Erotici Racconti

Camilla, escort navigata

Scritto da , il 2018-05-16, genere dominazione

Il mio rapporto col sesso cominciò relativamente tardi, fino a quindici anni non mi ero mai masturbata, avevo un rapporto molto complesso con la sessualità. Sai come funziona: una famiglia molto religiosa e bacchettona, la paura di genitori severi, inutili paranoie e tabù. Anzi, la prima volta mi masturbò il mio ragazzo dell’epoca, mi ricordo ancora quella sera a casa sua in cui non c’erano i suoi genitori e lui cominciò a palpeggiarmi: prima le tette, poi le cosce, il culo, fino a infilare la mano sotto la gonna e spingere con le dita sulla mia figa, attraverso le mutandine. Sul momento mi ritrassi, era una cosa per me nuova e sporca… poi quando andai a casa la sera nel mio letto presa dalla curiosità cominciai a fare io quello che faceva lui e quando arrivai a toccarmi i genitali cominciai a godere, godere sempre di più, molto di più di quanto avevo provato con lui, fino al mio primo vero orgasmo. Da lì non mi sono più fermata.
Scoprii le delizie del sesso, prima leggendo ed informandomi, sperimentando sul mio corpo, fino a quando (avevo già cambiato ragazzo però), fui io a prendere l’iniziativa e comincia a toccarlo, aprii i pantaloni, infilai la mano ed estrassi il cazzo già duro. Incuriosita, quasi per gioco, ma con gli ormoni in fiamme, mi chinai e cominciai a leccarlo timidamente, per poi succhiare come avevo visto fare alle attrici porno su internet. Lui stava zitto e si godeva il pompino, che a breve finì con una copiosa eiaculazione nella mia bocca. Mi fece schifo, lo ammetto, ci misi un po’ a capire il sottile gusto dello sperma. Ma ero così soddisfatta! Appena lui riprese a parlare era tutto un elogio per quanto ero brava, mi faceva sentire così orgogliosa!
Forse fu questo a spingermi verso i pompini, li ho sempre trovati così eccitanti, mi riempiva di gioia prenderlo in bocca, sentirlo diventare duro, la mano del maschio che ti tiene i capelli, le carezze, le leccate alle palle, imparai a fare gola profonda e a succhiare sempre meglio, avendo come riferimento i film porno che guardavo sempre più spesso. Come dicevo cominciò anche a piacermi lo sperma, anche adesso ogni volta che un uomo mi sborra in bocca provo una grande soddisfazione personale.
Dai pompini passai presto al sesso che mi regalava grandi orgasie, sempre con lo stesso ragazzo, sempre su mia iniziativa dopo aver visto diversi porno, cominciai a praticare il sesso anale che non senza troppa sorpresa apprezzai moltissimo. Per facilitarlo mi “allenavo” con zucchine (non avevo vibratori) che andavo a comprare scegliendo la forma e dimensione. All’alba dei miei diciassette anni ero esperta in quasi tutte le parti dell’amore e il mio culetto era già bello aperto, ma avevo fatto sesso solo col mio ragazzo. Poi successe il fattaccio.
Ad una festa mi ubriacai e, persi di vista il mio ragazzo mentre io andavo in giro sostenuta da due compagni di classe che da un lato dicevano di volermi aiutare dall’altro mi davano da bere. Vidi improvvisamente il mio lui che, almeno a me sembrava, stava baciando un’altra ragazza (lui ha poi sempre negato, ma a me sembrava proprio così), in preda alla gelosia non gli dissi nulla, mi lamentai con i miei compagni che mi portarono via e cominciarono a darmi ragione quando dicevo che il mio ragazzo era un bastardo e che avrei dovuto fargliela pagare. Eravamo in giardino, appartati dietro una siepe a godere il fresco tentando di mandare via i fumi dell’alcool, quando con una mano scesi sulla patta di uno dei miei due soccorritori, trovandola dura. “Mmmm cosa abbiamo qui?” Ero veramente ubriaca e la rabbia per aver visto il mio ragazzo baciare un’altra mi spingeva pericolosamente oltre i limiti delle sane inibizioni. I due non si fecero certo scappare l’occasione (sono anche sempre stata una bella ragazza!) e senza accorgermente mi ritrovai un cazzo in una mano ed uno nell’altra mentre i due mi baciavano in bocca, sul collo e mi palpeggiavano le tette. Presi io l’iniziativa e mi misi in ginocchio a spompinarli uno dopo l’altro, alternando i cazzi. Davo del mio meglio, stavo pregustando la doppia esplosione di sperma quando sentii un grido. Era quella pettegola della padrona di casa che ci aveva visto. Non feci in tempo a dire nulla che lei era sparita, ma ovviamente nel giro di pochi minuti lo sapeva tutta la festa, il mio ragazzo si infuriò e io tornai a casa umiliata, lasciata, col pensiero di essere ormai la troia della classe. E così fu.
