Quello che le mogli non dicono

Scritto da , il 2018-07-31, genere tradimenti

Quello che le mogli non dicono.

Io e Stefania siamo sposati da 16 anni, non abbiamo figli, siamo quasi coetanei, condividiamo molte passioni e fino a qualche mese fa eravamo molto affiatati, a letto come nella vita di tutti i giorni.
Da qualche mese qualcosa era cambiato. Spesso si rifiutava di fare l’amore, la solita vecchia scusa del mal di testa e in generale la vedevo sempre annoiata, distratta, quasi sempre immersa nello schermo del suo cellulare.
Avevo già iniziato a sospettare qualcosa.
Una Domenica di primavera i miei dubbi trovarono conferma.
Ci eravamo svegliati insolitamente presto. Avevamo deciso di andare a fare un giro al centro commerciale.
Stavamo facendo colazione in salone, Stefania aveva finito prima ed era andata a farsi la doccia.
Io ero rimasto a tavola a finire di mangiare lo yogurt.
Mentre stavo leggendo una rivista ero stato distratto dalla vibrazione di un messaggino.
Guardai il telefono, non era il mio, cercai sul tavolo e sotto al tovagliolo che stava usando mia moglie trovai il suo telefono. Era un messaggio whatsapp da un certo Roberto ma l’anteprima era nascosta.
Instantaneamente fui travolto da un senso d’angoscia, gelosia e sospetto. Sentivo il cuore che aumentava i battiti.
Ci pensai per qualche minuto e alla fine decisi di sbloccare il telefono di mia moglie. Entrambi conoscevamo i nostri codici di sblocco, non ci eravamo mai nascosti nulla, o almeno io non l’avevo mai fatto.
Sbloccai il telefono e aprii whatsapp. Il messaggio non era di un certo Roberto, ma di Roberto Marti, un nostro vecchio compagno di classe al Liceo.
In realtà Roberto era stato in classe con Stefania per tutti e 5 gli anni, io invece avevo condiviso con loro solo l’ultimo anno perché ero ripetente e venivo da un’altra classe.
Inizialmente fui molto sollevato nel vedere che si trattasse di Roberto. Non che fosse una persona fidata, ma mi sembrava abbastanza innocuo.
Innanzitutto si era trasferito a Torino, mentre io e Stefania eravamo rimasti a Firenze, poi a quanto sapevo non aveva mai avuto un grande rapporto con mia moglie e ci eravamo visti tutti appena un paio di mesi prima per la rimpatriata di classe.
Avevo pensato subito a qualcosa di inerente alla cena o alla classe in generale.
Poi però lessi il messaggio.
"Cosa fai oggi?" Accompagnato dalla faccina che manda il bacino.
Non si manda un messaggio del genere ad una donna sposata, ex compagna di classe, con cui non hai mai avuto rapporti e con cui non dovresti averne nemmeno ora visto che vivi a 400 chilometri di distanza.
Fui pervaso di nuovo da quel senso d’angoscia e istantaneamente cominciai a scrollare la conversazione verso il basso senza soffermarmi troppo a leggere i messaggi.
Dopo poche scrollate ebbi una sorpresa terribile.
Un selfie di Roberto che sembrava essere in un ufficio, in camicia e cravatta con il cazzo in mano.
In risposta mia moglie aveva scritto:
"Mammamia quanto mi manca! Che darei per stare sotto quel tavolo a succhiartelo!" Accompagnato dalla faccina con i cuoricini al posto degli occhi.
Il cuore iniziò a battermi all’impazzata, avrei voluto entrare in bagno e pestarla senza dirle niente mentre si faceva la doccia.
Decisi di aspettare e continuare a leggere e dopo un altro paio di scrollate mi imbattei in un selfie di mia moglie, in bagno, appena uscita dalla doccia, con l’accappatoio aperto.
Si inquadrava la fica dal basso, con le gambe spalancate, seduta sulla tazza, con l’altra mano si prendeva un seno portandoselo alla bocca e si leccava un capezzolo.
Ero a dir poco imbufalito, ma nello stesso momento inspiegabilmente mi ero appena reso conto di avere un’erezione come poche altre volte mi era capitato.
In quell’istante sentii Stefania chiudere l’acqua della doccia. Avevo al massimo altri 5 minuti per andare più a fondo della questione.
Presi il mio portatile, entrai in whatsapp web, scansionai il QR Code e salvai le credenziali per effettuare l’accesso in un secondo momento.
Eliminai l’ultimo messaggio inviato da Roberto che ormai avevo letto io e rimisi il telefono di Stefania dov’era.
Mentre Stefania accendeva l’asciugacapelli io leggevo la conversazione dal mio portatile.
Continuavo a scrollare compulsivamente, la conversazione andava avanti da parecchi giorni.
