Erotici Racconti

Giochiamo al dottore?

Scritto da , il 2018-06-12, genere prime esperienze

Avevo un amico, Francesco, anche lui adolescente, non compagno di classe ma di scuola, aveva un anno più di me, abitava due piani sopra il nostro appartamento, ogni tanto ci trovavamo a casa di uno o dell’altra per studiare o giocare insieme, le nostre rispettive famiglie si conoscevano per cui non c’erano stati problemi o sospetti, mentre invece qualche dubbio sarebbe stato meglio lo avessero avuto...
Non che successe l’irreparabile, ma i nostri giochetti erotici, le nostre prime esperienze pseudo-sessuali le facemmo proprio durante quei pomeriggi.
In realtà io ero da sempre infatuata del dottore di famiglia, era un bellissimo uomo di mezza età, il viso dalla mascella quadrata, ornato da un grosso paio di baffi, la voce calda e maschia, e le mani... fin da quando ero piccola mi ricordo che sentirmi toccare dalle sue grandi mani calde mi piaceva da matti, tirava su la mia canottierina rosa e mi tastava la schiena o l’addome per capire se andasse tutto bene e le mie braccia si coprivano di pelle d’oca, nella mia pancia si agitavano mille farfalle e la mia passerina si scioglieva gocciolando come neve al sole.
In un’altra occasione vi racconterò anche di questa storia, ma ora voglio parlarvi di quando chiesi a Francesco di giocare al dottore con me.
Ero stata a casa da scuola perché non mi sentivo troppo bene, al mattino era passato il dottore e aveva consigliato ai miei di tenermi a casa per altri due giorni.
Come al solito sentire il suono della sua voce mi faceva illanguidire, e la mia pelle, resa particolarmente sensibile dalla leggera febbre aveva reagito a tocco delle sue dita facendomi quasi arrivare all’orgasmo.
Al pomeriggio Francesco venne a trovarmi, i miei erano al lavoro ed io ero a letto, indossavo un leggero pigiamino composto da pantaloni e canottiera, non mi sentivo poi così male, ma feci qualche scena per fare un po’ la preziosa con lui.
“Hai voglia di far finta di essere il dottor Clerici?” Gli chiesi, “in che senso?” rispose lui che non capiva bene, o faceva finta di non capire, il perché di quella domanda, avevamo lo stesso dottore e lui sapeva bene che a me piaceva un sacco...
“Lo sai che mi piace, stamattina mi ha visitato ma le cose non sono andate come avrei voluto”
Francesco sogghignò e acconsentì alla mia richiesta, cominciammo così un gioco che ben presto diventò assai poco innocente.
In breve mi ritrovai a dorso nudo, con Francesco che imitava i movimenti del dottore auscultandomi la schiena o il petto, appoggiandovi un orecchio, quando lo mise contro i miei capezzoli li fece indurire all’istante.
Presi la sua mano destra e la infilai dentro i pantaloni del mio pigiama, appoggiandola sopra il mio monte di venere, in modo che i suoi polpastrelli sfiorassero le labbra della mia vagina e lui potesse sentirne il calore umido attraverso il leggero tessuto delle mie mutandine.
Guidai le sue dita in un ripetitivo movimento circolare attorno al mio bottoncino rosa, mi bagnavo sempre di più e ormai il mio umore mieloso intrideva completamente il cotone di cui erano fatti i miei slippini.
Mugolavo di piacere, tenendo gli occhi chiusi e immaginando che le dita che mi stavano pastrugnando fossero quelle del dottor Clerici.
“Faccia toccare qualcosa anche a me dottore” sussurrai mentre gli slacciavo la patta dei pantaloni liberando il suo arnese che premeva fortemente contro le mutande in una bella erezione pronta a rimbalzare verso il mondo.
Era la prima volta che glielo prendevo in mano, ed era il primo pisello che vedevo nella mia vita, lo guardai con un interesse quasi scientifico, aveva un vago odore di pipì e di sudore, ma invece di esserne schifata mi eccitai ancora di più e dal basso ventre la mia farfallina rispose sciogliendosi ancora di più, Francesco mi prese la mano con la sua e la fece andare verso il basso in modo da liberare la cappella dalla pelle del prepuzio.
Dal buchino che aveva in cima uscì una goccia trasparente, la toccai con un dito e la raccolsi, sciogliendola tra i polpastrelli di pollice e indice sentii che era vischiosa, me la portai sulla punta della lingua per assaporarne il sapore vagamente salato mentre Francesco mi guardava tra l’esterrefatto e il sognante.
Lui prese di nuovo la mia mano e la fece scorrere avanti e indietro sul suo cazzo ritto e durissimo, il respiro gli si fece più rumoroso e dopo un po’ prese la mia testa tra le mani e dolcemente la spinse verso la punta del suo pene.
Assecondai volentieri la sua muta preghiera e dischiudendo le labbra accolsi nella mia bocca vergine la punta odorosa della sua verga.
Non avevo nemmeno fatto a tempo ad assaggiarne il sapore che lo sentii esalare un “oh no!” E un potente schizzo di roba calda mi colpì in viso e poi un altro e un altro ancora.
La sua broda calda mi colava dalle guance e Francesco mi chiese scusa tutto mortificato. “Ma che scusa” replicai, “È stata la cosa più bella della mia vita ... dottore” ,
“Ora però finisca il suo lavoro e mi controlli per benino”
Avevo appena pronunciato queste parole che sentimmo con terrore la chiave girare nella toppa, i miei erano rientrati.
“Ciao tesoro, come sta la mia cucciola” urlò mia madre dall’ingresso.
Ci ricomponemmo in fretta e furia e cercammo di assumere un’aria il più innocente possibile.
Mia madre entro nella camera e mi diede un bacio sulla fronte per sentire quanto fossi calda.
Soddisfatta di sentirmi stare meglio se ne uscì rapidamente dalla stanza per andare a preparare cena, “Mangi non noi Fra?”
Guardai Francesco negli occhi ancora vagamente terrorizzati e gli dissi: ”certo che mangia con noi dottor Clerici, non crederà di cavarsela così “...

Questo racconto di è stato letto 8 5 6 0 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.