Da quel giorno e fino a fine liceo io ero ormai bollata come “la pompinara”, le mie amiche mi cominciarono a tenere a distanza, il mio ragazzo mi lasciò definitivamente e non cominciai nessuna altra relazione stabile. Ma quanti mi mandavano magari un messaggino con inviti al cinema, a cena, a fare un giro, tutti brevi appuntamenti che finivano sempre con sane e liberatorie scopate. Mi concedevo senza troppi limiti, se tutti mi consideravano una troia e a me piaceva fare sesso perché non approfittarne? L’unico accorgimento era non far andare nulla sui social network o far tantomeno sapere qualcosa a quei bacchettoni retrogradi dei miei genitori.
Così finii il liceo, ma quando mi trasferii a Bologna per l’università decisi di cambiare vita. O meglio, non volevo rinunciare al sesso, ma visto che andavo in una nuova città a studiare e mi sarei fatta nuovi amici ed amiche non volevo portarmi dietro la nomea di zoccola che avevo al liceo. Certo: non parlo di rinunciare al sesso, quello me lo godrò per tutta la vita, parlo di essere considerata una ragazza come tante, trovarmi un bel fidanzato stabile e godermi la vita. Ed eccomi qua nella città nuova.

Il ragazzo lo trovai molto facilmente, anzi ne cambiai tre nel giro di un anno. Non facevo sesso occasionale, prima pretendevo la classica tripla uscita: nella prima slo corteggiamento ed un bacio timido ai saluti, nella seconda baci e palpeggiamenti, alla terza vieni tu a casa mia o vengo io a casa tua.
Continuavo a masturbarmi molto spesso, comprai anche un bel dildo, poi uno ancora più grande, mi piaceva moltissimo godere. Facevo tutto però quando la mia coinquilina era fuori casa, ovviamente non parlavo con lei di sesso, anche quando diventammo amiche.
La mia coinquilina si chiama Sara, è una bella ragazza siciliana, alta, capelli mori lunghi, viso rotondo con un bel sorriso e degli occhi castano scuri molto profondi. Aveva un gran bel fisico, oltre a studiare andava sempre in palestra e si vestiva sempre molto bene, aveva tanti abiti firmati, evidentemente i suoi le passavano molti soldi.
Le cose fra di noi cambiarono sempre per via dell’alcool, una sera lei arrivò a casa dicendo che doveva festeggiare il suo primo 30 ad un esame, aveva comprato una bottiglia di champagne che bevemmo molto velocemente, per poi passare ai vini di bassa qualità che avevamo in casa, non so quanto bevemmo, ma sicuramente mescolammo molto e perdemmo lentamente i freni inibitori, cominciò Sara a raccontare di quanto le piacciono gli uomini, il sesso, concluse poi una frase con “anche io ho un bel vibratore che uso quando non sei in casa.”
“...tu sai quindi che…?”
“Che hai un vibratore?” Lei mi guardò stupida. “Certo! Cosa credi! Ma fai bene, benissimo, quello sì che è il compagno ideale: sempre duro, non rompe i coglioni, fa solo le cose che vuoi che faccia, non è sporco, non ti insulta…”
Ridemmo sulla cosa e senza pensarci troppo le rivelai del mio passato al liceo, di come divenni famosa per i pomini, di come fossi la troia della classe o forse della scuola. Le raccontai di quanto mi piace il sesso, il sapore del maschio e il suo succo del piacere, sentirmi presa, riempita e in ultimo del fatto che ho orgasmi anali.
“Si vede che ti piace il sesso…” mi confortò lei. “E fai bene a godertelo, sono i maschi ad essere dei puttanieri, non noi ad essere puttane!”
E quella fu la frase che coronò la serata. Andammo a dormire e il giorno dopo andai a lezione ancora mezza ubriaca, stetti malissimo. Ma la serata ci aveva unito.

Un paio di settimane dopo tornai a casa in lacrime, avevo appena scoperto che il mio ragazzo attuale mi aveva tradito, avevamo litigato furiosamente e lo avevo lasciato. Mi sentivo una stupida, una ragazza senza valore, avevo il morale sotto i piedi.
Sara se ne accorse e cominciò a consolarmi. “Da oggi comincia una nuova libertà. Guardati, sei bellissima. Lo stupido è lui che ti perde. Tu puoi avere ogni uomo ai tuoi piedi.” Mi abbracciò forte e mi sorrise. “Usciamo insieme? Andiamo a divertirci e dimenticare?”
“Sì…” singhiozzai io.
Sara mi aiutò, mi consigliò nei vestiti, io volevo mettermi semplicemente jeans, scarpe da ginnastica e maglietta ma lei quasi mi obbligò a mettermi i sandali con tacco alto, la mia minigonna preferita ed una camicetta bellissima anni ‘70 che avevamo comprato insieme al mercatino vintage. Poi mi truccò e mi pettinò e quando mi guardai allo specchio non volevo crederci: ero bellissima, forse un po’ volgare, ma mi sentivo figa come non mai.
