistra, in un equilibrio da fare invidia ad una ballerina. Sollevò quindi il piede destro e lo avvicinò alla mia bocca. Se non fossi stato in ansia avrei potuto godere della vista dell’intera pianta dalla mia posizione. Ma il mio sguardo era fisso sul viso di Debora.
Attesi.
“È geloso” disse infine, dopo un tempo che sembrò un’era. “Anche lui vuole dei bacini. Te n’è avanzato qualcuno?”
Quando una ragazza come lei fa una richiesta, si risponde sempre con “sì, subito”.
Non presi tempo per ammirare quell’opera d’arte davanti ai miei occhi.
Poggiai timidamente le labbra sulla pianta. Iniziai a dare baci dolci, pieni di desiderio e di passione. Diversi baci. Baciai le dita. Poi di nuovo la pianta. E ancora le dita. Una ad una.
E adorai Debora. In quel momento, letteralmente, la adorai.
Questa volta mi sentivo davvero cullato da una musica soave e da un’eccitazione dolce. Che però, purtroppo, venne interrotta.
Aprii gli occhi, risvegliandomi da quell’idillio, nel momento in cui, ad un certo punto, cercando con la bocca, non trovai altro che aria. Aveva ritirato il piede tanto desiderato. La guardai, avendo sul viso l’espressione del bimbo pronto a piangere, perché gli è stato appena tolto un giocattolo con cui si stava divertendo.
“Non sei venuto per questo” disse Debora, “ho bisogno che tu faccia una cosa per me. O meglio, un paio.”
Continuai ad ascoltarla, sentendo già la nostalgia dei momenti precedenti. Ed il desiderio di dirle “siediti sul letto e lasciati leccare dai piedi in su, finché la mia lingua si sia consumata su di te e tu non riesca a più sopportare il piacere”. Non realizzai che quel pensiero non si addiceva ai canoni del mio carattere.
Debora continuò imperterrita: “Vai in bagno e scaricati.”
Rimasi basito. “Co-cosa?”
“Non ho intenzione di darti spiegazioni sui motivi per cui ti chiedo queste cose. Fallo e basta. Non abbiamo tempo, alle tre devo uscire e ancora non sono pronta. Dai!”
Feci come mi era stato detto.
Tornai in camera e la trovai senza maglietta stavolta. Era rimasta in reggiseno e slip. Ed era una visione. Cercai di distogliere lo sguardo, ma la mia bocca decise di non attendere il permesso del cervello e disse: ”Debora, ma tu lo sai quanto sei bella?”
Si voltò verso di me, compiaciuta per il complimento. Aveva qualcosa in mano, oltre ad un paio di forbici.
Si avvicinò sorridente e mi stampò un bacio sulla bocca, per poi dirmi: “ti amo”.
Poi come se nulla fosse: “distenditi sul letto, tesorino.”
Le guardai le mani. Aveva una corda simile a quella con cui si stendono i panni, ma di diametro un po’ più grosso.
Ovviamente sollevai lo sguardo in cerca di risposte sul suo viso.
“Vai sul letto, così ti lego.” Era entusiasticamente eccitata.
“Ma non hai detto che hai fretta? Cosa vuoi fare?”
“Sei duro! Legarti! Posso legarti al letto?”
Ebbi bisogno di qualche istante per capire che non stava scherzando, che il suo proposito era reale.
“Debora, ma devi uscire davvero o era solo una scusa? O… non so… che succede?”
Mi guardò senza rispondere, ma rimase sorridente in attesa. Sapeva che l’avrei accontentata.
E infatti la accontentai.
Mi distesi sul letto. Lei salì a cavalcioni su di me. Fui ubriacato dai movimenti sinuosi del suo fisico spettacolare, non potei fare a meno di eccitarmi. Il suo seno, sorretto dal reggiseno in pizzo nero, troneggiava sopra il mio viso, a pochi centimetri, tuttavia abbastanza da renderlo irraggiungibile per la mia bocca. Avrei voluto baciarlo così tanto... Legò i miei polsi alla testiera in ferro battuto del letto. Non stretti, ma abbastanza da rendermi impossibile slegarmi.
“Vuoi vedermi legato mentre ti vesti?”
“Sì”
“Potevi legarmi subito, no?”
“Non è importante. Però è bello vederti legato.”
La vidi sparire nella cabina armadio, che più che una cabina, era un’altra stanza. Ne uscì con una camicetta senza maniche, bianca, il cui tessuto era decorato con fiori, bianchi anch’essi e un paio di jeans neri elasticizzati.
La pregai di attendere prima di indossarli completamente. Di lasciarsi guardare ancora un attimo.
Mugolò qualcosa, sorridendomi compiaciuta.
Non impiegò molto a prepararsi. Alla fine infilò dei fantasmini e le ballerine nere. Una pettinata veloce davanti allo specchio, un po’ di profumo, poi si sedette accanto a me.
“Mi sleghi?” domandai.
La sua mano si infilò sotto la mia maglia per accarezzarmi il ventre e il petto.
“Vuoi essere slegato?”
“Penso che tu non voglia slegarmi, penso che ti piaccia vedermi così.”
Si chinò sul mio viso e mi baciò.
