Anna e Roberto

Scritto da , il 2018-01-26, genere tradimenti

Eravamo sul letto, io e mia moglie Anna, lei tutta nuda a gambe larghe ed io intento a leccarla ed assaporare i suoi umori. Era appena tornata dalla chiavata con il suo amico del momento.
Anna è stata sempre affamata di cazzo ed appena ne ha l’occasione si fa riempiere a piacimento. Non ho mai ostacolato questo suo desiderio e le ho data la mia più ampia libertà, lei mi ricambia con la sua soddisfazione e la sua onestà nel raccontarmi tutto quello che le capita.
Stavo leccando la sua figa ricca di umori della battaglia sessuale quando mi è balenato in testa una meravigliosa idea che mi ha provocato una subitanea erezione. Mi sono sdraiato al suo fianco e con voce amorevole le ho detto:
- Mi è venuto in mente un idea! –
- Che idea? –
- Mi sono eccitato nell’immaginarti presa e posseduta da un anziano. –
- Un anziano? –
- Si un anziano dei una veneranda età. –
- Hai già in mente il prescelto? –
- No lascio a te la scelta. –
- Uno sconosciuto, un conoscente oppure un amico? –
- Preferirei che iniziassi con un amico. –
- Va bene mi metterò subito alla ricerca. –
- Riuscirai a sedurlo? –
- Sinora nessun uomo che ho desiderato è riuscito a negarsi. –
- Va bene buona fortuna. –
Ero maggiormente eccitato dalle risposte di mia moglie e con maggior impegno ho ricominciato a leccarla. Ho potuto notare, con mia grande soddisfazione, che in seguito al discorso precedente si era bagnata ancora di più, segno tangibile che la proposta l’aveva eccitata.
Dopo alcuni giorni da quella proposta, lei rincasando e con un sorriso mi ha sussurrato che aveva trovato l’amico anziano e che l’indomani pomeriggio sarebbe usciti insieme. Eccitato e nel contempo curioso le ho chiesto che era il fortunato e le sorridendo ancora di più mi ha detto:
- E’ il tuo amico Roberto, quello con cui spesso giochi a carte nel bar che frequentate. L’ho incontrato, fortuitamente, nel centro commerciale e prendendo la palla al balzo mi sono avvicinata per provocare il saluto. Così è stato e con sorpresa l’ho salutato cercando di attaccare bottone e provocarlo. Le ho chiesto come mai si trovava al centro commerciale e lui per risposta mi ha detto che era venuto a fare un po’ di spesa. Ho aggiunto dove aveva lasciato la moglie e lui di rimando mi ha risposto che era solo. A quel punto e buttando l’esca mi sono offerta di accompagnarlo, fra i reparti, a fare la spesa. Nel mettere la roba nel carrello facevo delle frivole ed allusive battute, complimentandomi per la sua bellezza di uomo e per il suo carattere dolce. Con naturalezza più volte mi sono strusciata lui ed ho anche strusciato il culo contro la sua patta. Questo non deve essere passato con indifferenza, anzi al contrario ho potuto notare che l’aveva messo in eccitazione. Invitandolo al bar a sorseggiare un caffè i sono sciolta e civettuolamente le ho confessato che non mi lasciva indifferente e che avrei apprezzato di approfondire questa amicizia. Mentre lo dicevo ho strusciato più volte il mio ginocchio contro il suo e non ho fatto alcuna reazione quando ci ha messo la mano sopra. Lui stesso mi ha proposto di rivederci l’indomani nel pomeriggio. –
- Bene, amore mio, mi stai facendo eccitare moltissimo. Avrei un ulteriore proposta da farti, dopo Roberto mi piacerebbe che ti facessi montare da Carmine. Alla sua età è ancora un grande puttaniere e si vanta sovente delle chiavate che fa. Avrei piacere di sapere se dice castronate oppure risponde a verità. –
- Se il tuo amico Carmine è dalla lingua facile, sicuramente ti potrebbe mettere in difficoltà di fronte ad altri amici. –
- Di questa possibilità non sono affatto preoccupato, saprei come metterlo al suo posto. –
Nel pomeriggio Anna si preparata per uscire con l’amico Roberto e prima di andare l’ho salutata con un bacio sulla guancia, per non rovinare il trucco, augurandole una buona chiavata.
Poco prima di cena è rincasata, l’ho abbracciata compiaciuto e lei di rimando mi ha dato un bacio in bocca facendomi costatare che sapeva di cazzo e di sborra di Roberto. Curioso le ho chiesto come era andata.
- Ho incontrato Roberto come era d’accordo e subito lui mi ha baciata, pronta ho risposto la bacio combattendo lingua contro lingua. C’era un problema lui non aveva nessun posto dove potevamo stare in intimità, non preoccupandomi ho proposto che potevamo andare in albergo. Lui non sapeva proprio dove portarmi e dando una scossa al nostro incontro ho detto che ero a conoscenza di un alberghetto, in periferia, che accettava coppie clandestine per qualche ora. L’avevo frequentato più volte con l’amante del momento ma di questo non ne ho fatto parola. D’accordo ci siamo diretti in questo alberghetto, sbrigate le formalità ci siamo trasferiti nella stanza. Baci, carezze, effusioni intime, ci siamo spogliati, lui nudo ed io con calze e reggicalze. Mi ha più volte stretto le natiche avvinghiandomi verso il cazzo. In ginocchio l’ho spompinato, il cazzo era buono e mi sono applicata al pompino strappandogli gridolini e parole di soddisfazione. Sul letto nella classica posizione mi ha chiavata montandomi con onore. Dopo qualche tempo di questa pompata e sentendo il suo desiderio di godere mi ha chiesto se poteva riempirmi e di rimando l’ho rassicurato dicendogli che prendevo la pillola. Queste parole l’hanno eccitato maggiormente e contraendosi più a fondo nella figa ha scaricato gli schizzi della sborra. Ansimando è scivolato al mio fianco siamo rimasti un pochino in quella posizione. Accendendoci una sigaretta abbiamo parlato e lui non ha mancato di farmi i complimenti per la mia performance. Finita la sigaretta ho raggiunto con la bocca il cazzo riprendendolo in bocca e ricominciando a spompinarlo, non era abbastanza duro ed avvicinandomi al suo orecchio le ho confessato che lo volevo nel culo. Dal suo sguardo ho decifrato che era sorpreso della mia richiesta ma nel contempo anche eccitato. Mi sono messa a pecora incitandogli ad incularmi. Prontamente è venuto dietro di me, ma per quanti sforzi faceva il suo cazzo non aveva la consistenza di entrare nel culo. L’ho preso più volte in bocca con la speranza di indurirlo e prenderlo nel culo. Nulla, la durezza non era necessaria ed alla fine eccitato mi ha schizzato la borra in bocca. Dopo averla assaporato sul palato e trovandolo di sapore agro e muschiato ho ingoiato. Anche quest’azione ha provocato in lui una piacevole reazione. Ci siamo rivestiti ed usciti.
- Sicuramente hai sbalordito Roberto, certamente non ti credeva così disinibita.-
- Adesso passiamo a Carmine. -

Questo racconto di è stato letto 4 8 5 9 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.