Sara si vestì e si truccò anche lei in modo sexy e prima di uscire chiamò un taxi.
“Con quello che costa?!” Mi lamentai io.
“Non preoccuparti, questa è la tua serata e sei mia ospite!”
Arrivammo in un locale nella prima periferia, molto elegante, un cocktail bar/discoteca dove Sara venne accolta con saluti e baci dal barista che ci dette subito qualcosa di forte da bere. In breve le mie malinconie se non sparite almeno si sopirono.
“Sai,” disse Sara, “devo farti anche io una confessione.”
“Anche tu eri la puttana del liceo?”
“No, o meglio, anche, ma il fatto è che faccio la puttana adesso.”
Mi confuse. “In che senso?”
“Nel senso che incontro uomini a pagamento. E ci guadagno bene.”
Capii i vestiti firmati, le bottiglie di champagne, i weekend di vacanza in bellissimi posti, il fatto che non avesse un compagno fisso. Sì. La mia coinquilina faceva la escort.
“Ti disturba?”
“Assolutamente no!” Feci io. “Anzi…”
“Anzi?”
“Anzi… un po’ ti invidio: così sicura, così bella, così forte…”
“Grazie,” fece lei sorridendo e prendendomi la mano, “avevo paura che tu non approvassi.”
Io mi chinai verso di lei e le detti un bacio sulla guancia. “Tranquilla, sei sempre mia amica, anzi, la mia migliore amica.”
Rincuorata dalla mia risposta ed entrambe scaldate dal secondo drink che arrivò, Sara andò oltre: “Perché sai, il fatto che tu abbia lasciato quel bastardo capita proprio in un momento… propizio. Ma prima voglio raccontarti cosa faccio. Ho cominciato qui.” Con un gesto indicò la sala, nella quale effettivamente c’erano molti uomini dai quaranta in su e qualche ragazza vestita molto sexy come noi. “Non è esattamente un night, ma si trovano clienti. Io ho cominciato con qualche avventura di sesso a pagamento qui, ora che ‘esercito’ da un paio d’anni sono invece più organizzata. Ho un profilo in un paio di siti, quelli giusti, non quelli con troiette da due soldi dell’est. Ho anche qualche cliente ‘fisso’ che mi paga bene, sono i migliori perché ti puoi fidare e diventa più facile la seconda volta.”
Io ascoltavo e bevevo.
“E proprio la settimana prossima sai che c’è quella grossa fiera? Ecco arriva uno dei miei migliori clienti che mi ha chiesto…” si fermò.
“Cosa ti ha chiesto?”
“Ecco, io lo conobbi l’anno scorso in occasione della fiera, mi ha invitato fuori, una cena elegante in un ristorante di lusso, poi da lui in hotel dove ho passato la notte…” fece una pausa. “Mille euro.”
“Mille euro?!” Feci io esterefatta.
“Sì, se trovi i clienti giusti per una notte si guadagnano mille euro.” Mi prese una mano. “Ma vedi… quest’anno dice che vorrebbe incontrarmi nuovamente, ma..” Mi strinse la mano. “Chiede se ho una amica per il suo socio…”
Io piegai la testa da un lato. “Mi stai proponendo di fare la prostituta?”
“Ti sto proponendo di uscire con me e due uomini molto facoltosi, andare a cena in un ristorante di lusso e dopo cena concederti ad uno dei due…” Fece lei sorridendo. “Il tutto per mille euro.”
Io ritrassi la mano che mi teneva e deti un buon sorso al mio cocktail. Pensai.
“Scusa se te lo ho proposto, io…”
“No, non preoccuparti.” Feci io riprendendole la mano. “Ci sto pensando. Dimmi di più: cosa si aspetta il cliente?”
Sara sorrise e mi dette un gran bacio a stampo sulle labbra. “Sapevo che eri la persona giusta! Adesso ti spiego tutto.”
Le spiegazioni furono semplici: una escort di qualità deve trattare molto bene il proprio corpo, saper essere seria in pubblico ma molto troia in privato, essere pronta a baciare con lingua chiunque, farsi leccare, il pompino deve essere fatto rigorosamente senza preservativo così come qualsiasi penetrazione rigorosamente con preservativo, poi ci sono gli extra (anale, venuta in bocca, pioggia dorata). “Anale e venuta in bocca nessun problema, sul pissing vacci piano” dissi io. Sara sorrise: “Porcellina…” Poi continuò: andare in palestra, comprare lingerie sexy, vestiti eleganti, fare analisi (le malattie!) spesso, viaggiare quando serve, poi aprirai anche un profilo da escort se vuoi trovarti altri clienti. “Ti va di provare?”