“Ti darebbe molto fastidio se me ne andassi lasciandoti così?”
Ebbi un moto di desiderio nei suoi confronti. “Dimmi soltanto cosa provi” dissi, con tono supplice. “Sono già ai tuoi piedi, sono già in tuo potere, sono tuo. Dimmi che ti piace tanto e cos’altro provi a vedermi così.”
Si tirò su, sorridendo soddisfatta. Poi si scostò per infilare il capo sotto la mia maglia. Infine sentii i suoi baci e poco dopo la sua lingua, dove prima avevo sentito passare la sua mano.
Questa ragazza mi desiderava. E sapeva farsi desiderare.
Quando abbandonò quella posizione, ero conscio di non essere più quello di una settimana prima.
Avrei voluto essere slegato per saltarle addosso, baciarla, abbracciarla, stringerla, sentirla fisicamente e fare l’amore con lei. Senza freni e senza reprimere alcun desiderio.
Lei mi voleva così com’ero. Volevo anche io accettare me stesso così com’ero. E grazie a lei ci stavo riuscendo.
Fissò lo sguardo sul mio per un attimo, poi, in risposta alla precedente domanda, avvicinò la bocca al mio orecchio: “Provo un senso di potere”, disse, in modo eroticamente sensuale. “Provo una forte eccitazione quando sento di avere potere. Mi eccita legarti. Tenerti legato. Saperti in balìa della mia volontà. Sentire la tua dipendenza dalle mie azioni. Sentire che con un gesto posso darti piacere. O che posso intensificare il tuo desiderio di raggiungere il piacere. Per poi decidere che non te lo farò raggiungere. Nel momento in cui tu lo desideri di più, io non te lo faccio raggiungere.”
Inutile dire che il mio basso ventre era in subbuglio. E parecchio. Tuttavia Debora dovette vedere sul mio volto uno sguardo quantomeno preoccupato, se non addirittura sconvolto a quelle parole, le quali, così inaspettate, mi avevano davvero sconcertato. Infatti sembrò tenerci a precisare: “Non mi piacciono le fruste, se è quello che ti preoccupa. Voglio solo sperimentare quello che si chiama teasing and denial. In modo un po’ allargato, diciamo. Provo piacere all’idea di uscire con le ragazze e divertirci facendo le nostre cose. Per poi ad un certo punto fermarmi. E pensarti qui, legato, in attesa del mio ritorno… Mentre io sono libera di fare ciò che voglio, tu sei qui, dipendente da me… E posso godere di quel pensiero intimo, solo mio. Posso godere dell’eccitazione del potere che sento di avere in quel momento. Ed in quel momento posso decidere che starò ancora fuori a divertirmi, protraendo la tua attesa, per puro capriccio.”
Da dove saltava fuori quella ragazza? Dov’era finita la Debora che voleva che io godessi, che voleva farmi sentire il suo amore? Quella che avevo di fronte sembrava sadica spietata e capricciosa.
E mi aveva legato.
Eppure mi piaceva lo stesso.
A questo punto mi rimaneva una sola curiosità da soddisfare: “Dove hai sentito parlare di teasing and denial?”
Liberò un sorriso da ladra colta in flagrante. “Devo dirti una cosa che non sai. Sei stato tu a stimolare le mie fantasie… In realtà, quando mi hai confessato il tuo feticismo, ho cercato in internet risposte alle mie domande, alle mie curiosità e alle mie perplessità. Non volevo riempire te di domande, perché avevo paura che ti saresti sentito criticato, che le avresti prese male. Invece volevo farti sentire capito e accettato. Perciò, girando diversi siti, chattando, leggendo anche racconti scritti direttamente da appassionati, leggendone le esperienze, ho scoperto cose a cui non avrei mai pensato, ma che mi hanno eccitato tantissimo. Ed’è stato un bene a dirla tutta, perché mi sono resa conto che… udite udite… mentre tu sei limitato al feticismo, io non lo sono.”
A questo punto, mi preoccupai realmente: “E se non riuscissi a soddisfarti?”
“Vorrà dire che mi troverò un altro.”
Ebbi un tuffo al cuore. La fissai atterrito.
“Sì” disse, come se fosse la cosa più normale del mondo. “Un altro. Dov’è il problema? Un altro con la tua faccia, con il tuo corpo, con il tuo cuore, il tuo modo di pensare, un altro che conosco fin da bambina, che mi faccia sentire amata come fai tu, che mi fa divertire allo stesso modo, che desidera come te la mia felicità … Però che riesca a ‘soddisfarmi’ dove tu non riesci.”
Il suo cellulare squillò. Lo guardò, poi andò di fretta a guardare fuori dalla finestra. Raccolse la borsetta e si proiettò verso la porta. Infine si fermò e si voltò verso di me: “Tesorino, grazie che mi dai questo pomeriggio.”
“Posso avere un bacio, prima di morire di solitudine?”
Rise. Corse da me. Si chinò. Mi guardò sorridendo. Era chiaramente felice.
“Vorrei che sorridessi così per sempre” le dissi.
Sorrise ancora.
Poi mi baciò ed uscì.

Questo racconto di è stato letto 1 3 0 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.