La prima volta

Scritto da , il 2018-07-15, genere etero

Arrivata in casa mia ti vedo perplessa non ancora convinta di posare per me, anzi di diventare la modella, la mia modella, l'ideale di donna che mi fa impazzire che mi trasmette cio che nessuna è mai riuscita a farmi provare. Ti faccio accomodare in salotto per un drink, brindiamo a noi, ti guardo non riesco a distogliere lo sguardo da tuo, ti prendo per mano e ti invito a sederti tra i cuscini del mio salotto. Un salotto un po all'orientale con tantissimi cuscini tutti sparsi intorno ad un tavolino basso di vetro. Prendo l'album da disegno, mi siedo poco piu distante, ad un paio di metri da te, accavallo le gambe ed inizio ad osservarti. Sei visibilmente imbarazzata, rossa in viso, ti sorrido e ti invito a metterti comoda a spogliarti e pensare che non ci sia nessuno nella stanza. Lentamente prendi coraggio e ti spogli piano piano, con dolcezza accompagnata da una sensualità incredibile. Rimani cosi distesa sui tappeti solo in baby doll nero senza mutandine con il seno quasi scoperto, cosi sexy da farmi impazzire, sudo a guardarti, cerco di essere il più serio possibile ed inizio a ritrarti. Sono eccitato all'inverosimile mentre ti guardo e osservandoti capisco che lo sei anche tu. Mi guardi , non pronunci una parola, mi scruti con gli occhi, ti guardo anche io e ti invito a chiuderli e a pensare a quello che vuoi in modo da rilassarti, a metterti a tuo agio. Abbasso lo sguardo sul foglio per disegnarti le labbra e quando rialzo la mia testa vedo la tua mano sfiorare l'interno delle tue cosce, sempre più profana sfiora il tuo sesso lo stimola piano piano prima con la punta delle tue dita e poi lentamente con tutta la mano quasi a stringerla a non farla scappare più. Non riapri gli occhi continui a sognare, sono curioso vorrei sapere cosa ti eccita cosi tanto, cosa ti fa cosi tanto impazzire. A stento trattengo il mio respiro che si fa sempre più affannoso, rompo la punta del carboncino sul foglio. Mi alzo e mi avvicino lentamente a te ma non ti tocco. Da molto vicino esploro tutto il tuo corpo con lo sguardo, senti il mio respiro che ti massaggia la pelle dappertutto. I tuoi capezzoli mi fanno impazzire tue tue labbra mi fanno morire, non resisto e ti bacio sulla bocca. Quasi scossa da un fremito ricambi il mio bacio, in un misto tra stupore e accondiscendenza, mi stringi a te. Mi spogli tenendomi stretto nel tuo abbraccio e il spoglio completamente anche te. Ci troviamo immersi nei cuscini nudi uno di fronte all'altra, eccitati in ogni parte del nostro corpo, stretti in un abbraccio che mostra tutta la nostra eccitazione, avvolti in un bacio che sempre più impaziente si affanna a far incontra le nostre lingue sempre di più come a preambolo dell'amplesso che accadrà tra poco. le mie mani percorrono il tuo corpo e la mia lingua dopo aver assaggiato la tua le segue da vicino percorrendo tutto il tuo corpo, scendendo lungo il collo verso il seno cosi bello cosi grande. Non dimenticando nemmeno un millimetro del tuo seno lo avvolgo prima con le mani e poi con la lingua disegnando piccolo cerchi fino ad arrivare sui tuoi capezzoli turgidi e duri. Li prendo tra le labbra non posso far a meno di succhiarli di adorarli, di adorare te. Ti sento scossa da fremiti, mi fai impazzire succhio dolcemente e mordicchio i tuoi capezzoli tenendoli stretti, li stimolo con la punta della lingua.Le tue mani avvolgono il mio capo e mi spingono in mezzo al seno e poi più giu verso l'ombelico. Lo lecco tutto intorno e poi lo penetro con la punta della lingua e poi ricomincio la discesa verso il piacere. Non c'è più timidezza solo voglia di piacere. Arrivo tra le tue cosce che si allargano per accogliermi ed inizio a leccarti piano piano l'interno delle cosce, prima la destra e poi la sinistra lentamente scivolando sempre più in alto verso il tuo sesso. Lo bacio solo con le labbra, e poi con la lingua ne disegno i contorni, passo dalle tue grandi labbra al tuo clitoride e poi ancora più giu. Sento il tuo respiro pesante dapprima che poi si adegua al mio e le tue mani stringermi forte i capelli mente la mia lingua penetra dentro di te. Le mani massaggiano il tuo sedere e spingono il tuo bacino verso la mia bocca cosi da entrare sempre di più con la lingua. Sento un gemito di piacere. Mi eccito e lecco piano piano le pareti del tuo sesso. Arrivato in fondo muovo la lingua lentamente quasi a colpetti, dentro e fuori, ogni colpetto accompagnato da un tuo fremito, l'atmosfera è caldissima sto scoppiando dal piacere sto impazzendo stringo con le mani i tuoi glutei e ti spingo ancora di più verso di me. La lingua poi esce e le labbra si stringono intorno al tuo clitoride provocandoti un secondo gemito ancora più forte. lo succhio piano piano e lo stringo dolce mentre tra i denti. Scivolo poi, dopo averlo soddisfatto, appena sotto al tuo sesso e ti giro con ansi senza mai voler staccare la lingua dalla tua pelle. Vede il tuo sedere davanti a me, lo lecco tutto piano piano sui glutei, tra i glutei lentamente, appena sopra ai glutei ti sfioro prima con la lingua e poi lentamente con tutta la bocca, mentre le mie mani ti tengono ferma stringendoti il seno. Con la lingua percorro la tu schiena fino al collo, fino a distendermi su di te. il mio pene incontra il tuo sesso e ti sento gemere di nuovo, sempre più forte. Non resisto sei cosi eccitata e bagnata, io cosi duro, quasi impazzito, da solo scivola quasi di colpo dentro il tuo sesso. Ti sento gemere di nuovo mentre la mia bocca sta baciando le tue spalle e leccando il tuo collo. inizio a possederti da dietro lentamente dapprima e poi sempre più veloce. i baci si trasformano in piccoli morsi mentre quel dondolio si fa sempre più forte più veloce. Sempre più dentro. Sempre più forte. Adoro i tuoi gemiti che ora si avvertono chiari e forti alle mie orecchie. Le mie mani sul tuo seno, lo tengono stretto immobile, tra le dita i tuoi capezzoli che godono del mio dondolio. La tua bocca, il tuo corpo, la tua eccitazione gemono insieme a me. Spingo sempre più forte sempre di più. Sento i tuoi fremiti che accompagnano i miei. Non smetto, continuo a possederti come mai nessuno ha fatto, imperioso dietro di te che ti offri a me che sono il tuo desiderio, che mi offro a te con tutto il mio desiderio. Fino a godere insieme in un orgasmo forte che scoppia all'unisono, insieme come se i nostri corpi fossero uno solo, esplode da dentro un verso l'altro. Fino a cadere sui cuscini. Ti accoccoli a me, è stato bellissimo ti bacio, ti stringo forte, ti voglio ancora .......

Questo racconto di è stato letto 2 8 0 1 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.