“Sì” dissi io, prendendo coraggio.
“Bene, cerchiamo un cliente allora.”
“Adesso? Qui?”
“Certo, voglio vedere anche io come te la cavi, non voglio ‘bruciarmi’ il mio cliente perché l’amica che porto non è all’altezza…” Disse lei accarezzandomi la mano. “Ma sono convinta che tu lo sia, se vuoi cerchiamo un cliente stasera, sali in una delle camere del motel qua sopra, lui paga tutto e per una prestazione semplice 100 euro li guadagni.”
100 euro… mio padre mi paga l’affitto, le tasse universitare e mi passa 400 euro al mese e la vita a Bologna costa… e 100 euro sono tanti. “Ok, cosa devo fare?”
Sara aprì la borsetta, estrasse dei preservativi, delle salviette igienizzanti e del lubrificante. “Tieni, mettili in borsa. Adesso andiamo a ballare vicino ai tavoli occupati da uomini, quando si avvicinano contratto io per te, poi se chiudiamo come dicevo vai con lui in camera. Ricorda: bacio con lingua, pompino scoperto, scopata, il tutto massimo mezz’ora per 100. Un’ora con due venute 150. Se vuole anale aggiungi 50. Va bene per te?”
“Ok, il prezzo è giusto. Andiamo!”
“E ricorda: tu sei una professionista. Tu guidi il gioco. Se non ti va non si fa. Lui potrà anche metterti in ginocchio per farsi succhiare il cazzo o metterti a novanta per incularti, ma sei sempre tu che devi guidare. I clienti vanno coccolati da un lato e tenuti per le palle dall’altro.”
E così quella sera mi feci il mio primo cliente. Un bel quarantenne, forse un po’ in carne ma con bel viso, alto, bellissima presenza, molto gentile, un bel cazzo. Niente anale.
Tornammo a casa, quando andai a letto guardai le due banconote da 50 che avevo guadagnato, orgogliosa.

Investii i soldi in scarpe con tacco molto eleganti, un bel vestito e lingerie sexy di qualità. Andammo a fare shopping io e Sara, ovviamente i 100 euro non bastarono, lei mi prestò altri 200 dicendomi che glie li avrei restituiti dopo aver guadagnato i 1000 del weekend.
Sabato uscimmo di casa elegantissime, la gente si girava per guardarci, prendemmo il taxi ed andammo in un hotel del centro, tutto tappeti rossi, specchi ori e stucchi. Ci sedemmo su un divanetto nella hall, Sara prese il telefono e mandò un messaggio al cliente, che dopo pochi minuti scese.
Era un bell’uomo sui cinquanta, alto, capelli e barba brizzolati, molto elegante, uno sguardo magnetico. Baciò Sara sulle guance. “Buonasera cara.”
“Buonasera Claudio.” Fece sara, poi si voltò verso di me. “Ti presento Camilla.”
Io allungai la mano. “Incantato, Camilla, sei proprio bella come Giulia.”
Io rimasi interdetta, Sara mi fece cenno di andare oltre.
“Il mio socio scende fra un quarto d’ora, posso offrirvi un drink?”
Mentre andava verso il bar chiesi delucidazioni a Sara. “Giulia è il mio nome da escort, Camilla è quello che ho dato a te. Devi avere un nome da puttana che non sia il tuo vero nome.”
“Giusto…” Camilla, mi piace.
Arrivò poco dopo anche il suo socio, un uomo più basso, molto magro, sempre sulla cinquantina con capelli marroni palesemente tinti, molto più elegante di Caludio, notai anche un grosso orologio d’oro al polso. Non era un bell’uomo, ma non faceva neanche schifo.
La serata cominciò a svolgersi come da programma. Ci portarono in uno dei migliori ristoranti del centro, dove io mangiai pochissimo (su consiglio di Sara) ma bevemmo dell’ottimo vino, senza trattenersi troppo ma senza esagerare (sempre come da consiglio di Sara).
Usciti dal ristorante chiamarono un taxi e mentre aspettavamo mi ritrovai la mano del cliente sul culo, palpeggiava così in pubblico, io non mi opposi, gli sorrisi come per ringraziarlo.
Tornati all’hotel li accompagnammo fino in camera e ci dividemmo: Sara/Giulia col suo cliente ed io, Camilla, con il mio.
La stanza era grande, arredata bene e con un letto molto grande.
“Eccoci cara, mettiti a tuo agio.” Mi fece lui, togliendomi la giacchetta leggera e mettendola sull’attaccapanni.
Io mi girai verso di lui, gli accarezzai una guancia e senza dire nulla lo baciai, infilandogli la lingua in bocca e stringendolo per la nuca. Mi ritrovai di nuovo le mie mani sul culo, poi senza staccare la bocca una mano scorse verso l’alto fino alla zip del mio vestito che venne aperta in un lampo. Mi ritrovai senza vestito, solo in autoreggenti, tacchi a spillo tanga e reggiseno quasi trasparente. Andai sculettando verso il letto, dove mi sdraiai in una posa da cortigiana.