Decisi di leggerla dall’inizio. L’aveva contattata lui, qualche settimana prima della cena di classe:
"Ciao Stefy, sono Roby, il Marti? Ti ricordi? Eravamo in classe insieme al liceo."
"Weeeeee Roby! Certo che mi ricordo! Come potrei dimenticarmi di te! Che mi dici? Come te la passi? Spero tutto ok."
Andarono avanti per tutta la giornata a raccontarsi che lavoro facevano, come stavano e altre stronzate simili, poi verso sera, lui si fece più aggressivo:
"Ti ho scritto perché ieri sera stavo parlando di te con una mia collega dell’ufficio. Le ho raccontato di tutte le porcate che facevamo insieme, mi ha guardato incredula dall’inizio alla fine ahahahahahaha. Ti ricordi?"
"Caspita se me le ricordo, me le ricordo tutte dalla prima all’ultima. Che maiali che eravamo!"
"In effetti le stavo dicendo proprio che da allora non sono più riuscito a trovare una donna come te, con cui potessi ricreare lo stesso rapporto di complicità senza nessun legame. A te è andata meglio con Franco?"
"Beh no... Franco è un buon marito e un bravo amante, ma quello che abbiamo fatto io e te a 19 anni non credo sia replicabile con lui."
"Quanto vorrei tornare a quel periodo! Ti prego, non offenderti se ti dico che quando la mia collega se ne è andata mi sono segato per tutta la sera pensando a te."
"Ma chi si offende?! Anch’io a volte mi tocco pensando a quella volta che mi hai fatta godere con le dita, durante l’ora di religione all’ultimo banco. Appena inizio a pensarci bagno sempre le mutandine."
"Quanto mi mancano le tue mutandine! Eri bellissima quando mi sorridevi mentre te le sfilavo."
"Anche tu mi manchi! Mi manca il tuo modo di prendermi, di usarmi, era animalesco, io ero tua."
"Ti ricordi quella volta che lo stavamo facendo nei bagni della palestra e Marco Micucci della 5a D ci ha beccati? Per non fargli fare la spia con i professori gliel’hai preso in bocca e l’hai fatto venire mentre ti scopavo."
"E come potrei non ricordarmelo! Siamo venuti tutti e tre insieme. È e rimane una delle scopate più belle e intense di tutta la mia vita."
"E quando andavamo al cinema di pomeriggio con la carta studenti che non c’era mai nessuno e ci mettevamo sempre all’ultima fila! Te lo ricordi?"
"Porca miseria! Ma quanti pompini ti ho fatto?!"
"Eeeh almeno un centinaio e ogni pompino era di gran lunga migliore del precedente. Chissà come sei brava oggi! Ahahahahahaha. A proposito, perché non mi mandi una foto per farmi vedere quanto è diventata bella la mia Stefy?"
"Dammi qualche minuto, sono sul divano con Franco, vado in bagno con una scusa e te la mando."
Proprio in quel momento Stefania uscì dal bagno. Chiusi in fretta whatsapp web e misi via il portatile.
Mi andai a preparare er uscire ma di tanto in tanto buttavo un occhio per vedere se prendesse il telefono per scrivere a Roberto.
Dopo essermi lavato e vestito uscimmo per andare al centro commerciale.
In macchina Stefania prese il cellulare dalla borsetta almeno 3 volte ma si limitò a guardare lo schermo e rimetterlo via. Probabilmente aspettava il messaggino che avevo letto io.
Io non vedevo l’ora di tornare a casa per avere l’occasione di leggere il resto della conversazione ma allo stesso tempo ero intenzionato a fare subito qualcosa.
Il ripensarci in continuazione mi rendeva furibondo e appena arrivammo pensai che in qualche modo dovevo sfogarmi o avrei rischiato di esplodere davanti a tutti e non volevo fare scenate.
Mi venne in mente un’idea insolitamente folle per i nostri standard.
La Troia aveva scritto a Roberto che le piaceva essere presa e usata senza rispetto e io volevo darle quello che meritava.
Mentre camminavamo in galleria le infilai la mano sotto al vestitino e iniziai ad accarezzarle il culo.
Lei mi guardò con aria interrogativa e mi chiese:
"Che fai, sei matto? Ci vedono!"
"Me ne frego! Il tuo culo è mio e ci faccio quello che mi pare. Anzi, adesso ti porto nei cessi e te lo scopo."
"No amore, dai non fare il maniaco, quando torniamo a casa te la do, te lo prometto, ma adesso andiamo a fare la spesa."
Evidentemente pensava che stessi scherzando. Le feci capire che non avevo nessuna intenzione di scherzare, la tirai per un braccio verso i bagni e le dissi:
"Zitta troia, sei mia moglie e ho voglia di scoparti adesso!"
Lei continuava a supplicarmi:
"Amore ti scongiuro, nei bagni no!"
"Ti conviene stare zitta, se qualcuno ti sente ti faccio scopare anche da lui."
