Erotici Racconti

Divento zoccola

Scritto da , il 2018-01-13, genere prime esperienze

Primo pompino
Il primo pompino lo feci a 14 anni. Non ero la più bella della classe, non ero popolare, ero una secchiona con pochi amici. Probabilmente fu il passaggio da medie a superiori che mi fece cambiare: studiavo di meno, non avevo voglia di fare, non andavo daccordo con i miei ed andavo male a scuola.
Un ragazzo ripetente della mia classe un giorno mi propose di andare in marina al centro commericiale della città ed io, che ero attratta in modo disturbato da quel ragazzo, accettai. La abbiamo fatto un giro per i negozi, abbiamo mangiato un gelato e ci siamo messi a parlare e, essendo adolescenti, il discorso è subito andato a parlare di sesso... lui mi raccontò della sua ex fidanzata e chiese a me se ero single. Io dissi la verità, ciè che non mi si cagava nessuno e che ero ancora vergine, lui però mi consolò con una carezza, spostandomi i capelli biondi dagli occhi , dicendo che avevo degli stupendi occhi verdi. E abbiamo limonato.
Siamo stati almeno un quarto d'ora a baciarci su una panchina, quando si alzò e mi trascinò al bagno dei maschi (pensavo per non farci vedere che ci baciavamo). Continuammo a limonare una volta dentro, ma ad un certo punto mi spinse in un bagno abbastanza bruscamente e ci chiude dentro. Mentre limonavamo mi ha palpato il culo ed ha cominciato ad abbassare i jeans, cercavo di fermarlo, ma le mie difese crollarono quando mi passò il dito sulla passerina, poi spostò la mutandina ed io ero giaa bagnata. Mi ravanava prima con un dito e poi con due, mentre mugolavo godendo. Venni, e quasi non persi l'equilibrio quando le mie gambe cedettero.
Mi mise le dita in bocca e me le fece succhiare, mi piaque il mio sapore.
Mi fece inginocchiare sul pavimento lurido e se lo tirò fuori, gia duro, nei suoi 17 cm abbondanti, sussurrandomi di darmi da fare. Ero un poco inesperta di quelle cose, certo avevo visto dei video, ma non sapevo che fare per farlo godere. Lui si accorse del mio imbarazzo e con la mano dietro la mia nuca guidò la mia bocca sul suo cazzo, comincianod a darmi il ritmo ed ad affondarmelo un pochino. Pian piano il ritmo a cui ero forzata aumentava, e lo sentivo dentro fino alle tonsille, mentre lui ansimava chiamandomi zoccola succhiacazzi. Lo guardai negli occhi e mi accorsi che stava facendo un video. Mi sentivo un poco umiliata a fare quello che stavo facendo inginocchiata in un bagno sporco di piscio, e cercai di liberarmi. Lui mi mise il dito sulla bocca dicendomi di non urlare. - dai Leo, smettila- balbettai, - dai stai tranquilla, è solo per me, giuro che non lo invio a nessuno- io ero preoccupata ma mi fidavo di lui, e acconsentii. Ripresi il lavoro e, con lui che mi e lo spingeva fino in gola, cominciai a sentire il cazzo indurirsi, cercai di divincolarmi, ma mi teneva la nuca in modo che avessi il suo cazzone tutto dentro la bocca, fino alle palle. Non riuscivo a respirare, gli battevo lucca gamba in modo che mi liberasse, ma non fece nulla. I primi tre schizzi finirono diretti nello stomaco, poi mi lasciò andare e potei riprendere a respirare, mentre continuava a schizzarmi in faccia e sul mio seno prominente, inzaccherandomi la camicetta blu. Il tutto, ovviamente, a favore di camera. Io lo guardai spaventata e mi ritrassi un poco, mi sentivo tradita ed umiliata, ed anche un po' troia. Lui raccolse col dito la sborra che mi colava dal viso e me la portò alla bocca dicendo - ora ingoi maialina -
Io non lo volevo fare, faceva schifo, ma mi lasciai convincere ed ingoiai. Fece così altre 3 volte, finchè non ho ingoiato tutta la sua sborra. Aveva un sapore terribile, agrodolce. Mi girai di scatto e vomitai tutto nel cesso. Il mio vomito era bianco di sborra e di gelato al fior di latte. Leo mi fece rialzare e mi baciò in bocca, sussurrandomi - ti amo -

Questo racconto di è stato letto 8 8 2 7 volte

Segnala abuso in questo racconto erotico

commenti dei lettori al racconto erotico

cookies policy Per una migliore navigazione questo sito fa uso di cookie propri e di terze parti. Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.