“Sei molto brava, Camilla, ti muovi bene, sei molto sexy.” Disse lui slacciandosi la cravatta e togliendo la giacca. Venne a fianco del letto. “Ma ora vieni qui, inginocchiati e fammi vedere quanto sei brava anche di bocca.”
Slacciai i pantaloni, estrassi il cazzo non ancora duro e cominciai a lavorare di bocca. In pochi minuti era bello duro. Sentivo le sue mani sulla testa, il pompino si trasformò in breve in una scopata di bocca come ne avevo fatte poche. Lui cominciò ad insultarmi. “Succhia troia. Ti fotto la gola puttana. Sei una lurida vacca.” Fa parte del gioco, mi aveva avvertito Sara, e poi mi piaceva in un certo qual modo.
Il menù che il cliente aveva scelto era completo: pompino, scopata in varie posizioni, anale, venuta libera in bocca, doccia insieme, poi tornammo a letto. Lui mi accarezzò dolcemente. “Sei molto sexy Camilla, mi fai il pompino della buona notte?”
“Certo” dissi io sorridendo. Scivolai verso il suo cazzo ed anche se era venuto due volte non ci volle molto a fargli fare la terza. Si addormentò ed anche o dormii nel letto. La mattina, come da suggerimento di Sara, andai subito in bagno a rifarmi il trucco e sistemare i capelli, quando lui si svegliò mi trovò già bella.
“Buongiorno cara.” Si alzò ed andò in bagno. Quando uscì prese il portafogli, estrasse un mazzo di banconote e le contò: 1, 2, 3 fino a 10 banconote da 100. Poi ne estrasse altre due. Questo è un extra per il pompino della buona notte.
Io ringraziai e lo baciai, un bacio profondo.
“Ora però è meglio se vai.”
Io mi vestii e feci per uscire.
“Mi dispiace, ma è meglio se non facciamo colazione insieme qui.” Prese di nuovo il portafogli e mi dette altri 50 euro. “Questi per la colazione.”
Io li presi sorridendo. Raccolsi il biglietto da visita dell’hotel ed una penna e scrissi sul retro il mio numero di cellulare con scritto sotto “Camilla” e tre cuoricini. “Chiamami se torni a Bologna.”
“Sicuramente.”
Mi incamminai, quasi altezzosa, orgogliosa di me stessa. Fuori dall’hotel chiamai Sara che non mi rispose, andai in un bar a fare colazione, dopo poco meno di mezz’ora Sara mi richiamò e mi raggiunse.
“Allora, come è andata?”
“Benissimo!” Risposi entusiasta. “Mi ha dato anche un extra!”
Sara mi abbraciò. “Prendo da mangiare, ho una fame mostruosa, mi ha fatto fare le acrobazie questa notte, ho anche il culo in fiamme.”
Risi ed anche lei rise con me.

La notte da 1000 euro si rivelò essere una rarità, Sara non aveva poi tante conoscenze. Feci anche io un profilo sullo stesso sito in cui c’era lei. Fare le foto fu divertentissimo, andammo da un amico di Sara effettivamente molto bravo, aveva uno studio con una poltrona antica ed una ches longue dove mi fece mettere in pose sempre più eccitanti, cambiando vestiti, lingerie, alcune foto dove mostravo poco altre molto volgari “poi decidi tu quale usare.”
A fine servizio me le fece vedere e decidemmo insieme le 10 che volevo usare. “Ok, tornate domani pomeriggio che vi faccio le post produzioni.”
“Ma sono perfette!” Dissi io.
“Cara, sei carina, è vero, ma dopo che ti avrò photoshoppato io potrai raddoppiare i prezzi!”
Il giorno dopo andai da sola dal fotografo, mi fece vedere le foto: erano incredibili. Ero io, ma ero diversa, più figa, più fotogenica. Mi aveva tolto ogni imperfezione dalle cosce e dal culo il seno sembrava più grande. “Sono 200 euro.” Mi disse lui.
“E…” feci io. “Come possiamo saldare?” Mi avvicinai maliziosa.
“Saldi con 200 euro, sono un professionista.”
“Scusami…” Non so cosa mi fosse preso. Aprii la borsetta e presi i soldi che non erano più un problema.
Facevo un cliente ogni due o tre giorni, incontri rapidi in un hotel a ore vicino a casa, che chiedeva solo 70 ai clienti. Io prendevo 100 per una cosa rapida, 150 per un’ora, 50 extra anale, 50 extra venuta in bocca o in faccia. Nel weekend ogni tanto mi capitavano anche due o tre clienti al giorno. Insomma, mi resi conto che guadagnavo 700/800 euro a settimana.