Stava per mettersi a piangere. Entrammo nel bagno dei maschi. Aprii la porta e la sbattei nel primo cesso libero. Mi slacciai la patta e le ordinai di inginocchiarsi e prendermelo in bocca.
Lei si inginocchiò e io la schiaffeggiai col pisello 2 o 3 volte prima di infilarglielo in bocca.
La Troia non voleva succhiarlo, allora le presi il collo con una mano e i capelli con l’altra e le scopai la bocca senza neanche lasciarle il tempo di rifiatare.
Si sentiva il rumore della gola che si apriva quando le spingevo il cazzo fino in fondo e dopo un paio di conati iniziarono ad uscirle le prime lacrime che le sbavavano il rimmel che presto le rigò le guance.
Quando fui soddisfatto dalla sua bocca la feci alzare, le sollevai la gonna, le strappai le mutandine e le buttai nella tazza del cesso.
Lei urlò:
"Ma che fai?! Sei impazzito?!"
La presi di nuovo per il collo e la feci sporgere verso il water. Mi presi il cazzo in mano e pisciai sulle sue mutandine strappate.
"Guarda troia! Guarda le tue belle mutandine che fine hanno fatto, tanto non fai altro che togliertele, tanto vale non portarle proprio, vero puttana?Adesso voglio il tuo culo!"
"Il culo no! Per favore, il culo no!"
La tenevo stretta con una mano su un fianco, senza lasciarle scampo, mi sputai sull’altra, mi afferrai il cazzo, lo puntai sul suo buco e spinsi forte e all’improvviso.
Cacciò un urlo che riecheggiò per tutto il centro commerciale. Mentre la penetravo si sentiva solo il rumore delle mie palle sulla sua fica e i suoi singhiozzi incontrollati.
Ero fuori di me, non mi ero mai comportato così prima, ma il mix di rabbia ed eccitazione mi aveva trasformato in una bestia, un mostro, non ero più io.
Ero arrivato al culmine del piacere, chiusi gli occhi e tirai indietro la testa, riaprendoli vidi sopra di noi la faccia di un tizio arrampicato sul divisorio del cesso che quasi sicuramente se lo stava menando. Sul mio volto prese forma un sorriso compiaciuto e diabolico. Girai la testa di Stefania tirandola per i capelli e nonostante vidi il suo viso ormai invaso dalle lacrime le dissi:
"Guarda puttana, ti piace farti guardare mentre ti rompo il culo?"
Le sputai in faccia, le rigirai la testa sul cesso e le sborrai dentro.
Finito di schizzare lo tirai fuori e la strattonai per farla inginocchiare di nuovo e glielo rimisi in bocca:
"Adesso puliscimelo puttana."
Stefania si mise a leccarmelo per bene, lentamente, mentre mi massaggiava le palle con le mani, poi se lo infilò tutto in bocca e iniziò a gemere, sembrava come se improvvisamente le stesse piacendo e anche a me stava piacendo sempre di più. Le avevo appena sborrato in culo ma sentivo che stavo per venire di nuovo.
D’un tratto sentii una sensazione di fresco, mi sentivo completamente rilassato.
Aprii gli occhi...
Ero nel mio letto, nudo, mia moglie mi stava svegliando come piaceva a me.
Quando vide che avevo gli occhi aperti e la stavo guardando mi disse:
“Buongiorno amore mio. Avevi detto che oggi mi avresti portato al centro commerciale a fare la spesa. Mi ci porti?”
Mi sorrideva con la sua espressione da puttanella.
Io non resistetti più, le afferrai la testa e le schizzai in bocca, lei mandò giù tutto, come sempre e poi si alzò per andarmi a prendere il caffè e le sigarette.
Le chiesi di portarmi anche il suo cellulare, lei mi chiese perché e io le risposi di non preoccuparsi, che era una cosa mia.
Lo sbloccai e entrai su whatsapp. Cercai Roberto Marti tra le conversazioni ma non lo trovai. Scrollai verso il basso per vedere se ci fosse qualcosa di compromettente o almeno preoccupante ma niente.
Mia moglie era una gran porca, ma solo mia.
Avevo sognato tutto, dall’inizio alla fine, eppure sembrava così reale...
Quel giorno, mentre facevamo la spesa le raccontai tutto, di come mi aveva eccitato l’idea che fosse posseduta da un altro uomo, che facesse quelle porcate in luoghi pubblici e di come mi era piaciuto violentarla nel cesso degli uomini col guardone arrapato che si segava.
Lei sorridendo mi disse che ero un porco, ma aggiunse che il mio racconto aveva eccitato un po’ anche lei.
Decisi che da quel giorno l’avrei spinta a fare porcate, con me e con altri. Volevo vederla troia. Volevo vederla usata, maltrattata, violentata.
Non vedevo l’ora...

Questo racconto di è stato letto 8 5 9 2 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.