Buttai via il vecchio telefono e mi comprai l’ultimo iPhone, mi feci un guardaroba di lingerie sexy inclusi vestitini sexy da infermiera studentessa, cameriera. Su consiglio di Sara aprii un conto in una banca e cominciai a mettere da parte.
Io e Sara diventammo ottime amiche, ci scambiavamo le esperienze, quasi in un gioco a chi fosse più troia coi clienti. Ci mettevamo la sera sul divano con due bicchieri di ottimo vino costosissimo, sfogliavamo sul nuovo iPad i vestiti più carini e spesso li compravamo con un tap senza pensarci troppo. Quando arrivavano facevamo le sfilate fra di noi, facendoci i complimenti a vicenda di quanto fossimo belle e sexy.
Ogni tanto capitava che dopo due o tre bicchieri fossimo abbastanza brille, ci facevamo le carezze a vicenda, ci scappava qualche bacio, ma non feci mai sesso con Sara. Fino a quella domenica di maggio.

“C’è una grossa opportunità.” Mi disse lei una sera sul divano. “Te la senti di andare ad una ‘festa’?”
“Cosa intendi per festa?”
“E’ sempre uno dei più facoltosi, ha detto che deve fare un regalo ad un amico e vorrebbe due ragazze per una serata, loro saranno in cinque.”
“Noi siamo in due e loro in cinque, come ce li dividiamo?” Dissi io ridendo.
“Sarà un’orgia.” Disse Sara. “Hai mai fatto sesso con più uomini contemporaneamente?”
“Solo quel pompino a due alla festa del liceo…” Ammisi.
“Ma per te non è un problema scopare mentre fai pompini?”
“No.”
“E una doppia penetrazione?”
“Direi di no… anzi… mi ha sempre incuriosito.”
“E…” pausa… “leccarmela mentre ti scopano o mi inculano?”
“N... “ mi fermai per trenta lunghissimi secondi. “Forse no.”
“Hai mai fatto sesso con una donna?”
“No.”
“Ti va di provare?”
“Adesso?”
“Ah ah ah, no, intendevo in generale!” Mi abbracciò poi mi guardò negli occhi. “Ma se vuoi provare.” Si avvicinò a me. La lasciai fare. Mi baciò dolcemente.
In pochi minuti eravamo nude, lei sopra di me, le sue mani su di me, la sua lingua dentro di me. Ebbi un orgasmo fortissimo, quasi come quelli anali.
Sara si accoccolò di fianco a me. “Vedo che ti è piaciuto.” Aveva la bocca bagnata dei miei umori, la baciai assaggiandone il sapore. Mi portò la mano al suo sesso, cominciai a masturbarla e poi fu il mio turno di farla venire. Aveva un sapore dolce e salato insieme, la figa di Sara era perfetta, fresca, gonfia di voglia mentre la leccavo, quando venne mi prese la testa e me la strinse fra le gambe. Poi ci baciammo di nuovo.
“Grazie.” Dissi io.
“Non farti strane idee.” Disse lei. “Rimaniamo amiche. Puttane. Troiette disinibite. Ma solo amiche.”
Io risi profondamente, la baciai e le infilai due dita nella figa. “Ora cara amica ti faccio venire di nuovo.” E così feci.
“Sei una matta, mi piace fare sesso con te.”
“Allora sono pronta per un’orgia.”
“Sì ma non ti ho detto l’ultimo dettaglio.”
“Quale?”
“Saremo due cagnette schiave, con guinzaglio, loro ci useranno in tutti i buchi e ci sculacceranno, ci schiaffeggeranno, ci umilieranno e non escludo che dovremmo fare pissing.”
Rimasi in silenzio.
“Duemilacinquecento a testa.”
“Ok.”

Il weekend dopo andammo nel ricco appartamento in centro di uno dei “clienti” di Sara, un sessantenne che ci spiegò la situazione. Un suo amico aveva appena divorziato e lui stava organizzando i festeggiamenti del “lieto evento”. A breve sarebbero arrivati altri tre loro amici con il festeggiato. Noi dovevamo vestirci con quello che trovammo nella camera da letto: io con una tuta di rete nera con i buchi su genitali e seno, stivaletti con tacco a spillo, collare e guinzaglio, Sara con autoreggenti e reggicalze bianche, corpetto bianco con i seni scoperti, sandali d’oro con tacco vertiginoso anche lei con guinzaglio. Ci preparammo e tornammo dal padrone di casa.
“Manca qualcosa” fece lui. Tornò con una valigia rigida che aprì sul tavolo, estrasse diversi dildo di tante dimensioni ed in ultimo due piccoli plug con un finto diamantone alla base. “Avete il culo già unto?”
“No.” Rispose Sara.
“Meglio.” Disse lui. “Tengono meglio i plug. Giratevi.”
Ci girammo e aprimmo le chiappe per lui, chinandoci a novanta sul tavolo. Lui sputò sul mio buco del culo e poi inserì con dolcezza il plug. Lo tirò un po’ per vedere se aveva preso bene. Poi fece altrettanto con Sara.
“Ora venite qui.” Attaccò due guinzagli ai nostri collari. “In ginocchio, da ora e per il resto della serata sarete due cagne in calore.”
“Ok” rispondemmo quasi all’unisono.
“Le cagne vanno a quattro zampe.”
Ci mettemmo per terra, lui ci portò in giro per la stanza, poi si sedette in poltrona, noi ci accucciammo per terra.
“Ora aspettiamo i miei amici. Ripassiamo le regole.”
Le cagne obbediscono ai padroni.
Le cagne leccano ogni parte del corpo del padrone.
Le cagne vanno punite con sculacciate, schiaffi e strizzate ai capezzoli.
Le cagne adorano farsi scopare, l’unica cosa che piace più di prenderlo in figa è prenderlo in culo.
Le cagne si leccano i buchi a vicenda per facilitare la penetrazione dei maschi.
Le cagne aprono la bocca e si fanno sborrare, succhiando avidamente il cazzo.
Le cagne non parlano mai, dicono solo “sì padrone” o “grazie padrone”.
“E il pissing?” Chiesi io. Sara mi fulminò con uno sguardo.
“Ha ha non era negli accordi con la tua amica, ma vedo che ti piace non preoccuparti cara cagna Camilla.”
Arrivarono gli uomini, tutti sui sessanta. L’orgia cominciò con dei pompini mentre ci sculacciavano, io e Sara ci passavamo i cazzi di bocca in bocca in una girandola che cominciò a eccitarmi sempre di più mentre le sculaccate diventavano sempre più forti. Mentre spompinavo sentii estrarre il plug dal mio culo, presto entrò un dildo prima piccolo, poi grande, poi abbastanza grande da farmi gridare. Il mio grido venne soffocato da un cazzo in gola e da un sonoro ceffone. “Zitta troia, fra poco ti inculiamo.” Quando gli uomini vollero passare alla penetrazione si misero i profilattici, il mio culo e quello di Sara erano già stati aperti per bene e cominciarono da lì. Francamente ricordo dei gran cazzi in bocca e in culo, ma poche scopate. Quando potevo mi dedicavo a leccare l’ano martoriato di Sara e lei faceva altrettanto con me. Gli uomini si alternavano insultandoci e caricandosi a vicenda.
Andammo avanti per un’ora abbondante, fino a quando i cazzi non si tolsero il preservativo e ci mettemmo in ginocchio dedicandoci di bocca a farli venire.
Con le facce e le bocche piene di sborra ci baciammo, come richiesto dal padrone di casa, poi sentii riagganciare il mio guinzaglio e qualcuno mi strattonò.
“Questa troia vuole che le pisciamo tutti in bocca.” Disse il padrone di casa. Io guardai Sara che sorrise, aveva scritto in fronte ‘te lo avevo detto’.
Andai a quattro zampe in bagno, dove mi misi in ginocchio a bocca aperta. Loro si misero in coda e mi pisciarono in bocca, io facevo del mio meglio per non bere, per non prenderla negli occhi, ma era un getto continuo che cominciò ad arrivare da tutte le parti. Alla fine ero completamente bagnata di piscio puzzolente.
“E’ o no una gran troia?”
“La peggiore. Una vera vacca. Un pisciatoio. Mi fai schifo.” Ricevetti un ceffone e stetti zitta. “Una cagna in calore. Una lurida puttana.” Secondo ceffone. “Pulisciti troia, non vorrai uscire dal bagno senza una doccia.”
Uscirono, io aprii l’acqua della doccia e mi misi sotto, dopo pochi minuti mi raggiunse Sara. facemmo la doccia insieme, pulendoci per bene a vicenda, massaggiandoci i culi rovinati. Ci baciammo dolcemente. “Sei stata bravissima.” “Grazie.”
Quando uscimmo era rimasto solo il padrone di casa, che ci dette una mazzetta di banconote.

Ormai l’anno accademico era alla fine, nonostante il nuovo “lavoro” avevo comunque trovato il tempo per lo studio e dato i miei esami.
Non ricapitò più un’orgia come quella che facemmo, solo una volta un cliente chiese una cosa a tre con me e Sara e ci divertimmo molto. Ebbi però diversi clienti “normali” e misi da parte un bel po’ di soldi, non mi dispiaceva uscire la sera con uomini magari non giovanissimi ma in generale carini e generosi, al di la del pagamento. Arrivata l’estate però chiusi momentaneamente il mio profilo online di escort prima di partire e tornare a casa dai miei. Salutai Sara e tornai ad essere una normale studentessa universitaria che torna dai genitori, nella bella casa di campagna in cui ero cresciuta.
A casa mi fecero tante domande sulla vita universitaria ed io dovetti concentrarmi per non raccontare nulla del mio lavoro, finsi con i miei di avere un lavoretto serale come barista per giustificare i soldi che avevo con me.
Un giorno mia madre mi annunciò che avremmo avuto a cena la ragazza di mio fratello con i genitori, una cena tutti insieme per conoscerli. Che palle, pensai.
Arrivarono tutti e ci fu il giro di presentazioni. Lei era una donna dimessa, parlava solo di quanto fosse bravo il marito nel lavoro. Lui era sulla sessantina, parlava poco e mi guardava in modo strano. Finita la cena chiesi scusa a tutti dicendo che dovevo lavorare ad una tesina e salii in camera. Non so, qualcosa non mi convinceva.
Mentre ero sul letto sentii bussare piano, andai alla porta, aprii e mi trovai davanti il padre della ragazza di mio fratello. Rimasi basita mentre lui entrò in stanza e parlò solo dopo aver chiuso la porta. “Piacere di rivederti… Camilla.”
Rimasi di sasso, ecco chi era: uno di quei porci dell’orgia pissing.
Cominciai a balbettare.
“No, non agitarti, mia cara.” Disse lui per calmarmi. “Ho capito subito chi sei. E così questa è la tua famigliola, eh?”
Io ero una statua di sale.
“Mamma e papà sanno quale è il tuo lavoretto a Bologna?”
Mossi la testa come per dire di no.
“E’ il nostro segreto, quindi?”
Annuii.
Sorrise. “Lo sai come vanno queste cose vero? E’ la classica situazione in cui non hai molte scelte.”
“...su ...su ...su cosa?”
“Sul fatto che sei ricattabile. E, vedi, non sono una persona con molti scrupoli.”
Sbiancai.
“E sai anche benissimo cosa devi fare per avere il mio silenzio.”
Deglutii e non sapendo cosa fare annuii.
“Bene, allora facciamo alla svelta.” Lui aprì i pantaloni e tirò fuori il cazzo già in tiro. “Succhiamelo puttana, fai veloce.”
Io ero in stallo, quando lui allungò la mano, mi prese per i capelli, mi inginocchiò e mi portò la faccia davanti al cazzo. “Ho detto di succhiare, puttanella. Vuoi che tutti sappiano che sei una puttana rottainculo che ama farsi pisciare in faccia?”
Aprii la bocca e cominciai il pompino. Cosa potevo fare? Farlo al meglio, sperando che sborrasse presto. E po? Poi cos’altro mi avrebbe chiesto in futuro? Sapevo benissimo che questo genere di ricatti non finiscono col primo “pagamento”, di solito si paga più e più volte ed ogni volta diventa peggio. Succhiavo con vigore sempre più deciso, pensando a come sarei potuta uscire da questo incubo. Pensavo alle parole di Sara, quando mi diceva che i clienti vanno coccolati ma tenuti per le palle. Cominciai quindi a massaggiare i testicoli mentre con la lingua accarezzavo il glande. Lo guardai negli occhi con lo sguardo più da troia che riuscii a fare. Lo sentivo tremolare, era al limite. Mi staccai per un attimo: “riempimi di sborra, sono la tua puttana.” Ricominciai a succhiare e dopo due colpi di lingua sentii la bocca riempirsi di liquido seminale, caldo e salato. Mi alzai lasciando però la mano attorno alle palle, lasciai colare la sborra dalle labbra sul mento e sulla camicetta nera, macchiandola.
Alzai il palmo della mano libera, mentre con l’altra strinsi un po’ le palle. “Ora dammi 50 euro per il pompino, o vado giù a dire a tutti che sei un puttanere.”
Nel suo sguardo c’era perplessità. Una cosa è certa: non se lo aspettava. Vedevo che non sapeva come controbattere, mi teneva gli occhi fissi in faccia, probabilmente guardando la sua sborra che colava dal mio sorriso.
Tolse il portafogli dalla tasca, prese 50 euro e me li dette.
Io mollai le sue palle, andai a prendere un fazzoletto di carta e mi pulii la faccia, cercando poi alla meglio di rimediare al disastro sulla camicetta.
Lui si mosse verso la porta. “Allora… io vado…”
“Aspetta.” dissi io. Andai alla scrivania, strappai un foglio di carta dal mio quaderno dell’università, scrissi il mio numero di telefono e lo firmai “Camilla” con tre bei cuoricini. Gli allungai il foglio. “Quando passi da Bologna e vuoi farti una bella scopata a pagamento, sai chi chiamare.” Lo salutai con un bacio, pensando che Sara sarebbe stata orgogliosa di me. Divenne infatti uno dei miei migliori clienti (sempre pagante!) durante gli anni dell’università.


Per commenti o contatto scrivetemi a giocaconbi@gmail.com

Questo racconto di è stato letto 3 2 4 8 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.